Indicatori Dettaglio
1.1 Popolazione scolastica

Opportunità

L' indirizzo turistico-ristorativo della scuola, ubicata in una città e in una regione a forte vocazione turistica, offre agli alunni opportunità concrete di inserimento nel mondo lavorativo, attraverso una didattica altamente qualificata.La scuola favorisce il successo formativo degli studenti, arricchendo la formazione di base con la didattica 3.0, la didattica laboratoriale e le esperienze lavorative di alternanza scuola-lavoro in strutture ricettive del settore, gare professionali e manifestazioni ed eventi importanti nei quali è richiesta la loro esperienza lavorativa. Le attività pomeridiane (molteplici progetti, quali pomeriggi dell'arte, recupero e sostegno, progetti di integrazione, progetto di accoglienza, ecc.) sono di supporto agli alunni più deboli e svantaggiati, per mitigare l'elevato tasso di dispersione scolastica che si riscontra soprattutto nel biennio. Il progetto "Tutto a Scuola" supporta gli alunni del biennio nelle discipline italiano, matematica e lingue straniere.

Vincoli

Il contesto di provenienza degli alunni presenta delle criticità sia dal punto di vista sociale sia economico. Inoltre, una piccola percentuale di alunni (5% circa) non ha cittadinanza italiana. A tali criticità la scuola risponde attraverso interventi didattici finalizzati al rinforzo e al recupero durante l'anno scolastico al fine di prevenire eventuali situazioni di disagio degli alunni e prevenire eventuali e successive situazioni di abbandono scolastico. La modesta partecipazione delle famiglie svantaggiate e con cittadinanza non italiana alle attività della scuola viene continuamente sollecitata attraverso contatti periodici a cura del coordinatore della classe.

1.2 Territorio e capitale sociale

Opportunità

La scuola è ubicata su due sedi: 1) la sede centrale, che ospita il biennio, è ubicata nel quartiere Picone-Poggiofranco, zona residenziale, ben servito da mezzi pubblici (autobus di linea, pullman extraurbani, ferrovia), che consente il facile raggiungimento anche ad alunni e personale pendolare; 2 ) la succursale, che ospita il triennio, si trova nel quartiere Carrassi, in un'area densamente popolata da scuole e Istituti universitari, ma ben servita dai mezzi pubblici, che consente il facile raggiungimento anche ad alunni e personale pendolare. Il triennio, solo nelle giornate di pratica turna in sede centrale. Le numerose iniziative di formazione (USR, USP, ERASMUS), alle quali l'Istituto, capofila degli IPSSAR pugliesi e della rete FAMI, ha aderito, consentono al personale docente e ATA di riqualificarsi e aggiornarsi costantemente. Nel contempo l’offerta formativa rivolta agli studenti si arricchisce di esperienze qualificanti attraverso partenariati prestigiosi (Città Metropolitana-Assessorato al Welfare, USR e USP e associazioni come: Coldiretti, FederAlberghi, ABUSUAN, Siloe, Fondazione Nikolaus) e partecipazione a gare nazionali ed internazionali.

Vincoli

A volte il limite può essere causato dalla presenza di due sedi. Una buona articolazione dell’orario scolastico e del calendario delle attività sopperisce tale disagio.

1.3 Risorse economiche e materiali

Opportunità

La scuola dispone di attrezzature di qualità nei laboratori di pratica operativa (sala - cucina). Inoltre, dispone di aule laboratorio 3.0 (dotate di connessione internet WI-FI mediante rete in fibra ottica ad alta velocità, videoproiettori, LIM, computer e tablet) utilizzate dagli studenti dell'indirizzo accoglienza turistica. Queste attrezzature consentono lo svolgimento della flipped classroom con una buona integrazione della didattica tradizionale con la didattica laboratoriale. Le risorse economiche possono contare sul FIS, sul contributo volontario erogato dalle famiglie delle studentesse e degli studenti, sui finanziamenti esterni erogati dalla progettazione PON e POR. Le risorse economiche disponibili consentono di attivare solo parte dei progetti necessari alla formazione e al perfezionamento delle professionalità che la scuola sostiene.

Vincoli

Le strutture laboratoriali necessitano di manutenzione continua (ordinaria e straordinaria). I costi di manutenzione sono a carico dell'Amministrazione provinciale ma non sempre c'è la disponibilità economica per far fronte alle varie esigenze. Le infrastrutture tecnologiche e multimediali che ormai costituiscono un elemento ineludibile di innovazione, sia per gli aspetti collegati alla didattica che per gli aspetti organizzativi e amministrativi (registro elettronico, comunicazione scuola-famiglia, trasparenza e pubblicazione degli atti della scuola, circolazione delle informazioni, etc.), devono essere periodicamente aggiornate per consentire una fruizione agevole delle opportunità della rete.

1.4 Risorse professionali

Opportunità

Il corpo docente dell'Istituto è costituito in gran parte (oltre il 95%) da personale con contratto a tempo indeterminato di età superiore ai 45 anni in servizio da tempo presso l'Istituto, pertanto, il corpo docente è stabile con numerosi professori in servizio da più di 10 anni nell’Istituto. La presenza di un DS con incarico effettivo da oltre 10 anni garantisce continuità e stabilità per la crescita professionale e culturale dell'Istituto. Tutti i docenti seguono con continuità tutte le iniziative di aggiornamento proposte dalla scuola o in modo autonomo e sono in possesso di certificazioni linguistiche e informatiche conseguite durante gli anni di servizio. La scuola ha attivato nel corso degli anni corsi di preparazione alle certificazioni linguistiche (per la mobilità transnazionale) ed informatiche. In particolare, sono stati realizzati dalla scuola certificazioni EIPASS, competenze informatiche in materia di CODING, CLASSE 3.0, Progetto ERASMUS PLUS, corsi di formazione riguardanti bullismo e cyberbullismo. Tutti i docenti hanno seguito il corso sulla sicurezza nel luogo di lavoro. I diversi indirizzi ed in particolare Accoglienza Turistica 3.0 garantisce un ampio ed elevato panorama di competenze diversificato ed altamente qualificati docenti.

Vincoli

L'età elevata dei docenti (oltre il 38,7% ha più di 55 anni e il 30,1% dei docenti è in servizio nell'Istituto da più di 10 anni) è garanzia di lunga esperienza. Le varie iniziative di formazione proposte dalla scuola vengono sempre recepite in modo positivo e mirano ad elevare la professionalità del docente, la qualità della formazione, delle competenze e delle prospettive in una dimensione europea dell’insegnamento sebbene con maggiore interesse e partecipazione da parte dei docenti prossimi alla pensione. In generale, si registra una tendenza positiva nella direzione della partecipazione attiva nella scuola.

    Autovalutazione Indicatori Dettaglio
2.1 Risultati scolastici

Punti di forza

Dai dati statistici risulta che una buona parte degli alunni iscritti e frequentanti riesce ad accedere alle classi successive (oltre il 70%) ; il dato in percentuale è in linea con la media regionale e nazionale. Quasi tutti gli alunni con giudizio sospeso riescono a superare gli esami, grazie all'attivazione di corsi di recupero durante il periodo estivo. La scuola favorisce inoltre il successo formativo degli studenti, arricchendo la formazione di base con la didattica 3.0, la didattica laboratoriale e le esperienze lavorative di alternanza scuola-lavoro in strutture ricettive del settore, gare professionali e manifestazioni ed eventi importanti nei quali è richiesta la loro esperienza lavorativa. Le attività pomeridiane (sono attivati molteplici progetti, quali pomeriggi dell'arte, progetti di attività motorie, progetti di recupero e sostegno, progetti di integrazione, progetto di accoglienza, ecc.) sono di supporto agli alunni più deboli e svantaggiati, per mitigare la dispersione scolastica. Tali interventi influiscono positivamente sugli alunni e contrastano con decisione il fenomeno della dispersione scolastica che nella scuola si aggira intorno allo 0,5% durante l'intero ciclo scolastico. Si tratta di una percentuale ben al di sotto rispetto al territorio regionale e nazionale. Si registra un generale aumento nella valutazione degli studenti all'esame di stato ed in particolare degli alunni con votazione compresa tra 91 e 100.

Punti di debolezza

L'abbandono scolastico dovuto principalmente allo svantaggio familiare e socio-economico della maggior parte dell'utenza viene ridotto attraverso numerosi progetti attivati dalla scuola. Si tratta di progetti di contrasto alla dispersione scolastica che raggiungono ottimi risultati. Le difficoltà maggiori, dovute a carenze di base pregresse, si riscontrano nelle discipline matematico-scientifiche e linguistiche, per le quali si interviene ogni anno con il Progetto "Tutto a scuola" e Progetti per il rafforzamento delle competenze di base finanziati dal PON. La percentuale degli studenti non ammessi alla classe successiva è maggiore nelle classi seconde e terze; tale percentuale si riduce drasticamente negli altri anni scolastici.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola portano avanti regolarmente il loro percorso di studi, lo concludono e conseguono risultati soddisfacenti agli esami finali.

Rubrica di valutazione

7- Eccellente

Motivazione

La quota di studenti ammessa all'anno successivo è in linea con i riferimenti nazionali. Gli abbandoni e i trasferimenti in uscita sono inferiori ai riferimenti nazionali. Tutti gli alunni con giudizio sospeso riescono a superare gli esami anche grazie all'attivazione di corsi di recupero estivi nelle materie principali. Inoltre, dati i livelli di partenza degli studenti che accedono a questo percorso di studi, la didattica operata dai docenti predilige strategie di insegnamento mirate ad arricchire la formazione di base con la didattica 3.0, la didattica laboratoriale e le esperienze lavorative di alternanza scuola-lavoro in strutture ricettive del settore, gare professionali e manifestazioni ed eventi importanti nei quali è richiesta la loro esperienza lavorativa. Le attività pomeridiane (molteplici progetti, quali pomeriggi dell'arte, progetti di attività motorie, progetti di recupero e sostegno, progetti di integrazione, progetto di accoglienza, ecc.) sono di supporto agli alunni più deboli e svantaggiati, per mitigare l'elevato tasso di dispersione scolastica.A tali strumenti si aggiunge il progetto "Tutto a Scuola" che supporta gli alunni del biennio nelle discipline italiano, matematica e lingue straniere e ulteriori progetti per il rafforzamento delle competenze di base. Pertanto, la quota di studenti sospesi in giudizio per debiti scolastici e' decisamente inferiore ai riferimenti regionali e nazionali. La quota di studenti collocata nelle fasce di punteggio medio-alte all'esame di stato è in linea con ai riferimenti regionali e ben al di sopra rispetto ai dati nazionali. Infatti, il numero di studenti diplomati con votazione da 91-100 è pari al 11% diversamente al dato nazionale pari al 8,5%.

2.2 Risultati nelle prove standardizzate nazionali

Punti di forza

Nel corso degli ultimi anni la scuola si è attivata con azioni di sensibilizzazione e coinvolgimento degli alunni cercando di stimolare e garantire la loro partecipazione alla somministrazione delle prove INVALSI. Tali azioni hanno ottenuto ottimi risultati e consentendo alla scuola di avere dei dati a disposizione diversamente dagli anni passati in cui i risultati delle prove INVALSI risultavano parziali e lacunosi a causa di una scarsa partecipazione degli alunni. Anche l'utilizzo delle dotazioni informatiche per la somministrazione delle prove standardizzate ha favorito la maggiore partecipazione degli alunni, abituati ad utilizzare le dotazioni tecnologiche. Considerati di risultati, le varie attività di recupero, consolidamento e potenziamento delle competenze di base cercano di innalzare i livelli di apprendimento e mirano ad offrire risposte ai bisogni differenziati degli alunni. L’obiettivo da perseguire nel corso dei successivi anni scolastici è far acquisire un metodo di studio, insieme al recupero e al rafforzamento delle abilità linguistiche e logico matematiche, con un percorso didattico diversificato, individualizzato e attuato con apposite strategie, lavorando per gruppi di livello al fine di recuperare, consolidare e potenziare le competenze degli alunni.

Punti di debolezza

La somministrazione del questionario è avvenuta nell'arco di una settimana scolastica ed è stato necessario procedere con un rigido calendario per garantire a tutti gli alunni la partecipazione alle prove. Ciò ha inciso sul regolare sviluppo delle attività didattiche creando talvolta qualche piccolo disagio. I risultati degli INVALSI sia nelle prove di italiano sia nelle prove di matematica pongono la scuola di poco al di sotto della media regionale e nazionale. Probabilmente tale divario sarà colmato nel corso del tempo dalle varie iniziative che la scuola ha posto in essere per rafforzare fra gli studenti le conoscenze, competenze e abilità con progetti specifici e volte a promuovere un diverso impegno nello studio e nella partecipazione attiva alle attività didattiche. Quest'ultimi elementi costituiscono la vera criticità degli alunni frequentanti l'Istituto. Tale giudizio negativo riguarda anche l'effetto della scuola sui risultati degli studenti nelle prove di italiano e matematica.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola raggiungono livelli di apprendimento soddisfacenti in italiano e matematica in relazione ai livelli di partenza e alle caratteristiche del contesto.

Rubrica di valutazione

5- Positiva

Motivazione

Il punteggio di Italiano e matematica della scuola nelle prove INVALSI è in linea di massima pari a quello di scuole con background socio-economico e culturale simile presenti nelle regioni del sud d'Italia. Negli anni passati i risultati delle prove INVALSI risultavano parziali e lacunosi a causa di una scarsa partecipazione degli alunni. Diversamente quest’anno vi è stata una notevole partecipazione degli alunni grazie ad un decisivo intervento da parte del DS che ha avviato delle azioni di sensibilizzazione verso gli alunni e i docenti. L’utilizzo delle dotazioni informatiche per la somministrazione delle prove standardizzate ha favorito la maggiore partecipazione degli alunni abituati ad utilizzare le dotazioni tecnologiche. Le varie attività di recupero, consolidamento e potenziamento realizzate dalla scuola rispondono alla finalità della prevenzione del disagio e mirano ad offrire risposte ai bisogni differenziati degli alunni, per garantire loro pari opportunità formative, nel rispetto dei tempi e delle modalità diverse di apprendimento. Sebbene i risultati degli INVALSI sia nelle prove di italiano sia nelle prove di matematica pongono la scuola di poco al di sotto della media regionale e nazionale probabilmente tale divario sarà colmato nel corso del tempo dalle varie iniziative che la scuola ha posto in essere per rafforzare fra gli studenti le conoscenze, competenze e abilità con progetti specifici e volte a promuovere un diverso impegno nello studio e nella partecipazione attiva alle attività didattiche. Quest'ultimi elementi costituiscono la vera criticità degli alunni frequentanti l'Istituto.

2.3 Competenze chiave europee

Punti di forza

La scuola favorisce il successo formativo degli studenti arricchendo la formazione di base con la didattica 3.0, la didattica laboratoriale e le esperienze lavorative di alternanza scuola lavoro in strutture del settore turistico e ristorativo, esperienze lavorative in eventi importanti degli enti territoriali, gare professionali e manifestazioni varie. L'Istituto ha sviluppato nel PTOF triennale una serie di attività progettuali finalizzate all'acquisizione da parte degli studenti di alcune competenze non direttamente legate alle discipline scolastiche tradizionali. Per le competenze sociali e civiche (capacità di creare rapporti positivi con gli altri, costruzione del senso di legalità, sviluppo dell’etica della responsabilità e di valori in linea con i principi costituzionali, rispetto delle regole) sono stati avviati e svolti numerosi progetti di volontariato e solidarietà, Integrazione e Inclusione, Accoglienza e Legalità. Le competenze digitali sono potenziate attraverso l'utilizzo della didattica 3.0. Lo sviluppo della capacità degli studenti di imparare ad apprendere avviene principalmente attraverso la promozione e sviluppo dell'apprendimento professionale ed in particolare favorendo la partecipazione degli alunni a concorsi turistici ed enogastronomici.

Punti di debolezza

La condizione di disagio economico di alcuni alunni favorisce una scarsa disponibilità di strumenti informatici a loro disposizione. Pertanto, alcuni alunni acquisiscono le competenze informatiche solo con l'utilizzo dei computer a disposizione dei laboratori della scuola ed utilizzati in diverse discipline curriculari.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola acquisiscono livelli soddisfacenti nelle competenze sociali e civiche, nell'imparare a imparare, nelle competenze digitali e nello spirito di iniziativa e imprenditorialità.

Rubrica di valutazione

7- Eccellente

Motivazione

La scuola favorisce il successo formativo degli studenti arricchendo la formazione di base con la didattica 3.0, la didattica laboratoriale e le esperienze lavorative di alternanza scuola lavoro in strutture del settore turistico e ristorativo, esperienze lavorative in eventi importanti degli enti territoriali, gare professionali e manifestazioni varie. La maggior parte degli studenti della scuola raggiunge livelli ottimali in relazione alle seguenti competenze chiave: - spirito di iniziativa e imprenditorialita'/ autoimprenditorialità attraverso il progetto triennale ASL, - imparare ad apprendere attraverso il fair play (promozione e sviluppo del lavoro di squadra per il raggiungimento di un obiettivo comune, capacità di inclusione); - raggiungimento di un'etica professionale finalizzata al rispetto degli ambienti di lavoro e attrezzature, all'ordine e alla precisione nelle fasi di esecuzione dei compiti assegnati; - competenze digitali attraverso la flipped classroom., classi 3.0, problem solving. Inoltre, lo sviluppo della capacità degli studenti di imparare ad apprendere avviene principalmente attraverso la promozione e sviluppo dell'apprendimento professionale ed in particolare favorendo la partecipazione degli alunni a concorsi turistici ed enogastronomici.

2.4 Risultati a distanza

Punti di forza

Negli ultimi anni rimane costante il numero di studenti che continuano gli studi dopo il diploma quinquennale segno che la scuola offre sempre più una formazione di qualità non solo nelle materie laboratoriali. Inoltre, la distribuzione degli studenti immatricolati all'Università per area disciplinare è pressoché uniforme nei vari indirizzi di studio a dimostrazione di una formazione di qualità da parte della scuola nelle diverse discipline. Una buona parte degli iscritti nel primo e secondo anno universitario consegue più della metà dei CFU soprattutto nell'area Sociale ed Umanistica. Importanti risultati hanno anche gli studenti che cercano un'occupazione nel proprio settore di formazione, infatti, la quota di diplomati inseriti nel mondo del lavoro è notevolmente superiore al dato nazionale e regionale. Una buona percentuale degli occupati ha un contratto di lavoro a tempo indeterminato; una parte minore ha un contratto a tempo determinato mentre sono residuali altre tipologie lavorative più flessibili e precarie. I diplomati inseriti nel mondo del lavoro svolgono la loro attività nel settore corrispondente alla loro formazione scolastica. Tali risultati evidenziano il raggiungimento di alcuni obiettivi generali di miglioramento realizzati dall'Istituto sul piano quantitativo dell'offerta formativa.

Punti di debolezza

Non sempre è possibile operare un monitoraggio completo del livello di occupazione post diploma. Inoltre poiché i dati a disposizione risalgono agli anni 2014 e 2015 non è possibile fotografare in tempo reale la situazione post diploma degli studenti.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti in uscita dalla scuola hanno successo nei successivi percorsi di studio e di lavoro.

Rubrica di valutazione

7- Eccellente

Motivazione

Tali risultati statistici evidenziano il raggiungimento di alcuni obiettivi generali di miglioramento realizzati dall'Istituto sul piano quantitativo dell'offerta formativa. In particolare si segnalano: - il numero di studenti che continuano gli studi dopo il diploma quinquennale segno che la scuola offre sempre più una formazione di qualità non solo nelle materie laboratoriali. - la distribuzione degli studenti immatricolati all'Università per area disciplinare è pressoché uniforme nei vari indirizzi di studio a dimostrazione di una formazione di qualità da parte della scuola nelle diverse discipline. - buona parte degli iscritti nel primo e secondo anno universitario consegue più della metà dei CFU soprattutto nell'area Sociale ed Umanistica. - la quota di diplomati inseriti nel mondo del lavoro è notevolmente superiore al dato nazionale e regionale. - una buona percentuale degli occupati ha un contratto di lavoro a tempo indeterminato; una parte minore ha un contratto a tempo determinato mentre sono residuali altre tipologie lavorative più flessibili e precarie. - i diplomati inseriti nel mondo del lavoro svolgono la loro attività nel settore corrispondente alla loro formazione scolastica.

    Autovalutazione Indicatori Dettaglio
3.1 Curricolo, progettazione e valutazione

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola propone un curricolo aderente alle esigenze del contesto, progetta attivita' didattiche coerenti con il curricolo, valuta gli studenti utilizzando criteri e strumenti condivisi.

Situazione della scuola

7- Eccellente

Motivazione

La scuola ha elaborato un proprio curricolo a partire dai documenti ministeriali di riferimento. L'offerta formativa della scuola si articola in un'area di istruzione generale, comune a tutti i percorsi, e in aree di indirizzo. L'area di istruzione generale ha l'obiettivo di fornire agli studenti una preparazione di base, acquisita attraverso il rafforzamento e lo sviluppo degli assi culturali, che caratterizzano l'obbligo di istruzione: asse dei linguaggi, matematico, scientifico-tecnologico, storico-sociale. Le aree di indirizzo hanno l'obiettivo di far acquisire agli studenti competenze spendibili in vari contesti di vita e di lavoro, permettendo ai diplomati di assumere autonome responsabilità nei processi produttivi e di servizio. Tutte le attività presentano una definizione molto chiara degli obiettivi e delle abilita'/competenze da raggiungere. I docenti effettuano una programmazione periodica comune per ambiti disciplinari e/o classi parallele per tutte le discipline. L'analisi delle scelte adottate e la revisione della progettazione avviene durante gli incontri in presenza dei dipartimenti e dei consigli di classe per classi parallele. Nella scuola sono presenti strutture organizzative che raggruppano i docenti per la progettazione didattica: ( innovazione didattica, dipartimento turistico 3.0, alternanza SL, BES e gruppo H, educazione degli adulti) al fine di valorizzare, condividere e potenziare il lavoro dei singoli professori in un'ottica di raccordo e unificazione dei traguardi da perseguire a livello di classi parallele e delle competenze in uscita.

3.2 Ambiente di apprendimento

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola cura gli aspetti organizzativi, metodologici e relazionali dell'ambiente di apprendimento.

Situazione della scuola

7- Eccellente

Motivazione

L'articolazione dell'orario scolastico risulta globalmente adeguata alle esigenze di apprendimento degli studenti. L'Istituto è dotato di aule laboratorio 3.0 dotate di connessione WiFi, LIM e tablet per ogni studente frequentante l'indirizzo Accoglienza turistica. L'Istituto è dotato di laboratori pratici organizzati (sala e cucina) e altri spazi in comune dotati di attrezzature e Wi-FI. con l'assistenza di tecnici di laboratorio. Tutti gli alunni usufruiscono degli spazi laboratoriali. Sono previsti numerosi momenti di confronto tra il personale docente sulle metodologie didattiche. Vi è la condivisione di regolamenti e norme da rispettare all'interno dell'Istituto tra il personale docente e gli studenti.

3.3 Inclusione e differenziazione

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola cura l'inclusione degli studenti con bisogni educativi speciali, valorizza le differenze culturali, adegua l'insegnamento ai bisogni formativi di ciascuno studente attraverso percorsi di recupero e potenziamento.

Situazione della scuola

7- Eccellente

Motivazione

Il coinvolgimento dei diversi soggetti (docenti curricolari, di sostegno, tutor, famiglie, enti locali, associazioni) compreso il gruppo dei pari nelle attività di inclusione è oltre modo positivo. Il monitoraggio sistematico degli interventi realizzati fa si che gli interventi vengano rimodulati ove necessario. L'Istituto mette in campo una molteplicità di interventi didattici ( flipped classroom, classi 3.0, esercizi problem solving, didattica laboratoriale) in funzione dei differenti bisogni formativi degli studenti. La scuola promuove efficacemente il rispetto delle differenze e della diversità culturale. Grazie all'impegno e ai risultati conseguiti l'Istituto è diventato, su designazione USR Puglia, scuola capofila della rete di scopo per l'intero territorio regionale "rete delle scuole multiculturali della Regione Puglia - progetto MIUR n.740 Piano pluriennale di formazione per Dirigenti, Insegnanti e Personale ATA di scuola ad alta incidenza di alunni stranieri - programma FAMI. L'Istituto dispone di attrezzature di qualità nei laboratori di pratica operativa (sala - cucina). Inoltre, dispone di aule- laboratorio 3.0 dotate di connessione internet WI-FI mediante rete in fibra ottica ad alta velocità, videoproiettori, LIM, computer e tablet . Queste attrezzature consentono lo svolgimento della flipped classroom con una buona integrazione della didattica tradizionale con la didattica laboratoriale.

3.4 Continuita' e orientamento

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola garantisce la continuita' dei percorsi scolastici e cura l'orientamento personale, scolastico e professionale degli studenti.

Situazione della scuola

7- Eccellente

Motivazione

Le attività di continuità sono organizzate in modo efficace e ben strutturato. L'Istituto prevede delle modalità e degli strumenti per facilitare il passaggio degli studenti dalla scuola secondaria di I grado a quella secondaria di II grado. E' presente nell'istituto un gruppo di lavoro che si occupa da alcuni anni e con una prassi ormai consolidata di continuità, orientamento e tutoraggio e che ha elaborato un percorso che illustra in maniera molto dettagliata tutte le attività che la scuola promuove con proprie iniziative e in sinergia con gli enti territoriali per un orientamento responsabile e coerente con le aspettative, i bisogni e le capacità di ogni alunno, attraverso incontri pomeridiani sistematici (Progetto "I pomeriggi dell'arte"). Gli alunni, rivolti maggiormente ad un inserimento lavorativo, sono poco inclini a proseguire negli studi universitari, pertanto l'orientamento in uscita consiste soprattutto nel supporto da parte della scuola verso la ricerca di una occupazione lavorativa. Grazie alla rete di collaborazioni fra la scuola e le aziende del settore alberghiero e della ristorazione, i ragazzi sono indirizzati dai loro docenti verso sedi lavorative che potenzialmente possono offrire loro delle opportunità. Un'attività molto rilevante ai fini dell'orientamento degli studenti sulle scelte post-diploma è certamente l'alternanza scuola-lavoro e i progetti di job placement che coinvolgono gli studenti nell'ultimo triennio. Frequentemente le aziende del settore ristorazione e accoglienza turistica e alberghiera si rivolgono al nostro istituto per richiedere l'elenco degli studenti diplomati ai fini di offrire loro opportunità di inserimento lavorativo. L'Istituto ha stipulato oltre 700 convenzioni

3.5 Orientamento strategico e organizzazione della scuola

Punti di Forza:

La missione dell'Istituto è formare alunni che abbiano buone competenze di cittadinanza e competenze professionali facilmente spendibili nel mondo del lavoro. Per poter favorire il successo formativo degli studenti, la scuola propone due percorsi: - quello che porta direttamente al diploma quinquennale; - quello indirizzato in una prima fase alla qualifica regionale senza preclusioni su un eventuale seconda fase indirizzata al diploma quinquennale. La missione e le priorità sono definite all'interno del PTOF triennale elaborato dal Collegio Docenti sulla base dell'atto di indirizzo del DS, tenendo conto di tutte le parti interessate (territorio, alunni, genitori, docenti) e approvato dal Consiglio di Istituto. La missione della scuola è elaborata tendo conto del contesto territoriale di appartenenza nel quale si trova ad operare. Nella elaborazione delle finalità dell’Istituto si tiene in grande considerazione la reale possibilità di lavoro da parte degli studenti. La scuola pianifica le azioni per il raggiungimento dei propri obiettivi mediante la progettazione condivisa prima attraverso i dipartimenti e successivamente attraverso il Collegio Docenti e il Consiglio d'Istituto, che diventa parte integrante del PTOF. I responsabili di aree di progettazione e/o referenti di iniziative progettuali hanno il compito di verificare i procedimenti attivati e di monitorarne gli esiti. Verifiche in itinere e verifiche finali permettono di monitorare lo stato di avanzamento previsto per il raggiungimento degli obiettivi. Lo stato di avanzamento delle attività didattico educative viene monitorato anche nei Consigli di classe e comunque tutti i risultati delle azioni messe in atto durante l'anno scolastico vengono condivisi, a fine anno, dal Collegio Docenti e Consiglio d'Istituto. Con riferimento alla gestione delle risorse umane la scuola ha un'organizzazione ben definita. Per l'attribuzione delle Funzioni Strumentali si procede come di seguito. Il Collegio docenti individua preliminarmente le Aree di intervento dei docenti FUS. Attualmente sono: - PTOF e strumenti di valutazione Attività di formazione e docenti neoassunti; - Gestione Corso Serale - Integrazione e supporto agli studenti - Coordinamento attività professionalizzanti, gare professionali ed eventi - Piano Orientamento d’Istituto I docenti FUS vengono successivamente individuati attraverso una commissione che ne esamina la candidatura (CV e relativo progetto per l'area scelta). All'interno del personale ATA vi è una chiara divisione dei compiti e delle aree di attività, pur esistendo una collaborazione e condivisione. I docenti con incarichi specifici vengono individuati all'inizio dell'anno scolastico sulla base della loro disponibilità e delle loro competenze accertate. In caso di assenza del personale docente si procede assegnando ore di supplenza non retribuite ai docenti interni utilizzando il cd potenziamento.

Punti di Debolezza

La modesta partecipazione delle famiglie alle scelte strategiche della scuola viene continuamente sollecitata attraverso contatti periodici a cura del coordinatore della classe. La partecipazione delle famiglie alla prima riunione è ancora del 50% (con una partecipazione maggiore delle classi prime che man mano decresce durante il ciclo scolastico), l'altro 50% si informa successivamente attraverso i due incontri periodici scuola famiglia e, comunque, attraverso l'uso del registro elettronico e le comunicazioni formali scuola - famiglia. Il monitoraggio delle attività attraverso una maggiore e migliore informatizzazione degli strumenti di controllo consentirebbe risultati più facilmente leggibili e standardizzati. Talvolta gli strumenti di monitoraggio utilizzati rispondono prevalentemente a delle esigenze di rendicontazione amministrativa senza evidenziare abbastanza i risultati raggiunti in ambito didattico o altro. I compiti e le aree di attività del personale ATA non sempre è fissaLe unità del personale ATA (assistenti tecnici, amministrativi e collaboratori scolastici) sono soggetti per alcune unità - circa 1/3 - a non essere figure stabili dell'Istituto, ma individuate con contratto a tempo determinato dall'USP territoriale.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola definisce la propria missione e la visione, monitora in modo sistematico le attività che svolge, individua ruoli di responsabilita' e compiti per il personale in modo funzionale e utilizza in modo adeguato le risorse economiche.

Situazione della scuola

7- Eccellente

Motivazione

La missione della scuola è elaborata tendo conto del contesto territoriale di appartenenza nel quale si trova ad operare. La missione dell'Istituto è quella di formare alunni che abbiano buone competenze di cittadinanza e competenze professionali facilmente spendibili nel mondo del lavoro. Nella elaborazione delle finalità dell’Istituto si tiene in grande considerazione la reale possibilità di lavoro da parte degli studenti. La scelta nasce dalla consapevolezza che il sistema scolastico sia sempre al servizio dell'utenza: formare alunni che abbiano buone competenze di cittadinanza e competenze professionali facilmente spendibili nel mondo del lavoro. La missione e le priorità sono definite all'interno del PTOF triennale elaborato dal Collegio Docenti sulla base dell'atto di indirizzo del DS, tenendo conto di tutte le parti interessate (territorio, alunni, genitori, docenti) e approvato dal Consiglio di Istituto. L'allocazione delle risorse economiche è coerente con le tematiche prioritarie dell'Istituzione scolastica esplicitate nel PTOF. Una parte delle risorse viene investita in progetti facenti capo all'area professionalizzante; mentre la restante, abbastanza consistente, viene destinata a progetti di tipo trasversale, funzionale a combattere la dispersione, favorendo una partecipazione attiva e responsabile degli alunni alla vita scolastica. La scuola si distingue per una progettualità intensa, creativa e di qualità in coerenza con le scelte educative adottate. La scuola, avendo maturato specifiche professionalità, partecipa ai bandi del MIUR, misure PON e misure POR al fine di potenziare il percorso educativo degli alunni nonché la formazione dei docenti e del personale ATA. La scuola è accredita come centro EIPASS per il rilascio di certificazioni informatiche. La scuola stipula accordi in rete con altre istituzioni scolastiche nonché gli enti territoriali, fondazioni e associazioni per realizzare varie forme di progettualità comune.

3.6 Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane

Punti di Forza:

La scuola si fa carico delle esigenze formative dei docenti e del personale ATA, all'inizio di ogni anno scolastico, sulla base di una rilevazione dei bisogni formativi effettuata attraverso indagini e questionari on line. I dati raccolti costituiscono la base su cui viene progettato il piano di formazione triennale. I percorsi formativi riguardano le tematiche più richieste: didattica per competenze, utilizzo delle nuove tecnologie nella didattica (aula 3.0), alternanza scuola-lavoro, sicurezza sul luogo di lavoro, bullismo e cyberbullismo, certificazioni linguistiche ed informatiche, CODING, mobilità ERASMUS +. Viene orientata la partecipazione dei docenti e del personale ATA verso corsi organizzati internamente o in altre scuole o enti di formazione. Le maggiori ricadute, in termini di qualità, si sono realizzate nelle attività di didattica organizzativa del settore turistico 3.0 in forte crescita. La scuola raccoglie le competenze del personale attraverso un monitoraggio dei corsi di aggiornamento di ciascun docente (es. curriculum, esperienze formative, corsi frequentati). I docenti candidati a ricoprire un incarico vengono esaminati attraverso il proprio curriculum che prevede l'attribuzione di un punteggio ben preciso oggettivo, a fronte di attività e formazione svolte da ciascuno di essi. Per quanto attiene il personale ATA, nei limiti del possibile e ferme restando le necessità di servizio, le unità vengono impiegate rispettando e valorizzando le loro competenze e capacità. La scuola promuove la partecipazione dei docenti a gruppi di lavoro dipartimentali ed interdisciplinari, su tematiche attinenti alla didattica, alternanza scuola lavoro, alunni BES e diversamente abili, alunni stranieri. Gli incontri sono organizzati e calendarizzati con circolari dal dirigente scolastico o su specifica richiesta di insegnanti e famiglie o in momenti ben precisi dell'anno scolastico. I gruppi di lavoro producono materiali o esiti utili alla comunità scolastica che possono essere utilizzati da chiunque ne abbia bisogno. In generale tali materiali vengono pubblicati sul sito web o sono a disposizione in forma cartacea. Il confronto professionale e lo scambio di informazioni presenta un elevato valore aggiunto alla crescita professionale. I docenti dell’indirizzo accoglienza turistica operando in classi 3.0 spesso producono del materiale didattico informatizzato che condividono nei consigli di classe e con gli alunni on line.

Punti di Debolezza

I risultati in termini di ricaduta delle attività di formazione nell'attività didattica organizzativa presenta ancora poca uniformità nel lavoro di classi parallele. Pur essendoci all'interno della scuola personale qualificato, una piccola parte dello stesso non sempre è disponibile ad impegnarsi in attività extrascolastiche, mettendo a disposizione il proprio bagaglio culturale e professionale a servizio dell'istituzione scolastica. A volte la presenza di docenti pendolari o impegnati su più scuole fa si che gli incontri si concentrino in orari scomodi lo svolgimento di riunioni e gruppi di lavoro. La produzione dei materiali didattici innovativi da parte dei docenti è limitato ad alcune classi.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola valorizza le risorse professionali, promuove percorsi formativi di qualita' e incentiva la collaborazione tra pari.

Situazione della scuola

7- Eccellente

Motivazione

La scuola si fa carico delle esigenze formative dei docenti e del personale ATA, all'inizio di ogni anno scolastico, sulla base di una rilevazione dei bisogni formativi effettuata attraverso indagini e questionari on line. I dati raccolti costituiscono la base su cui viene progettato il piano di formazione triennale. I percorsi formativi riguardano le tematiche più richieste: didattica per competenze, utilizzo delle nuove tecnologie nella didattica (aula 3.0), alternanza scuola-lavoro, sicurezza sul luogo di lavoro, bullismo e cyberbullismo, certificazioni linguistiche ed informatiche, CODING, mobilità ERASMUS +. Viene orientata la partecipazione dei docenti e del personale ATA verso corsi organizzati internamente o in altre scuole o enti di formazione. Alcuni corsi di formazione si svolgono all'interno della scuola poiché la stessa è accreditata come centro EIPASS per il rilascio di certificazioni informatiche. Le maggiori ricadute, in termini di qualità, si sono realizzate nelle attività di didattica organizzativa del settore turistico 3.0 in forte crescita. I gruppi di lavoro producono materiali o esiti utili alla comunità scolastica che possono essere utilizzati da chiunque ne abbia bisogno. In generale tali materiali vengono pubblicati sul sito web o sono a disposizione in forma cartacea.

3.7 Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie

Punti di Forza:

La scuola ha accordi di rete e collaborazioni con soggetti pubblici e privati per far fronte a finalità di formazione dei docenti, di realizzazione dei percorsi di Alternanza Scuola Lavoro rivolti agli studenti, di approfondimento delle tematiche in caso di BES, di conseguimento delle certificazioni linguistiche sia da parte dei docenti che degli studenti, di partecipazione alle attività ginnico-sportive, di partecipazione a stage e tirocini . La scuola è membro della Fondazione ITS Area “Nuove Tecnologie per il Made in Italy - Sistema Alimentare - Settore Produzioni Agroalimentari” La collaborazione con soggetti esterni sull'offerta formativa ha ricaduta sul curricolo, sulla qualità didattica, sulle opportunità formative degli studenti. La presenza di attività di stage, di collegamenti e di inserimento nel mondo del lavoro è molto alta. La scuola, attraverso tutte le sue componenti (docenti, coordinatori di classe, DS, collaboratori del DS, Funzione strumentale dedicata agli alunni), si impegna costantemente e con varie strategie per il coinvolgimento dei genitori: incontri scuola/famiglia, colloqui in presenza e telefonici con i docenti e con i coordinatori di classe. E' stato messo a sistema il Registro elettronico anche per favorire la comunicazione con le famiglie. Le famiglie sono coinvolte nella definizione dell'offerta formativa durante riunioni organizzate allo scopo e mantenendo viva la comunicazione anche tramite Web destinando la pagina principale del sito della scuola alla pubblicazione di tutti i comunicati e gli avvisi. Ci sono forme di collaborazione con i genitori per la realizzazione di interventi formativi anche nell'ambito Alternanza Scuola Lavoro. La scuola coinvolge i genitori nella definizione del Regolamento d'istituto, del Patto di corresponsabilità e di altri documenti rilevanti per la vita scolastica. Alcuni genitori hanno contribuito all'ampliamento dell'offerta formativa mediante propri contributi alle attività laboratoriali nelle giornate di Open Day.

Punti di Debolezza

Per l'ampliamento dell'attività formativa si realizzano iniziative rivolte ai genitori e momenti di confronto con i genitori degli alunni quali ad esempio le attività dedicate ai pomeriggi dell'arte. Le azioni attuate per coinvolgere le famiglie alle attività connesse al buona andamento e funzionamento della scuola, pur numerose, registrano sempre risultati in termini di risposta medio-bassa. Data la provenienza sociale delle famiglie la collaborazione dei genitori per la realizzazione di interventi formativi è scarsa. La predisposizione del Registro elettronico ha facilitato solo parzialmente la comunicazione con le famiglie. Infatti molte di queste non hanno dimestichezza con l'accesso ad Internet e con la comunicazione on line. Tali difficoltà sono superate dalle sollecitazioni continue, anche telefoniche, da parte dei docenti.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola svolge un ruolo propositivo nella promozione di politiche formative territoriali e coinvolge le famiglie nella definizione dell'offerta formativa e nella vita scolastica.

Situazione della scuola

7- Eccellente

Motivazione

La scuola partecipa attivamente a reti e collaborazioni con soggetti esterni. E'capofila della rete degli IPSSAR pugliesi e membro di Fondazioni e reti locali e internazionali nel settore alimentare, enogastronomico e dell'accoglienza turistico -alberghiera. Le collaborazioni attivate sono totalmente integrate con l'offerta formativa e la mission. La scuola è coinvolta in momenti di confronto con i soggetti presenti nel territorio per la promozione delle politiche formative, settore nel quale si possono migliorare il coinvolgimento e gli esiti degli studenti. La scuola propone attivamente stage e inserimenti lavorativi per gli studenti, attraverso progetti di alternanza scuola lavoro, gare professionali, servizio per conto terzi e manifestazioni esterne, partecipazione a bandi nazionali ed europei. La scuola coinvolge i genitori a partecipare alle sue iniziative, anche se si dovrebbero individuare nuove e più efficaci strategie per superare le resistenze e migliorare le modalità di ascolto e collaborazione. Inoltre, si realizzano iniziative rivolte ai genitori e momenti di confronto sull'offerta formativa quali ad esempio le attività dedicate ai pomeriggi dell'arte. Altre modalità di coinvolgimento dei genitori avvengono attraverso la rappresentanza nel Consiglio d'Istituto. Momenti di incontro e di condivisione avvengono con gli alunni rappresentanti di classe e la componente genitoriale.

  Dettaglio
Le priorita' si riferiscono agli obiettivi generali che la scuola si prefigge di...

... realizzare nel lungo periodo attraverso l'azione di miglioramento. Le priorita' che la scuola si pone devono necessariamente riguardare gli esiti degli studenti. Si suggerisce di specificare quale delle quattro aree degli Esiti si intenda affrontare (Risultati scolastici, Risultati nelle prove standardizzate nazionali, Competenze chiave europee, Risultati a distanza) e di articolare all'interno quali priorita' si intenda perseguire (es. Diminuzione dell'abbandono scolastico nel primo anno di secondaria di II grado; Riduzione della variabilita' fra le classi; Sviluppo delle competenze sociali degli studenti di secondaria di I grado, ecc.). Si suggerisce di individuare un numero limitato di priorita' (1 o 2 per scuola) selezionandole all’interno di una stessa area o al massimo di due aree degli Esiti degli studenti. I traguardi sono di lungo periodo e riguardano i risultati attesi in relazione alle priorita'. Si tratta di risultati previsti a lungo termine (3 anni). Essi articolano in forma osservabile e/o misurabile i contenuti delle priorita' e rappresentano le mete verso cui la scuola tende nella sua azione di miglioramento. Per ogni priorita' individuata deve essere articolato il relativo traguardo di lungo periodo. Essi pertanto sono riferiti alle aree degli Esiti degli studenti (es. in relazione alla priorita' strategica "Diminuzione dell'abbandono scolastico nel primo anno di secondaria di II grado", il traguardo di lungo periodo puo' essere definito come "Rientrare nella media di abbandoni regionali pari al 4%, e precisamente portare gli abbandoni della scuola al di sotto del 4%"). E' opportuno evidenziare che per la definizione del traguardo che si intende raggiungere non e' sempre necessario indicare una percentuale, ma una tendenza costituita da traguardi di riferimento a cui la scuola mira per migliorare, ovvero alle scuole o alle situazioni con cui e' opportuno confrontarsi

Priorità e Traguardi

Risultati scolastici

PRIORITA'

Diminuzione dell'abbandono scolastico degli studenti .

TRAGUARDO

incremento di metodologie didattiche laboratoriali nelle discipline di area comune e di indirizzo

Obiettivi di processo collegati

- attivare strumenti per migliorare il monitoraggio delle azioni e forme di controllo in relazione alle priorità individuate.

- Favorire l’inclusione con particolare rilievo alle attività pratiche e alla didattica innovativa tramite l’utilizzo di tecnologie

- diffusione didattica multimediale e di apprendimento insieme con la promozione di relazioni didattiche e ambiente educativo più sereno e cooperativo

- Favorire la partecipazione più ampia delle FAMIGLIE alla vita della scuola attraverso iniziative di apertura al territorio.

- Incrementare i rapporti SCUOLA-FAMIGLIA attraverso l'implementazione di strumenti di comunicazione efficienti (registro elettronico, sms, sito web)


PRIORITA'

Sviluppare l'apprendimento didattico attraverso le nuove tecnologie

TRAGUARDO

utilizzo della flipped classroom e della didattica 3.0 in tutti gli indirizzi di studio

Obiettivi di processo collegati

- attivare strumenti per migliorare il monitoraggio delle azioni e forme di controllo in relazione alle priorità individuate.


Risultati nelle prove standardizzate nazionali

PRIORITA'

Innalzare i livelli degli apprendimenti in italiano e matematica.

TRAGUARDO

Rientrare nella media dei livelli delle scuole con background culturale socio economico simile

Obiettivi di processo collegati

- realizzare percorsi di apprendimento per innalzare i livelli delle prove INVALSI

- Incrementare l'uso della didattica multimediale attraverso l'ampliamento delle classi 3.0 negli altri indirizzi


PRIORITA'

Innalzare i livelli degli apprendimenti in italiano e matematica.

TRAGUARDO

Garantire e rafforzare la partecipazione degli alunni alle prove standardizzate

Obiettivi di processo collegati

- Incrementare i rapporti SCUOLA-FAMIGLIA attraverso l'implementazione di strumenti di comunicazione efficienti (registro elettronico, sms, sito web)


Competenze chiave europee

PRIORITA'

spirito di iniziativa e imprenditorialità/auto-imprenditorialità

TRAGUARDO

attraverso il progetto triennale ASL favorire la piena occupazione degli studenti nelle aziende di settore

Obiettivi di processo collegati

- attivare strumenti per migliorare il monitoraggio delle azioni e forme di controllo in relazione alle priorità individuate.

- Allargare le reti di collaborazioni con il territorio e le altre istituzioni nonché con il contesto internazionale


PRIORITA'

imparare ad apprendere

TRAGUARDO

attraverso il "fair play" favorire il lavoro di squadra per il raggiungimento di un obiettivo comune

Obiettivi di processo collegati

- attivare strumenti per migliorare il monitoraggio delle azioni e forme di controllo in relazione alle priorità individuate.

- Favorire l’inclusione con particolare rilievo alle attività pratiche e alla didattica innovativa tramite l’utilizzo di tecnologie

- diffusione didattica multimediale e di apprendimento insieme con la promozione di relazioni didattiche e ambiente educativo più sereno e cooperativo


PRIORITA'

rafforzamento dell'etica professionale

TRAGUARDO

rispetto degli ambienti di lavoro e attrezzature, dell'ordine e della precisione nella fase di esecuzione

Obiettivi di processo collegati

- diffusione didattica multimediale e di apprendimento insieme con la promozione di relazioni didattiche e ambiente educativo più sereno e cooperativo


PRIORITA'

competenze digitali

TRAGUARDO

utilizzo della flipped classroom e didattica 3.0 anche negli altri indirizzi di studio

Obiettivi di processo collegati

- proseguire con le azioni di formazione dei docenti sulla didattica innovativa, inclusiva e sulle TIC

- attivare strumenti per migliorare il monitoraggio delle azioni e forme di controllo in relazione alle priorità individuate.

- potenziare la formazione informatica degli assistenti amministrativi finalizzandola alla completa informatizzazione delle procedure


Risultati a distanza

PRIORITA'

potenziamento della raccolta sistematica delle informazioni sui risultati degli studenti al termine del percorso scolastico

TRAGUARDO

predisposizione di un monitoraggio sistematico relativo ai dati del percorso in uscita degli studenti

Obiettivi di processo collegati

- attivare strumenti per migliorare il monitoraggio delle azioni e forme di controllo in relazione alle priorità individuate.

- realizzare strumenti che permettano di monitorare i risultati delle azioni di orientamento in uscita

- verificare gli esiti formativi a distanza attraverso un monitoraggio costante


MOTIVAZIONE SCELTA PRIORITA'

La scelta delle priorità è scaturita in parte dalla rilettura dei punti di debolezza emersi dall’autovalutazione degli esiti e in parte dal tentativo di compiere pienamente la mission dell’Istituto. La scelta nasce dalla consapevolezza che il sistema scolastico sia sempre al servizio dell'utenza: formare alunni che abbiano buone competenze di cittadinanza e competenze professionali facilmente spendibili nel mondo del lavoro.

Gli obiettivi di processo rappresentano una definizione operativa delle attività...
... su cui si intende agire concretamente per raggiungere le priorita' individuate. Essi costituiscono degli obiettivi operativi da raggiungere nel breve periodo (un anno scolastico) e riguardano una o piu' aree di processo. Si suggerisce di indicare l'area o le aree di processo su cui si intende intervenire e descrivere gli obiettivi che la scuola si prefigge di raggiungere a conclusione del prossimo anno scolastico (es. Promuovere una figura di docente tutor per supportare gli studenti in difficolta' del primo anno dell'indirizzo linguistico nella scuola secondaria di II grado; Individuare criteri di formazione delle classi che garantiscano equi-eterogeneita'; Utilizzare criteri di valutazione omogenei e condivisi per la matematica nella scuola primaria; Ridurre gli episodi di esclusione e i fenomeni di bullismo nella scuola secondaria di I grado; ecc.).

Obiettivi di processo

Curricolo, progettazione e valutazione

realizzare percorsi di apprendimento per innalzare i livelli delle prove INVALSI

Ambiente di apprendimento

diffusione didattica multimediale e di apprendimento insieme con la promozione di relazioni didattiche e ambiente educativo più sereno e cooperativo

Incrementare l'uso della didattica multimediale attraverso l'ampliamento delle classi 3.0 negli altri indirizzi

Inclusione e differenziazione

Favorire l’inclusione con particolare rilievo alle attività pratiche e alla didattica innovativa tramite l’utilizzo di tecnologie

Continuita' e orientamento

realizzare strumenti che permettano di monitorare i risultati delle azioni di orientamento in uscita

verificare gli esiti formativi a distanza attraverso un monitoraggio costante

Orientamento strategico e organizzazione della scuola

attivare strumenti per migliorare il monitoraggio delle azioni e forme di controllo in relazione alle priorità individuate.

Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane

proseguire con le azioni di formazione dei docenti sulla didattica innovativa, inclusiva e sulle TIC

potenziare la formazione informatica degli assistenti amministrativi finalizzandola alla completa informatizzazione delle procedure

Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie

Allargare le reti di collaborazioni con il territorio e le altre istituzioni nonché con il contesto internazionale

Favorire la partecipazione più ampia delle FAMIGLIE alla vita della scuola attraverso iniziative di apertura al territorio.

Incrementare i rapporti SCUOLA-FAMIGLIA attraverso l'implementazione di strumenti di comunicazione efficienti (registro elettronico, sms, sito web)

Contributo degli obiettivi di processo nel raggiungimento delle priorità