Indicatori Dettaglio
1.1 Popolazione scolastica

Opportunità

- I nostri corsi formano studenti con molteplici competenze coprendo più aree, a partire dal settore più strettamente economico a quello linguistico e informatico. - La radicata presenza dell'ITE nel territorio (dal 1864), la collocazione geografica centrale rispetto ai comuni della provincia e la facile raggiungibilità attraverso i mezzi pubblici sia treni che autobus, polarizzano l'utenza. - Gli stranieri che frequentano la nostra scuola hanno l'opportunità di seguire corsi L2 .

Vincoli

- Le rilevazioni condotte presso le imprese suggeriscono che il clima di fiducia sta lentamente tornando a migliorare, ma solo tra le aziende industriali di maggiore dimensione e più orientate ai mercati esteri. Nel complesso, il quadro economico resta fragile e le prospettive di una ripresa duratura sono ancora circondate da elevata incertezza.

1.2 Territorio e capitale sociale

Opportunità

I profili dell'Istituto Amministrazione Finanza e Marketing, Sistemi Informativi Aziendali, Relazioni Internazionali per il Marketing si sposano con la caratterizzazione del territorio offrendo competenze nel campo dei macrofenomeni economici nazionali ed internazionali, della normativa civilistica e fiscale, dei sistemi e processi aziendali (organizzazione, pianificazione, programmazione, amministrazione,finanza e controllo), degli strumenti di marketing, dei prodotti assicurativo-finanziari e dell’economia sociale. Fornendo nel caso del SIA anche competenze nel campo dei sistemi informatici, dell’elaborazione dell’informazione, delle applicazioni e delle tecnologie Web e della comunicazione; nel caso delle RIM competenze linguistiche della comunicazione aziendale con l’utilizzo di tre lingue straniere. Il nuovo percorso economico-sportivo introdotto nell'a.s 2018/19 offre possibilità di lavoro anche in ambito sportivo (procuratore, manager...)

Vincoli

Macerata evidenzia una particolare vocazione per il terziario (anche avanzato): istituti di credito e di assicurazione,enti pubblici e privati, media e grande distribuzione, software house e innumerevoli studi professionali. Importante è la presenza di una struttura produttiva articolata sulla base di piccole e medie imprese, molte delle quali sono leader a livello internazionale in vari settori: dalla calzatura, all'elettronica, dall'illuminotecnica ai prodotti alimentari, dall'arredamento ai giocattoli, alla pelletteria. Interessante è l'attività turistica per la presenza di un patrimonio artistico di notevole rilievo e per aspetti più ricreativi (parchi,ecc).

1.3 Risorse economiche e materiali

Opportunità

Si individuano i seguenti fattori di qualità riferibili a discrete condizioni delle aule utilizzate per la normale attività didattica, delle aule speciali, dei laboratori, delle palestre, dei locali adibiti a biblioteca, della sala riunioni; Buoni e frequentemente ammodernati gli arredi: banchi, sedie e armadietti. Discrete le condizioni dei servizi igienici; Sono stati effettuati interventi per una migliore praticabilità dei locali della scuola da parte di portatori di handicap; sono presenti contratti di manutenzione e pulizia degli spazi esterni di pertinenza della scuola. La sede è collocata in una area verde nella zona prevista dal Piano Regolatore per le Scuole della città e nelle immediate vicinanze del terminal degli autobus urbani ed extraurbani e della stazione ferroviaria di Fontescodella. Le attrezzature informatiche presenti consentono a tutti gli studenti della scuola l'accesso ai laboratori, anche in ore non previste dal piano di studi. Tutte le classi hanno un computer in aula,sono presenti 7 aule con LIM e in tutte le classi è presente un televisore. Entrate aggiuntive derivano da premi e da PON specifici, oltre ai contributi volontari delle famiglie.

Vincoli

Le attrezzature informatiche tendono a diventare obsolete e necessitano di aggiornamento. La pulizia con gara di appalto nazionale vincola il numero di ore e il personale esterno utilizzabile e il servizio di pulizia non è sempre adeguato. Il riscaldamento centralizzato è gestito dalla Amministrazione Provinciale e non consente una corretta distribuzione del calore negli ampi spazi della scuola. E' presente l'impianto fotovoltaico. Sono stati effettuati interventi per la stabilità sismica.

1.4 Risorse professionali

Opportunità

I docenti hanno in gran parte lunga esperienza di insegnamento. Alcuni hanno frequentato corsi per l'insegnamento CLIL. I docenti di informatica hanno certificazione EUCIP core. Alcuni docenti sono certificati per l'insegnamento L2. Alcuni docenti hanno contratti e rapporti di collaborazione con le Università locali.

Vincoli

La scuola si caratterizza per un'alta percentuale di docenti a tempo indeterminato e con età superiore ai 45 anni di cui oltre la metà supera i 55 anni. Dati più alti di quelli locali e nazionali. Il necessario ricambio purtroppo sarà ritardato dai vincoli normativi legati al pensionamento.

    Autovalutazione Indicatori Dettaglio
2.1 Risultati scolastici

Punti di forza

La valutazione conseguita dagli studenti agli esami di stato risulta essere molto positiva, in particolare nel raffronto con i dati locali, regionali e nazionali. Si lavora per determinare negli studenti una sensibilità alla necessità allo studio e si attivano ore di recupero, con fermo durante l'anno di una settimana al termine del primo quadrimestre, e un numero di ore compatibile con i finanziamenti del MOF per interventi mirati su richiesta degli studenti durante il secondo quadrimestre e nel periodo estivo per gli studenti sospesi. La partecipazione a numerose attività legate all'ampliamento dell'offerta formativa consente di accrescere la motivazione e le competenze professionali degli studenti. Gli abbandoni non sono in numero significativo e la scuola accoglie studenti provenienti da altre scuole del territorio.

Punti di debolezza

Negli anni il numero di ore per le attività di recupero si è dovuto diminuire a causa di una riduzione dei finanziamenti, così come tutte le attività aggiuntive sono scarsamente ricompensate dalla riduzione del FIS.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola portano avanti regolarmente il loro percorso di studi, lo concludono e conseguono risultati soddisfacenti agli esami finali.

Rubrica di valutazione

7- Eccellente

Motivazione

Nel corso del quinquennio il numero di studenti che abbandonano gli studi è in numero molto basso, se minorenni la scuola ne controlla l'inserimento nel percorso di reinserimento della formazione professionale. Nel caso siano maggiorenni ne cura il reinserimento nel percorso degli studi serali presente nel nostro Istituto.

2.2 Risultati nelle prove standardizzate nazionali

Punti di forza

La scuola è in linea con i dati della Regione Marche che ancora una volta conferma i propri risultati positivi tra le regioni del Centro Italia. I dati sono nella media abbastanza uniformi tra le varie classi. Le classi seconde non proseguono negli anni successivi con lo stesso gruppo classe, ma i nuclei si ricostituiscono in base all'articolazione scelta, determinando nuovi equilibri nella classe ed avvalendosi del supporto di altre discipline ad esempio lo studio delle lingue per l'italiano e dell'informatica per la matematica.

Punti di debolezza

La necessità di composizione delle cattedre con 18 ore obbligatorie, spesso determina la mancata continuità didattica che può interferire nel raggiungimento delle abilità richieste a compimento del biennio.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola raggiungono livelli di apprendimento soddisfacenti in italiano e matematica in relazione ai livelli di partenza e alle caratteristiche del contesto.

Rubrica di valutazione

7- Eccellente

Motivazione

2.3 Competenze chiave europee

Punti di forza

Il piano di studi dei nostri corsi prevede l'insegnamento del Diritto dal primo al quinto anno, quindi la formazione e la conoscenza della Costituzione, lo sviluppo del senso della legalità e di un'etica della responsabilità sono garantite e valutate anche come materie di studio. Ogni anno sono realizzate con gli studenti attività di ampliamento dell'offerta formativa relative a tali tematiche. Nel regolamento di Istituto e nel POF sono presenti i criteri adottati dal collegio docenti per l'assegnazione del voto di comportamento. Durante le attività di accoglienza degli studenti delle classi prime viene presentato il regolamento e favorita la socializzazione e la conoscenza degli altri compagni. Al terzo anno si formano nuove classi e grazie alla segnalazione dei Consigli di classe delle seconde si cerca di evitare di mettere insieme soggetti a rischio. Da qualche anno viene monitorata la percezione del clima d'aula da parte degli studenti con un questionario relativo ai rapporti interpersonali in classe. I risultati evidenziano un buon rapporto all'interno delle classi.

Punti di debolezza

La cronaca nazionale evidenzia sempre più spesso episodi di bullismo e mancato rispetto della diversità in qualsiasi forma si manifesti. Nelle comunità scolastiche sono sempre più spesso denunciati comportamenti scorretti nei confronti dei docenti, delle istituzioni e delle strutture. Nella fascia di età dell'adolescenza l'emulazione di comportamenti negativi, la difficoltà ad accettarsi e a comunicare con i coetanei, le condizioni economiche e sociali del contesto sempre più problematiche costituiscono elementi di rischio che impongono un costante monitoraggio finalizzato alla prevenzione.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola acquisiscono livelli soddisfacenti nelle competenze sociali e civiche, nell'imparare a imparare, nelle competenze digitali e nello spirito di iniziativa e imprenditorialità.

Rubrica di valutazione

5- Positiva

Motivazione

Pur se estremamente rari e non particolarmente gravi, si sono verificati episodi di mancato rispetto dei compagni e dei docenti, subito contenuti ed isolati grazie al regolamento molto articolato nell'individuare le tipologie di mancanza di rispetto delle regole civili e sociali e nel descrivere e approntare gli appropriati interventi correttivi.

2.4 Risultati a distanza

Punti di forza

Chi ha scelto e ha avuto l'opportunità di inserirsi nel mondo del lavoro ha avuto un positivo riscontro rispetto ai dati regionali e nazionali. Chi ha scelto di proseguire negli studi universitari nelle facoltà scientifiche ha avuto risultati superiori alla media nazionale e regionale.

Punti di debolezza

I risultati negli studi universitari sono inferiori rispetto alla media nazionale e regionale solo nelle facoltà umanistiche.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti in uscita dalla scuola hanno successo nei successivi percorsi di studio e di lavoro.

Rubrica di valutazione

6-

Motivazione

La scuola monitora in maniera sistematica i risultati degli studenti nei successivi percorsi di studio e di avviamento al mondo del lavoro (stage, formazione non universitaria, ecc.) e il loro inserimento nel mercato del lavoro.

    Autovalutazione Indicatori Dettaglio
3.1 Curricolo, progettazione e valutazione

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola propone un curricolo aderente alle esigenze del contesto, progetta attivita' didattiche coerenti con il curricolo, valuta gli studenti utilizzando criteri e strumenti condivisi.

Situazione della scuola

6-

Motivazione

La scuola ha elaborato un proprio curricolo, sulla base delle caratteristiche del contesto e dei bisogni formativi dell'utenza, declinando le competenze disciplinari e trasversali per i diversi anni di corso. Gli insegnanti utilizzano tali competenze per predisporre la programmazione didattica e i progetti di ampliamento dell'offerta formativa. Tutte le attività progettuali e di recupero presentano una definizione chiara delle finalità e degli obiettivi da raggiungere che risultano misurabili. Nella scuola sono presenti strutture e gruppi di lavoro per la progettazione didattica. I docenti condividono criteri di valutazione comuni ed in alcune discipline predispongono prove strutturate per classi parallele. Grazie alla certificazione di qualità ISO 9001 conseguita dalla scuola dal 2008 al 2016, l'ITC ha consolidato la metodologia e le pratiche legate alla progettazione didattica e alla valutazione degli studenti.

3.2 Ambiente di apprendimento

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola cura gli aspetti organizzativi, metodologici e relazionali dell'ambiente di apprendimento.

Situazione della scuola

6-

Motivazione

L'organizzazione di spazi e tempi risponde alle esigenze di apprendimento degli studenti. Gli spazi laboratoriali sono usati con frequenza elevata in tutte le classi. La scuola promuove l'utilizzo di modalita' didattiche innovative. Gli studenti lavorano in gruppi, utilizzano le nuove tecnologie, realizzano ricerche o progetti come attivita' ordinarie in classe. La scuola promuove le competenze trasversali attraverso la realizzazione di attivita' relazionali e sociali che vedono la partecipazione attiva degli studenti. Le regole di comportamento sono definite e condivise in tutte le classi. I conflitti con gli studenti, presenti in forme di modesta gravità, sono gestiti in modo efficace. Per quanto riguarda i comportamenti violenti e le attività non consentite si specifica che le percentuali relative alle azioni interlocutorie e sanzionatorie si riferiscono a limitati casi.

3.3 Inclusione e differenziazione

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola cura l'inclusione degli studenti con bisogni educativi speciali, valorizza le differenze culturali, adegua l'insegnamento ai bisogni formativi di ciascuno studente attraverso percorsi di recupero e potenziamento.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

Visto il numero sempre maggiore di alunni che presentano problematiche certificate, da qualche anno è stata istituita la funzione strumentale "Integrazione scolastica d'Istituto" con il compito di sensibilizzare e attivare pratiche comuni in tema di accoglienza, inclusione e integrazione degli alunni con bisogni educativi speciali (BES, DSA e disabili).

3.4 Continuita' e orientamento

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola garantisce la continuita' dei percorsi scolastici e cura l'orientamento personale, scolastico e professionale degli studenti.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

Le attività di continuità per le classi terze della scuola secondaria di primo grado si realizzano a partire dal mese di ottobre con interventi capillari sia presso gli istituti scolastici della provincia che presso la nostra scuola. Sono state organizzate giornate di scuola aperta e piccole attività laboratoriali per illustrare le materie caratterizzanti l'indirizzo. Il coinvolgimento delle famiglie avviene con incontri specifici nelle classi del biennio e in modo informale per le altre classi (colloqui...). Le attività di continuità con l'Università e il mondo del lavoro vengono effettuate già a partire dalle classi quarte e prevedono incontri con Atenei e associazioni del territorio, partecipazioni a giornate di formazione.

3.5 Orientamento strategico e organizzazione della scuola

Punti di Forza:

Gli obiettivi prioritari e le caratteristiche dell'Istituto sono riportati nel PTOF, che è consultabile online e nella bacheca d'Istituto. I nuovi docenti sono informati della politica dell'ITE. Le linee guida e gli obiettivi prioritari, il sito della scuola dove reperire le informazioni e il registro online sono illustrati alle famiglie delle classi prime nel mese di luglio, in modo da rendere i genitori e gli studenti partecipi delle attività della scuola. I dati sono presentati in CD e CI. L'ITE è scuola accreditata presso la Regione Marche, questo consente la partecipazione ad attività di formazione come FSE e ITS che aiutano ad ampliare l'offerta formativa per i nostri studenti. Ogni anno si individuano o confermano gli obiettivi prioritari su cui effettuare dei miglioramenti e monitorare i processi per l'anno scolastico corrente. Nel collegio dei docenti di ottobre e nel consiglio di istituto di novembre si approva il PDM. Nei collegi dei docenti di giugno e di settembre si verificano i risultati raggiunti. A fine anno scolastico attraverso sondaggi online o cartacei i genitori, gli alunni, i docenti vengono consultati a seconda delle necessità per esprimere il livello di soddisfazione rispetto all'organizzazione, alle strutture, ai servizi offerti, alla comunicazione, alle relazioni, al recupero, ai viaggi di istruzione,alla didattica, agli obiettivi del PTOF. Lo staff della dirigenza, le funzioni strumentali, i responsabili di progetto hanno chiara comprensione dei compiti e delle procedure da seguire. In ogni caso tutte le decisioni vengono proposte, discusse, riarticolate e approvate dal Collegio dei Docenti e per gli aspetti di competenza discusse e approvate anche dal Consiglio di Istituto. Nel mansionario scolastico sono riportati tutti i compiti che debbono ricoprire le varie figure scolastiche. Lo stesso contratto d'istituto, per il personale ATA in particolare, definisce i compiti da svolgere e ogni anno viene sottoposto ad eventuale revisione e oggetto di assegnazione della quota FIS specifica. Il Collegio dei docenti approva ogni anno gli ambiti a cui dare priorità, in genere alle certificazioni informatiche e linguistiche e alle attività di orientamento, successivamente sono individuate le macroaree dei progetti a cui dare la priorità e nel caso ci sia la necessità di taglio si individuano i progetti che afferiscono ad aree ritenute meno significative. Quando è possibile, per garantire l'effettuazione dei progetti più importanti si attinge a fondi presenti nel programma annuale, utilizzando il contributo versato dal gestore del punto di ristoro interno alla scuola, o da finanziamenti reperiti dalla partecipazione a concorsi. La scuola ha ottenuto alcuni finanziamenti da PON specifici per l'ammodernamento di strutture laboratoriali.

Punti di Debolezza

La scuola è un sistema complesso e i vincoli esterni non sempre favoriscono il raggiungimento degli obiettivi a partire dai fondi non adeguati e da gratificazioni scarse per i docenti. Il bilancio sociale dovrà essere aggiornato nel prossimo anno scolastico. Un elemento non positivo è che non c'è molto ricambio tra i docenti nella distribuzione degli incarichi di responsabilità, anche a causa di una retribuzione non certo corrispondente all'aggravio di lavoro spesso richiesto. Il FIS attuale riesce a mala pena a coprire le retribuzioni dei docenti legate alla gestione organizzativa della scuola (responsabili dei laboratori, collaboratori e vicario, coordinatori di materia e di classe, gestione dell'orario, ecc) determinando l'utilizzo di altre entrate non vincolate per la possibilità di realizzazione di progetti ritenuti prioritari. Il nostro Istituto essendo un tecnico ha la necessità anche di ammodernare e manutenere il proprio patrimonio strumentale (laboratori, LIM, software, ecc) e le risorse economiche sono spesso inadeguate a garantire un buon grado di efficienza e di rispondenza alle richieste del mercato per la preparazione dei nostri studenti. Pur se il nostro Istituto ha molte collaborazioni con enti pubblici e privati per la realizzazione di prodotti informatici su commissione, non è facile ottenere finanziamenti significativi vista la situazione di crisi economica in atto.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola definisce la propria missione e la visione, monitora in modo sistematico le attività che svolge, individua ruoli di responsabilita' e compiti per il personale in modo funzionale e utilizza in modo adeguato le risorse economiche.

Situazione della scuola

7- Eccellente

Motivazione

Il rapporto con il territorio è costante e molti sono stati nel tempo i prodotti realizzati per committenti esterni.

3.6 Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane

Punti di Forza:

Dall'anno scolastico 2016-17 l'Istituto organizza e gestisce nell'ambito 7 della Regione Marche la formazione a tutti i docenti della Provincia. Molti docenti della scuola hanno partecipato a corsi sulle tematiche ministeriali declinate secondo quanto stabilito dall'ambito. Inoltre l'Istituto gestisce i corsi di formazione PON. Il CD ha individuato il monte ore minimo di formazione. La segreteria docenti raccoglie e aggiorna periodicamente materiali riguardanti il curriculo dei docenti. Le competenzespecifiche dei docenti vengono utilizzate nell'organizzazione di corsi extra-scolastici (FSE, ITS,...) e in progetti di ampliamento dell'offerta formativa. La scuola organizza gruppi di lavoro sui temi presenti in tabella. Nella maggior parte dei casi i docenti partecipano in maniera spontanea e in forma gratuita. Nella maggior parte dei casi vengono prodotti materiali e documenti riguardanti le tematiche perse in esame. La scuola mette a disposizione piattaforme di e-learning e bacheca virtuale per la condivisione dei materiali. In alcuni casi vengono condivisi i materiali didattici con i colleghi. Dal questionario somministrato ai docenti emerge che la collaborazione professionale tra i colleghi favorisce un clima di lavoro sereno e costruttivo

Punti di Debolezza

Si verificherà successivamente la ricaduta degli interventi effettuati sulla didattica. Disponibilità non sempre diffusa nell'accettare incarichi istituzionali.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola valorizza le risorse professionali, promuove percorsi formativi di qualita' e incentiva la collaborazione tra pari.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

La scuola organizza iniziative formative per i docenti. Le proposte formative sono in genere di buona qualita' e rispondono ad alcuni bisogni formativi dei docenti. La scuola valorizza il personale tenendo conto, per l'assegnazione di alcuni incarichi, delle competenze possedute. Nella scuola sono presenti gruppi di lavoro composti da insegnanti. Sono presenti spazi per il confronto professionale tra colleghi, e i materiali didattici a disposizione sono vari, anche se non sempre condivisi.

3.7 Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie

Punti di Forza:

Il nostro Istituto è scuola polo per diverse attività formative di tutto il personale della scuola. E'stata stipulata una convenzione tra l'Istituto e l'Università di Macerata volta a promuovere e realizzare attività che consentano l'attribuzione concordata di un numero predeterminato di crediti formativi universitari. Tutti gli studenti delle classi del triennio partecipano al progetto di alternanza scuola-lavoro. L'Istituto è partner di alcuni ITS del territorio. I genitori degli studenti delle classi prime vengono convocati nel mese di luglio e di ottobre per la presentazione del PTOF, del Regolamento d’Istituto e del Patto formativo. La scuola utilizza il registro elettronico quale strumento di comunicazione con le famiglie; le assenze degli studenti vengono tempestivamente comunicate tramite SMS.

Punti di Debolezza

Limitata partecipazione dei genitori degli alunni del triennio alle attività promosse dalla scuola.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola svolge un ruolo propositivo nella promozione di politiche formative territoriali e coinvolge le famiglie nella definizione dell'offerta formativa e nella vita scolastica.

Situazione della scuola

6-

Motivazione

La scuola partecipa in modo attivo a reti e collabora con diversi soggetti esterni. Le collaborazioni attivate contribuiscono in modo significativo a migliorare la qualita' dell'offerta formativa. La scuola e' un punto di riferimento nel territorio per la promozione delle politiche formative. Il percorso di alternanza scuola -lavoro ha ricadute positive nella valutazione del percorso formativo degli studenti. La scuola favorisce il dialogo con i genitori e utilizza le loro idee e suggerimenti per migliorare l'offerta formativa.

  Dettaglio
Le priorita' si riferiscono agli obiettivi generali che la scuola si prefigge di...

... realizzare nel lungo periodo attraverso l'azione di miglioramento. Le priorita' che la scuola si pone devono necessariamente riguardare gli esiti degli studenti. Si suggerisce di specificare quale delle quattro aree degli Esiti si intenda affrontare (Risultati scolastici, Risultati nelle prove standardizzate nazionali, Competenze chiave europee, Risultati a distanza) e di articolare all'interno quali priorita' si intenda perseguire (es. Diminuzione dell'abbandono scolastico nel primo anno di secondaria di II grado; Riduzione della variabilita' fra le classi; Sviluppo delle competenze sociali degli studenti di secondaria di I grado, ecc.). Si suggerisce di individuare un numero limitato di priorita' (1 o 2 per scuola) selezionandole all’interno di una stessa area o al massimo di due aree degli Esiti degli studenti. I traguardi sono di lungo periodo e riguardano i risultati attesi in relazione alle priorita'. Si tratta di risultati previsti a lungo termine (3 anni). Essi articolano in forma osservabile e/o misurabile i contenuti delle priorita' e rappresentano le mete verso cui la scuola tende nella sua azione di miglioramento. Per ogni priorita' individuata deve essere articolato il relativo traguardo di lungo periodo. Essi pertanto sono riferiti alle aree degli Esiti degli studenti (es. in relazione alla priorita' strategica "Diminuzione dell'abbandono scolastico nel primo anno di secondaria di II grado", il traguardo di lungo periodo puo' essere definito come "Rientrare nella media di abbandoni regionali pari al 4%, e precisamente portare gli abbandoni della scuola al di sotto del 4%"). E' opportuno evidenziare che per la definizione del traguardo che si intende raggiungere non e' sempre necessario indicare una percentuale, ma una tendenza costituita da traguardi di riferimento a cui la scuola mira per migliorare, ovvero alle scuole o alle situazioni con cui e' opportuno confrontarsi

Priorità e Traguardi

Risultati scolastici

PRIORITA'

Favorire il conseguimento delle certificazioni linguistiche, informatiche ed economiche

TRAGUARDO

Numero di certificazioni conseguite

Obiettivi di processo collegati

- Miglioramento delle abilità linguistiche, informatiche ed economiche degli studenti


PRIORITA'

Mantenimento e miglioramento del livello di soddisfazione degli utenti per il servizio offerto dalla scuola

TRAGUARDO

Percentuali di soddisfazione non inferiore al 70% rilevata attraverso customer e questionari specifici

Obiettivi di processo collegati

- Le discipline di diritto e cittadinanza come supporto per rendere la convivenza quotidiana produttiva e rispettosa delle individualità.

- Costituire e formare un gruppo di lavoro per supportare gli studenti bisognosi di sostegno all'acquisizione di regole comportamentali adeguate.

- Coinvolgimento delle famiglie in attività di prevenzione


PRIORITA'

Esiti scolastici: mantenimento dei livelli di profitto generalmente presenti

TRAGUARDO

Migloramento della percentuale di recupero tra primo e secondo quadrimestre, di promozioni, della percentuale di ritiri e abbandoni

Obiettivi di processo collegati

- Costituire e formare un gruppo di lavoro per supportare gli studenti bisognosi di sostegno all'acquisizione di regole comportamentali adeguate.

- Coinvolgimento delle famiglie in attività di prevenzione


Competenze chiave europee

PRIORITA'

Prevenzione del manifestarsi di episodi di mancato rispetto delle persone e delle strutture scolastiche.

TRAGUARDO

Diminuzione del numero degli episodi problematici sanzionati con note disciplinari e sospensioni.

Obiettivi di processo collegati

- Le discipline di diritto e cittadinanza come supporto per rendere la convivenza quotidiana produttiva e rispettosa delle individualità.


Risultati a distanza

PRIORITA'

Monitorare la soddisfazione e le scelte dopo il diploma

TRAGUARDO

Percentuale di occupati, di iscritti all'Università e di soddisfazione in linea o in aumento rispetto agli anni precedenti.

Obiettivi di processo collegati

- Miglioramento delle abilità linguistiche, informatiche ed economiche degli studenti


MOTIVAZIONE SCELTA PRIORITA'

Le attività indicate negli obiettivi di processo consentono il coinvolgimento dei docenti, degli studenti, dei genitori nel contribuire ad un clima di aula favorevole ad un apprendimento proficuo in termini di correttezza dei rapporti e di utilizzo da parte dei docenti formati di nuove metodologie didattiche.

Gli obiettivi di processo rappresentano una definizione operativa delle attività...
... su cui si intende agire concretamente per raggiungere le priorita' individuate. Essi costituiscono degli obiettivi operativi da raggiungere nel breve periodo (un anno scolastico) e riguardano una o piu' aree di processo. Si suggerisce di indicare l'area o le aree di processo su cui si intende intervenire e descrivere gli obiettivi che la scuola si prefigge di raggiungere a conclusione del prossimo anno scolastico (es. Promuovere una figura di docente tutor per supportare gli studenti in difficolta' del primo anno dell'indirizzo linguistico nella scuola secondaria di II grado; Individuare criteri di formazione delle classi che garantiscano equi-eterogeneita'; Utilizzare criteri di valutazione omogenei e condivisi per la matematica nella scuola primaria; Ridurre gli episodi di esclusione e i fenomeni di bullismo nella scuola secondaria di I grado; ecc.).

Obiettivi di processo

Curricolo, progettazione e valutazione

Miglioramento delle abilità linguistiche, informatiche ed economiche degli studenti

Ambiente di apprendimento

Le discipline di diritto e cittadinanza come supporto per rendere la convivenza quotidiana produttiva e rispettosa delle individualità.

Inclusione e differenziazione

Costituire e formare un gruppo di lavoro per supportare gli studenti bisognosi di sostegno all'acquisizione di regole comportamentali adeguate.

Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane

Formazione del personale docente

Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie

Coinvolgimento delle famiglie in attività di prevenzione

Intensificazione degli incontri con il CTS.

Contributo degli obiettivi di processo nel raggiungimento delle priorità