Indicatori Dettaglio
1.1 Popolazione scolastica

Opportunità

Gli alunni provengono maggiormente dalle scuole ubicate nell'ambito territoriale 15 che va da Barcellona a Villafranca. L'omogeneità sociale e territoriale negli indirizzi facilita la progettazione didattica e la comunicazione. La popolazione studentesca presenta un background: - medio alto nell'indirizzo chimica, materiali e biotecnologie (art. chimica e materiali e art. chimica e biotecnologie sanitarie e ambientali) e nell'indirizzo informatica e telecomunicazioni - medio basso nell'indirizzo elettronica ed elettrotecnica - medio nell'indirizzo trasporti e logistica - basso nell'indirizzo meccanica e meccatronica. Il valore percentuale degli studenti con famiglie economicamente svantaggiate e' superiore al livello nazionale ma non rappresenta un limite per il successo formativo degli allievi. Il valore percentuale del livello di partenza del numero degli alunni iscritti alla prima classe, appartenenti alla fascia medio-alta (voto di licenza media 8-9-10-10 e lode), risulta più alto della media nazionale. La popolazione studentesca e' costituita da 54 studenti con cittadinanza non italiana, da 10 allievi con disabilita' e da 77 allievi con bisogni educativi speciali (70 DSA, 6 BES, 1 DES) su un totale di 1530 allievi. Il rapporto numerico studenti insegnanti è di 1 a 10 e risulta più basso rispetto al valore regionale e nazionale. Ciò e' reso possibile grazie alla compresenza del docente tecnico -pratico per le discipline scientifiche e professionali.

Vincoli

L'elevato tasso di pendolarismo (oltre il 50%) non premette agli allievi di partecipare alle attività extrascolastiche della scuola in orario pomeridiano.

1.2 Territorio e capitale sociale

Opportunità

Il comune di Milazzo in cui è ubicata la scuola ha una popolazione di 31882 con il 3,2% di stranieri di origine prevalentemente albanese, rumena, filippina. In città sono presenti tutti gli istituti di istruzione secondaria di secondo grado. Negli ultimi decenni si e' verificato un crescente sviluppo industriale grazie alla presenza di una grande raffineria di petrolio e di numerose aziende che operano nei più svariati comparti. Interessante e' l'artigianato, in particolare quello del ferro battuto e della lavorazione del legno. Buona la rete commerciale, il servizio bancario, quello assicurativo e dei fondi pensione. Il porto e' uno dei più importanti in Sicilia per movimento merci e passeggeri grazie alla crescente attività industriale e commerciale della città e del suo comprensorio. A queste importanti risorse si affianca il turismo. L'arricchimento culturale e' garantito dalla biblioteca Comunale. Alla diffusione dell'informazione e della cultura provvedono varie emittenti radiotelevisive. Sono presenti associazioni no profit come "Gigliopoli" che persegue scopi sociali a favore di minori in condizioni di disagio. La scuola stabilisce rapporti costanti con le istituzioni territoriali e con le aziende del territorio per la realizzazione di progetti e stage. La provincia mediante finanziamenti europei ottenuti ha effettuato la manutenzione della facciata di un'ala dell'edificio e sono in corso i lavori di rifacimento di un'altra ala dell'edificio.

Vincoli

Gli enti locali contribuiscono in minima parte a supporto delle spese di manutenzione della struttura

1.3 Risorse economiche e materiali

Opportunità

Gli ambienti scolastici sono concentrati in un unico immobile e ciò garantisce la vigilanza, favorisce la flessibilità organizzativa e rafforza il senso di appartenenza sia tra i docenti che tra gli allievi generando un forte senso di comunità scolastica. L'edificio si presenta in buone condizioni strutturali; le aule sono tutte ampie e luminose; i laboratori sono attrezzati in funzione delle esigenze didattiche delle varie specializzazioni. Una parte dell'edificio e' stato oggetto di lavori di ristrutturazione, mediante finanziamenti europei asse 2 che hanno consentito di realizzare 6 nuove aule e 5 ambienti destinati a laboratori. Questa zona e' dotata di moderna impiantistica elettrica e termotecnica e garantisce una maggiore attrattività degli ambienti scolastici. Nella scuola sono presenti 1 pista di atletica, 1 pista salto in lungo, un campo polifunzionale. L'Istituto, situato al centro della città, e' facilmente raggiungibile dai pendolari perché vicino ai terminal (porto, capolinea pullman ). La scuola è dotata di: 47 aule, di 26 laboratori di cui 2 laboratori di informatica per il primo biennio, 1 laboratorio linguistico, 6 laboratori di chimica, 2 laboratori di microbiologia, 6 laboratori di meccanica, 5 laboratori di elettronica ed elettrotecnica, 1 laboratorio di trasporti e logistica, 2 laboratori di informatica e telecomunicazioni, 1 laboratorio di fisica. In ogni aula e' presente un PC ad uso del docente, 10 aule e 10 laboratori sono dotati di LIM.

Vincoli

Le palestre coperte non sono adeguate alle esigenze della scuola in quanto si presentano fatiscenti in alcune parti ed hanno dimensioni ridotte rispetto al numero di alunni dell'istituto. L'ente proprietario dell'immobile sta attualmente realizzando interventi di adeguamento riguardanti il superamento delle barriere architettoniche (rampa di accesso al piano rialzato); sono ancora necessari lavori per la realizzazione di ulteriori bagni attrezzati per disabili. I prospetti dell'edificio necessitano di interventi di rifacimento delle aree ammalorate; gli infissi, in parte delle aule e delle zone comuni, non sono rispondenti alle vigenti disposizioni legislative in materia di sicurezza e non risultano conformi alle norme sul risparmio energetico.

1.4 Risorse professionali

Opportunità

Il Dirigente Scolastico, da più di 10 anni titolare in servizio nella scuola, ha permesso, attraverso la sua lesdership, di realizzare un ambiente di lavoro stimolante e collaborativo, di attuare le linee progettuali e di indirizzo della scuola che hanno consentito all'istituto di crescere in numero di alunni iscritti passando, nell'arco di 11 anni, da 800 alunni a 1560, di realizzare percorsi di eccellenza, di migliore le strutture e potenziare i laboratori attraverso la partecipazione ai finanziamenti PON. La stabilità del corpo docente (55% di docenti con più di 6 anni di permanenza nella scuola) consente agli alunni i vantaggi derivanti dalla continuità didattica durante tutto il percorso di studi.

Vincoli

La maggior parte dei docenti della scuola ha un’età superiore ai 45 anni ( circa il 80%) e una conoscenza scolastica della Lingua Inglese, solo il 25% dei docenti ha competenze linguistiche ed informatiche certificate.

    Autovalutazione Indicatori Dettaglio
2.1 Risultati scolastici

Punti di forza

La progettazione didattica e i criteri adottati dalla scuola sono adeguati a garantire il successo formativo. L'ammissione alla classe successiva è superiore sia alla media regionale sia alla media nazionale. Il dato relativo agli studenti con sospensione del giudizio è invece inferiore sia alla media regionale sia alla media nazionale. Oltre il 40% degli studenti consegue all'esame di stato un voto che lo pone nella fasce più alte (il valore è superiore alla media regionale e nazionale). La percentuale degli studenti trasferiti in uscita è più bassa di quella provinciale, regionale e nazionale. La percentuale degli alunni delle classi seconde che viene promosso con sospensione del giudizio in inglese e in matematica è del 10% e quindi risulta in diminuzione rispetto all'anno scolastico precedente; ciò dimostra che le iniziative di supporto e di recupero attuate dalla scuola hanno avuto una ricaduta positiva. Si riscontra infatti una sensibile diminuzione della percentuale di alunni con giudizio sospeso in inglese e matematica a conclusione del primo biennio rispetto ai valori rilevati alla fine del primo anno. Si rileva altresì una sensibile diminuzione degli alunni che hanno riportato insufficienze nello scrutinio finale rispetto all'anno scolastico precedente.

Punti di debolezza

Il 19,5% degli alunni delle prime e delle seconde classi viene promosso con sospensione del giudizio in inglese e in matematica.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola portano avanti regolarmente il loro percorso di studi, lo concludono e conseguono risultati soddisfacenti agli esami finali.

Rubrica di valutazione

7- Eccellente

Motivazione

La quota di studenti ammessi all'anno successivo è superiore ai riferimenti nazionali. Non si registrano abbandoni e i trasferimenti in uscita sono inferiori ai trasferimenti in entrata. Nella secondaria di II grado la quota di studenti sospesi in giudizio per debiti scolastici è decisamente inferiore ai livelli nazionali. La quota di studenti collocata nelle fasce di punteggio più alte (9-10 e lode nel I ciclo; 91-100 e lode nel secondo ciclo) all'Esame di Stato è superiore ai riferimenti nazionali. Situazione della scuola: 7 - Eccellente. La motivazione del giudizio assegnato nasce dal positivo percorso in costante miglioramento che la scuola ha intrapreso da oltre un decennio. La scuola è riuscita inoltre a "recuperare" negli ultimi anni molti studenti (provenienti da un contesto che non incentivava la stimolazione cognitiva, la motivazione all'apprendimento e le aspirazioni verso la riuscita), favorendone il successo scolastico. Relativamente ai criteri di valutazione adottati dalla scuola si può affermare che si sono rivelati adeguati ad assicurare e garantire il successo formativo degli studenti come confermato anche dalle famiglie nei questionari somministrati loro nell'ambito del percorso di autovalutazione. I risultati di tale questionario di gradimento somministrato ad un campione di genitori ha dato un feedback positivo nelle varie aree (Gli spazi e le attrezzature della scuola, il clima scolastico, l'immagine della scuola, la leadership, la comunicazione, la didattica, etc....) ribadendo ancora una volta la bontà del cammino intrapreso. Lo scopo della somministrazione dei questionari e della successiva analisi dei dati è stato quello di individuare i punti di forza e di eventuale debolezza della scuola in modo da individuare azioni e comportamenti che possano arricchire l'offerta formativa dell'Istituto. Ragionare obiettivamente su aspetti negativi e positivi, che inevitabilmente coesistono, rappresenta infatti un esercizio utile per il miglioramento.

2.2 Risultati nelle prove standardizzate nazionali

Punti di forza

L'Istituto Tecnico "Majorana" ha sempre ottenuto risultati lusinghieri nelle prove standardizzate sia in Italiano che in Matematica in quanto il numero degli alunni appartenenti al livello 1 e 2 è inferiore rispetto alla media regionale e del Sud Italia; la maggior parte dei discenti sono collocati nei livelli 3 e 4. In comparazione con gli altri istituti tecnici si posiziona in quasi tutte le classi al di sopra della media regionale e del Sud Italia ma leggermente inferiore alla media nazionale. In matematica si nota una bassa varianza tra le classi, merito del buon lavoro di programmazione dell'Istituto. Viceversa in Italiano ci sono risultati eterogenei ma ciò è positivo perché tutte le classi sono al di sopra della media regionale e 3-4 classi sono a livello delle migliori degli istituti tecnici italiani. L'aspetto positivo è quindi che, in generale, la variabilità dei punteggi tra le classi è bassa. L'effetto scuola inoltre è superiore alla media regionale.

Punti di debolezza

La variabilità dei punteggi dentro le classi risulta molto alta. Inoltre il numero di alunni appartenenti alla fascia più alta è più basso della media nazionale. Questo dato nasce dalla difficoltà di programmare, in vista delle prove standardizzate, attività di esercitazione per piccoli gruppi e per fasce di livello in orario curriculare al fine del recupero delle carenze e della promozione delle eccellenze. Tale difficoltà è dovuta all'elevato numero delle classi del primo biennio, all'orario scolastico, al numero di aule a disposizione che rendono difficoltosa l'attuazione della didattica per classi aperte.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola raggiungono livelli di apprendimento soddisfacenti in italiano e matematica in relazione ai livelli di partenza e alle caratteristiche del contesto.

Rubrica di valutazione

5- Positiva

Motivazione

La valutazione del sistema scolastico è da intendersi come un'infrastruttura stabile e consolidata che consenta di migliorare progressivamente i livelli di apprendimento nella scuola. Le prove INVALSI hanno permesso di individuare i punti di forza e di debolezza offrendo dati comparabili a livello nazionale, regionale e a livello di singola scuola e mettendo a disposizione della comunità scolastica un sistema organico di dati per intraprendere un processo di autovalutazione e orientarlo verso indicatori comuni. Per elaborare un rapporto di autovalutazione e formulare un piano di miglioramento è necessario avere la consapevolezza che nella scuola si hanno a disposizione molti dati che aiutano a migliorare e che non sempre vengono valorizzati dando loro l'importanza che in realtà rivestono. Occorre quindi avere dati a disposizione e comparare "i risultati" tenendo conto anche del contesto in cui una scuola opera; occorre valorizzare i punti di forza e affrontare le criticità senza applicare un modello predefinito ma tenendo sempre presente le finalità: migliorare gli esiti formativi ed educativi degli studenti. L'Istituto Tecnico "Majorana" ha sempre operato in tal senso raggiungendo risultati lusinghieri nelle prove standardizzate sia in italiano che in matematica. Il punteggio di italiano e matematica della scuola alle prove INVALSI risulta infatti superiore a quello di scuole con background socio economico e culturale simile. La variabilità dei punteggi tra le classi è bassa e questo testimonia il buon lavoro di programmazione della scuola. La variabilità dei punteggi dentro le classi risulta invece essere alta. La quota di studenti collocati nei livelli 1 e 2 in italiano e in matematica è inferiore alla media regionale e del Sud Italia. L'effetto attribuibile alla scuola sugli apprendimenti è superiore all'effetto medio regionale e i punteggi medi di scuola sono superiori a quelli medi regionali.

2.3 Competenze chiave europee

Punti di forza

La scuola adotta un sistema di valutazione delle competenze acquisite nei percorsi di alternanza scuola-lavoro (PCTO). Per le competenze linguistiche e informatiche la scuola acquisisce le certificazioni rilasciate dagli enti accreditati. La scuola punta all'acquisizione da parte degli studenti delle competenze chiave europee quali la comunicazione nella madrelingua e nelle lingue straniere, le competenze in matematica, scienza e tecnologia attraverso l'utilizzo di una didattica laboratoriale e della metodologia flipped classroom, la promozione di attività di supporto e potenziamento, la realizzazione di percorsi di apprendimento con esperti delle discipline, l'organizzazione di stage linguistici. Le competenze digitali vengono promosse attraverso l'uso delle tecnologie della società dell'informazione, l'utilizzo del computer, la realizzazione dei percorsi Cisco; le competenze sociali, quali la capacità di pianificare e gestire progetti, l'assunzione di responsabilità, il lavoro di squadra vengono acquisiti mediante la realizzazione di percorsi di alternanza scuola lavoro e impresa simulata (PCTO) ; le competenze civiche attraverso la discussione sui temi della cittadinanza attiva e la promozione della cultura comunitaria. La scuola dà ampio risalto alla prevenzione e al contrasto del bullismo e del cyberbullismo educando gli studenti all'uso consapevole della rete internet e ai diritti e ai doveri connessi all'utilizzo della tecnologia informatica.

Punti di debolezza

Nessuno

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola acquisiscono livelli soddisfacenti nelle competenze sociali e civiche, nell'imparare a imparare, nelle competenze digitali e nello spirito di iniziativa e imprenditorialità.

Rubrica di valutazione

7- Eccellente

Motivazione

La maggior parte degli studenti della scuola raggiunge livelli ottimali in relazione alle competenze digitali, imparare ad imparare, spirito di iniziativa e imprenditorialità ed alle competenze sociali e civiche. In relazione a queste ultime la scuola dà ampio risalto alla prevenzione ed al contrasto del bullismo e del cyberbullismo promuovendo interventi formativi e di sensibilizzazione con lo scopo di educare gli studenti all'uso consapevole della rete internet e ai diritti e ai doveri connessi all'utilizzo delle tecnologie informatiche con riferimento a quanto previsto dalla legge n° 71 del 29 maggio 2017 e dalle linee di orientamento emanate dal MIUR in data 15 aprile 2015.

2.4 Risultati a distanza

Punti di forza

I risultati universitari degli iscritti nell'area scientifica sono in linea con i valori nazionali. L'inserimento nel mondo del lavoro superiore alla media sia regionale che nazionale. La scuola negli ultimi anni ha avuto un notevole miglioramento relativamente al numero di studenti che si sono iscritti all'Università. La percentuale di iscrizioni è superiore sia alla media regionale che a quella nazionale.

Punti di debolezza

La percentuale degli studenti (iscritti al primo ed al secondo anno Università) che hanno conseguito più della metà dei crediti formativi (CFU) è inferiore al dato provinciale, regionale e nazionale.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti in uscita dalla scuola hanno successo nei successivi percorsi di studio e di lavoro.

Rubrica di valutazione

4-

Motivazione

La scuola non raccoglie in modo sistematico informazioni sui risultati degli studenti nei successivi percorsi di studio e di avviamento al mondo del lavoro (stage, formazione non universitaria, etc....) e il loro inserimento nel mercato del lavoro. I risultati raggiunti dagli studenti immatricolati all'università nelle materie scientifiche sono ampiamente positivi. Il numero di immatricolati all'Università è migliorato negli ultimi anni risultando superiore a quello provinciale, regionale e nazionale. Le competenze professionali hanno consentito ai diplomati un inserimento nel mondo del lavoro superiore alla media nazionale nel 2015.

    Autovalutazione Indicatori Dettaglio
3.1 Curricolo, progettazione e valutazione

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola propone un curricolo aderente alle esigenze del contesto, progetta attivita' didattiche coerenti con il curricolo, valuta gli studenti utilizzando criteri e strumenti condivisi.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

La scuola ha elaborato un proprio curriculo a partire dai documenti ministeriali di riferimento. Sono stati definiti i profili di competenze per le varie discipline e anni di corso. Le attività di ampliamento dell'offerta formativa sono inserite nel progetto educativo della scuola. Gli obiettivi e le abilità/competenze da raggiungere con queste attività sono definiti in modo chiaro. Nella scuola sono presenti referenti e/o gruppi di lavoro sulla progettazione didattica e/o la valutazione degli studenti e dipartimenti disciplinari. La progettazione didattica viene effettuata in modo condiviso per ambiti disciplinari. I docenti utilizzano modelli comuni per la progettazione delle unità di apprendimento. La scuola utilizza forme di certificazione delle competenze degli studenti. I docenti utilizzano alcuni strumenti comuni per la valutazione degli studenti e hanno momenti di incontro per condividere i risultati della valutazione. La scuola realizza regolarmente interventi specifici a seguito della valutazione degli studenti. L’Istituto è quindi impegnato a fornire le conoscenze, gli strumenti critici e metodologici per affrontare la continua e rapida evoluzione delle tecnologie e dei sistemi formativi, attraverso l’acquisizione di competenze professionali approfondite, aggiornate e spendibili nel mondo del lavoro. L’Istituto è altresì impegnato a far fronte alle sfide ed alle rapide trasformazioni di un mercato del lavoro globalizzato in continua evoluzione. Nel quadro dell’Autonomia gli obiettivi strategici principali dell’Istituto sono: realizzare una Scuola aperta al territorio che promuove una ricca offerta formativa, laboratorio permanente di ricerca, agenzia di formazione continua, polo di attività formative e culturali con consolidate e robuste competenze professionali, in grado di contribuire alla crescita dell’intera comunità locale.

3.2 Ambiente di apprendimento

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola cura gli aspetti organizzativi, metodologici e relazionali dell'ambiente di apprendimento.

Situazione della scuola

6-

Motivazione

L’organizzazione di spazi e tempi risponde alle esigenze di apprendimento degli studenti . Gli spazi laboratoriali, le dotazioni tecnologiche e la biblioteca sono utilizzati da tutte le classi. A scuola ci sono momenti di confronto tra insegnanti sulle metodologie didattiche e si utilizzano metodologie diversificate nelle classi. Gli studenti lavorano in gruppi, utilizzano le nuove tecnologie, realizzano ricerche o progetti. Le regole di comportamento sono definite e condivise nelle classi. Le relazioni tra studenti e tra studenti e insegnanti sono positive. I conflitti con gli studenti sono gestiti con modalità efficaci.

3.3 Inclusione e differenziazione

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola cura l'inclusione degli studenti con bisogni educativi speciali, valorizza le differenze culturali, adegua l'insegnamento ai bisogni formativi di ciascuno studente attraverso percorsi di recupero e potenziamento.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

Le attività realizzate dalla scuola per gli studenti che necessitano di inclusione sono sufficienti. La qualità degli interventi didattici per gli studenti che necessitano di inclusione e' in generale accettabile, ma ci sono aspetti da migliorare. Il raggiungimento degli obiettivi previsti per gli studenti che necessitano di inclusione sono costantemente monitorati. La scuola promuove il rispetto delle differenze e della diversità culturale. La differenziazione dei percorsi didattici in funzione dei bisogni educativi degli studenti e' sufficientemente strutturata a livello di scuola, ma andrebbe migliorata. Gli obiettivi educativi sono ben definiti ma non sono presenti forme di monitoraggio e valutazione per verificarne il raggiungimento. Gli interventi individualizzati nel lavoro d'aula sono sufficientemente diffusi a livello di scuola.

3.4 Continuita' e orientamento

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola garantisce la continuita' dei percorsi scolastici e cura l'orientamento personale, scolastico e professionale degli studenti.

Situazione della scuola

7- Eccellente

Motivazione

La scuola ha stipulato convenzioni con un partenariato diversificato di imprese ed associazioni. Il numero di convenzioni stipulate è nettamente superiore al riferimento provinciale. La scuola ha integrato in modo organico nella propria offerta formativa i percorsi per le competenze trasversali e l'orientamento (PCTO). I progetti di alternanza scuola lavoro rispondono in modo coerente ai fabbisogni formativi del tessuto produttivo del territorio e alle esigenze formative degli studenti. Le attività relative ai percorsi per le competenze trasversali e l'orientamento vengono monitorate in maniera regolare. La scuola ha definito le competenze attese per gli studenti a conclusione dei percorsi di alternanza (PCTO). La scuola valuta e certifica le competenze degli studenti al termine del percorso di alternanza scuola - lavoro (PCTO) sulla base di criteri definiti e condivisi.

3.5 Orientamento strategico e organizzazione della scuola

Punti di Forza:

Missione e visione della scuola: La missione e la visione dell'istituto sono definite chiaramente nel PTOF e sono condivise all'interno della comunità scolastica che le acquisisce, le discute e le attua all'interno degli Organi Collegiali. Viene resa nota attraverso la pubblicazione sul sito della scuola. Essa si esplica nella definizione dell’identità della scuola, la quale promuove il successo scolastico. La scuola effettua il monitoraggio delle azioni intraprese attraverso la raccolta dati, questionari di soddisfazione del servizio, griglie di valutazione delle attività svolte. Vengono individuati di ruoli di responsabilità e definiti i compiti per il personale. Le risorse economiche assegnate vengono utilizzate in relazione alle priorità individuate. Organizzazione delle risorse umane: 2 Collaboratori del D.S. 8 Coadiutori del D.S. 7 funzioni strumentali 3 Responsabili Assi Culturali 25 referenti per le varie attività Gestione delle risorse economiche: Il Fondo d’Istituto è così ripartito: il 70% viene assegnato al corpo docente ed il 30% al personale ATA; ne beneficiano il 60% dei docenti ed il 90% del personale ATA. Le assenze del personale sono gestite dalla segreteria amministrativa secondo le indicazioni del Contratto Nazionale. Le divisioni dei compiti e delle aree di attività tra il personale ATA vengono definite dal Direttore Amministrativo. Le responsabilità e i compiti dei docenti che hanno incarichi specifici sono definiti in modo chiaro nelle lettere di incarico. L’allocazione delle risorse economiche nel Programma annuale è coerente con il Piano Triennale dell’Offerta Formativa. La durata media di ogni progetto è di un anno. Progetto prioritario della scuola è l’ Alternanza Scuola Lavoro Percorsi per le competenze trasversali e l'orientamento), che si articola nell'arco del Secondo Biennio e del Quinto Anno rivolta quest’anno a 900 allievi. Per tale progetto sono stati destinati circa 51.363,10 euro. Altri progetti su cui la scuola investe sono il Progetto Sport per il quale mediamente per il quale sono stati destinati 4406,09 ed il Progetto Linguistico per le Certificazioni Cambridge (7284, 92 euro). Altri progetti di rilievo riguardano l'Orientamento (6546,87), Future Classroom (14759,44) e Periferie Creative (100000 euro).

Punti di Debolezza

Esiguo utilizzo di piattaforme per la somministrazione di questionari per la raccolta dati.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola definisce la propria missione e la visione, monitora in modo sistematico le attività che svolge, individua ruoli di responsabilita' e compiti per il personale in modo funzionale e utilizza in modo adeguato le risorse economiche.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

La scuola ha definito la missione e la visione e queste sono condivise nella comunità scolastica, con le famiglie e il territorio. La scuola utilizza forme strutturate di monitoraggio delle azioni. Responsabilità e compiti delle diverse componenti scolastiche sono individuati chiaramente. La maggior parte delle spese definite nel Programma annuale sono coerenti con le scelte indicate nel Piano triennale dell'offerta formativa. La maggior parte delle risorse economiche destinate ai progetti sono investite in modo adeguato.

3.6 Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane

Punti di Forza:

Formazione: L'analisi dei bisogni e delle aspettative del personale avviene in modo regolare e puntuale. Le esigenze formative e le proposte di formazione vengono discusse, condivise ed approvate in modo collegiale. Particolare attenzione viene rivolta alla formazione per lo sviluppo professionale sia dei docenti che del personale A.T.A., per garantire innovazione didattico educativa, ampliamento dell'offerta formativa e funzionamento dei servizi. La scuola elabora ed approva ad inizio anno il piano di formazione e aggiornamento tenendo conto delle esigenze e dei bisogni dei docenti e delle risorse economiche disponibili. I corsi riguardano le seguenti aree tematiche: alternanza scuola - lavoro (impresa simulata), procedure di individuazione e inclusione degli alunni con bisogni educativi speciali, prevenzione e contrasto del bullismo e del cyberbullismo, integrazione delle nuove tecnologie informatiche e multimediali nella didattica (didattica innovativa), primo soccorso, sviluppo delle competenze didattiche, etc.... La scuola raccoglie altresì le esigenze formative del personale ATA (personale amministrativo e collaboratori scolastici), al fine di migliorare il servizio. Le iniziative sono tutte mirate all'arricchimento e alla crescita professionale di tutti coloro che operano nella scuola, con l'obiettivo di migliorare la qualità degli interventi didattici ed educativi a tutti i livelli. La ricaduta positiva delle attività di formazione del personale si evince, innanzitutto, da un'accresciuto senso di appartenenza alla scuola attraverso il clima di condivisione e si manifesta nelle procedure didattiche e nei servizi grazie ad una più elevata consapevolezza professionale. Valorizzazione delle competenze: - Raccolta curriculum vitae docenti e personale ATA in formato digitale; - Utilizzo del curriculum vitae nell'assegnazione degli incarichi alla scopo di assegnarli in maniera adeguata; - Assegnazione degli incarichi tenendo conto dei criteri definiti in contrattazione. Si valorizzano le risorse professionale tenendo conto quindi delle competenze individuali, delle esperienze pregresse, delle capacità organizzative, delle capacità do coordinamento, delle capacità relazionali e della disponibilità ad eventuali incarichi in orario aggiuntivo. Collaborazione tra docenti: - Incentivazione gruppi di lavoro; - Coordinamento gruppo di lavoro; - Produzione e diffusione materiale digitale elaborato dal gruppo di lavoro; - Aula docenti dotata di 15 postazioni PC con collegamento a internet e in rete locale. La scuola incoraggia le iniziative di collaborazione tra docenti per migliorare la ricaduta didattica, per accrescere l'intesa, per favorire un clima scolastico sereno e per accrescere la motivazione a produrre risorse e materiali condivisibili. I docenti condividono spazi, strumenti, materiali didattici, competenze pedagogiche ed esperienze, confrontandosi sulle problematiche scolastiche e sui possibili modi di affrontarle.

Punti di Debolezza

Scarse risorse economiche per soddisfare tutti i bisogni formativi dei docenti. La condivisione del materiale prodotto tra i gruppi dei diversi assi culturali non è ancora adeguata.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola valorizza le risorse professionali, promuove percorsi formativi di qualita' e incentiva la collaborazione tra pari.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

La scuola realizza iniziative formative per i docenti. Le proposte formative sono di buona qualita' e rispondono ai bisogni formativi dei docenti. La scuola valorizza il personale tenendo conto, per l'assegnazione di alcuni incarichi, delle competenze possedute. Nella scuola sono presenti gruppi di lavoro composti da insegnanti, che producono materiali o esiti di buona qualità. Sono presenti spazi per il confronto professionale tra colleghi, e i materiali didattici a disposizione sono vari e di buona qualità. La scuola promuove lo scambio e il confronto tra docenti.

3.7 Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie

Punti di Forza:

Collaborazione con il territorio: - realizzazione di accordi di rete formali e non con soggetti i portatori di interesse del territorio. - coinvolgimento delle aziende del territorio per la realizzazione di interventi di ammodernamento delle infrastrutture della scuola. Coinvolgimento delle famiglie: - Utilizzo del registro elettronico per le comunicazioni in tempo reale con le famiglie; - Elevate azioni di coinvolgimento dei genitori alla vita della scuola; - Coinvolgimento delle famiglie nella progettazione e attuazione dei progetti PON.

Punti di Debolezza

Difficoltà di realizzazione stage presso le aziende locali. Scarsa partecipazione delle famiglie nelle elezioni dei rappresentanti e alla definizione dell'offerta formativa.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola svolge un ruolo propositivo nella promozione di politiche formative territoriali e coinvolge le famiglie nella definizione dell'offerta formativa e nella vita scolastica.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

La scuola partecipa a reti e ha collaborazioni con soggetti esterni. Le collaborazioni attivate sono integrate in modo adeguato con l'offerta formativa. La scuola è coinvolta in momenti di confronto con i soggetti presenti nel territorio per la promozione delle politiche formative. Si realizzano iniziative rivolte ai genitori e momenti di confronto con i genitori sull'offerta formativa. Le modalità di coinvolgimento dei genitori sono adeguate.

  Dettaglio
Le priorita' si riferiscono agli obiettivi generali che la scuola si prefigge di...

... realizzare nel lungo periodo attraverso l'azione di miglioramento. Le priorita' che la scuola si pone devono necessariamente riguardare gli esiti degli studenti. Si suggerisce di specificare quale delle quattro aree degli Esiti si intenda affrontare (Risultati scolastici, Risultati nelle prove standardizzate nazionali, Competenze chiave europee, Risultati a distanza) e di articolare all'interno quali priorita' si intenda perseguire (es. Diminuzione dell'abbandono scolastico nel primo anno di secondaria di II grado; Riduzione della variabilita' fra le classi; Sviluppo delle competenze sociali degli studenti di secondaria di I grado, ecc.). Si suggerisce di individuare un numero limitato di priorita' (1 o 2 per scuola) selezionandole all’interno di una stessa area o al massimo di due aree degli Esiti degli studenti. I traguardi sono di lungo periodo e riguardano i risultati attesi in relazione alle priorita'. Si tratta di risultati previsti a lungo termine (3 anni). Essi articolano in forma osservabile e/o misurabile i contenuti delle priorita' e rappresentano le mete verso cui la scuola tende nella sua azione di miglioramento. Per ogni priorita' individuata deve essere articolato il relativo traguardo di lungo periodo. Essi pertanto sono riferiti alle aree degli Esiti degli studenti (es. in relazione alla priorita' strategica "Diminuzione dell'abbandono scolastico nel primo anno di secondaria di II grado", il traguardo di lungo periodo puo' essere definito come "Rientrare nella media di abbandoni regionali pari al 4%, e precisamente portare gli abbandoni della scuola al di sotto del 4%"). E' opportuno evidenziare che per la definizione del traguardo che si intende raggiungere non e' sempre necessario indicare una percentuale, ma una tendenza costituita da traguardi di riferimento a cui la scuola mira per migliorare, ovvero alle scuole o alle situazioni con cui e' opportuno confrontarsi

Priorità e Traguardi

Risultati scolastici

PRIORITA'

Esiti degli studenti

TRAGUARDO

Ridurre il numero degli alunni con sospensione di giudizio di una percentuale pari a1,5% (calcolata sulla media percentuale degli alunni con sospensione di giudizio nel triennio 2019-22) rispetto al valore di partenza (rilevato dagli scrutini a.s.2018/19).

Obiettivi di processo collegati

- Progettazione interventi didattici. Sviluppo dei percorsi previsti nel piano di miglioramento: "Progettare per crescere" "Formazione del docente" "Una scuola moderna è didatticamente innovativa.....aperta al territorio"

- Dimensione organizzativa. Sviluppo dei percorsi previsti nel piano di miglioramento: "Progettare per crescere" "Formazione del docente" "Una scuola moderna è didatticamente innovativa.....aperta al territorio"

- Utilizzo delle metodologie didattiche innovative. Sviluppo dei percorsi previsti nel piano di miglioramento: "Progettare per crescere" "Formazione del docente" "Una scuola moderna è didatticamente innovativa.....aperta al territorio"


Risultati nelle prove standardizzate nazionali

PRIORITA'

Esiti degli studenti

TRAGUARDO

Ridurre la varianza fra classi della medesima istituzione scolastica negli esiti degli apprendimenti rilevati nelle prove standardizzate nazionali di ITALIANO. Traguardo: mantenere l'indice di varianza nella prova di ITALIANO ad un valore più basso rispetto a quello nazionale in almeno 2 annualità del triennio 2019-2022 .

Obiettivi di processo collegati

- Progettazione interventi didattici. Sviluppo dei percorsi previsti nel piano di miglioramento: "Progettare per crescere" "Formazione del docente" "Una scuola moderna è didatticamente innovativa.....aperta al territorio"

- Dimensione organizzativa. Sviluppo dei percorsi previsti nel piano di miglioramento: "Progettare per crescere" "Formazione del docente" "Una scuola moderna è didatticamente innovativa.....aperta al territorio"

- Utilizzo delle metodologie didattiche innovative. Sviluppo dei percorsi previsti nel piano di miglioramento: "Progettare per crescere" "Formazione del docente" "Una scuola moderna è didatticamente innovativa.....aperta al territorio"


PRIORITA'

Esiti degli studenti

TRAGUARDO

Ridurre la varianza fra classi della medesima istituzione scolastica negli esiti degli apprendimenti rilevati nelle prove standardizzate nazionali di MATEMATICA. Traguardo: mantenere l'indice di varianza nella prova di MATEMATICA ad un valore più basso rispetto a quello nazionale in almeno 2 annualità del triennio 2019-2022.

Obiettivi di processo collegati

- Progettazione interventi didattici. Sviluppo dei percorsi previsti nel piano di miglioramento: "Progettare per crescere" "Formazione del docente" "Una scuola moderna è didatticamente innovativa.....aperta al territorio"

- Dimensione organizzativa. Sviluppo dei percorsi previsti nel piano di miglioramento: "Progettare per crescere" "Formazione del docente" "Una scuola moderna è didatticamente innovativa.....aperta al territorio"

- Utilizzo delle metodologie didattiche innovative. Sviluppo dei percorsi previsti nel piano di miglioramento: "Progettare per crescere" "Formazione del docente" "Una scuola moderna è didatticamente innovativa.....aperta al territorio"


MOTIVAZIONE SCELTA PRIORITA'

Le priorità che la scuola si pone riguardano gli esiti degli studenti da realizzare nel lungo periodo attraverso l'azione di miglioramento. Sono state individuate le aree relative ai Risultati scolastici ed ai Risultati nelle prove standardizzate nazionali. Sono state quindi previste riunioni di gruppo dell'asse dei linguaggi, dell'asse matematico e dell'asse tecnico - professionale per progettare interventi didattici finalizzati al recupero delle carenze e alla valorizzazione delle eccellenze utilizzando le nuove tecnologie didattiche. E' previsto inoltre lo studio assistito in orario pomeridiano mediante l'utilizzo dei docenti dell'organico potenziato e l'organizzazione di attività laboratoriali.

Gli obiettivi di processo rappresentano una definizione operativa delle attività...
... su cui si intende agire concretamente per raggiungere le priorita' individuate. Essi costituiscono degli obiettivi operativi da raggiungere nel breve periodo (un anno scolastico) e riguardano una o piu' aree di processo. Si suggerisce di indicare l'area o le aree di processo su cui si intende intervenire e descrivere gli obiettivi che la scuola si prefigge di raggiungere a conclusione del prossimo anno scolastico (es. Promuovere una figura di docente tutor per supportare gli studenti in difficolta' del primo anno dell'indirizzo linguistico nella scuola secondaria di II grado; Individuare criteri di formazione delle classi che garantiscano equi-eterogeneita'; Utilizzare criteri di valutazione omogenei e condivisi per la matematica nella scuola primaria; Ridurre gli episodi di esclusione e i fenomeni di bullismo nella scuola secondaria di I grado; ecc.).

Obiettivi di processo

Curricolo, progettazione e valutazione

Progettazione interventi didattici. Sviluppo dei percorsi previsti nel piano di miglioramento: "Progettare per crescere" "Formazione del docente" "Una scuola moderna è didatticamente innovativa.....aperta al territorio"

Ambiente di apprendimento

Dimensione organizzativa. Sviluppo dei percorsi previsti nel piano di miglioramento: "Progettare per crescere" "Formazione del docente" "Una scuola moderna è didatticamente innovativa.....aperta al territorio"

Utilizzo delle metodologie didattiche innovative. Sviluppo dei percorsi previsti nel piano di miglioramento: "Progettare per crescere" "Formazione del docente" "Una scuola moderna è didatticamente innovativa.....aperta al territorio"

Contributo degli obiettivi di processo nel raggiungimento delle priorità