Indicatori Dettaglio
1.1 Popolazione scolastica

Opportunità

Il contesto socio-economico medio-alto facilita l'accesso degli studenti a strumenti di studio anche digitali e favorisce la loro partecipazione ad attività extrascolastiche qualificanti sul piano culturale. L'interesse delle famiglie per il percorso educativo dei figli sollecita la progettazione di varie attività curricolari ed extracurricolari.

Vincoli

Poiché le attese dei genitori in merito all'offerta formativa della scuola sono elevate, sono necessarie consistenti risorse economiche per realizzare attività sia curricolari (corsi potenziati) sia extracurricolari (corsi di preparazione alle certificazioni linguistiche, ai test di accesso alle facoltà universitarie, ecc.).

1.2 Territorio e capitale sociale

Opportunità

Il liceo Copernico è situato in un'area ad alto sviluppo economico, sede di università e di istituzioni che organizzano frequenti eventi di interesse socio-culturale, spunto per l'arricchimento della programmazione scolastica e per le iniziative di orientamento. L'integrazione di studenti di diversa provenienza geografica è facilitata da un buon clima di socializzazione e da varie attività extracurriculari (gruppo teatrale, gruppo musicale, gruppo sportivo, iniziative di volontariato, corsi di sostegno/recupero, ecc).

Vincoli

La struttura dell'edificio, nonostante la regolare attività di manutenzione, non è sempre funzionale alle esigenze della nuova offerta formativa e progettuale dell'Istituto. L'aumento del numero degli studenti ha determinato negli anni una sensibile riduzione degli spazi disponibili per la realizzazione di laboratori e palestre. L'ammodernamento e la manutenzione delle strutture richiederebbero maggiori disponibilità finanziarie.

1.3 Risorse economiche e materiali

Opportunità

La scuola, che serve un bacino di utenza molto ampio, è comodamente raggiungibile con i mezzi pubblici che la collegano alle stazione di bus, treni e metropolitana. L'istituto è costituito da tre edifici distinti, due dei quali occupati da segreterie, aule e laboratori, il terzo adibito a palestra. I tre edifici sono collocati in un'ampia area con parcheggio e spazi verdi arricchiti da zone di socializzazione/studio, realizzate grazie al contributo dell’Associazione Genitori. Tutti gli edifici sono dotati di scale di sicurezza esterne, di porte antipanico, di rampe, ascensori e di bagni per disabili. L'Istituto ha beneficiato in passato dei fondi ministeriali destinati alle scuole 2.0, che hanno permesso di dotare di pc i singoli docenti e di realizzare una rete wifi che copre tutti gli ambienti della scuola.

Vincoli

La manutenzione degli ambienti richiederebbe maggiori risorse economiche e più personale interno con competenze adeguate; vari interventi sono stati possibili solo grazie alla collaborazione dei genitori. Alcuni spazi nel sotterraneo (ex archivio della provincia) potrebbero essere valorizzati, ma, nonostante le richieste, non sono stati ancora messi a norma. La manutenzione degli apparati informatici e dei dispositivi tecnologici richiederebbe più figure professionali qualificate e maggiori risorse economiche. I fondi della scuola, utilizzati quasi esclusivamente per la manutenzione, non consentono l'estensione del parco macchine dei laboratori.

1.4 Risorse professionali

Opportunità

Il corpo docente, sostanzialmente stabile, presenta una bassa percentuale di assenze. Tale continuità consente un confronto costruttivo e una efficace organizzazione delle attività didattiche. Negli ultimi anni sono stati realizzati corsi di aggiornamento sull'utilizzo delle nuove tecnologie per implementare le competenze informatiche dei docenti. Pur non essendo ancora molto diffuse le certificazioni linguistiche, alcuni docenti svolgono brevi moduli C.LIL. in diverse classi. Tutto il personale è in possesso della certificazione sulla sicurezza.

Vincoli

Nonostante l'interesse dei docenti e i risultati positivi raggiunti con una didattica che utilizza anche i nuovi strumenti digitali, si riscontrano vincoli e difficoltà di natura tecnica (carenza di fondi per il rinnovo degli strumenti informatici e per la realizzazione di aule digitali).

    Autovalutazione Indicatori Dettaglio
2.1 Risultati scolastici

Punti di forza

Il numero di studenti non ammessi alla classe successiva è in linea con media regionale e provinciale, ma lievemente superiore a quella nazionale. Dal terzo anno il numero dei non ammessi alla classe successiva diminuisce rispetto alla media provinciale, regionale e nazionale. Alcune sezioni raggiungono risultati di eccellenza soprattutto nelle classi di potenziamento costituite da studenti fortemente motivati. Le votazioni all'Esame di Stato sono decisamente superiori sia alla media locale che a quella regionale, mentre il tasso di abbandono e di trasferimento in corso d'anno è inferiore alle medie di riferimento. I trasferimenti in uscita sono più numerosi nelle classi prime e terze, quelli in entrata sono più frequenti nelle classi terze. La scuola propone agli studenti in difficoltà delle classi prime un percorso di rimotivazione/riorientamento assistito da uno psicologo. Le ore di potenziamento e di completamento cattedra sono in parte destinate ad un progetto specifico di recupero in itinere.

Punti di debolezza

II percorso di riorientamento trova forti limitazioni a causa della scarsa disponibilità di altri istituti scolastici ad accogliere nuovi studenti ad anno scolastico iniziato.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola portano avanti regolarmente il loro percorso di studi, lo concludono e conseguono risultati soddisfacenti agli esami finali.

Rubrica di valutazione

5- Positiva

Motivazione

2.2 Risultati nelle prove standardizzate nazionali

Punti di forza

I risultati delle prove nazionali di matematica sono superiori alla media nazionale e regionale. Le disparità sia interne alle classi che tra classi parallele di sezioni diverse sono modeste. Nella prova di italiano il livello rimane superiore alla media nazionale ma leggermente inferiore rispetto alla media regionale. La disparità interna e con altre sezioni è limitata ad alcune classi.

Punti di debolezza

Non si rilevano elementi significativi da segnalare.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola raggiungono livelli di apprendimento soddisfacenti in italiano e matematica in relazione ai livelli di partenza e alle caratteristiche del contesto.

Rubrica di valutazione

5- Positiva

Motivazione

Il punteggio in matematica nelle prove INVALSI è decisamente superiore a quello di scuole con background socio- economico e culturale simile. In Italiano il punteggio è lievemente inferiore in alcune classi. La variabilità tra classi in italiano e matematica è in linea o di poco inferiore alla media della scuola.

2.3 Competenze chiave europee

Punti di forza

Rientra tra gli obiettivi principali esplicitati nel PTOF e nel patto di corresponsabilità il conseguimento delle competenze chiave "di cui tutti hanno bisogno per la realizzazione e lo sviluppo personali, la cittadinanza attiva, l'inclusione sociale e l'occupazione" (Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio "Relativa a competenze chiave per l'apprendimento permanente", 2006) . L'Istituto stimola la partecipazione attiva degli studenti attraverso attività curricolari ed extracurricolari che promuovono l'acquisizione delle competenze chiave di cittadinanza. Il livello raggiunto in tale ambito risulta soddisfacente. La scuola valorizza la costruzione della identità attraverso la diffusione di valori comuni quali la legalità, la dignità della persona, la convivenza democratica, il rispetto della diversità.

Punti di debolezza

Si rende necessaria l'individuazione di criteri e strumenti di misurazione adeguati alla valutazione delle competenze chiave e di cittadinanza.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola acquisiscono livelli soddisfacenti nelle competenze sociali e civiche, nell'imparare a imparare, nelle competenze digitali e nello spirito di iniziativa e imprenditorialità.

Rubrica di valutazione

6-

Motivazione

La maggior parte degli studenti raggiunge una adeguata autonomia nell'organizzazione dello studio e nell'autoregolazione dell'apprendimento. La scuola adotta criteri comuni per la valutazione del comportamento e delle competenze chiave di cittadinanza. Non si rilevano comportamenti problematici.

2.4 Risultati a distanza

Punti di forza

La maggior parte dei nostri studenti (90,7%) prosegue negli studi universitari in tutte le aree, con particolare predilezione per l'area scientifica e sanitaria. I risultati ottenuti nei primi due anni post-diploma sono molto positivi e sempre sopra le medie di riferimento. Ogni anno alcuni studenti particolarmente meritevoli accedono a scuole universitarie di eccellenza sia italiane che straniere.

Punti di debolezza

Non vi sono elementi significativi da segnalare.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti in uscita dalla scuola hanno successo nei successivi percorsi di studio e di lavoro.

Rubrica di valutazione

7- Eccellente

Motivazione

Il numero di immatricolati all'università è superiore alla media provinciale e regionale (90.7 %). I risultati raggiunti dagli studenti immatricolati all'università sono molto positivi, come si evince dalle tabelle dei CFU conseguiti nei primi due anni. Le attività dei percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento (PCTO) hanno contribuito a rendere più consapevole la scelta universitaria.

    Autovalutazione Indicatori Dettaglio
3.1 Curricolo, progettazione e valutazione

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola propone un curricolo aderente alle esigenze del contesto, progetta attivita' didattiche coerenti con il curricolo, valuta gli studenti utilizzando criteri e strumenti condivisi.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

Nonostante la scuola abbia elaborato un proprio curricolo e siano stati definiti i profili di competenze per le varie discipline e anni di corso, la progettazione didattica periodica viene realmente condivisa da un numero limitato di insegnanti. I docenti fanno riferimento a criteri di valutazione comuni definiti a livello di istituto e di dipartimento, anche se solo in alcuni casi utilizzano prove standardizzate comuni per la valutazione. L'attività di recupero e sostegno viene realizzata in modo sistematico.

3.2 Ambiente di apprendimento

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola cura gli aspetti organizzativi, metodologici e relazionali dell'ambiente di apprendimento.

Situazione della scuola

6-

Motivazione

Nonostante l'organizzazione di spazi e tempi risponda alle esigenze di apprendimento degli studenti, i laboratori, le dotazioni tecnologiche e la biblioteca non sono adeguatamente utilizzati da tutte le classi. Dal momento che le regole di comportamento sono definite e condivise in tutte le classi e le relazioni tra studenti e tra studenti e insegnanti sono positive, le situazioni problematiche sono rare e comunque gestite in modo efficace.

3.3 Inclusione e differenziazione

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola cura l'inclusione degli studenti con bisogni educativi speciali, valorizza le differenze culturali, adegua l'insegnamento ai bisogni formativi di ciascuno studente attraverso percorsi di recupero e potenziamento.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

3.4 Continuita' e orientamento

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola garantisce la continuita' dei percorsi scolastici e cura l'orientamento personale, scolastico e professionale degli studenti.

Situazione della scuola

6-

Motivazione

3.5 Orientamento strategico e organizzazione della scuola

Punti di Forza:

Le finalità dell'Istituto sono definite nel PTOF, condivise nella Comunità scolastica (Collegio dei Docenti, Consiglio d'Istituto, Personale della Scuola, Alunni e Genitori ). Il PTOF è pubblicato sul sito della Scuola e sul sito MIUR "Scuola in chiaro". L'Istituto, ben inserito nel territorio, ha visto crescere negli anni il numero di studenti. L'identità culturale dell'Istituto è apprezzata dalle famiglie, che partecipano in maniera propositiva. Il monitoraggio dei risultati si svolge mediante la somministrazione di questionari di gradimento rivolti ad alunni, genitori e personale della scuola. elaborazione statistica. Tali questionari intendono valutare l'efficacia dell'attività didattica, dei progetti di ampliamento dell'offerta formativa e dell'organizzazione generale della scuola. ORGANIGRAMMA Collaboratori del D.S (2); Funzioni Strumentali (5) e apposite commissioni; Coordinatori di classe (61); Coordinatori di dipartimento (8); Referente per l'inclusività (1) coadiuvato dalla commissione; Referente degli interventi didattici e di recupero (1); Referenti PCTO (2) ; Referenti mobilità internazionale(1); Orientamento in Ingresso (1); Accoglienza (1); Comitato paritetico; gruppo RAV; Team Scuola Digitale; Referente per l'educazione alla salute (1) con relativo gruppo di lavoro; Commissione di valutazione dei progetti; Commissione per l'elaborazione e la valutazione delle prove comuni; Commissione PTOF, Referente bullismo e cyberbullismo; Referente de-materializzazione e informatizzazione. Il FIS è destinato per il 27,5% alle attività del personale non docente e per la parte restante alle attività del personale Docente. Le assenze del personale ATA e Docente sono gestite come da normativa. II piano delle attività del personale ATA, a seguito di accordi interni, definisce in modo preciso responsabilità e compiti. Le risorse economiche disposte nel programma annuale sono finalizzate alla realizzazione del Piano dell’Offerta Formativa. La spesa media è circa 12.000 euro per progetto con una ricaduta di spesa media per studente di circa 70 euro. I progetti prioritari riguardano i seguenti ambiti: abilità linguistiche e di lettura (biblioteca); abilità logico-matematiche e scientifiche; prevenzione del disagio e inclusione (soggetti svantaggiati, diversamente abili, con cittadinanza non italiana, DSA). Una consistente parte delle risorse economiche destinate al personale Docente è utilizzata per i corsi di recupero e sostegno.

Punti di Debolezza

Le modalità di assunzione del personale assistente tecnico non sono sempre adeguate alle necessità della realtà scolastica, che richiede processi di informatizzazione sempre più complessi e diffusi. La gestione dei collaboratori scolastici è molto complessa anche a causa della presenza di imprese esterne di pulizia, il cui personale non è direttamente gestito dalla scuola. Inoltre numerosi collaboratori scolastici sono stati giudicati dal medico competente (nominato ai sensi del D.Lvo 81/2008) inidonei o idonei solo parzialmente ai compiti previsti dal mansionario. A causa dell'incongruenza temporale tra anno scolastico e anno finanziario, a volte è necessario operare in variazione sul Programma Annuale. La progressiva riduzione delle risorse economiche erogate dagli organi istituzionali limita l'attività progettuale e rende necessario il sostegno delle famiglie.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola definisce la propria missione e la visione, monitora in modo sistematico le attività che svolge, individua ruoli di responsabilita' e compiti per il personale in modo funzionale e utilizza in modo adeguato le risorse economiche.

Situazione della scuola

6-

Motivazione

3.6 Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane

Punti di Forza:

La scuola ha promosso negli anni iniziative interne di formazione per l'utilizzo delle nuove tecnologie nella didattica. L'adesione dei docenti a tali attività ha favorito la diffusione di strumenti multimediali e informatici in numerose classi. Inoltre un buon numero di docenti ha partecipato alle iniziative di formazione organizzate in rete con altri istituti per il conseguimento delle certificazioni linguistiche necessarie allo svolgimento dei CLIL. Nel 2017-18 la scuola ha organizzato e finanziato un corso di formazione sulla valutazione e sull'utilità delle prove comuni per classi parallele. Nel 2018-19 sono stati organizzati anche corsi sulla privacy, sicurezza e primo soccorso per tutto il personale. Alcuni docenti hanno partecipato a incontri di formazione sul nuovo Esame di Stato (prove scritte e colloquio) in aggiunta alla formazione di servizio dell’UST e di altri Enti Gli attestati di partecipazione ai corsi di formazione e aggiornamento sono raccolti nei fascicoli personali dei docenti. La scuola favorisce la costituzione di gruppi di lavoro sia disciplinari che interdisciplinari basati su adesione spontanea e/o su tematiche proposte dal Collegio dei docenti. In alcuni casi sono stati prodotti materiali utilizzabili all'interno dell'Istituto. La Scuola dispone di una piattaforma basata su Google apps che consente la condivisione di strumenti e materiali.

Punti di Debolezza

La condivisione avviene generalmente all'interno di gruppi spontanei di lavoro ma non tra tutti i docenti. D'altra parte, dai questionari di gradimento non emerge l'esigenza di una condivisione più ampia. Poiché la scuola non dispone ancora del curriculum degli insegnanti, non è facile individuare le competenze specifiche di ciascun docente ai fini dell'attribuzione di incarichi funzionali. La compilazione volontaria del questionario per l'attribuzione del bonus per la valorizzazione del merito (stilato dal Comitato di Valutazione) coinvolge solo una parte dei docenti.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola valorizza le risorse professionali, promuove percorsi formativi di qualita' e incentiva la collaborazione tra pari.

Situazione della scuola

4-

Motivazione

Le iniziative proposte dalla scuola non sempre soddisfano i bisogni formativi dei docenti, anche a causa della scarsità di risorse economiche. I gruppi di lavoro, su base volontaria, sono ancora limitati e il materiale prodotto viene scarsamente condiviso, nonostante la presenza di piattaforme digitali per la condivisione didattica. Più in generale, lo scambio e il confronto professionale tra docenti è presente ma ancora poco diffuso.

3.7 Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie

Punti di Forza:

La Scuola partecipa a reti territoriali per migliorare le competenze professionali, didattiche e linguistiche dei docenti. La Scuola collabora con le autorità competenti (Prefettura, Polizia e Tribunale) in iniziative di prevenzione e di educazione alla legalità. Per la realizzazione del PCTO, sono previste collaborazioni con vari enti (Ospedali, Università, Camera di Commercio ecc.), che concorrono allo sviluppo delle competenze di Cittadinanza e all'orientamento. La partecipazione degli studenti a concorsi vari (Olimpiadi, certamina ecc.) valorizza le eccellenze e offre occasioni di realizzazione personale. La scuola dispone del registro elettronico e trasmette le comunicazioni e le circolari all'indirizzo email istituzionale fornito a genitori e studenti all'atto dell'iscrizione. Il Liceo favorisce la partecipazione attiva delle famiglie, che condividono il Patto di corresponsabilità educativa. Nell'istituto è attivo da anni un Comitato genitori, che collabora alla manutenzione degli edifici e organizza annualmente lo scambio dei libri di testo usati (progetto Copelibri). Il "Gruppo manutentori", costituito da alcuni genitori, attua interventi per contrastare il deterioramento degli ambienti scolastici e provvede talvolta alla manutenzione del giardino.

Punti di Debolezza

Le elezioni per la nomina degli organi collegiali registrano una modesta affluenza. E' bassa anche la percentuale dei genitori che compilano il questionario annuale di gradimento.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola svolge un ruolo propositivo nella promozione di politiche formative territoriali e coinvolge le famiglie nella definizione dell'offerta formativa e nella vita scolastica.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

  Dettaglio
Le priorita' si riferiscono agli obiettivi generali che la scuola si prefigge di...

... realizzare nel lungo periodo attraverso l'azione di miglioramento. Le priorita' che la scuola si pone devono necessariamente riguardare gli esiti degli studenti. Si suggerisce di specificare quale delle quattro aree degli Esiti si intenda affrontare (Risultati scolastici, Risultati nelle prove standardizzate nazionali, Competenze chiave europee, Risultati a distanza) e di articolare all'interno quali priorita' si intenda perseguire (es. Diminuzione dell'abbandono scolastico nel primo anno di secondaria di II grado; Riduzione della variabilita' fra le classi; Sviluppo delle competenze sociali degli studenti di secondaria di I grado, ecc.). Si suggerisce di individuare un numero limitato di priorita' (1 o 2 per scuola) selezionandole all’interno di una stessa area o al massimo di due aree degli Esiti degli studenti. I traguardi sono di lungo periodo e riguardano i risultati attesi in relazione alle priorita'. Si tratta di risultati previsti a lungo termine (3 anni). Essi articolano in forma osservabile e/o misurabile i contenuti delle priorita' e rappresentano le mete verso cui la scuola tende nella sua azione di miglioramento. Per ogni priorita' individuata deve essere articolato il relativo traguardo di lungo periodo. Essi pertanto sono riferiti alle aree degli Esiti degli studenti (es. in relazione alla priorita' strategica "Diminuzione dell'abbandono scolastico nel primo anno di secondaria di II grado", il traguardo di lungo periodo puo' essere definito come "Rientrare nella media di abbandoni regionali pari al 4%, e precisamente portare gli abbandoni della scuola al di sotto del 4%"). E' opportuno evidenziare che per la definizione del traguardo che si intende raggiungere non e' sempre necessario indicare una percentuale, ma una tendenza costituita da traguardi di riferimento a cui la scuola mira per migliorare, ovvero alle scuole o alle situazioni con cui e' opportuno confrontarsi

Priorità e Traguardi

Risultati scolastici

PRIORITA'

Ridurre la variazione dei risultati scolastici tra classi parallele nelle diverse sezioni.

TRAGUARDO

Si propone di ridurre tale variazione del 5% rispetto alla situazione attuale.

Obiettivi di processo collegati

- incrementare e diffondere le buone pratiche didattiche anche attraverso l'uso delle nuove tecnologie.

- consolidare la predisposizione delle prove comuni curricolari da parte dei dipartimenti disciplinari. definire i tempi e le modalità opportune per somministrare tali prove per classi parallele con griglie di correzione comuni.

- condivisipone della progettazione didattica e della collaborazione interdisciplinare ad ogni livello


Competenze chiave europee

PRIORITA'

Potenziamento delle capacità comunicative nelle principali lingue europee

TRAGUARDO

Aumento del numero di studenti che si iscrivono a corsi di preparazione alle certificazioni linguistiche (+ 5%)

Obiettivi di processo collegati

- incrementare e diffondere le buone pratiche didattiche anche attraverso l'uso delle nuove tecnologie.


PRIORITA'

Potenziamento delle competenze digitali

TRAGUARDO

Allestimento di un'aula multimediale per favorire la nuova didattica digitale

Obiettivi di processo collegati

- incrementare e diffondere le buone pratiche didattiche anche attraverso l'uso delle nuove tecnologie.


MOTIVAZIONE SCELTA PRIORITA'

Gli obiettivi di processo rappresentano una definizione operativa delle attività...
... su cui si intende agire concretamente per raggiungere le priorita' individuate. Essi costituiscono degli obiettivi operativi da raggiungere nel breve periodo (un anno scolastico) e riguardano una o piu' aree di processo. Si suggerisce di indicare l'area o le aree di processo su cui si intende intervenire e descrivere gli obiettivi che la scuola si prefigge di raggiungere a conclusione del prossimo anno scolastico (es. Promuovere una figura di docente tutor per supportare gli studenti in difficolta' del primo anno dell'indirizzo linguistico nella scuola secondaria di II grado; Individuare criteri di formazione delle classi che garantiscano equi-eterogeneita'; Utilizzare criteri di valutazione omogenei e condivisi per la matematica nella scuola primaria; Ridurre gli episodi di esclusione e i fenomeni di bullismo nella scuola secondaria di I grado; ecc.).

Obiettivi di processo

Curricolo, progettazione e valutazione

consolidare la predisposizione delle prove comuni curricolari da parte dei dipartimenti disciplinari. definire i tempi e le modalità opportune per somministrare tali prove per classi parallele con griglie di correzione comuni.

condivisipone della progettazione didattica e della collaborazione interdisciplinare ad ogni livello

Ambiente di apprendimento

incrementare e diffondere le buone pratiche didattiche anche attraverso l'uso delle nuove tecnologie.

Contributo degli obiettivi di processo nel raggiungimento delle priorità