Indicatori Dettaglio
1.1 Popolazione scolastica

Opportunità

Il contesto socio-economico di provenienza degli studenti è molto vario. L'incidenza degli studenti provenienti da famiglie svantaggiate non è significativa. La popolazione scolastica presenta culture differenti, ma un comune generalizzato interesse per la scuola anche come occasione di miglioramento e ascesa sociale. Ci sono diversi studenti con cittadinanza non italiana ma, per lo più, si tratta di ragazzi nati in Italia e che hanno frequentato la scuola dell'infanzia e la primaria in Italia. La varietà delle culture stimola la creatività didattica e metodologica e il miglioramento dell'offerta formativa.

Vincoli

Pregiudizi di zona circa la presenza di famiglie emarginate limitano le iscrizioni. La presenza di edilizia popolare, come sempre, ha alimentato i pregiudizi nel tempo anche se ora il quartiere si presenta molto migliorato rispetto ad alcuni anni fa.

1.2 Territorio e capitale sociale

Opportunità

Il territorio in cui è collocata la scuola si caratterizza per il processo di rinnovamento e miglioramento in atto. Gli EE LL forniscono un significativo contributo per l'istruzione e per le scuole attraverso l'erogazione delle risorse per il diritto allo studio, l'inclusione, il finanziamento di progetti, la partecipazione attenta ed attiva alle iniziative della scuola, la cura degli edifici e della loro manutenzione e destinazione. Associazioni, cooperative, parrocchie, ATS, comitati ecc. costituiscono importanti interlocutori insieme alle scuole superiori per portare avanti progetti di orientamento e alternanza scuola/lavoro.

Vincoli

Il personale docente e ATA non è tutto a T. I. e ciò è causa di qualche disagio.

1.3 Risorse economiche e materiali

Opportunità

Le risorse economiche sono buone. La radiazione dei residui attivi ha consentito un deciso miglioramento finanziario. L'E. L. fornisce significativi contributi per il diritto allo studio, la piccola manutenzione e i progetti. I genitori pagano il contributo volontario. L'affitto di locali e arredi per spot pubblicitari ha permesso di aumentare le entrate.

Vincoli

Non tutte le famiglie pagano il contributo volontario.

1.4 Risorse professionali

Opportunità

Il personale in servizio docente e ATA è di età molto varia. Tra il personale ATA prevalgono lavoratori non più giovani. Il personale di sostegno è mediamente giovane, ma precario. I docenti a T. I. sono nella fascia dai 35 ai 55 e sono da tempo nella scuola. Solo una minoranza possiede competenze linguistiche , migliore la diffusione delle competenze informatiche legate all'uso di computer, tablet, smartphone e registro elettronico. I docenti di sostegno a T. I. sono in possesso di specializzazione e altri titoli particolari.

Vincoli

L'età media non favorisce l'innovazione didattica e tecnologica (uso delle TIC e didattica laboratoriale), sebbene, grazie all'acquisto di computer e LIM, la situazione attuale sia molto migliore rispetto agli anni precedenti.

    Autovalutazione Indicatori Dettaglio
2.1 Risultati scolastici

Punti di forza

Il 90% degli studenti è ammesso alla classe successiva. I risultati sono nella media dell'Italia settentrionale. Rarissimi gli studenti che abbandonano la scuola. In genere si tratta di ragazzi con situazioni famigliari difficili (monogenitoriali, emarginate, povere o migranti ecc.)

Punti di debolezza

Non sempre la scuola riesce a motivare adeguatamente gli studenti in situazioni di povertà educativa.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola portano avanti regolarmente il loro percorso di studi, lo concludono e conseguono risultati soddisfacenti agli esami finali.

Rubrica di valutazione

5- Positiva

Motivazione

2.2 Risultati nelle prove standardizzate nazionali

Punti di forza

I risultati nelle prove standardizzate sono superiori alla media nazionale e allineati ( o migliori) con quelli delle scuole con contesto socio economico e culturale simile. Gli studenti si distribuiscono a seconda delle classi, generalmente in fascia media. In alcune classi ci sono anche 5 L5 (su 20 alunni circa) in matematica. La scuola riesce ad assicurare una variabilità contenuta, sebbene le iscrizioni continue durante tutto l'anno scolastico di alunni che si trasferiscono, crei qualche disagio e sia necessario un lavoro continuo di riequilibrio. L'effetto scuola sugli apprendimenti è positivo e allineato alla media regionale in tutte le discipline.

Punti di debolezza

Le iscrizioni durante tutto l'anno scolastico creano talvolta disorientamento e necessità di ridisegnare i percorsi e riprogrammare tutto il lavoro della classe.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola raggiungono livelli di apprendimento soddisfacenti in italiano e matematica in relazione ai livelli di partenza e alle caratteristiche del contesto.

Rubrica di valutazione

5- Positiva

Motivazione

2.3 Competenze chiave europee

Punti di forza

La scuola lavora maggiormente sulla comunicazione e le competenze logico matematiche e scientifiche. Adotta criteri comuni. Gli studenti hanno acquisito per la maggior parte le competenze sociali e civiche, oltre che digitali. Stanno acquisendo buone strategie per imparare ad apprendere in autonomia o in coppie, gruppi ecc.

Punti di debolezza

Qualche alunno non ha ancora acquisito le competenze sociali e civiche, ma si tratta di casi isolati.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola acquisiscono livelli soddisfacenti nelle competenze sociali e civiche, nell'imparare a imparare, nelle competenze digitali e nello spirito di iniziativa e imprenditorialità.

Rubrica di valutazione

5- Positiva

Motivazione

2.4 Risultati a distanza

Punti di forza

Gli studenti usciti dalla primaria hanno buoni risultati nella secondaria. I risultati sono mediamente più che soddisfacenti. Nella secondaria di secondo grado persistono risultati generalmente positivi.

Punti di debolezza

Gli alunni NAI trovano maggiori difficoltà nel conseguimento di buoni risultati.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti in uscita dalla scuola hanno successo nei successivi percorsi di studio e di lavoro.

Rubrica di valutazione

5- Positiva

Motivazione

    Autovalutazione Indicatori Dettaglio
3.1 Curricolo, progettazione e valutazione

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola propone un curricolo aderente alle esigenze del contesto, progetta attivita' didattiche coerenti con il curricolo, valuta gli studenti utilizzando criteri e strumenti condivisi.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

3.2 Ambiente di apprendimento

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola cura gli aspetti organizzativi, metodologici e relazionali dell'ambiente di apprendimento.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

3.3 Inclusione e differenziazione

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola cura l'inclusione degli studenti con bisogni educativi speciali, valorizza le differenze culturali, adegua l'insegnamento ai bisogni formativi di ciascuno studente attraverso percorsi di recupero e potenziamento.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

3.4 Continuita' e orientamento

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola garantisce la continuita' dei percorsi scolastici e cura l'orientamento personale, scolastico e professionale degli studenti.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

3.5 Orientamento strategico e organizzazione della scuola

Punti di Forza:

La missione e la visione della scuola sono definite chiaramente, condivise dalla comunità scolastica e pubblicate sul sito. La scuola monitora costantemente lo stato di avanzamento delle attività attraverso l'analisi dei risultati scolastici degli alunni, delle prove standardizzate nazionali, incontri collegiali, incontri con le famiglie, i rappresentanti, il Municipio 5, le Associazioni, Cooperative, Società ecc. e tutti gli stakeholders del territorio. La scuola ha individuato figure di staff e Collaboratori (Collaboratori della dirigente, FF SS, referenti di plesso, di progetto, di commissioni, INVALSI, animatore digitale ecc.) I docenti impegnati sono circa 20 con livelli di responsabilità chiari. Il FIS è ripartito secondo la contrattazione di Istituto per un 25% al personale ATA, il 75% al personale docente. Le assenze del personale sono gestite attraverso la normativa e il Regolamento di Istituto. C'è una chiara divisione dei compiti. L'allocazione delle risorse è coerente con il PTOF. I tre progetti principali sono: INCLUSIONE, USCITE DIDATTICHE e VIAGGI di ISTRUZIONE, INGLESE MADRELINGUA. La durata dei progetti è pluriennale e vi si concentrano significative risorse.

Punti di Debolezza

A causa del numero limitato di docenti impegnati in compiti di responsabilità, gli stessi svolgono più ruoli.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola definisce la propria missione e la visione, monitora in modo sistematico le attività che svolge, individua ruoli di responsabilita' e compiti per il personale in modo funzionale e utilizza in modo adeguato le risorse economiche.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

3.6 Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane

Punti di Forza:

La scuola raccoglie le esigenze formative attraverso colloqui con i referenti di plesso o altre forme di comunicazione scritta o orale. Promuove corsi di didattica dell'Italiano L2, primo soccorso, uso del defibrillatore, sicurezza. Le ricadute sono positive. La scuola utilizza le informazioni per il miglior utilizzo del personale assegnando incarichi e responsabilità in relazione ai curricola, esperienze, titoli ecc. e valorizza le competenze professionali (es. linguistiche, digitali). Promuove gruppi di lavoro su curricolo, valutazione, didattica ecc. attraverso dipartimenti e gruppi di docenti per classi parallele che producono documenti ed esiti utili al lavoro comune.

Punti di Debolezza

Non sono ancora state costituite in modo strutturale piattaforme on line per la condivisione.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola valorizza le risorse professionali, promuove percorsi formativi di qualita' e incentiva la collaborazione tra pari.

Situazione della scuola

4-

Motivazione

La scuola realizza alcune iniziative formative che rispondono ai bisogni del personale. Le modalità' adottate dalla scuola per valorizzare il personale sono abbastanza chiare e gli incarichi sono assegnati sulla base delle competenze possedute. Nella scuola sono presenti gruppi di lavoro composti da insegnanti, che producono materiali o esiti di buona qualità'. La maggior parte degli insegnanti condivide materiali didattici di vario tipo.

3.7 Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie

Punti di Forza:

La scuola ha diversi accordi e collaborazioni con EE LL, istituzioni, associazioni, società, cooperative, comitati ecc. per migliorare ed ampliare l'offerta formativa attraverso attività sportive, artistiche, linguistiche (inglese, cinese), doposcuola, recupero, inclusione, sostegno psicologico alle famiglie. Costante è la collaborazione con i genitori. Attiva la partecipazione nel governo territoriale e molto positiva. La ricaduta è eccellente. I genitori sono coinvolti attraverso incontri, assemblee, colloqui, comunicazioni on line, feste e manifestazioni varie. Si organizzano alcuni interventi formativi rivolti ai genitori. I genitori sottoscrivono il Patto di corresponsabilità. Si comunica attraverso strumenti on line (sito web, mail, ecc.)

Punti di Debolezza

Il registro elettronico non è aperto ai genitori in quanto, per garantire a tutti l'accesso alle informazioni e ai risultati scolastici, si preferisce l'utilizzo del diario di Istituto e la scheda di valutazione cartacea.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola svolge un ruolo propositivo nella promozione di politiche formative territoriali e coinvolge le famiglie nella definizione dell'offerta formativa e nella vita scolastica.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

  Dettaglio
Le priorita' si riferiscono agli obiettivi generali che la scuola si prefigge di...

... realizzare nel lungo periodo attraverso l'azione di miglioramento. Le priorita' che la scuola si pone devono necessariamente riguardare gli esiti degli studenti. Si suggerisce di specificare quale delle quattro aree degli Esiti si intenda affrontare (Risultati scolastici, Risultati nelle prove standardizzate nazionali, Competenze chiave europee, Risultati a distanza) e di articolare all'interno quali priorita' si intenda perseguire (es. Diminuzione dell'abbandono scolastico nel primo anno di secondaria di II grado; Riduzione della variabilita' fra le classi; Sviluppo delle competenze sociali degli studenti di secondaria di I grado, ecc.). Si suggerisce di individuare un numero limitato di priorita' (1 o 2 per scuola) selezionandole all’interno di una stessa area o al massimo di due aree degli Esiti degli studenti. I traguardi sono di lungo periodo e riguardano i risultati attesi in relazione alle priorita'. Si tratta di risultati previsti a lungo termine (3 anni). Essi articolano in forma osservabile e/o misurabile i contenuti delle priorita' e rappresentano le mete verso cui la scuola tende nella sua azione di miglioramento. Per ogni priorita' individuata deve essere articolato il relativo traguardo di lungo periodo. Essi pertanto sono riferiti alle aree degli Esiti degli studenti (es. in relazione alla priorita' strategica "Diminuzione dell'abbandono scolastico nel primo anno di secondaria di II grado", il traguardo di lungo periodo puo' essere definito come "Rientrare nella media di abbandoni regionali pari al 4%, e precisamente portare gli abbandoni della scuola al di sotto del 4%"). E' opportuno evidenziare che per la definizione del traguardo che si intende raggiungere non e' sempre necessario indicare una percentuale, ma una tendenza costituita da traguardi di riferimento a cui la scuola mira per migliorare, ovvero alle scuole o alle situazioni con cui e' opportuno confrontarsi

Priorità e Traguardi

Risultati scolastici

PRIORITA'

Migliorare le competenze di Italiano e Matematica

TRAGUARDO

Aumentare il numero degli studenti con risultati superiori alla sufficienza in Italiano e Matematica

Obiettivi di processo collegati

- Realizzare progetti per il potenziamento delle competenze di base

- Incentivare l'utilizzo dei laboratori multimediali per la didattica

- Formazione in servizio del personale scolastico

- Elaborare criteri di valutazione condivisi

- Promuovere pratiche inclusive e percorsi personalizzati

- Corsi di formazione docenti in ambito progettuale, metodologico - didattico,


Risultati nelle prove standardizzate nazionali

PRIORITA'

Migliorare i risultati delle prove Invalsi in Italiano, Matematica e Inglese

TRAGUARDO

Avvicinare e/o superare i punteggi medi alla media nazionale e regionale

Obiettivi di processo collegati

- Realizzare progetti per il potenziamento delle competenze di base

- Incentivare l'utilizzo dei laboratori multimediali per la didattica

- Formazione in servizio del personale scolastico

- Corsi di formazione docenti in ambito progettuale, metodologico - didattico,


Competenze chiave europee

PRIORITA'

Incrementare le competenze chiave di cittadinanza relative all'imparare ad imparare

TRAGUARDO

Portare gli alunni al termine del primo ciclo a conoscere, comprendere e migliorare le strategie del proprio apprendimento.

Obiettivi di processo collegati

- Formazione in servizio del personale scolastico

- Corsi di formazione docenti in ambito progettuale, metodologico - didattico,

- Aumentare il tempo della didattica laboratoriale rispetto a quello della didattica frontale

- Migliorare i contesti di apprendimento più funzionali alla didattica laboratoriale


MOTIVAZIONE SCELTA PRIORITA'

L'analisi dei risultati di apprendimento nelle prove Invalsi ha messo in luce risultati inferiori e/o pari alla media regionale e nazionali, per cui si è ritenuto opportuno proporre in primis quale priorità i risultati scolastici soprattutto nelle competenze di base. Le priorità individuate vengono affrontate declinando gli obiettivi di miglioramento che la scuola ritiene di dover perseguire in un'ottica di circolarità, per cui gli interventi previsti in ciascuna area di processo contribuiranno all'azione di miglioramento complessiva. Le azioni da mettere in campo incidono sulla realizzazione di percorsi didattici per il potenziamento delle competenze chiave , sull'ampliamento e arricchimento dell'offerta formativa curricolare ed extra-curricolare , sulla riorganizzazione delle pratiche con l'implementazione di un sistema di valutazione per prove oggettive (iniziali, in itinere e finali) condivise e sull'utilizzo di dotazioni tecnologiche e delle infrastrutture con l'obiettivo di allestire e potenziare nei diversi ordini di scuola ambienti di apprendimento intesi sia in senso fisico(LIm, computer,.....) che metodologico ( metodologia laboratoriale , coopertive learning, ....).

Gli obiettivi di processo rappresentano una definizione operativa delle attività...
... su cui si intende agire concretamente per raggiungere le priorita' individuate. Essi costituiscono degli obiettivi operativi da raggiungere nel breve periodo (un anno scolastico) e riguardano una o piu' aree di processo. Si suggerisce di indicare l'area o le aree di processo su cui si intende intervenire e descrivere gli obiettivi che la scuola si prefigge di raggiungere a conclusione del prossimo anno scolastico (es. Promuovere una figura di docente tutor per supportare gli studenti in difficolta' del primo anno dell'indirizzo linguistico nella scuola secondaria di II grado; Individuare criteri di formazione delle classi che garantiscano equi-eterogeneita'; Utilizzare criteri di valutazione omogenei e condivisi per la matematica nella scuola primaria; Ridurre gli episodi di esclusione e i fenomeni di bullismo nella scuola secondaria di I grado; ecc.).

Obiettivi di processo

Curricolo, progettazione e valutazione

Realizzare progetti per il potenziamento delle competenze di base

Elaborare criteri di valutazione condivisi

Aumentare il tempo della didattica laboratoriale rispetto a quello della didattica frontale

Ambiente di apprendimento

Incentivare l'utilizzo dei laboratori multimediali per la didattica

Promuovere pratiche inclusive e percorsi personalizzati

Migliorare i contesti di apprendimento più funzionali alla didattica laboratoriale

Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane

Formazione in servizio del personale scolastico

Corsi di formazione docenti in ambito progettuale, metodologico - didattico,

Contributo degli obiettivi di processo nel raggiungimento delle priorità