Indicatori Dettaglio
1.1 Popolazione scolastica

Opportunità

L'omogeneita' sociale e territoriale dell'utenza facilita la progettazione e la comunicazione. Nel corso degli ultimi anni è andato aumentando il numero delle situazioni di disabilità e dei disturbi evolutivi di vario tipo, sia in termini assoluti che per classe, facendo crescere la dimensione inclusiva della nostra scuola. L'incidenza degli studenti con cittadinanza non italiana e' bassa. Gli studenti stranieri non sono di recente immigrazione e risultano ben inseriti nel contesto scolastico e non vi e' necessità di prevedere corsi di alfabetizzazione.

Vincoli

L'elevato numero di scuole medie di provenienza, con le inevitabili differenze nell'impostazione e nei livelli di preparazione di base, richiede grande impegno nell'organizzare il lavoro e nell'omogeneizzazione dei pre-requisiti. Gli studenti sono in maggioranza pendolari ed incontrano qualche difficoltà ad arrivare puntuali all'inizio delle lezioni e nel partecipare alle attività extrascolastiche. L’elevato numero di alunni con disabilità e con disturbi evolutivi richiede particolari azioni organizzative e di intervento didattico.

1.2 Territorio e capitale sociale

Opportunità

L’IIS MUNARI si trova a Crema, è costituito da due sedi. Nella sede centrale di via Piacenza si trovano l’ufficio di Presidenza e la segreteria; in essa sono collocati il Liceo Artistico e l’Istituto Tecnico di grafica e comunicazione. In Largo Falcone e Borsellino, situato in una zona più centrale di Crema, sono collocati il Liceo delle Scienze Umane e il Liceo delle Scienze Umane opzione Economico Sociale. Il territorio cremasco è un’area socio-economica che ha la città di Crema come proprio riferimento, poiché è sede di varie realtà imprenditoriali di notevole importanza, dimostrando di aver saputo coniugare la sapiente capacità della tradizione con l’innovazione tecnologica. L’IIS MUNARI, in quanto polo Liceale neo-costituito unitamente all’Istituto Tecnico, svolge ancor più un ruolo di stimolo, di progettazione e di realizzazione di opere e progetti in collaborazione con associazioni o altre scuole del territorio, che erogano borse di studio agli studenti e consentono una significativa progettualità nelle materie d'indirizzo. L'attivazione dei progetti vuole definire un'offerta formativa sempre più qualificata, in grado di sostenere i processi di autonomia e di integrare i processi formativi. Se da un lato il tessuto dell'associazionismo culturale privato si interfaccia significativamente con le scuole, dal canto loro le amministrazioni pubbliche offrono supporto per le attività di potenziamento dell’attività formativa, oltre che di orientamento e di ri-orientamento.

Vincoli

Il territorio risente della crisi economica ed ha subito un processo di deindustrializzazione iniziato negli anni novanta. La popolazione studentesca proviene da un bacino molto vasto e spesso anche da fuori provincia (Lodi, Milano, Brescia, Bergamo, Mantova)ed in qualche caso anche fuori regione (Piacenza). Le contrazioni della spesa per l'istruzione non permettono una programmazione di lungo periodo su risorse finanziarie affidabili. Il contributo dell'ente locale di riferimento (Provincia) e' quasi nullo. Esso non provvede piu' alla manutenzione degli stabili ed alla fornitura dell'arredamento. Nel corso dell’a.s. 2018-2019 L’IIS Munari ha gestito un’ulteriore nuovo dimensionamento, con l’accorpamento del Liceo delle Scienze Umane, che ha comportato un significativo impegno di risorse di vario genere.

1.3 Risorse economiche e materiali

Opportunità

Le condizioni socioeconomiche dell'utenza della scuola permettono di richiedere contributi alle famiglie per i viaggi d'istruzione e attivita' facoltative. Le risorse, sempre piu' esigue quelle ministeriali, sono integrate da erogazioni delle famiglie e da contributi diversi. L'allocazione delle risorse e' particolarmente oculata e finalizzata sia al potenziamento dei beni materiali sia al perseguimento del successo formativo degli studenti. Il sito dell'istituto appena rinnovato, è ricco e di agevole consultazione. Sono ben sfruttate le nuove tecnologie sia nell'ambito amministrativo/gestionale sia per la comunicazione alle famiglie.

Vincoli

La struttura della sede di via Piacenza non presenta particolari problematiche, tranne il numero degli spazi che sono ormai completamente occupati vista la crescita degli studenti iscritti all'IIS avvenuta negli ultimi anni. Inoltre il numero di laboratori presenti e'sottodimensionato a causa della carenza di spazi disponibili. Non si dispone di una palestra. Gli spostamenti in strutture attrezzate richiedono un significativo dispendio di tempo e di risorse. Il recente dimensionamento ha richiesto un notevole investimento economico al fine di adeguare la struttura di Largo Falcone agli standard della sede di via Piacenza (rete wifi, LIM in tutte le classi, dotazioni informatiche). Il recente dimensionamento ha richiesto un’ulteriore revisione del sito, con conseguente dispendio di energie.

1.4 Risorse professionali

Opportunità

Il personale è rimasto sostanzialmente stabile nel Liceo Artistico; nell’Istituto Tecnico sono ancora presenti molti docenti supplenti, che però contribuiscono a portare nuove opportunità per l’intero istituto. L’ingresso delle Scienze Umane ha introdotto sia docenti storici dell’indirizzo, ma anche nuove valide figure professionali, che hanno potenziato la qualità del corpo docente. L’elevata professionalità docente permette di ampliare l’offerta formativa anche in relazione a particolari bisogni dell’utenza. Alcuni docenti svolgono attività artistica o professionale all’esterno della scuola.

Vincoli

Il frequente avvicendarsi del corpo docente richiede, però, un tempo fisiologico e l’attivazione di specifiche attività per accrescere il senso di identità e di appartenenza dell’IIS Munari. Per diversi docenti sono necessarie ancora specifici interventi formativi relativi al proprio ambito disciplinare, così come a livello informatico e linguistico.

    Autovalutazione Indicatori Dettaglio
2.1 Risultati scolastici

Punti di forza

La scuola sostiene il percorso scolastico di tutti gli studenti ed ha un numero di non ammessi inferiore a tutti gli altri parametri di riferimento. Il maggior numero di non ammessi si concentra nel biennio propedeutico. Le sospensioni sono in linea con i dati di benchmark. I criteri di valutazione adottati dalla scuola assicurano il successo formativo degli studenti. Relativamente ridotti sono i debiti formativi assegnati nelle discipline di indirizzo. La scuola evidenzia una significativa capacità di recuperare alunni in difficoltà. Analizzando la distribuzione degli studenti per fascia di voto conseguito all'Esame di Stato, una parte consistente si colloca nelle fasce più alte. Gli abbandoni del percorso scolastico sono molto bassi (normalmente rivolti verso scuole tecniche o professionali a seguito di riorientamento ed ampiamente compensati dai flussi in entrata di studenti provenienti da altri licei).

Punti di debolezza

I debiti formativi negli anni intermedi si concentrano in alcune discipline quali inglese o matematica in tutti i corsi oltre che latino nel Liceo delle Scienze Umane. Restano alcune criticità nel triennio dell’istituto Tecnico.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola portano avanti regolarmente il loro percorso di studi, lo concludono e conseguono risultati soddisfacenti agli esami finali.

Rubrica di valutazione

6-

Motivazione

La scuola sostiene il percorso scolastico di tutti gli studenti ed ha un numero di ammessi alla classe successiva sostanzialmente sempre superiore a tutti gli altri parametri di riferimento sia provinciali che regionali che nazionali. Il maggior numero di non ammessi si concentra nel livello propedeutico, gli abbandoni sono modesti ed in genere giustificati. La scuola raccoglie studenti provenienti da altri Licei. Il numero di studenti sospesi è sostanzialmente in linea con i parametri di riferimento. I criteri di valutazione adottati dalla scuola assicurano il successo formativo degli studenti. Analizzando la distribuzione degli studenti per fascia di voto conseguito all'Esame di Stato, nel Liceo Artistico una parte consistente si colloca nelle fasce più alte a riprova dell'elevato livello di competenze acquisite. Quasi il 45% degli studenti raggiunge una votazione superiore ad 80/100 rispetto al 31% del livello nazionale e 28% del livello lombardo. Solo il 3% raggiunge una votazione pari alla votazione minima (60/100) rispetto al 8% della Lombardia e il 7% dell'italia. Per quanto concerne l’istituto tecnico il 50% degli alunni ha raggiunto una votazione superiore ai 70 centesimi.

2.2 Risultati nelle prove standardizzate nazionali

Punti di forza

La scuola tende ad assicurare l'acquisizione dei livelli essenziali delle competenze per tutti gli studenti anche se con molta difficoltà di risultati delle prove standardizzate nazionali. Tuttavia il cheating è modesto. Gli esiti delle prove INVALSI sono mediamente uniformi nelle varie classi. Rilevante tuttavia è stato lo sforzo per migliorare gli apprendimenti degli alunni cercando di dare motivazioni adeguate per il sostenimento delle prove INVALSI, proseguito anche nell'anno in corso.

Punti di debolezza

Risultati quasi in linea nelle prove di Italiano e non altrettanto nelle prove di matematica rispetto ai dati lombardi e nazionali. Risultati tuttavia positivi se confrontati a scuole con contesto socio-economico e culturale simile. Questi risultati sono dovuti presumibilmente ad una programmazione dipartimentale non efficace per la tipologia di verifica richiesta e che non appare pienamente in linea con le richieste dei test. In genere i livelli di partenza degli alunni provenienti dalla scuola secondaria di primo grado sono modesti e richiedono un notevole intervento di ripresa dei pre-requisiti necessari per affrontare il biennio.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola raggiungono livelli di apprendimento soddisfacenti in italiano e matematica in relazione ai livelli di partenza e alle caratteristiche del contesto.

Rubrica di valutazione

4-

Motivazione

Premesso che i dati non sono immediatamente confrontabili a causa del precedente dimensionamento in linea generale si rileva che nel liceo artistico il punteggio di italiano e di matematica della scuola alle prove INVALSI e' migliore di quello delle scuole con background socio-economico e culturale simile a livello nazionale. Viceversa il punteggio di italiano e matematica della scuola alle prove INVALSI e' mediamente inferiore rispetto a quello delle scuole lombarde e nazionali. Risultati tuttavia positivi se confrontati a scuole con contesto socio-economico e culturale simile. I docenti di matematica, pur evidenziando che le richieste del test sono solo parzialmente in linea con l'attività curricolare svolta, sono consapevoli della debolezza.

2.3 Competenze chiave europee

Punti di forza

La scuola valuta le competenze chiave di cittadinanza considerandoli essenziali nella formazione del cittadino. La scuola attua numerosi progetti rivolti alla costruzione del senso di legalità, allo sviluppo dell'etica e di valori in linea con i principi costituzionali. A questo proposito aderisce anche a reti di scuole. La scuola adotta criteri di valutazione comuni per l'assegnazione del voto di comportamento deliberati in collegio docenti e considera anche la capacità degli studenti di autoregolarsi nella gestione dello studio. Alcuni indirizzi dell’IIS Munari hanno modo di acquisire competenze digitali anche ad alto livello in quanto di stretta pertinenza ai relativi piani di studi.

Punti di debolezza

Negli indirizzi che non hanno stretta pertinenza con le competenze digitali sono da potenziare attività utili all’acquisizione delle stesse. Relativamente alle competenze di cittadinanza e Costituzione vanno meglio individuati strumenti utili alla loro valutazione.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola acquisiscono livelli soddisfacenti nelle competenze sociali e civiche, nell'imparare a imparare, nelle competenze digitali e nello spirito di iniziativa e imprenditorialità.

Rubrica di valutazione

6-

Motivazione

Il livello delle competenze chiave e di cittadinanza raggiunto dagli studenti e' buono anche grazie ai numerosi interventi didattici trasversali e progettuali condotti dai docenti delle diverse discipline e da enti esterni; le competenze sociali e civiche sono adeguatamente sviluppate (collaborazione tra pari, responsabilita' e rispetto delle regole). La maggior parte degli studenti raggiunge una adeguata autonomia nell'organizzazione dello studio e nell'autoregolazione dell'apprendimento. Non sono presenti concentrazioni anomale di comportamenti problematici in specifiche sezioni o indirizzi di scuola dei Licei. Problematica la gestione di alcune classi del corso ITIS "Grafica e Comunicazione". La scuola adotta criteri comuni per la valutazione del comportamento, ma non ha ancora definito specifici strumenti per valutare il raggiungimento delle competenze chiave e di cittadinanza degli studenti soprattutto laddove non rientri nelle attività curricolari.

2.4 Risultati a distanza

Punti di forza

Buona parte degli studenti del Liceo Artistico prosegue gli studi in Accademia. Una percentuale più ridotta si rivolge a percorsi universitari differenti. In entrambi i casi i crediti universitari conseguiti dagli studenti nel biennio sono generalmente superiori ai livelli di benchmark a dimostrazione di un raggiungimento significativo di competenze e metodologie di studio. Relativamente al Liceo Artistico buona parte degli alunni prosegue gli studi in Accademia o in Università. Per quanto riguarda il Liceo delle Scienze Umane e quello Economico Sociale il percorso è variegato nei diversi indirizzi di studio.

Punti di debolezza

Si attua ancora un curricolo poco articolato e poco flessibile. Le competenze acquisite durante il percorso scolastico superiore non sempre sono allineate alle richieste per l'inserimento nel mondo del lavoro e ne rendono difficile una collocazione immediata anche se la scuola è sostanzialmente in linea con il benchmark nel triennio considerato. La scuola non monitora in maniera sistematica i risultati degli studenti nei successivi percorsi di studio e di avviamento al mondo del lavoro (stage, formazione non universitaria, ecc.) e il loro inserimento nel mercato del lavoro.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti in uscita dalla scuola hanno successo nei successivi percorsi di studio e di lavoro.

Rubrica di valutazione

4-

Motivazione

La scuola non monitora in maniera sistematica i risultati degli studenti nei successivi percorsi di studio e di avviamento al mondo del lavoro (stage, formazione non universitaria, ecc.) e il loro inserimento nel mercato del lavoro. Il numero di immatricolati all'universita' comprensiva degli iscritti in accademia o in Università e' in linea alla media provinciale e regionale. I risultati raggiunti dagli studenti immatricolati all'universita' sono buoni. I crediti universitari conseguiti dagli studenti immatricolati è superiore alle medie di riferimento e pertanto la preparazione di base degli studenti risulta essere più che buona. Qualche difficoltà permane nell'inserimento nel mondo del lavoro pur rimanendo in linea con le medie provinciali, regionali e nazionali.

    Autovalutazione Indicatori Dettaglio
3.1 Curricolo, progettazione e valutazione

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola propone un curricolo aderente alle esigenze del contesto, progetta attivita' didattiche coerenti con il curricolo, valuta gli studenti utilizzando criteri e strumenti condivisi.

Situazione della scuola

4-

Motivazione

La scuola ha definito alcuni aspetti del proprio curricolo, rimandando per gli altri aspetti a quanto previsto nei documenti ministeriali di riferimento. Le attivita' di ampliamento dell'offerta formativa sono inserite nel progetto educativo di scuola. Gli obiettivi e le abilità/competenze da raggiungere con queste attivita' sono definiti in modo chiaro. Nella scuola i dipartimenti disciplinari si occupano della progettazione didattica e dei criteri di valutazione , che pertanto risultano condivisi. Invece si rimanda a ciascun docente la progettazione delle singole unità di apprendimento. In alcune discipline la scuola utilizza prove comuni per la valutazione degli studenti, anche se non realizza in modo sistematico interventi specifici a seguito degli esiti ottenuti.

3.2 Ambiente di apprendimento

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola cura gli aspetti organizzativi, metodologici e relazionali dell'ambiente di apprendimento.

Situazione della scuola

6-

Motivazione

L'organizzazione di spazi e tempi risponde alle esigenze di apprendimento degli studenti. Gli spazi laboratoriali esistenti non sono sufficienti per essere fruiti da più ambiti disciplinari. La scuola incentiva l'utilizzo di modalità didattiche innovative. Gli studenti lavorano in gruppi, utilizzano le nuove tecnologie, realizzano ricerche o progetti. La scuola promuove le competenze trasversali attraverso la realizzazione di attività relazionali e sociali. Le regole di comportamento sono definite e condivise nelle classi. Le relazioni tra studenti e tra studenti e insegnanti sono positive. I conflitti con gli studenti, quando presenti, sono rari e gestiti in modo efficace.

3.3 Inclusione e differenziazione

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola cura l'inclusione degli studenti con bisogni educativi speciali, valorizza le differenze culturali, adegua l'insegnamento ai bisogni formativi di ciascuno studente attraverso percorsi di recupero e potenziamento.

Situazione della scuola

7- Eccellente

Motivazione

Le attività' realizzate dalla scuola per gli studenti che necessitano di inclusione sono efficaci per la maggioranza degli studenti destinatari delle azioni di differenziazione. E' presente un rilevante numero di ragazzi con disabilità, DSA e BES che, grazie ad interventi ben individualizzati, riescono ad esprimere al meglio le loro potenzialità; le attività svolte sono di buona qualità. Nelle attività' di inclusione sono attivamente coinvolti tutti i soggetti (docenti curricolari, di sostegno, famiglie, assistenti sociali, enti locali, associazioni, neuropsichiatria), compreso il gruppo dei pari. Gli interventi individualizzati nel lavoro d'aula sono diffusi a livello di scuola.

3.4 Continuita' e orientamento

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola garantisce la continuita' dei percorsi scolastici e cura l'orientamento personale, scolastico e professionale degli studenti.

Situazione della scuola

6-

Motivazione

Le attività' di continuità' sono ben strutturate, pubblicizzate e condotte in modo efficace. La scuola realizza diverse attività' finalizzate ad accompagnare gli studenti nel passaggio da un ordine di scuola all'altro. Le attività' di orientamento sono ben strutturate e coinvolgono anche le famiglie. La scuola realizza percorsi finalizzati alla conoscenza di se' e delle proprie attitudini. Nel Liceo Artistico l’orientamento è svolto su ogni singolo studente anche durante il biennio al fine di scegliere coerentemente alle proprie aspirazioni il profilo di specializzazione del triennio. Gli studenti dell'ultimo anno, oltre a partecipare alle presentazioni delle diverse scuole/indirizzi di studio universitario, sono coinvolti in attività' organizzate nelle scuole dell'ordine successivo o nelle università'. L'azione di alternanza scuola-lavoro è ben implementata, pur con qualche difficoltà nel reperire enti o aziende ricettive degli studenti di alcuni indirizzi di studio.

3.5 Orientamento strategico e organizzazione della scuola

Punti di Forza:

La condivisione della politica e della mission, sia a livello di progettazione che di comunicazione, avviene in modo sistematico. Esse sono rese note attraverso il sito web. Vengono definiti in modo chiaro ed analitico i ruoli e i compiti specifici del personale che sono assegnati a soggetti in possesso di competenze professionali specifiche. ll DS ha impostato l’organizzazione e l’ha dotata di strumenti e procedure funzionali al PTOF. Sono fornite indicazioni al personale sul percorso formativo da realizzare e definiti i relativi ambiti di competenza e gli incentivi economici. Si sono definiti criteri oggettivi di riferimento per decidere le priorità di cambiamento da apportare alla struttura dell’organizzazione. La scuola ha individuato specifiche funzioni strumentali, per migliorare l’efficienza e l’efficacia organizzativa e garantire una migliore qualità dell’offerta formativa. I compiti del personale ATA sono definiti da un apposito mansionario. Sono definiti in modo chiaro responsabilità e funzioni del personale docente attraverso specifiche nomine di incarico. Le risorse economiche sono distribuite in coerenza con il PTOF. I progetti si concentrano in madrelingua e CLIL, orientamento e progetti finanziati (Rotary).La gestione delle risorse è ben condivisa con il consiglio di istituto. Significative sono le risorse strumentali e le attrezzature multimediali.L’attività di ispezione finanziaria da parte dei revisori dei conti non ha portato alcun rilievo.

Punti di Debolezza

Il riconoscimento dell’impegno personale è legato primariamente a valutazioni qualitative.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola definisce la propria missione e la visione, monitora in modo sistematico le attività che svolge, individua ruoli di responsabilita' e compiti per il personale in modo funzionale e utilizza in modo adeguato le risorse economiche.

Situazione della scuola

7- Eccellente

Motivazione

3.6 Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane

Punti di Forza:

La scuola raccoglie le esigenze formative dei docenti e del personale ATA. Viene assicurato lo sviluppo delle risorse umane necessarie mediante l’elaborazione di un programma di formazione “ad hoc”, relativo alla padronanza della lingua inglese e/o di tematiche inerenti alle specifiche discipline di insegnamento. Il livello di partecipazione del personale docente alle attività di formazione e aggiornamento è buono garantendo una soddisfacente ricaduta sull’attività didattica. La scuola raccoglie le competenze del personale (es. curriculum, esperienze formative, corsi frequentati). Gli incarichi, solitamente, sono affidati in base alle competenze specifiche ed all'esperienza maturata al fine di una migliore gestione delle risorse umane. La percentuale di personale che ricopre incarichi funzionali al PtOF o collabora alle diverse funzioni è elevata. Gli incarichi annuali sono pubblicati sul sito della scuola. La scuola incentiva la partecipazione dei docenti a gruppi di lavoro principalmente su tematiche multidisciplinari, inerenti l'orientamento e riferite a raccordi con il territorio. Le modalità organizzative utilizzate sono i dipartimenti di materia o gruppi di docenti riferiti a singoli progetti. I gruppi di lavoro composti da insegnanti producono materiali o esiti utili alla scuola anche in termine di immagine dell'attività svolta nel territorio. La scuola effettua un grosso sforzo per mettere a disposizione strumenti e materiali da condividere tra i docenti.

Punti di Debolezza

Ridotto riconoscimento dell’impegno in termini di efficacia dello stesso. I docenti hanno qualche difficoltà a modificare il loro ambito di insegnamento nelle classi atipiche laddove presenti. La scuola non riesce a mettere a disposizione dei docenti spazi per la condivisione di strumenti e materiali didattici stante la cronica carenza di spazi all'interno dell'edificio, soprattutto nella sede di via Piacenza.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola valorizza le risorse professionali, promuove percorsi formativi di qualita' e incentiva la collaborazione tra pari.

Situazione della scuola

6-

Motivazione

La scuola realizza buone iniziative formative per il personale rispondenti ai bisogni emersi. La scuola valorizza il personale tenendo conto, per l'assegnazione degli incarichi, delle competenze possedute. Nella scuola sono presenti gruppi di lavoro composti da insegnanti, che producono materiali o esiti di buona qualità. Non mancano spazi per il confronto professionale tra colleghi e i materiali didattici a disposizione sono vari e di buona qualità.

3.7 Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie

Punti di Forza:

Le relazioni di partnership sono improntate a flessibilità, apertura, disponibilità, confronto e dialogo. L'istituto è attento alle politiche pubbliche locali; promuove la collaborazione in rete con altre scuole e con associazioni culturali e Enti, finalizzata al potenziamento di percorsi didattici innovativi, iniziative di formazione proposte culturali. Gli accordi di rete sono diversificati e sviluppati con diverse tipologie di scuole. Le relazioni con le famiglie sono improntate a flessibilità, apertura, disponibilità, confronto e dialogo. Sono i rappresentanti dei genitori nei singoli Consigli di Classe e nel Consiglio d’Istituto a fare da tramite nella definizione dei documenti più rilevanti per la vita scolastica. E' ormai presenza consolidata la comunicazione tramite il registro elettronico.

Punti di Debolezza

Manca talvolta un approccio strutturato, finalizzato a favorire e consolidare i rapporti di collaborazione con i partner. Non ci sono procedure per la misurazione dell’efficacia dei rapporti di partnership ed il conseguimento degli obiettivi associati. Basso è il numero di votanti per il Consiglio di Istituto ed i Consigli di Classe.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola svolge un ruolo propositivo nella promozione di politiche formative territoriali e coinvolge le famiglie nella definizione dell'offerta formativa e nella vita scolastica.

Situazione della scuola

6-

Motivazione

La scuola partecipa a reti e ha collaborazioni con soggetti esterni. Le collaborazioni attivate sono integrate in modo adeguato con l'offerta formativa. La scuola e' coinvolta in momenti di confronto con i soggetti presenti nel territorio per la promozione delle politiche formative. I momenti di confronto con i genitori sull'offerta formativa si svolgono all’interno dei singoli Consigli di Classe e nel Consiglio d’istituto.

  Dettaglio
Le priorita' si riferiscono agli obiettivi generali che la scuola si prefigge di...

... realizzare nel lungo periodo attraverso l'azione di miglioramento. Le priorita' che la scuola si pone devono necessariamente riguardare gli esiti degli studenti. Si suggerisce di specificare quale delle quattro aree degli Esiti si intenda affrontare (Risultati scolastici, Risultati nelle prove standardizzate nazionali, Competenze chiave europee, Risultati a distanza) e di articolare all'interno quali priorita' si intenda perseguire (es. Diminuzione dell'abbandono scolastico nel primo anno di secondaria di II grado; Riduzione della variabilita' fra le classi; Sviluppo delle competenze sociali degli studenti di secondaria di I grado, ecc.). Si suggerisce di individuare un numero limitato di priorita' (1 o 2 per scuola) selezionandole all’interno di una stessa area o al massimo di due aree degli Esiti degli studenti. I traguardi sono di lungo periodo e riguardano i risultati attesi in relazione alle priorita'. Si tratta di risultati previsti a lungo termine (3 anni). Essi articolano in forma osservabile e/o misurabile i contenuti delle priorita' e rappresentano le mete verso cui la scuola tende nella sua azione di miglioramento. Per ogni priorita' individuata deve essere articolato il relativo traguardo di lungo periodo. Essi pertanto sono riferiti alle aree degli Esiti degli studenti (es. in relazione alla priorita' strategica "Diminuzione dell'abbandono scolastico nel primo anno di secondaria di II grado", il traguardo di lungo periodo puo' essere definito come "Rientrare nella media di abbandoni regionali pari al 4%, e precisamente portare gli abbandoni della scuola al di sotto del 4%"). E' opportuno evidenziare che per la definizione del traguardo che si intende raggiungere non e' sempre necessario indicare una percentuale, ma una tendenza costituita da traguardi di riferimento a cui la scuola mira per migliorare, ovvero alle scuole o alle situazioni con cui e' opportuno confrontarsi

Priorità e Traguardi

Risultati scolastici

PRIORITA'

Migliorare gli esiti scolastici attraverso azioni di potenziamento disciplinare

TRAGUARDO

Aumento della % di studenti con media fine anno maggiore di 7 Progressiva diminuzione % studenti con sospensione giudizio

Obiettivi di processo collegati

- Favorire il senso di appartenenza e un ambiente di apprendimento ideale per lo sviluppo di competenze, successo formativo e rispetto delle regole.


PRIORITA'

Accrescere il senso di appartenenza alla comunità scolastica e la partecipazione alla vita della nostra scuola instaurando e favorendo un clima di coesione, costruttivo, rispettoso dei ruoli e di responsabile collaborazione tra tutte le componenti scolastiche

TRAGUARDO

Svolgere iniziative, attività e progetti che accrescano il senso di appartenenza alla comunità scolastica

Obiettivi di processo collegati

- Favorire il senso di appartenenza e un ambiente di apprendimento ideale per lo sviluppo di competenze, successo formativo e rispetto delle regole.


Competenze chiave europee

PRIORITA'

Stimolare l’acquisizione di competenze sociali e civiche alimentando una partecipazione attiva, consapevole, rispettosa delle regole e delle norme, con particolare riferimento alla Costituzione

TRAGUARDO

Consolidare la presenza di progetti curriculari con obiettivi di Cittadinanza attiva e che sviluppino le competenze sociali e civiche, il rispetto dei ruoli e delle regole.

Obiettivi di processo collegati

- Favorire il senso di appartenenza e un ambiente di apprendimento ideale per lo sviluppo di competenze, successo formativo e rispetto delle regole.


PRIORITA'

Padroneggiare la lingua inglese per scopi comunicativi utilizzando i linguaggi settoriali previsti dai percorsi di studio

TRAGUARDO

Inserire docenti madrelingua inglesi nel 100% delle classi.

Obiettivi di processo collegati

- Favorire il senso di appartenenza e un ambiente di apprendimento ideale per lo sviluppo di competenze, successo formativo e rispetto delle regole.


MOTIVAZIONE SCELTA PRIORITA'

Il successo formativo è ritenuto prioritario per la formazione degli alunni e per l'acquisizione di competenze necessarie ad affrontare la prosecuzione degli studi. Gli aspetti di cittadinanza e costituzione, pur non presentando significative criticità, richiedono attenzione al fine di mantenere i positivi livelli in essere; sono altresì fondamentali per una migliore convivenza civile e responsabile all’interno della comunità scolastica.

Gli obiettivi di processo rappresentano una definizione operativa delle attività...
... su cui si intende agire concretamente per raggiungere le priorita' individuate. Essi costituiscono degli obiettivi operativi da raggiungere nel breve periodo (un anno scolastico) e riguardano una o piu' aree di processo. Si suggerisce di indicare l'area o le aree di processo su cui si intende intervenire e descrivere gli obiettivi che la scuola si prefigge di raggiungere a conclusione del prossimo anno scolastico (es. Promuovere una figura di docente tutor per supportare gli studenti in difficolta' del primo anno dell'indirizzo linguistico nella scuola secondaria di II grado; Individuare criteri di formazione delle classi che garantiscano equi-eterogeneita'; Utilizzare criteri di valutazione omogenei e condivisi per la matematica nella scuola primaria; Ridurre gli episodi di esclusione e i fenomeni di bullismo nella scuola secondaria di I grado; ecc.).

Obiettivi di processo

Ambiente di apprendimento

Favorire il senso di appartenenza e un ambiente di apprendimento ideale per lo sviluppo di competenze, successo formativo e rispetto delle regole.

Contributo degli obiettivi di processo nel raggiungimento delle priorità