Indicatori Dettaglio
1.1 Popolazione scolastica

Opportunità

Dall’anno scolastico 2016/2017 il Liceo Classico “Virgilio” diventa Istituto d’Istruzione Secondaria Superiore “Virgilio” in virtù dell’autorizzazione da parte dei competenti organi locali e territoriali dell’ indirizzo di studio dell’Istituto Professionale, Indirizzo: servizi per l’agricoltura e lo sviluppo rurale. L’Istituto d’Istruzione Secondaria Superiore “Virgilio” è composto da un’unica sede centrale a Vico del Gargano ed ha 8 classi del biennio (2 del Classico, 4 dello Scientifico ed 2 del Professionale) ed 12 del triennio (4 del Classico, 6 dello Scientifico, 2 del Professionale). Gli alunni sono in totale 430, tra cui 18 studenti disabili, 10 studenti DSA e 10 Studenti BES. L’Istituzione scolastica è ubicata in un’area periferica del Comune di Vico del Gargano, la cui popolazione conta circa 8.000 abitanti. L’I.I.S.S. “Virgilio” opera in un bacino d’utenza che comprende, oltre al Comune di Vico del Gargano, i Comuni di Ischitella, Rodi Garganico, Peschici, Carpino e Cagnano Varano. Il Liceo Classico “Virgilio” di Vico del Gargano, ora I.I.S.S., è uno dei primi Istituti di Scuola Secondaria di secondo grado istituiti nel territorio del Gargano Nord e funziona come Centro Risorse contro la Dispersione Scolastica e l’Esclusione Sociale (Gargano);Scuola Polo per l’integrazione degli alunni diversamente abili; Centro Risorse Territoriale per la Formazione e l’Aggiornamento del personale scolastico; Scuola Polo per la didattica della storia del ‘900.

Vincoli

Gli abitanti dei comuni garganici appartengono ad un ceto socio-economico e culturale medio, ma la maggior parte delle famiglie vive con un reddito medio-basso. Alto e sempre crescente è l’indice di disoccupazione e di lavori saltuari non adeguatamente retribuiti e spesso in “nero”. Le suddette problematiche economiche e sociali incidono sul processo di crescita dei ragazzi, che presentano a scuola segni chiari di disagio che si traducono in atteggiamenti di scarsa integrazione e di scarsa motivazione. Per una scuola superiore ad indirizzo liceale, questo quadro di riferimento rappresenta una limitazione nelle iscrizioni degli alunni provenienti da tali realtà disagiate. Il Gargano è caratterizzato da un’economia agricola e turistica, anche se la stagione turistica si limita a pochi mesi dell’anno. Bassa risulta la densità demografica del territorio, solo nei settori dell’agricoltura e della pubblica amministrazione i tassi di attività sono di poco superiori alla media. Le variabili relative ai consumi ed ai redditi pro capite sono molto basse. Sul territorio risultano presenti pochi centri di aggregazione (palestre, associazioni di volontariato). La realtà del territorio garganico ha spinto gli Organi Collegiali del Liceo Classico “Virgilio” nell’anno scolastico 2015/2016 a chiedere e ad ottenere l’attivazione di un nuovo indirizzo di studio a partire dall’ anno scolastico 2016-17 l’Istituto Professionale, Indirizzo “Servizi per l’agricoltura e lo sviluppo rurale”.

1.2 Territorio e capitale sociale

Opportunità

L’Istituto d’Istruzione Secondaria Superiore “Virgilio” è ubicato nel cuore del Gargano Nord ed all’interno del Parco Nazionale del Gargano in un’area incredibilmente variegata sotto il profilo naturalistico e paesaggistico. Il territorio è caratterizzato da un’economia prevalentemente agricola e turistica, anche se la stagione turistica si limita a pochi mesi dell’anno.

Vincoli

Bassa risulta la densità demografica del territorio, molto basso è il tasso di attività industriali, solo nei settori dell’agricoltura e della pubblica amministrazione i tassi di attività sono di poco superiori alla media. Il quadro economico dell’area garganica si basa sulla dotazione di risorse naturali, forestali e marine, grazie alle quali gran parte dei Comuni del Gargano Nord è meta di forte attrazione turistica esclusivamente nella stagione estiva. Le variabili relative ai consumi ed ai redditi pro capite sono molto bassi. L’Ente Locale di riferimento, la Provincia, dista dal Comune di ubicazione della scuola oltre cento chilometri, rendendo i collegamenti e le relazioni con i vari uffici, non ultimo quello delle politiche scolastiche, difficoltosi e spesso problematici. L’Ente comunale, pur nella massima disponibilità dei rapporti, è impossibilitato il più delle volte negli interventi a sostegno dell’integrazione e dell’obbligo scolastico.

1.3 Risorse economiche e materiali

Opportunità

La struttura dell’Istituto d’Istruzione Secondaria Superiore “Virgilio” risulta di recente costruzione, si trova collocata nella periferia di Vico del Gargano, anche se è facilmente raggiungibile. Tutte le aule dell’I.I.S.S. “Virgilio” risultano dotate di PC e di LIM, ma sono presenti anche laboratori linguistici, informatici e scientifici, nonché la palestra. Notevole ed importante risulta il contributo dell’UE per l’ampliamento dell’offerta formativa.

Vincoli

Le risorse economiche disponibili provengono essenzialmente da finanziamenti statali gestiti dal Ministero. Gli Enti Locali territoriali (Regione e Provincia) erogano in minima parte finanziamenti, per lo più sotto forma di canoni e manutenzioni. Il contributo volontario delle famiglie è modesto e adeguato al loro status socio economico e non sempre risulta versato.

1.4 Risorse professionali

Opportunità

La maggior parte degli insegnanti dell’Istituto d’Istruzione Secondaria Superiore “Virgilio” sono a tempo indeterminato e risultano collocati nelle fasce d’età da 45 anni in su. Risultano essere tutti laureati. In quest’ultimo anno scolastico, a fronte di una grande stabilità del personale docente negli scorsi anni scolastici, il 18,4% degli insegnanti è entrato solo in quest’ultimo anno scolastico a prestare servizio presso l’Istituto d’Istruzione Secondaria Superiore “Virgilio”, anche se il 34,2% dei docenti è in servizio da oltre 10 anni. Un nutrito numero di docenti possiede certificazioni informatiche. L’attuale Dirigente Scolastico dirige l’istituzione scolastica da più di cinque anni.

Vincoli

Pochissimi docenti possiedono certificazioni linguistiche.

    Autovalutazione Indicatori Dettaglio
2.1 Risultati scolastici

Punti di forza

La maggior parte degli studenti dell’Istituto d’Istruzione Secondaria Superiore “Virgilio” risultano ammessi alla classe successiva. Nettamente positivi i risultati soprattutto per il liceo classico e per il liceo scientifico. I criteri di valutazione adottati dalla scuola nel PTOF risultano adeguati a garantire il successo formativo degli studenti. La distribuzione degli studenti per fascia di voto conseguito all’Esame di Stato fa emergere, soprattutto per il liceo classico, ma anche per il liceo scientifico, che una parte consistente degli studenti si colloca nelle fasce più alte.

Punti di debolezza

Gli studenti dell’Istituto d’Istruzione Secondaria Superiore “Virgilio” non ammessi alla classe successiva sono una esigua minoranza della popolazione scolastica e il più delle volte si tratta di studenti poco inclini allo studio domestico. Il maggior numero di studenti con giudizio sospeso risulta concentrato sia nelle classi del primo che del secondo biennio. Le materie coinvolte sono soprattutto latino, greco, matematica e fisica, scienze ed inglese. Gli studenti dell’Istituto d’Istruzione Secondaria Superiore “Virgilio” che abbandonano la scuola in corso d’anno o si trasferiscono risultano un numero irrisorio. L’abbandono spesso risulta motivato da una estrema fragilità cognitiva e culturale da parte di studenti che già nel corso degli anni scolastici precedenti hanno ottenuto la promozione alla classe successiva solo dopo il saldo di diversi debiti formativi.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola portano avanti regolarmente il loro percorso di studi, lo concludono e conseguono risultati soddisfacenti agli esami finali.

Rubrica di valutazione

5- Positiva

Motivazione

Il giudizio di positività è stato assegnato alla luce delle risultanze dei grafici, delle considerazioni fatte e della stabilità dei dati degli ultimi anni scolastici.

2.2 Risultati nelle prove standardizzate nazionali

Punti di forza

La scuola, pur raggiungendo nelle prove standardizzate nazionali risultati inferiori in italiano e in matematica rispetto ai punteggi della Puglia, del Sud e dell’Italia, fa registrare nei diversi livelli di apprendimento una distribuzione sostanzialmente uniforme degli studenti. La variabilità dei punteggi tra le classi è inferiore ai benchmark di riferimento; invece, risulta superiore la variabilità dentro le classi.

Punti di debolezza

Nelle prove standardizzate nazionali di italiano e matematica la scuola raggiunge risultati un pò inferiori rispetto alla Puglia, al Sud ed all'Italia, rispetto a scuole con ESCS simile. La scuola sta lavorando per migliorare l'effetto scuola sui risultati degli studenti nelle prove.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola raggiungono livelli di apprendimento soddisfacenti in italiano e matematica in relazione ai livelli di partenza e alle caratteristiche del contesto.

Rubrica di valutazione

3- Con qualche criticita'

Motivazione

2.3 Competenze chiave europee

Punti di forza

L’Istituto d’Istruzione Secondaria Superiore “Virgilio” lavora maggiormente sulle seguenti competenze chiave: imparare ad imparare, competenze sociali e civiche, competenza digitale e spirito di iniziativa e imprenditorialità. La scuola valuta sicuramente le competenze chiave degli studenti come le competenze sociali e civiche e lo spirito di iniziativa e imprenditorialità attraverso l’osservazione del comportamento da parte dei docenti che compongono il Consiglio di Classe e soprattutto da parte del docente coordinatore di classe che riporta eventuali discordanze rispetto a quanto stabilito nel Patto di Corresponsabilità e nel Regolamento d’Istituto ed adotta criteri di valutazione comuni per l’assegnazione del voto di comportamento presenti nel PTOF. La maggior parte degli studenti dell’Istituto d’Istruzione Secondaria Superiore “Virgilio” ha sviluppato adeguate competenze sociali e civiche, adeguate competenze digitali e buone strategie per imparare ad apprendere. Anche le abilità risultano nella maggior parte degli studenti adeguate allo sviluppo dello spirito di iniziativa e di imprenditorialità. La certificazione delle competenze delle classi seconde e quinte evidenzia per lo più il raggiungimento di livelli intermedi ed avanzati.

Punti di debolezza

La scuola valuta le competenze chiave degli studenti come le competenze sociali e civiche e lo spirito di iniziativa e imprenditorialità attraverso l’osservazione del comportamento, senza far ricorso a questionari. Nel corrente anno scolastico nella prima classe dell’Istituto professionale si è riscontrato un insufficiente livello di competenze sociali e civiche.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola acquisiscono livelli soddisfacenti nelle competenze sociali e civiche, nell'imparare a imparare, nelle competenze digitali e nello spirito di iniziativa e imprenditorialità.

Rubrica di valutazione

5- Positiva

Motivazione

Il giudizio di positività è stato assegnato alla luce delle considerazioni fatte e in base agli elementi emersi.

2.4 Risultati a distanza

Punti di forza

La maggior parte degli studenti diplomati dell’Istituto d’Istruzione Secondaria Superiore “Virgilio” si immatricola all’Università. In tutti i percorsi universitari intrapresi gli studenti diplomati dell’Istituto d’Istruzione Secondaria Superiore “Virgilio” riescono a conseguire risultati buoni. La maggior parte degli studenti immatricolati all’Università riesce a conseguire in tutte e quattro le macro aree più della metà dei CFU con buoni risultati. Anche nel mondo del lavoro gli studenti diplomati dell’Istituto d’Istruzione Secondaria Superiore “Virgilio” riescono ad affermarsi.

Punti di debolezza

La maggior parte degli studenti dell’Istituto d’Istruzione Secondaria Superiore “Virgilio” al termine degli studi universitari non trova occupazione nelle aree di residenza, per lo più prive di occupazioni lavorative di un certo spessore professionale. Le sedi universitarie scelte sono disomogenee e concentrate soprattutto al Nord e quindi per la scuola diventa difficile il monitoraggio dei dati. La scuola non riesce a monitorare neanche gli studenti diplomati che si inseriscono nel mondo del lavoro, in quanto la maggior parte di loro si allontanano dall’area di residenza.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti in uscita dalla scuola hanno successo nei successivi percorsi di studio e di lavoro.

Rubrica di valutazione

4-

Motivazione

Il giudizio è stato assegnato alla luce delle considerazioni fatte e in base agli elementi emersi.

    Autovalutazione Indicatori Dettaglio
3.1 Curricolo, progettazione e valutazione

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola propone un curricolo aderente alle esigenze del contesto, progetta attivita' didattiche coerenti con il curricolo, valuta gli studenti utilizzando criteri e strumenti condivisi.

Situazione della scuola

4-

Motivazione

Il giudizio è stato assegnato alla luce delle considerazioni fatte e in base agli elementi emersi.

3.2 Ambiente di apprendimento

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola cura gli aspetti organizzativi, metodologici e relazionali dell'ambiente di apprendimento.

Situazione della scuola

4-

Motivazione

Il giudizio è stato assegnato alla luce delle considerazioni fatte e in base agli elementi emersi.

3.3 Inclusione e differenziazione

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola cura l'inclusione degli studenti con bisogni educativi speciali, valorizza le differenze culturali, adegua l'insegnamento ai bisogni formativi di ciascuno studente attraverso percorsi di recupero e potenziamento.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

Il giudizio di positività è stato assegnato alla luce delle considerazioni fatte e in base agli elementi emersi.

3.4 Continuita' e orientamento

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola garantisce la continuita' dei percorsi scolastici e cura l'orientamento personale, scolastico e professionale degli studenti.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

Il giudizio di positività è stato assegnato alla luce delle considerazioni fatte e in base agli elementi emersi.

3.5 Orientamento strategico e organizzazione della scuola

Punti di Forza:

La missione dell’istituto è definita chiaramente ed insieme alle priorità nell’atto di indirizzo emanato dal Dirigente Scolastico è richiamata nel Ptof ed è condivisa all’interno della comunità scolastica negli organi collegiali, ma anche con le famiglie e con gli interlocutori locali. Da parte della scuola lo stato di avanzamento delle attività che svolge viene monitorato attraverso periodici incontri scuola- famiglia, attraverso comunicazioni scritte, incontri seminariali, attraverso test di gradimento somministrati agli alunni alla fine dei progetti extracurriculari. La divisione dei compiti tra i docenti con incarichi di responsabilità è chiara e viene determinata già al momento della nomina con l’elencazione dei compiti da svolgere. Anche per il personale ATA i compiti sono definiti nel piano generale delle attività predisposto dal DSGA. La assenze del personale docente vengono gestite facendo ricorso ai docenti di materie affini dell’organico potenziato e le assenze del personale ATA con l’intensificazione del lavoro degli stessi. La scuola nel corrente anno scolastico ha individuato tre funzioni strumentali relative all’area 1, 2, e 3, assegnate rispettivamente a quattro docenti, oltre a tutta una serie di incarichi di coordinamento delle varie attività svolte. Il Fondo d’Istituto è ripartito nella misura del 70% ali docenti e del 30% al personale ATA e ne beneficiano l’85% circa dei docenti e tutto il personale ATA. L’allocazione delle risorse economiche nel programma Annuale risponde agli obiettivi prefissati dal PTOF. La scuola spende in media per ciascun progetto circa 20.000 euro . I tre progetti prioritari per la scuola sono: il miglioramento dell’offerta formativa, l’Eramus Plus e i PON. La loro durata media è di 30 ore e risultano coinvolti anche esperti esperti. Le spese si concentrano sui seguenti progetti prioritari: PCTO, progetti del FIS, progetti per la didattica laboratoriale.

Punti di Debolezza

La scuola ancora non utilizza forme di bilancio sociale per rendicontare la propria attività all’esterno.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola definisce la propria missione e la visione, monitora in modo sistematico le attività che svolge, individua ruoli di responsabilita' e compiti per il personale in modo funzionale e utilizza in modo adeguato le risorse economiche.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

Il giudizio di positività è stato assegnato alla luce delle considerazioni fatte e in base agli elementi emersi.

3.6 Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane

Punti di Forza:

La scuola sicuramente raccoglie le esigenze formative dei docenti e del personale ATA e i temi della formazione vengono scelti in base ai desiderata del personale ed in base alle tematiche previste dal piano di formazione docenti 2016-2019 e dal piano di formazione dell’ambito 15. I temi affrontati in questo anno scolastico sono stati relativi alle nuove tecnologie applicate alla didattica e alla sicurezza. Le iniziative di formazione promosse dalla scuola risultano di buon livello ed hanno una ricaduta positiva sull’attività ordinaria della scuola. La scuola utilizza le informazioni sulle competenze del personale per valorizzare le risorse umane di cui dispone e per assegnare gli incarichi con coerenza. Il peso attribuito ai diversi criteri dal Comitato per la valutazione dei docenti è stato ritenuto pienamente adeguato dai docenti della scuola. La scuola incentiva la partecipazione dei docenti a gruppi di lavoro per dipartimenti su tematiche relative alla valutazione, alla continuità, all’inclusione, all’accoglienza, al raccordo con il territorio, al PTOF e a temi disciplinari: i gruppi di lavoro spesso producono materiali utili che la scuola mette a disposizione dei docenti anche attraverso spazi sul sito web per la condivisione degli strumenti e dei materiali didattici.

Punti di Debolezza

Non si riscontrano punti di debolezza.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola valorizza le risorse professionali, promuove percorsi formativi di qualita' e incentiva la collaborazione tra pari.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

Il giudizio di positività è stato assegnato alla luce delle considerazioni fatte e in base agli elementi emersi.

3.7 Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie

Punti di Forza:

L’Istituto d’Istruzione Secondaria Superiore “Virgilio” ha accordi di rete con altre scuole del territorio per migliorare le pratiche didattiche ed educative; da diversi anni è entrato a far parte anche della Rete nazionale dei licei Classici, della Rete dei Licei classici pugliesi e della Rete degli Istituti Agrari della Puglia per aggiornare continuamente e per migliorare la didattica e le pratiche educative. Non c’è partecipazione della scuola nelle strutture di governo territoriale. La collaborazione con soggetti esterni riguarda soprattutto relazioni finalizzate all’azione didattica: organizzazione di stage, di lectiones magistrales, di convegni e seminari. I principali interlocutori sono l’Università di Foggia, il Comune di Vico del Gargano, il Corpo Forestale dello Stato, l’Arif. La collaborazione con soggetti esterni ha delle ricadute positive ed adeguate che migliorano la qualità dell’offerta formativa dell’I.I.S.S. “Virgilio”. Collegamenti con il mondo del lavoro sono possibili grazie all’esperienza dei PCTO. Le famiglie sono coinvolte nella definizione dell’offerta formativa grazie ad incontri abituali; i genitori collaborano con la scuola per la realizzazione di interventi formativi con suggerimenti ed idee che la scuola utilizza per migliorare l’offerta formativa. Anche nella stesura dei Regolamenti la scuola tiene conto delle osservazioni dei genitori. Vengono realizzati corsi per i genitori, quando i finanziamenti disponibili lo permettono. La scuola utilizza ormai da diversi anni scolastici il registro elettronico.

Punti di Debolezza

L’Istituto d’Istruzione Secondaria Superiore “Virgilio”non ha collaborazioni con soggetti privati, se non per le convenzioni di ASL.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola svolge un ruolo propositivo nella promozione di politiche formative territoriali e coinvolge le famiglie nella definizione dell'offerta formativa e nella vita scolastica.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

Il giudizio di positività è stato assegnato alla luce delle considerazioni fatte e in base agli elementi emersi.

  Dettaglio
Le priorita' si riferiscono agli obiettivi generali che la scuola si prefigge di...

... realizzare nel lungo periodo attraverso l'azione di miglioramento. Le priorita' che la scuola si pone devono necessariamente riguardare gli esiti degli studenti. Si suggerisce di specificare quale delle quattro aree degli Esiti si intenda affrontare (Risultati scolastici, Risultati nelle prove standardizzate nazionali, Competenze chiave europee, Risultati a distanza) e di articolare all'interno quali priorita' si intenda perseguire (es. Diminuzione dell'abbandono scolastico nel primo anno di secondaria di II grado; Riduzione della variabilita' fra le classi; Sviluppo delle competenze sociali degli studenti di secondaria di I grado, ecc.). Si suggerisce di individuare un numero limitato di priorita' (1 o 2 per scuola) selezionandole all’interno di una stessa area o al massimo di due aree degli Esiti degli studenti. I traguardi sono di lungo periodo e riguardano i risultati attesi in relazione alle priorita'. Si tratta di risultati previsti a lungo termine (3 anni). Essi articolano in forma osservabile e/o misurabile i contenuti delle priorita' e rappresentano le mete verso cui la scuola tende nella sua azione di miglioramento. Per ogni priorita' individuata deve essere articolato il relativo traguardo di lungo periodo. Essi pertanto sono riferiti alle aree degli Esiti degli studenti (es. in relazione alla priorita' strategica "Diminuzione dell'abbandono scolastico nel primo anno di secondaria di II grado", il traguardo di lungo periodo puo' essere definito come "Rientrare nella media di abbandoni regionali pari al 4%, e precisamente portare gli abbandoni della scuola al di sotto del 4%"). E' opportuno evidenziare che per la definizione del traguardo che si intende raggiungere non e' sempre necessario indicare una percentuale, ma una tendenza costituita da traguardi di riferimento a cui la scuola mira per migliorare, ovvero alle scuole o alle situazioni con cui e' opportuno confrontarsi

Priorità e Traguardi

Risultati scolastici

PRIORITA'

Diminuzione della sospensione del giudizio.

TRAGUARDO

Portare gli studenti con giudizio sospeso entro il 10%.

Obiettivi di processo collegati

- Incrementare le attivita' di recupero dei saperi nel 1^ biennio e migliorare i percorsi per lo sviluppo delle competenze nel 2^biennio e nel monoennio.

- Potenziare i dipartimenti all'interno dei quali programmare per ambiti disciplinari finalizzati allo sviluppo delle competenze.

- Progettare un curricolo di scuola che rappresenti l'identita' della scuola nel suo territorio anche in alcuni dei suoi contenuti.


PRIORITA'

Migliorare la percentuale di studenti che raggiungono l'eccellenza.

TRAGUARDO

Implementare l'attività complessiva per elevare la percentuale degli studenti che raggiungono l'eccellenza.

Obiettivi di processo collegati

- Incrementare le attivita' di recupero dei saperi nel 1^ biennio e migliorare i percorsi per lo sviluppo delle competenze nel 2^biennio e nel monoennio.

- Potenziare i dipartimenti all'interno dei quali programmare per ambiti disciplinari finalizzati allo sviluppo delle competenze.

- Progettare un curricolo di scuola che rappresenti l'identita' della scuola nel suo territorio anche in alcuni dei suoi contenuti.


Risultati nelle prove standardizzate nazionali

PRIORITA'

Migliorare le competenze degli studenti.

TRAGUARDO

Migliorare i risultati degli studenti nelle prove Invalsi sia di italiano che di matematica per avvicinarsi a quelli regionali e nazionali.

Obiettivi di processo collegati

- Incrementare le attivita' di recupero dei saperi nel 1^ biennio e migliorare i percorsi per lo sviluppo delle competenze nel 2^biennio e nel monoennio.

- Potenziare i dipartimenti all'interno dei quali programmare per ambiti disciplinari finalizzati allo sviluppo delle competenze.

- Progettare un curricolo di scuola che rappresenti l'identita' della scuola nel suo territorio anche in alcuni dei suoi contenuti.


PRIORITA'

Diminuire la quota di studenti collocati nei livelli 1 e 2 in italiano e in matematica.

TRAGUARDO

Diminuire di almeno il 50% la percentuale degli alunni collocatisi nei livelli indicati.

Obiettivi di processo collegati

- Incrementare le attivita' di recupero dei saperi nel 1^ biennio e migliorare i percorsi per lo sviluppo delle competenze nel 2^biennio e nel monoennio.

- Potenziare i dipartimenti all'interno dei quali programmare per ambiti disciplinari finalizzati allo sviluppo delle competenze.

- Progettare un curricolo di scuola che rappresenti l'identita' della scuola nel suo territorio anche in alcuni dei suoi contenuti.


Competenze chiave europee

PRIORITA'

Aumentare la percentuale di studenti in mobilita' all'estero e con certificazioni linguistiche.

TRAGUARDO

Aumentare il numero di progetti di mobilita' europea e il numero di partecipanti ai progetti di certificazione linguistica.

Obiettivi di processo collegati

- Implementare il coinvolgimento di tutti i soggetti che operano nel mondo della formazione e degli Enti locali, nonche' dell'imprenditoria del territorio.

- Potenziare i dipartimenti all'interno dei quali programmare per ambiti disciplinari finalizzati allo sviluppo delle competenze.

- Progettare un curricolo di scuola che rappresenti l'identita' della scuola nel suo territorio anche in alcuni dei suoi contenuti.


MOTIVAZIONE SCELTA PRIORITA'

Gli obiettivi di processo rappresentano una definizione operativa delle attività...
... su cui si intende agire concretamente per raggiungere le priorita' individuate. Essi costituiscono degli obiettivi operativi da raggiungere nel breve periodo (un anno scolastico) e riguardano una o piu' aree di processo. Si suggerisce di indicare l'area o le aree di processo su cui si intende intervenire e descrivere gli obiettivi che la scuola si prefigge di raggiungere a conclusione del prossimo anno scolastico (es. Promuovere una figura di docente tutor per supportare gli studenti in difficolta' del primo anno dell'indirizzo linguistico nella scuola secondaria di II grado; Individuare criteri di formazione delle classi che garantiscano equi-eterogeneita'; Utilizzare criteri di valutazione omogenei e condivisi per la matematica nella scuola primaria; Ridurre gli episodi di esclusione e i fenomeni di bullismo nella scuola secondaria di I grado; ecc.).

Obiettivi di processo

Curricolo, progettazione e valutazione

Incrementare le attivita' di recupero dei saperi nel 1^ biennio e migliorare i percorsi per lo sviluppo delle competenze nel 2^biennio e nel monoennio.

Potenziare i dipartimenti all'interno dei quali programmare per ambiti disciplinari finalizzati allo sviluppo delle competenze.

Progettare un curricolo di scuola che rappresenti l'identita' della scuola nel suo territorio anche in alcuni dei suoi contenuti.

Continuita' e orientamento

Implementare il coinvolgimento di tutti i soggetti che operano nel mondo della formazione e degli Enti locali, nonche' dell'imprenditoria del territorio.

Contributo degli obiettivi di processo nel raggiungimento delle priorità