Indicatori Dettaglio
1.1 Popolazione scolastica

Opportunità

La popolazione scolastica proviene prevalentemente da contesti familiari con istruzione medio/alta. Gli studenti di cittadinanza non italiana hanno prevalentemente compiuto (in parte o totalmente) il loro percorso di studi in scuole italiane, pertanto conoscono molto bene la lingua italiana.

Vincoli

Un esiguo numero di studenti, di recente immigrazione, non conosce la lingua italiana. Gli studenti, provenienti da contesti senza particolari evidenze di situazioni problematiche, se non di tipo ordinario, rischiano di avere una percezione solo parziale della complessità sociale e della realtà esterna, per questo la scuola è impegnata a sensibilizzare l'utenza su fronti di solidarietà e di cittadinanza attiva e consapevole.

1.2 Territorio e capitale sociale

Opportunità

La presenza dell'Università del Piemonte orientale (UPO) è punto di forza per avviare collaborazioni importanti, sia nell'ambito scientifico sia umanistico. Molti tra i genitori degli studenti svolgono attività come professionisti in diversi settori. Il Comitato Genitori, di storica istituzione al Liceo, è costituito da molti di loro, offrendo agli studenti opportunità di orientamento in uscita. Ogni anno viene infatti organizzata la GIORNATA DELL'ORIENTAMENTO PROFESSIONALE, rivolta agli studenti di classe 4^ e 5^, in vista della loro scelta del percorso formativo post-diploma. La presenza della Fondazione CRA costituisce una risorsa dal punto di vista della possibilità di ottenere alcuni finanziamenti che assicurano ristoro alle esigenze emerse. Numerose le collaborazioni attivate con Società sportive presenti sul territorio, per incentivare, soprattutto per gli studenti del liceo sportivo, la possibilità di svolgere esperienze sportive non onerose per le famiglie (in quanto svolte in regime di convenzione tra Istituzione scolastica e Società sportiva). La vicinanza logistica alla stazione ferroviaria agevola gli studenti che, provenendo dal territorio circostante la città, utilizzano i mezzi pubblici per raggiungere la scuola.

Vincoli

La scuola accoglie studenti provenienti non solo dal territorio di Alessandria ma anche da varie aree geografiche del territorio limitrofo. Negli ultimi due anni scolastici ci si è soffermati sulla provenienza delle iscrizioni al primo anno ad è stato rilevato che pervengono all'istituto iscrizioni da circa 12/15 scuole diverse, ciò a conferma dell'ampia area geografica del bacino di utenza. La rete dei trasporti locali, anche ferroviari consente una buona mobilità negli orari curriculari delle lezioni. Risulta forse piuttosto carente il servizio dei trasporti negli orari pomeridiani, rendendo pertanto un po' difficile la partecipazione alle numerose attività extracurriculari organizzate dalla scuola (es. sportelli, progetti per le eccellenze, certificazioni linguistiche etc.).

1.3 Risorse economiche e materiali

Opportunità

La struttura scolastica è generalmente apprezzabile con un totale adeguamento per ciò che riguarda la sicurezza e le barriere architettoniche. Tutte le aule sono fornite di strumenti adeguati come Pc, Lim o proiettori interattivi multimediali funzionali alla didattica. In termini di attrezzature si sta procedendo ad un progressivo miglioramento, grazie anche alle risorse del Progetti europei. Le risorse economiche a cui la scuola attinge per l'implementazione delle strutture tecniche e funzionali sono svariate (Enti, Fondazioni, privati). L'avvio e la realizzazione di due progetti PON, finanziati con il Fondo sociale europeo, ha consentito la scuola di dotarsi di una serie di attrezzature specifiche, tecnologiche e di altissimo livello, per gli studenti del Liceo sportivo. E' in corso un ulteriore progetto per la creazione di un ambiente di apprendimento multimediale (aula aumentata). Sono stati formati alcuni componenti del personale docente e tecnico del liceo facenti parte del gruppo di lavoro della scuola, individuato come gruppo di supporto alla Funzione Strumentale per l'incremento della didattica digitale.

Vincoli

La manutenzione o la sostituzione delle strutture tecniche risulta a volte difficile o comunque richiede tempi a volte lunghi. L'evoluzione attuale degli aule, tutte considerate ambienti di apprendimento, dotate di strumentazione informatica, che quindi non è più unicamente presente negli spazi tradizionalmente intesi come "Laboratori", rende impegnativo per l'Ufficio preposto, sia dal punto di vista organizzativo, sia economico, sia della funzionalità, riuscire ad assicurare il regolare e puntuale funzionamento di tutte le attrezzature a disposizione. Fondamentale, da questo punto di vista, la presenza di un congruo numero di personale con funzione di Assistente Tecnico, con competenze specifiche.

1.4 Risorse professionali

Opportunità

La scuola ha un nucleo di docenti a tempo indeterminato, stabili, con molti anni di servizio. La percentuale di docenti a tempo indeterminato è pari al 79,7%, superiore ai dati provinciali, regionali e nazionali. Allo stesso tempo, la stabilità dei docenti nell'istituto si evince dal dato percentuale relativo agli anni di servizio nella scuola: il 75% dei docenti sono docenti dell'istituto da più di cinque anni. Altro dato significativo nella scuola, è quello relativo alla "stabilità" dei docenti a tempo determinato che, se possono, tendono a scegliere ripetutamente negli anni, il Liceo come sede di servizio.

Vincoli

Una particolare attenzione da parte della scuola a favorire e promuovere attività per l'acquisizione di competenze metodologiche e didattiche previste dal PNSD, insieme al supporto dei Docenti che svolgono nell'istituto il ruolo di Funzione strumentale per le metodologie innovative (insieme all'Animatore Digitale) ha avviato, nel corso degli ultimi due anni, l'aumento di formazione e conseguimento di competenze informatiche. Si vorrebbe attuare un processo analogo anche per quanto riguarda la capacità di insegnare con la metodologia Clil. Si dovranno superare, attraverso una formazione specifica e, va detto, anche attraverso un ricambio di personale provocato dal naturale turn over, quelle difficoltà legate in generale legate all'innovazione didattica attraverso tecnologie ed ambienti digitali flessibili e allo sviluppo della digitalizzazione.

    Autovalutazione Indicatori Dettaglio
2.1 Risultati scolastici

Punti di forza

La percentuale di ammessi alle classi successive è in linea oppure superiore ai valori di benchmark provinciali, regionali e nazionali per tutte le classi; i criteri di valutazione adottati dalla scuola sono adeguati e garantiscono il successo formativo degli studenti dal momento che la percentuale degli studenti ammessi alla classe successiva, comprensiva degli ammessi dopo la sospensione di giudizio, è superiore al 90% per tutti gli anni e i valori dell'istituto sono superiori ai valori di riferimento. La distribuzione degli studenti all'Esame di Stato per fasce di voto è spostata verso le fasce alte: infatti, mentre a livello provinciale gli studenti del liceo scientifico con votazione superiore ad 80 non raggiunge il 30%, gli studenti del Galilei sono il 33,6%), con una percentuale di studenti che consegue la lode pari a 4,5%. I dati rilevano una stabilità degli studenti ad eccezione della classe prima, dove si evidenziano i maggiori trasferimenti in uscita (1,2%), comunque inferiori rispetto al dato regionale e provinciale e che può riferirsi ad un efficace percorso di riorientamento durante l'obbligo scolastico.

Punti di debolezza

I dati rilevano che nei primi tre anni di corso, soprattutto in seconda, ci sono studenti con giudizio sospeso al di sopra dei dati di riferimento, sebbene gli alunni ammessi alla classe successiva siano comunque in numero elevato; l’azione di orientamento e di supporto alla costruzione di un efficace metodo di studio nel corso del primo biennio, evidenzia l'opportunità data ai ragazzi di consolidare l'acquisizione delle competenze trasversali e disciplinari per garantire loro il successo formativo nel prosieguo degli studi. La scuola, attualmente, risulta al massimo della sua capienza per numero di classi e di alunni.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola portano avanti regolarmente il loro percorso di studi, lo concludono e conseguono risultati soddisfacenti agli esami finali.

Rubrica di valutazione

6-

Motivazione

Il Galilei garantisce il successo formativo degli studenti in termini sia qualitativi che quantitativi. Gli esiti finali, comparati ai risultati degli studenti al termine del primo ciclo di istruzione, confermano che la scuola valorizza il loro percorso di formazione confermando e in molti casi migliorando le potenzialità degli studenti. La quota complessiva di studenti ammessa all'anno successivo, anche dopo gli scrutini per la sospensione di giudizio, e' superiore ai riferimenti nazionali. La scuola di norma non perde studenti nel passaggio da un anno all'altro, non ci sono abbandoni e i trasferimenti spesso sono riferibili alla tipologia di utenza. La scuola inoltre accoglie studenti provenienti da altre scuole, compatibilmente con i vincoli logistici e con l'incremento numerico registratosi negli ultimi due anni scolastici. La distribuzione degli studenti per fasce di voto evidenzia una situazione di equilibrio e la quota di studenti collocata nelle fasce di punteggio alte (81-90 e 100 e lode) all'Esame di Stato e' superiore ai riferimenti nazionali. L’azione di orientamento e di supporto alla costruzione di un efficace metodo di studio nel corso del primo biennio, evidenzia l'opportunità data ai ragazzi di consolidare l'acquisizione delle competenze trasversali e disciplinari per garantire loro il successo nel prosieguo degli studi. I criteri di selezione adottati dalla scuola sono adeguati a garantire il successo formativo degli studenti in un'ottica di potenziamento e di valorizzazione delle attitudini personali e del merito degli studenti.

2.2 Risultati nelle prove standardizzate nazionali

Punti di forza

Nonostante gli esiti non particolarmente soddisfacenti nelle prove standardizzate (che riguardano solamente le classi seconde), si nota come la percentuale di ammessi alle classi successive sia altamente confortante. Si evidenzia pertanto come i criteri di valutazione adottati dalla scuola siano adeguati, in quanto garantiscono il successo formativo degli studenti, dal momento che la percentuale degli studenti ammessi alla classe successiva, comprensiva degli ammessi dopo la sospensione di giudizio, è superiore al 90% per tutti gli anni e i valori dell'istituto sono tutti nettamente superiori ai valori diriferimento.

Punti di debolezza

Da migliorare il posizionamento della scuola sia nelle prove standardizzate di matematica che nelle prove di italiano, in riferimento soprattutto a matematica. Ci si prefigge di ottenere un miglioramento rispetto agli anni precedenti, in modo da rendere positivo l'effetto scuola.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola raggiungono livelli di apprendimento soddisfacenti in italiano e matematica in relazione ai livelli di partenza e alle caratteristiche del contesto.

Rubrica di valutazione

3- Con qualche criticita'

Motivazione

Il recente insediamento di un nuovo Dirigente scolastico e l'attività di autovalutazione avviata solo da qualche anno hanno evidenziato che la storica fama del Liceo deve essere supportata da una concreta attività di rinnovamento finalizzato metodologico/didattico che consenta di migliorare gli esiti delle prove nazionali in tutte le classi. partenza.

2.3 Competenze chiave europee

Punti di forza

Da parte del corpo docente si riscontra una sostanziale condivisione dell'importanza del rispetto delle fondamentali regole di comportamento per una vita sociale, responsabile e partecipe. Ciò ha una ricaduta positiva sugli studenti che, riconoscendo l'importanza delle regole per una corretta e fruttuosa vita comunitaria, le assumono. Il coinvolgimento degli studenti risulta per alcuni progetti trasversale, per altri è di classe.

Punti di debolezza

La scuola non è ancora riuscita a mettere a sistema i progetti che insistono sulle tematiche della cittadinanza attiva e, nonostante una fluida e regolare vita comunitaria, si è posta in un'ottica di promozione di una maggiore partecipazione attiva, propositiva e consapevole delle diverse componenti della comunità scolastica.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola acquisiscono livelli soddisfacenti nelle competenze sociali e civiche, nell'imparare a imparare, nelle competenze digitali e nello spirito di iniziativa e imprenditorialità.

Rubrica di valutazione

6-

Motivazione

L'organizzazione di spazi e tempi risponde alle esigenze di apprendimento degli studenti. il metodo della rotazione delle aule permette l'organizzazione di tempi funzionali alle esigenze di apprendimento e ottimizza la gestione dello spazio. In relazione al numero degli studenti la dotazione dei laboratori appare insufficiente, ed in particolare per il laboratorio di scienze andrebbe implementata la strumentazione tecnica. Una discreta parte degli studenti lavora in gruppi, utilizza le nuove tecnologie, realizza ricerche o progetti. La scuola, dotata di un sistema di formazione solido e tradizionale, si sta impegnando ad avviare percorsi di innovazione all'interno dello stesso, al fine di migliorare tanto i processi di insegnamento e di apprendimento quanto le relazioni interpersonali, sia nel lavoro in aula, sia fra le diverse componenti della scuola.

2.4 Risultati a distanza

Punti di forza

Tenendo presente che si tratta di un indirizzo liceale ed il prevalente orientamento da parte della scuola a sostenere il proseguimento degli studi universitari, i risultati relativi al primo e secondo anno del corso universitario con conseguimento del CFU appare rilevante. I risultati in termini di successo universitario sono molto soddisfacenti e coloro che si iscrivono a facoltà scientifiche, conseguono nel primo e nel secondo anno di corso più della metà dei crediti universitari in misura maggiore del resto del Paese. A sostegno di una più consapevole scelta per il loro futuro, tutti i ragazzi del quarto e del quinto vengono regolarmente coinvolti in un'attività di orientamento organizzata con il Comitato genitori, che si prefigge di potenziare nei ragazzi la capacità di sapersi orientare, mettersi in discussione e sapersi adattare alle sfide che la vita presenta.

Punti di debolezza

Per il momento la scuola non si avvale di un sistema di monitoraggio oggettivo per documentare il percorso successivo degli studenti. Gli unici dati certi sono attualmente i dati Miur presenti su Scuola in Chiaro e i risultati dell'Indagine Eduscopio di Fondazione Agnelli. Sarebbe interessante attivare un canale con gli ex-studenti i quali, tramite un’applicazione del sito potrebbero fornire informazioni sulla loro storia post diploma, sia in termini di proseguimento degli studi che in termini di successo lavorativo.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti in uscita dalla scuola hanno successo nei successivi percorsi di studio e di lavoro.

Rubrica di valutazione

4-

Motivazione

I risultati raggiunti dagli studenti immatricolati all'università sono molto positivi. La percentuale di diplomati che ha acquisito piu' della meta' di CFU dopo un anno di universita' e' superiore ai riferimenti regionali e questi dati confermano l'orientamento della scuola nel sostenere il proseguimento degli studi universitari. Sia i dati forniti dal Miur che i dati dell'indagine Eduscopio stabiliscono che una percentuale molto alta dei nostri diplomati, si immatricola all'università, e che una percentuale altrettanto elevata consegue più della metà dei crediti formativi.

    Autovalutazione Indicatori Dettaglio
3.1 Curricolo, progettazione e valutazione

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola propone un curricolo aderente alle esigenze del contesto, progetta attivita' didattiche coerenti con il curricolo, valuta gli studenti utilizzando criteri e strumenti condivisi.

Situazione della scuola

3- Con qualche criticita'

Motivazione

Non si registrano particolari problematiche all'interno della vita scolastica in relazione al comportamento degli studenti. La maggior parte partecipa e si coinvolge attivamente alle iniziative didattiche, progettuali volte alla crescita della consapevolezza della cittadinanza attiva. La scuola adotta criteri comuni per la valutazione del comportamento. Gli studenti necessitano ancora di una guida da parte del docente nella valutazione delle informazioni reperibili in rete sia in termini di validità scientifica che in termini di sicurezza. Riguardo alla sicurezza in rete particolare attenzione viene posta dalla scuola nella comunicazione tra pari attraverso i social network viste le criticità emerse in alcune classi e durante alcune conferenze che la scuola ha organizzato insieme al Comitato genitori, che meritano di essere riprese per una attenta valutazione e per poter essere gestite in modo positivo. La scuola è sensibile alla promozione volta allo sviluppo delle competenze chiave e di cittadinanza ma tuttavia le programmazioni metodologico-didattiche non sono ancora strutturate per privilegiare l'apprendimento per competenze e la scuola non ha ancora elaborato un sistema di valutazione organico atto a valutare il livello delle competenze degli studenti.

3.2 Ambiente di apprendimento

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola cura gli aspetti organizzativi, metodologici e relazionali dell'ambiente di apprendimento.

Situazione della scuola

3- Con qualche criticita'

Motivazione

L'organizzazione di spazi e tempi risponde alle esigenze di apprendimento degli studenti. il metodo della rotazione delle aule permette l'organizzazione di tempi funzionali alle esigenze di apprendimento e ottimizza la gestione dello spazio. In relazione al numero degli studenti la dotazione dei laboratori appare insufficiente, ed in particolare per il laboratorio di scienze andrebbe implementata la strumentazione tecnica. nel corrente a.s. scolastico alcuni docenti hanno seguito un corso di formazione per la gestione e digitalizzazione della biblioteca. Una discreta parte degli studenti lavora in gruppi, utilizza le nuove tecnologie, realizza ricerche o progetti. La scuola, dotata di un sistema di formazione solido e tradizionale, si sta impegnando ad incardinare percorsi di innovazione all'interno dello stesso, al fine di migliorare tanto i processi di insegnamento e di apprendimento quanto le relazioni interpersonali, sia nel lavoro in aula, sia fra le diverse componenti della scuola. L'attenzione data dalla scuola all'aspetto relazione si è trasformata in progettazione di specifiche attività di formazione per docenti, sulla capacità di lavorare in gruppo. Si prevede che i Docenti partecipino sempre più spesso ad iniziative di formazione sulla didattica per competenze realizzato nell'ambito territoriale di riferimento.

3.3 Inclusione e differenziazione

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola cura l'inclusione degli studenti con bisogni educativi speciali, valorizza le differenze culturali, adegua l'insegnamento ai bisogni formativi di ciascuno studente attraverso percorsi di recupero e potenziamento.

Situazione della scuola

3- Con qualche criticita'

Motivazione

Anche se solo recentemente ci si sta confrontando con gli aspetti riferiti all'inclusione, la scuola è sempre di più impegnata nel percorso di inclusione degli studenti con bisogni educativi speciali ed è orientata a valorizzare le differenze culturali, in quanto di anno in anno sta sensibilmente aumentando il numero degli studenti con questi bisogni. Gli obiettivi educativi sono definiti e sono presenti modalità di verifica degli esiti, tuttavia il lavoro svolto non risulta ancora documentato in modo sistematico. Gli interventi realizzati sono efficaci per un buon numero di studenti destinatari delle azioni di differenziazione. Le iniziative e le attività di sensibilizzazione volte a promuovere il rispetto delle diversità sono prevalentemente promosse da singoli docenti e mancano di una sistematizzazione condivisa. Le attività volte al sostegno e alla valorizzazione delle eccellenze sono notevolmente aumentate grazie a volte, in alcune discipline, ad un'organizzazione della didattica che favorisce la proficua partecipazione a concorsi, gare ed olimpiadi.

3.4 Continuita' e orientamento

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola garantisce la continuita' dei percorsi scolastici e cura l'orientamento personale, scolastico e professionale degli studenti.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

Va detto che le famiglie hanno dato il loro contributo mettendo a disposizione la loro esperienza professionale per orientare in modo consapevole la scelta universitaria e/o professionale. Gli incontri di orientamento con ex studenti, già laureati o prossimi alla laurea, effettuati per tutti gli studenti del quarto e quinto anno, nel corrente anno scolastico sono stati affidati all'iniziativa del comitato dei genitori, al cui interno sono presenti specifiche professionalità. Il Comitato ha messo a disposizione della scuola esperienze ed indicazioni utili per l'orientamento universitario e professionale. Vi è tuttavia la consapevolezza che i percorsi di orientamento volti alla conoscenza di sé andrebbero sistematizzati, condivisi a livello collegiale e, a partire dal terzo anno di corso, Dovrebbero rientrare nelle attività comuni a tutte le classi coinvolte nei Percorsi per le Competenze Trasversali e l'Orientamento, quale parte integrante del progetto.

3.5 Orientamento strategico e organizzazione della scuola

Punti di Forza:

Il nostro istituto si caratterizza per il forte radicamento nel territorio e per il contatto costante con le Istituzioni, le Università: cerca favorire in maniera determinante la crescita degli studenti, al di là del conseguimento di un diploma o di una certificazione. Come espresso nel POF, la centralità della persona,l'attenzione ai bisogni ed alle esigenze di ciascuno rappresentano punti centrali della nostra azione educativa che punta prima di tutto alla formazione dell' individuo. Un altro elemento caratterizzante è inoltre quello dell'internazionalità che si concretizza nella promozione di numerose attività di potenziamento delle lingue straniere ed in preziose occasioni di scambio interculturale con docenti e studenti provenienti da tutto il mondo, oltre che in viaggi di studio e stage di apprendimento. L'orientamento scientifico del nostro corso di studi favorisce la completezza della preparazione, l'acquisizione di un metodo di studio/lavoro efficace, la capacità di applicare le metodologie acquisite nella soluzione di problemi sempre più importanti e/o per la ricerca di soluzioni al momento non ancora studiate da altri. Lo sforzo quotidiano di tutte le componenti scolastiche è quello di rendere chiari gli obiettivi prefissati attraverso l'uso di diversi canali multimediali come per esempio il nuovo ed aggiornato sito web e grazie al lavoro di orientamento in entrata svolto dalla Commissione continuità. Tutte le spese definite nel Programma annuale sono coerenti con le scelte indicate nel Piano triennale dell'offerta formativa. Tutte le risorse economiche destinate ai progetti sono investite in modo adeguato.

Punti di Debolezza

Il collegio docenti, pur condividendo la centralità e l'importanza del discente e avendo recepito come opportunità formativa la diversificazione degli indirizzi (da quattro anni si è inserito l'indirizzo di Liceo scientifico ad indirizzo sportivo) va opportunamente stimolato ad una adeguato cambiamento sia nella didattica ma anche nell'organizzazione della scuola stessa. Devono essere ancora migliorate procedure standardizzate atte a a tradurre gli obiettivi strategici in corrispondenti piani operativi e compiti all'interno dell’organizzazione scolastica. Attraverso una recente serie di attività di promozione dell'immagine coordianta la scuola si prefigge l'obiettivo di migliorare le modalità comunicative interne ed esterne dell'istituzione scolastica.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola definisce la propria missione e la visione, monitora in modo sistematico le attività che svolge, individua ruoli di responsabilita' e compiti per il personale in modo funzionale e utilizza in modo adeguato le risorse economiche.

Situazione della scuola

3- Con qualche criticita'

Motivazione

Non tutti i docenti sono coinvolti allo stesso modo nell'organizzazione della scuola e che, a volte, il carico di lavoro grava soprattutto su alcuni professori piuttosto che su altri. Si percepisce, inoltre, anche una certa conflittualità e frammentarietà nelle relazioni professionali, che rende i Consigli di classe un po' disomogenei nei metodi e nelle valutazioni. L'attività dei dipartimenti disciplinari non è sempre fluida. La scuola ha definito le priorità che condivide con le famiglie e nel territorio. Dal Collegio dei Docenti sono stati attribuiti alla funzione strumentale Pof eccessiva autonomia e/o delega per lo svolgimento di compiti finalizzati all'individuazione di strategie ed azioni di monitoraggio dei progetti, tali da rendere poco conosciuto (non per demerito della persona che riveste la Funzione) il suo operato. I ruoli di responsabilità delle diverse componenti scolastiche non sono ancora chiaramente individuati per scarsa disponibilità di molti Docenti, che invece potrebbero invece dimostrarsi determinanti per contribuire all'organizzazione scolastica in modo produttivo ed efficace. Le risorse economiche e materiali, provenienti dalle istituzioni e dalle famiglie sono convogliate nel perseguimento degli obiettivi prioritari dell'istituto.

3.6 Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane

Punti di Forza:

La scuola da qualche anno promuove la formazione del personale docente con corsi interni e partecipazione a formazione esterna per favorire l'implementazione di una didattica innovativa. C'è una formazione personale e continua su temi disciplinari: al momento però non sempre finalizzati una didattica più ricca ed attenta all'innovazione. Va detto che diversi insegnanti hanno seguito una formazione specifica sull'utilizzo delle strumentazioni multimediali nella didattica. La realizzazione di progetti alternanza scuola-lavoro ha permesso a pochi docenti di ricevere una formazione specifica nell'ottica dello sviluppo di competenze trasversali. Grazie alla progressiva introduzione nel Collegio Docenti di docenti neo immessi in ruolo e all'attività del team per l'innovazione, sono state organizzate attività di formazione sui Disturbi specifici di apprendimento e sull'innovazione didattica e metodologica. Tutto ciò ha portato ad avviare, in diverse classi e da parte di un discreto numero di Docenti, modalità di didattica innovativa, anche se non ancora in maniera organica e sistematica.

Punti di Debolezza

Lo sforzo profuso in questi ultimissimi anni da parte di alcuni docenti in merito all'aggiornamento ed all'adeguamento della propria professionalità, in ordine alle nuove esigenze formative degli studenti, non ha ancora trovato un riscontro adeguato nella dimensione collegiale del corpo docente. La parziale condivisione delle esperienze rimane ancora circoscritta all'interno dei singoli consigli di classe e tutt'al più ad all'interno di una cerchia ristretta di docenti.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola valorizza le risorse professionali, promuove percorsi formativi di qualita' e incentiva la collaborazione tra pari.

Situazione della scuola

3- Con qualche criticita'

Motivazione

Lo sforzo profuso in questi ultimissimi anni da parte di alcuni docenti in merito all'aggiornamento ed all'adeguamento della propria professionalità, in ordine alle nuove esigenze formative degli studenti, non ha ancora trovato un riscontro adeguato nella dimensione collegiale del corpo docente. La parziale condivisione delle esperienze rimane ancora circoscritta all'interno dei singoli consigli di classe e tutt'al più ad all'interno di una cerchia ristretta di docenti.

3.7 Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie

Punti di Forza:

Le famiglie sono molto presenti in quanto hanno un forte investimento di aspettative sull'istruzione dei loro figli. Questo agevole le relazioni scuola/famiglia e di conseguenza una collaborazione quasi sempre positiva e proficua.

Punti di Debolezza

Nessuno.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola svolge un ruolo propositivo nella promozione di politiche formative territoriali e coinvolge le famiglie nella definizione dell'offerta formativa e nella vita scolastica.

Situazione della scuola

7- Eccellente

Motivazione

Non si sono evidenziati casi di forte criticità. Il Comitato Genitori è molto attivo e regolarmente presente a scuola con iniziative rivolte sia agli studenti sia ai genitori stessi (es. Giornata dell'orientamento professionale e serie di incontri sui pericoli della rete/ per la prevenzione del cyberbullismo).

  Dettaglio
Le priorita' si riferiscono agli obiettivi generali che la scuola si prefigge di...

... realizzare nel lungo periodo attraverso l'azione di miglioramento. Le priorita' che la scuola si pone devono necessariamente riguardare gli esiti degli studenti. Si suggerisce di specificare quale delle quattro aree degli Esiti si intenda affrontare (Risultati scolastici, Risultati nelle prove standardizzate nazionali, Competenze chiave europee, Risultati a distanza) e di articolare all'interno quali priorita' si intenda perseguire (es. Diminuzione dell'abbandono scolastico nel primo anno di secondaria di II grado; Riduzione della variabilita' fra le classi; Sviluppo delle competenze sociali degli studenti di secondaria di I grado, ecc.). Si suggerisce di individuare un numero limitato di priorita' (1 o 2 per scuola) selezionandole all’interno di una stessa area o al massimo di due aree degli Esiti degli studenti. I traguardi sono di lungo periodo e riguardano i risultati attesi in relazione alle priorita'. Si tratta di risultati previsti a lungo termine (3 anni). Essi articolano in forma osservabile e/o misurabile i contenuti delle priorita' e rappresentano le mete verso cui la scuola tende nella sua azione di miglioramento. Per ogni priorita' individuata deve essere articolato il relativo traguardo di lungo periodo. Essi pertanto sono riferiti alle aree degli Esiti degli studenti (es. in relazione alla priorita' strategica "Diminuzione dell'abbandono scolastico nel primo anno di secondaria di II grado", il traguardo di lungo periodo puo' essere definito come "Rientrare nella media di abbandoni regionali pari al 4%, e precisamente portare gli abbandoni della scuola al di sotto del 4%"). E' opportuno evidenziare che per la definizione del traguardo che si intende raggiungere non e' sempre necessario indicare una percentuale, ma una tendenza costituita da traguardi di riferimento a cui la scuola mira per migliorare, ovvero alle scuole o alle situazioni con cui e' opportuno confrontarsi

Priorità e Traguardi

Risultati nelle prove standardizzate nazionali

PRIORITA'

Rendere più interessanti i contenuti disciplinari per incentivare l'attenzione degli studenti, compresi gli sportivi. Rinnovare la didattica proponendo attività come il Public Speaking, il debate ed altre tipologie motivanti e formative.

TRAGUARDO

Migliorare gli esiti delle prove standardizzate, allineandoli ai dati regionali e nazionali.

Obiettivi di processo collegati

- Definire un curricolo che preveda una adeguata articolazione dello stesso per competenze disciplinari e trasversali.

- Implementare la strumentazione multimediale interattiva delle aule per favorire la didattica laboratoriale.

- Predisporre percorsi di lavoro tesi all'implementazione di pratiche didattiche e metodologiche innovative, adeguate alla differenziazione dei bisogni formativi.

- Aumentare il numero di aule con arredi funzionali alle specifiche esigenze didattiche disciplinari.

- Ottimizzare, nonostante gli evidenti limiti logistici imposti dall'edificio del Galilei, gli spazi interni ed esterni multifunzionali e implementare i laboratori.


Competenze chiave europee

PRIORITA'

Pur essendo in presenza di una comunità scolastica piuttosto serena, gli studenti si affidano ad un concetto più etico che normativo del rispetto delle regole, va migliorata la percezione del senso di lealtà oltre che di legalità, del vivere in un contesto sociale in cui il cittadino è protagonista attivo e passivo di diritti e doveri.

TRAGUARDO

Definire in modo organico i traguardi di competenza che gli studenti dovrebbero raggiungere alla fine del corso degli studi.

Obiettivi di processo collegati

- Definire un curricolo che preveda una adeguata articolazione dello stesso per competenze disciplinari e trasversali.

- Implementare la strumentazione multimediale interattiva delle aule per favorire la didattica laboratoriale.

- Prevedere percorsi per valorizzare la scuola intesa come comunità attiva, aperta al territorio e in grado di sviluppare l’interazione con le famiglie, molto disponibili a far ciò.

- Realizzare per gli studenti che necessitano di inclusione attività efficaci. Promuovere una riflessione sulla cultura del rispetto delle differenze.

- Migliorare la capacità relazionale dei docenti, creando occasioni di confronto e condivisione di buone pratiche acquisite.


MOTIVAZIONE SCELTA PRIORITA'

Gli obiettivi di processo rappresentano una definizione operativa delle attività...
... su cui si intende agire concretamente per raggiungere le priorita' individuate. Essi costituiscono degli obiettivi operativi da raggiungere nel breve periodo (un anno scolastico) e riguardano una o piu' aree di processo. Si suggerisce di indicare l'area o le aree di processo su cui si intende intervenire e descrivere gli obiettivi che la scuola si prefigge di raggiungere a conclusione del prossimo anno scolastico (es. Promuovere una figura di docente tutor per supportare gli studenti in difficolta' del primo anno dell'indirizzo linguistico nella scuola secondaria di II grado; Individuare criteri di formazione delle classi che garantiscano equi-eterogeneita'; Utilizzare criteri di valutazione omogenei e condivisi per la matematica nella scuola primaria; Ridurre gli episodi di esclusione e i fenomeni di bullismo nella scuola secondaria di I grado; ecc.).

Obiettivi di processo

Curricolo, progettazione e valutazione

Definire un curricolo che preveda una adeguata articolazione dello stesso per competenze disciplinari e trasversali.

Ambiente di apprendimento

Implementare la strumentazione multimediale interattiva delle aule per favorire la didattica laboratoriale.

Aumentare il numero di aule con arredi funzionali alle specifiche esigenze didattiche disciplinari.

Ottimizzare, nonostante gli evidenti limiti logistici imposti dall'edificio del Galilei, gli spazi interni ed esterni multifunzionali e implementare i laboratori.

Inclusione e differenziazione

Predisporre percorsi di lavoro tesi all'implementazione di pratiche didattiche e metodologiche innovative, adeguate alla differenziazione dei bisogni formativi.

Realizzare per gli studenti che necessitano di inclusione attività efficaci. Promuovere una riflessione sulla cultura del rispetto delle differenze.

Monitorare costantemente il raggiungimento degli obiettivi previsti per gli studenti BES e il livello di condivisione dei valori all'interno della comunità scolastica e non solo.

Continuita' e orientamento

Prevedere percorsi per valorizzare la scuola intesa come comunità attiva, aperta al territorio e in grado di sviluppare l’interazione con le famiglie, molto disponibili a far ciò.

Orientamento strategico e organizzazione della scuola

Progettare rubriche di valutazione e strumenti di monitoraggio atti alla costante verifica del processo e del prodotto.

Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane

Valorizzare la formazione interna e di rete da parte di tutti i docenti per il raggiungimento degli obiettivi di miglioramento individuati.

Incrementare il numero dei docenti con specializzazione CLIL.

Migliorare la capacità relazionale dei docenti, creando occasioni di confronto e condivisione di buone pratiche acquisite.

Contributo degli obiettivi di processo nel raggiungimento delle priorità