Indicatori Dettaglio
1.1 Popolazione scolastica

Opportunità

Contesto di provenienza abbastanza omogeneo permette di attivare azioni mirate ed individuare l'insorgenza di problematiche. Scarsa incidenza di I.L2.

Vincoli

L'omogeneità del contesto di provenienza non favorisce il confronto sociale ma piuttosto lo appiattisce. È molto sentita la competizione nella valutazione e negli esiti nel Liceo Scientifico, più articolata e problematica la situazione del Liceo Artistico. Gli studenti di origine straniera del Liceo Scientifico sono meglio integrati e non presentano difficoltà di inserimento che invece hanno i loro analoghi del Liceo Artistico.

1.2 Territorio e capitale sociale

Opportunità

Territorio provato dal post-sisma 2009, caratterizzato da risorse intellettuali ed economiche nella media del centro-sud; città universitaria con presenza di competenze nel settore della formazione post-secondaria. Contributo della Provincia minimo. La volontà di rendere L'Aquila città della conoscenza, investendo tutta la filiera della formazione,si sta attuando attraverso una più ampia collaborazione tra tutti gli attori: sono stati attivati molti protocolli di intesa, anche per realizzare i percorsi di PCTO previsti dalla L.107.

Vincoli

Territorio a limitata vocazione produttiva, non presenta grandi opportunità di inserimento per percorsi di stage e/o PCTO e di immediato inserimento lavorativo.

1.3 Risorse economiche e materiali

Opportunità

Struttura dell'edificio buona per sicurezza e superamento delle barriere ark.; sede raggiungibile e inserita nel Polo scolastico aquilano. Buona qualità degli strumenti in uso, potenziata la connessione Internet grazie all'attivazione della fibra ottica. In coerenza con il PNSD sono stati acquistati sussidi didattici digitali e sono state apportate migliorie ai laboratori scientifici. Presenti n.2 Laboratori Inf. al LA e n.1 al LS. Risorse per il PSD sono reperite partecipando a bandi pubblici.

Vincoli

Permangono spazi esigui per i laboratori, ma è minima la dotazione di risorse umane ed economiche per il loro adeguato funzionamento ed aggiornamento, in riferimento al personale Tecnico Pratico. Insufficiente 1 palestra per l'intera popolazione scolastica. Manutenzione ordinaria insufficiente

1.4 Risorse professionali

Opportunità

Stabilità dei docenti e presenza di buone competenze con potenzialità di successo nel cambiamento: parte dei docenti sta accedendo alle certificazioni linguistiche, altri hanno frequentato corsi di aggiornamento disciplinari e /o di didattica generale. Le competenze informatiche di base sono diffuse tra i docenti. L'immissione dei docenti dell'Organico Potenziato nell'a.s.2015/16 ha comportato per alcune discipline, ed in generale per la scuola, una ottimizzazione delle risorse, permettendo ampiamento dell'offerta formativa, attuazione di sperimentazioni con ricadute positive, utilizzo dei laboratori di fisica e scienze,organizzazione efficace del PCTO.

Vincoli

La stabilità nella stessa istituzione scolastica da molti anni comporta scarsa propensione all'innovazione e all'aggiornamento per cui le competenze sono molto settoriali e non trasversali e, per la maggior parte del corpo docente, mancano certificazioni linguistiche e informatiche.

    Autovalutazione Indicatori Dettaglio
2.1 Risultati scolastici

Punti di forza

2017-18 : Liceo Scientifico: Ammessi 85%; giudizio sospeso: 9.04%; non ammessi: 0.4%; Liceo Artistico: Ammessi: 85,2%; giudizio sospeso:11,1%; non ammessi (abbandono): 3,9% 2018-19 : Liceo Scientifico: Ammessi 83,34%; giudizio sospeso: 13,75%; non ammessi: 2,79%; Liceo Artistico: Ammessi: 73,5%; giudizio sospeso:14,36%; non ammessi (abbandono): 12,06%

Punti di debolezza

L'abbandono degli studenti stranieri potrebbe segnalare una difficoltà di inserimento. Persiste l'abbandono degli stranieri che spesso si trasferiscono senza richiedere nulla-osta e pertanto vengono scrutinati comunque.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola portano avanti regolarmente il loro percorso di studi, lo concludono e conseguono risultati soddisfacenti agli esami finali.

Rubrica di valutazione

5- Positiva

Motivazione

2.2 Risultati nelle prove standardizzate nazionali

Punti di forza

Il L.S. nel 2018 ha mostrato una leggera flessione, il L.A una situazione più critica. La scuola assicura esiti uniformi per ciascun indirizzo e il livello è affidabile. Le disparità rimangono costanti perché sono concentrate tra L.S. e L.A scuole con utenza diversa per prerequisiti di accesso.Si è comunque operato per migliorare le prestazioni in entrambi gli indirizzi di Liceo .

Punti di debolezza

Non corrispondenza tra la metodologia didattica adottata e la tipologia delle prove standardizzate.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola raggiungono livelli di apprendimento soddisfacenti in italiano e matematica in relazione ai livelli di partenza e alle caratteristiche del contesto.

Rubrica di valutazione

4-

Motivazione

La motivazione del giudizio si basa sulla lettura dei risultati, per cui si deve porre in essere una didattica adeguata, sia dell’Italiano che della Matematica. La varianza è data prevalentemente dal L.A. e in parte dal Liceo delle Scienze Applicate.

2.3 Competenze chiave europee

Punti di forza

La scuola valuta le competenze chiave di cittadinanza e adotta criteri di valutazione del comportamento.Si lavora costantemente per migliorare le modalità di valutazione. Il livello raggiunto dagli studenti è buono.Per le classi seconde si è lavorato alla predisposizione della certificazione delle competenze europee .

Punti di debolezza

Episodi sporadici di non rispetto delle regole.Problematico talora il rispetto di alcune regole (es. puntualità ). Talvolta manca la condivisione delle regole con i genitori . Maggiori difficoltà nella gestione dello studio nel L.A.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola acquisiscono livelli soddisfacenti nelle competenze sociali e civiche, nell'imparare a imparare, nelle competenze digitali e nello spirito di iniziativa e imprenditorialità.

Rubrica di valutazione

5- Positiva

Motivazione

Nel complesso si sta costruendo con successo un insieme di valori trasversali di cittadinanza che comportano senso di responsabilità e comportamenti etici da parte degli studenti, disponibili al dialogo educativo.

2.4 Risultati a distanza

Punti di forza

La riuscita degli studenti del L.S. è senza dubbio ottima e si mantiene nel tempo. Viene certificata e pubblicizzata da enti esterni e il Liceo "Bafile" è tra i migliori d'Italia per preparazione agli studi universitari. I nostri alunni hanno percentuali intorno al 90% di successo nei test di ammissione a tutte le facoltà, ma soprattutto in quelle di Ingegneria e Medicina, compresi i Politecnici e mantengono con costanza il successo fino alla laurea. Anche l'inserimento nel mondo del lavoro dà buoni risultati.

Punti di debolezza

Mancano i dati del L.A., più frammentari per la tipologia del segmento formativo e difficilmente rintracciabili.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti in uscita dalla scuola hanno successo nei successivi percorsi di studio e di lavoro.

Rubrica di valutazione

7- Eccellente

Motivazione

Il giudizio è assegnato sulla base di dati interni e di monitoraggi esterni che collocano il Liceo "Bafile" tra i migliori d'Italia e sicuramente ai vertici nella Regione (dati Fondazione Agnelli 2015,2016,2017, 2018).

    Autovalutazione Indicatori Dettaglio
3.1 Curricolo, progettazione e valutazione

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola propone un curricolo aderente alle esigenze del contesto, progetta attivita' didattiche coerenti con il curricolo, valuta gli studenti utilizzando criteri e strumenti condivisi.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

Il giudizio premia il lavoro positivo sulla base di una elaborazione di un proprio curricolo e del buon adeguamento ad esso di alcuni dipartimenti e/o docenti ad essi afferenti, nonché il positivo coinvolgimento dei referenti per la progettazione didattica. Permangono criticità nella fase di monitoraggio e nella diffusione delle buone pratiche e la difficoltà di coinvolgere gruppi di docenti resistenti. Il Collegio dei Docenti si è impegnato in attività di formazione e autoformazione afferenti l'area della valutazione e del miglioramento delle buone pratiche.

3.2 Ambiente di apprendimento

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola cura gli aspetti organizzativi, metodologici e relazionali dell'ambiente di apprendimento.

Situazione della scuola

4-

Motivazione

La valutazione intermedia (positiva con qualche criticità),riflette i molti dati positivi dell'organizzazione dell'ambiente di apprendimento, ma non può nascondere le criticità presenti, seppure minime (come, ad esempio, la Biblioteca inutilizzata) e la carenza di adeguati spazi per laboratori.

3.3 Inclusione e differenziazione

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola cura l'inclusione degli studenti con bisogni educativi speciali, valorizza le differenze culturali, adegua l'insegnamento ai bisogni formativi di ciascuno studente attraverso percorsi di recupero e potenziamento.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

Le attività realizzate dalla scuola per gli studenti che necessitano di inclusione sono efficaci. In generale le attività didattiche sono di buona qualità, anche se ci sono aspetti che possono essere migliorati. La differenziazione dei percorsi didattici in funzione dei bisogni educativi degli studenti è sufficientemente strutturata a livello di scuola, ma andrebbe migliorata. Gli interventi realizzati sono efficaci per un certo numero di studenti destinatari delle azioni di differenziazione, ma non ancora ottimali.

3.4 Continuita' e orientamento

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola garantisce la continuita' dei percorsi scolastici e cura l'orientamento personale, scolastico e professionale degli studenti.

Situazione della scuola

6-

Motivazione

Le attività di continuità presentano un livello di strutturazione sufficiente per il passaggio dall'ordine inferiore. Per il segmento della Secondaria Superiore è poco consolidata nell’intera realtà territoriale, la buona prassi della formalizzazione di incontri non sporadici tra docenti dei due cicli. Ottimo il procedimento di orientamento in uscita. Buona la organizzazione dei PCTO : i percorsi attivati mediante convenzioni stipulate con un partenariato diversificato ma orientato soprattutto sul segmento della conoscenza rispondono in modo coerente alle esigenze formative degli studenti. le attività vengono monitorate e la scuola valuta e certifica le competenze degli studenti.

3.5 Orientamento strategico e organizzazione della scuola

Punti di Forza:

La missione dell'istituto e le priorità sono definite chiaramente ed esplicitate nel PTOF, rese note all'esterno a famiglie, territorio stakeholders. La scuola è molto attiva e presente nel territorio, interagisce con esso, dialoga con le famiglie e promuove una condivisione sempre più ampia del suo agire, sia all'interno del proprio ambito, che all'esterno. La scuola pianifica le azioni per il raggiungimento dei propri obiettivi attraverso l'adattamento delle indicazioni nazionali al proprio contesto, elaborando il PTOF e programmando azioni mirate nei singoli Consigli di Classe. Il monitoraggio è periodico nei dipartimenti e nei consigli di classe. L’aumento del numero degli alunni non ammessi all'anno successivo e di quelli con giudizio sospeso è significativo di un adeguamento dei criteri valutativi dei docenti agli indicatori nazionali della valutazione per competenze. Le attività integrative aprono a significative esperienze culturali. C'è una chiara divisione dei compiti e delle aree di attività tra i docenti con incarichi di responsabilità. Analogamente tra il personale ATA. In gran parte dei processi decisionali interviene il Collegio dei Docenti, anche nella sua articolazione in Dipartimenti. Le F.S sono: per il PCTO; per l’Orientamento in Entrata e Uscita (rapporti con le Università); per l'INVALSI. Attraverso la presenza e la disponibilità dei docenti dell'Organico per l’Autonomia si è riusciti a coprire proficuamente (con progettualità a monte) le ore di assenza dei docenti curricolari e a portare avanti progettualità didattiche alternative (v. Liceo internazionale) Grande impegno è profuso nella organizzzazione del PCTO, sia da parte della F.S. che dei 2 docenti referenti e dei Tutor. Le responsabilità e i compiti dei Docenti sono definiti a livello di contrattazione di Istituto e mediante incarichi specifici; la divisione dei compiti del personale ATA è anch'essa definita dal contratto di Istituto. La quota FIS percepita dagli ATA è rilevante e non sempre corrisponde ad elevate prestazioni di servizio. I Docenti vengono incentivati economicamente, nei limiti delle disponibilità residue, ma non tutti accettano un maggior carico di lavoro e sono restii a proporre e ad attivare autoaggiornamento. Le assenze non coperte lo sono per mancanza di disponibilità dei docenti, anche in presenza di retribuzione per Vi è coerenza tra le scelte educative adottate e l'allocazione delle risorse economiche, poiché viene privilegiato l'aspetto didattico. Per percorsi progettuali afferenti ai settori delle competenze logico-scientifiche sono stati creati partenariati con l'Università senza gravare sul bilancio. Le spese per i progetti si concentrano sulle tematiche ritenute prioritarie dalla scuola. La partecipazione a PON e ad altre forme di finanziamento mediante bandi ha permesso di implementare laboratori tecnologici e attivare la fibra ottica in tutto l'Istituto.

Punti di Debolezza

All'interno si segnala una certa resistenza di alcune componenti alla completa condivisione della mission dell’Istituto. I meccanismi di controllo adottati troppo centrati sull’attività didLa quota FIS percepita dagli ATA è rilevante e non sempre corrisponde ad elevate prestazioni di servizio. I Docenti vengono incentivati economicamente, nei limiti delle disponibilità residue, ma non tutti accettano un maggior carico di lavoro e sono restii a proporre e ad attivare autoaggiornamento. Le assenze non coperte lo sono per mancanza di disponibilità dei docenti, anche in presenza di retribuzione per attica e manca il concetto di misurazione statistica. Scarsa attenzione a una progettualità che implichi competenze ed abilità trasversali.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola definisce la propria missione e la visione, monitora in modo sistematico le attività che svolge, individua ruoli di responsabilita' e compiti per il personale in modo funzionale e utilizza in modo adeguato le risorse economiche.

Situazione della scuola

6-

Motivazione

Il giudizio costituisce una esaustiva sintesi di quanto analizzato, vista l'importanza relativa dei progetti in capo al bilancio e la qualità degli altri. Va precisato che non appaiono nelle tabelle i numerosi progetti relativi allo sport che sono stati attivati con successo.

3.6 Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane

Punti di Forza:

La scuola raccoglie le esigenze formative dei docenti e del personale ATA; promuove l'adesione a percorsi formativi inerenti curricolo e competenze, bisogni educativi speciali, tecnologie didattiche, aggiornamenti di carattere amministrativo per gli ATA. La qualità delle iniziative di formazione promosse dalla scuola è buona ed ha ricadute positive. La scuola raccoglie le competenze del personale: curriculum, esperienze formative, corsi frequentati. Valorizza le risorse, affidando ad esse segmenti operativi e formativi, assegnando incarichi relativi al profilo professionale. La scuola incentiva la partecipazione dei docenti a gruppi di lavoro su tematiche organizzative e didattiche: Dipartimenti, gruppi di docenti per classi parallele, gruppi spontanei. Detti gruppi di lavoro producono materiali ed esiti utili alla scuola, che mette a disposizione dei docenti spazi per la condivisione di strumenti e materiali didattici.

Punti di Debolezza

Il processo formativo è in fieri, e come tale deve essere assimilato e compreso. Il personale competente e disponibile è sempre lo stesso a cui si affida il complesso delle attività dell'Istituto. Si potrebbe rendere meno sporadica e più sistematica la organizzazione dei gruppi e aumentare il coinvolgimento dei docenti che non partecipano a queste attività. Potrebbe migliorare la diffusione del materiale prodotto.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola valorizza le risorse professionali, promuove percorsi formativi di qualita' e incentiva la collaborazione tra pari.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

Il giudizio è migliorato rispetto al passato: rimangono alcune criticità ma vi è stata una positiva risposta rispetto a quanto rilevato nello scorso a.s. Interesse, partecipazione attiva, autonomia di ricerca, propositività e soprattutto voglia di confronto di alcuni gruppi di docenti sono maggioritari rispetto all’ inerzia di una minoranza.

3.7 Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie

Punti di Forza:

Gli accordi di rete sono con altre scuole del territorio per la gestione amministravo-contabile e dei servizi, per il PDM, per sperimentazioni didattiche. La scuola è capofila di una rete verticale (infanzia - secondaria di secondo grado) per l'insegnamento bilingue ed è partner di Reti per l'aggiornamento e la formazione sia del personale docente che ATA. Le collaborazioni plurime con soggetti pubblici hanno ricaduta nel potenziamento qualitativo dell'offerta formativa e permettono alla scuola di partecipare ad eventi di arricchimento dell'offerta formativa di prestigio. Le famiglie sono coinvolte nella definizione dell'offerta formativa tramite i rappresentanti nel Consiglio di Istituto ed anche mediante forme di collaborazione per la realizzazione di interventi. C'è coinvolgimento nella definizione del Regolamento e del Patto Educativo. La scuola utilizza strumenti on-line per la comunicazione con le famiglie, che sono fornite di password per accedere al registro elettronico ed essere costantemente informate dell'andamento didattico-disciplinare degli alunni. All'inizio del primo anno i genitori sono convocati dal D.S. che esplicita la valenza educativa del patto di corresponsabilità nel reciproco diritto-dovere di seguire gli studenti nel percorso formativo attraverso il rispetto di regole condivise.

Punti di Debolezza

Successivamente al momento iniziale del passaggio dalla scuola media scarsa propensione dei genitori alla partecipazione attiva ed alla condivisione fattiva del patto di corresponsabilità che dovrebbe trovare maggior riscontro. Interesse molto centrato sul prodotto e poco sul processo educativo.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola svolge un ruolo propositivo nella promozione di politiche formative territoriali e coinvolge le famiglie nella definizione dell'offerta formativa e nella vita scolastica.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

La collaborazione in rete sta diventando sistematica e permette di ottimizzare risorse umane e materiali. Il coinvolgimento ed il confronto con i soggetti presenti nel territorio per la promozione delle politiche formative è attivo, la scuola è presente in molteplici attività interistituzionali. La partecipazione delle famiglie c'è ma con esse va comunque sollecitato un approccio comunicativo

  Dettaglio
Le priorita' si riferiscono agli obiettivi generali che la scuola si prefigge di...

... realizzare nel lungo periodo attraverso l'azione di miglioramento. Le priorita' che la scuola si pone devono necessariamente riguardare gli esiti degli studenti. Si suggerisce di specificare quale delle quattro aree degli Esiti si intenda affrontare (Risultati scolastici, Risultati nelle prove standardizzate nazionali, Competenze chiave europee, Risultati a distanza) e di articolare all'interno quali priorita' si intenda perseguire (es. Diminuzione dell'abbandono scolastico nel primo anno di secondaria di II grado; Riduzione della variabilita' fra le classi; Sviluppo delle competenze sociali degli studenti di secondaria di I grado, ecc.). Si suggerisce di individuare un numero limitato di priorita' (1 o 2 per scuola) selezionandole all’interno di una stessa area o al massimo di due aree degli Esiti degli studenti. I traguardi sono di lungo periodo e riguardano i risultati attesi in relazione alle priorita'. Si tratta di risultati previsti a lungo termine (3 anni). Essi articolano in forma osservabile e/o misurabile i contenuti delle priorita' e rappresentano le mete verso cui la scuola tende nella sua azione di miglioramento. Per ogni priorita' individuata deve essere articolato il relativo traguardo di lungo periodo. Essi pertanto sono riferiti alle aree degli Esiti degli studenti (es. in relazione alla priorita' strategica "Diminuzione dell'abbandono scolastico nel primo anno di secondaria di II grado", il traguardo di lungo periodo puo' essere definito come "Rientrare nella media di abbandoni regionali pari al 4%, e precisamente portare gli abbandoni della scuola al di sotto del 4%"). E' opportuno evidenziare che per la definizione del traguardo che si intende raggiungere non e' sempre necessario indicare una percentuale, ma una tendenza costituita da traguardi di riferimento a cui la scuola mira per migliorare, ovvero alle scuole o alle situazioni con cui e' opportuno confrontarsi

Priorità e Traguardi

Risultati scolastici

PRIORITA'

Ulteriore miglioramento nella coerenza del sistema di valutazione per conoscenze, competenze, capacità. Ricerca di strategie didattiche atte al miglioramento delle performances nel Liceo Artistico e nel Liceo Scientifico delle Scienze applicate.

TRAGUARDO

Miglioramento dei risultati in Matematica, Fisica, Inglese in tutti gli indirizzi

Obiettivi di processo collegati

- Orientamento in ingresso attento alla esplicitazione del curricolo della scuola nei suoi diversi indirizzi

- Metodologie didattiche più individualizzate

- Modalità di insegnamento apprendimento per piccoli gruppi


Risultati nelle prove standardizzate nazionali

PRIORITA'

Recuperare lo svantaggio emerso nei risultati dell'a.s.2017-18 che hanno evidenziato un leggero regresso del Liceo scientifico ed un costante non soddisfacente risultato del Liceo Artistico.

TRAGUARDO

Recuperare lo svantaggio delle classi seconde , in particolare del Liceo Artistico,ma intervenire su tutti gli indirizzi.

Obiettivi di processo collegati

- Elaborazione di un curricolo per traguardi di competenza da esplicitare agli studenti

- Progettare e programmare con finalità ed obiettivi sistematici e condivisi da esplicitare agli studenti.

- Potenziamento dei laboratori, dei sussidi didattici e loro effettivo utilizzo

- Utilizzare griglie di valutazione e/o modalità valutative per classi parallele uniformi e adottare nella massima trasparenza prove di valutazione autentiche


Competenze chiave europee

PRIORITA'

Condividere con l'intera comunità scolastica l'insieme delle competenze di cittadinanza .

TRAGUARDO

Consapevole condivisione di un sistema di regole di cittadinanza e monitoraggio dei risultati conseguiti.

Obiettivi di processo collegati

- Miglioramento delle competenze chiave di Cittadinanza


Risultati a distanza

PRIORITA'

Conoscere gli esiti post-diploma degli studenti del Liceo artistico,mantenere l'elevato standard di successo del Liceo scientifico.

TRAGUARDO

Conoscere gli esiti post-diploma degli studenti del Liceo artistico,mantenere l'elevato standard di successo del Liceo scientifico.

Obiettivi di processo collegati

- Migliorare il monitoraggio dei risultati a distanza soprattutto del Liceo Artistico

- Miglioramento delle competenze di Cittadinanza


MOTIVAZIONE SCELTA PRIORITA'

Gli obiettivi di processo rappresentano una definizione operativa delle attività...
... su cui si intende agire concretamente per raggiungere le priorita' individuate. Essi costituiscono degli obiettivi operativi da raggiungere nel breve periodo (un anno scolastico) e riguardano una o piu' aree di processo. Si suggerisce di indicare l'area o le aree di processo su cui si intende intervenire e descrivere gli obiettivi che la scuola si prefigge di raggiungere a conclusione del prossimo anno scolastico (es. Promuovere una figura di docente tutor per supportare gli studenti in difficolta' del primo anno dell'indirizzo linguistico nella scuola secondaria di II grado; Individuare criteri di formazione delle classi che garantiscano equi-eterogeneita'; Utilizzare criteri di valutazione omogenei e condivisi per la matematica nella scuola primaria; Ridurre gli episodi di esclusione e i fenomeni di bullismo nella scuola secondaria di I grado; ecc.).

Obiettivi di processo

Curricolo, progettazione e valutazione

Elaborazione di un curricolo per traguardi di competenza da esplicitare agli studenti

Progettare e programmare con finalità ed obiettivi sistematici e condivisi da esplicitare agli studenti.

Utilizzare griglie di valutazione e/o modalità valutative per classi parallele uniformi e adottare nella massima trasparenza prove di valutazione autentiche

Miglioramento delle competenze di Cittadinanza

Ambiente di apprendimento

Modalità di insegnamento apprendimento per piccoli gruppi

Potenziamento dei laboratori, dei sussidi didattici e loro effettivo utilizzo

Inclusione e differenziazione

Metodologie didattiche più individualizzate

Continuita' e orientamento

Orientamento in ingresso attento alla esplicitazione del curricolo della scuola nei suoi diversi indirizzi

Migliorare il monitoraggio dei risultati a distanza soprattutto del Liceo Artistico

Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie

Miglioramento delle competenze chiave di Cittadinanza

Contributo degli obiettivi di processo nel raggiungimento delle priorità