Indicatori Dettaglio
1.1 Popolazione scolastica

Opportunità

Le famiglie, nel complesso, provvedono adeguatamente alla soddisfazione dei bisogni materiali dei propri figli ed interagiscono attivamente con la scuola. La media degli studenti con cittadinanza non italiana che frequentano l’Istituto, si colloca intorno all'8,56%,percentuale quasi 3 volte superiore rispetto alla media regionale ma leggermente inferiore alla media nazionale. In relazione alla presenza di alunni stranieri il nostro Istituto crea opportunità di ascolto e di confronto, favorendone un inserimento positivo e attuando una progettualità in direzione interculturale ed inclusiva per andare incontro alle loro molteplici esigenze .

Vincoli

Lo status socio-economico delle famiglie è in gran parte medio-basso e questo aspetto probabilmente condiziona la possibilità concreta di promuovere negli alunni il desiderio di acquisire conoscenze e competenze che ne amplino gli orizzonti . La quota di studenti con famiglie svantaggiate è leggermente superiore a quelle del Sud e dell'Italia ma inferiore alle percentuali della Campania.

1.2 Territorio e capitale sociale

Opportunità

Il territorio vive una fase di evoluzione dei settori secondario e terziario. L’economia del territorio poggia soprattutto su industrie agro-alimentari e sull’agricoltura. Il patrimonio artistico e di testimonianze storiche presente è ricco ma va opportunamente valorizzato. La Scuola attua col Territorio un’interazione attiva e fattiva.Continui sono i contatti con le Istituzioni e con le Associazioni del territorio per una collaborazione costante e proficua; numerose sono state le adesioni ad Accordi di rete, per la condivisione di progetti e di risorse. L'ente locale di riferimento (Comune) è disponibile ed offre risorse finanziarie commisurate alle sue possibilità di bilancio. Le famiglie sono attente e collaborative ed hanno bisogno di stimoli attraverso l' incremento di attività che le coinvolgano nella vita attiva della scuola.

Vincoli

Le possibilità di spesa dell'ente locale di riferimento non permettono una programmazione adeguata a lungo termine basata su risorse finanziarie proporzionate alle reali esigenze. Gli spazi ricreativi esistenti sul territorio sono esigui ed insufficienti per cui mancano stimoli aggregativi soprattutto per le fasce più giovani della popolazione.

1.3 Risorse economiche e materiali

Opportunità

Gli edifici scolastici sono tutti dotati di scale di sicurezza esterne e porte antipanico e hanno certificazione di agibilità rilasciata dall'Ente locale. I plessi sono facilmente raggiungibili da parte dell'utenza ed il Comune mette a disposizione due scuolabus per il trasporto scolastico. La scuola dispone di palestra alla Secondaria , di due biblioteche e di laboratori con LIM , PC e portatili distribuiti in due ordini di scuola( primaria e secondaria). Le risorse economiche disponibili provengono dal finanziamento per il funzionamento amministrativo didattico e dal finanziamento da fondi Europei (PON).

Vincoli

La maggior parte delle aule della Scuola Primaria hanno dimensioni molto contenute. La scuola primaria dell' Istituto Comprensivo non è dotata né di palestra né di LIM in tutte le aule. Manca strumentazione informatica nella scuola dell'Infanzia;risulta inoltre inadeguata e non omogenea la copertura di connessione ad Internet nei diversi plessi. Nella scuola secondaria di primo grado non è presente un laboratorio informatico con un numero di postazioni sufficiente per un'intera classe e la dotazione di PC e notebook andrebbe rinnovata in parte. Le risorse economiche disponibili non sono del tutto adeguate a garantire il miglioramento dell'offerta formativa.

1.4 Risorse professionali

Opportunità

Il 94% dei docenti ha un contratto a tempo indeterminato ed è in servizio in questa istituzione scolastica da molti anni,garantendo così una situazione di stabilità

Vincoli

L' età anagrafica media dei docenti è abbastanza elevata in quanto l'87% circa ha un età superiore ai 45 anni. Per ciò che riguarda i docenti di sostegno la maggior parte sono a tempo indeterminato.

    Autovalutazione Indicatori Dettaglio
2.1 Risultati scolastici

Punti di forza

Gli alunni ammessi alle classi successive sono in percentuale al di sopra della media provinciale, regionale e nazionale. Nel corso del promo anno della SSPG vi è una percentuale di studenti trasferiti in ingresso superiore alla media nazionale, regionale e del Sud , dovuta principalmente ad alunni stranieri Gli studenti lasciano la nostra scuola solo in caso di trasferimento per motivi di lavoro dei genitori. Gli studenti all'Esame di Stato conclusivo del primo ciclo si collocano nella fascia medio-alta.

Punti di debolezza

Sono presenti alcune discordanze tra i risultati scolastici e i risultati INVALSI. I risultati scolastici degli alunni stranieri si collocano in una fascia bassa.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola portano avanti regolarmente il loro percorso di studi, lo concludono e conseguono risultati soddisfacenti agli esami finali.

Rubrica di valutazione

5- Positiva

Motivazione

La scuola non mostra particolari criticità per ciò che concerne i risultati scolastici sia alla scuola primaria , sia alla SSPG. Tuttavia alcune discrepanze con le prove standardizzate e gli esiti non particolarmente entusiasmanti degli alunni stranieri impongono una riflessione sulla valutazione e l'attivazione di interventi mirati a favore di alunni provenienti da altre nazioni.

2.2 Risultati nelle prove standardizzate nazionali

Punti di forza

I risultati delle prove standardizzate delle classi quinte scuola Primaria sono al di sopra della media rispetto a scuole con ESCS simile. La variabilita' tra le varie classi è contenuta .

Punti di debolezza

I risultati delle prove standardizzate delle classi seconde scuola primaria e della scuola SPG sono al di sotto della media rispetto a scuole con contesto socio economico e culturale simile. La distribuzione degli studenti alla SSPG, è concentrata nelle fasce medio-basse sia per l'italiano, sia per la matematica.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola raggiungono livelli di apprendimento soddisfacenti in italiano e matematica in relazione ai livelli di partenza e alle caratteristiche del contesto.

Rubrica di valutazione

3- Con qualche criticita'

Motivazione

Complessivamente i dati delle prove standardizzate mostrano delle criticità, in particolare per le classi seconde della scuola primaria e per le classi terze della secondaria di primo grado. Gli aspetti che richiedono degli interventi mirati sono non solo i punteggi, raffrontati con quelli di scuole con ESCS simile , ma anche la quota di studenti collocata nei livelli medio-bassi che è in generale superiore a quella media regionale.

2.3 Competenze chiave europee

Punti di forza

Le competenze chiave su cui la nostra scuola lavora maggiormente sono quelle di Cittadinanza e sociali e civiche:cura e rispetto di sé , degli altri e dell'ambiente, rispetto delle regole condivise. Sono stati attivati da diversi anni percorsi in rete con altre scuole o con associazioni(MOIGE, LEGAMBIENTE ETC.)per favorire lo sviluppo delle competenze chiave. Le Competenze chiave vengono valutate attraverso questionari, attraverso l'osservazione del comportamento e attraverso la partecipazione a concorsi sul territorio e a livello regionale o nazionale

Punti di debolezza

Gli studenti devono ancora sviluppare adeguate competenze digitali,sociali e civiche anche se non si verificano gravi trasgressioni. Si ritiene di dover maggiormente lavorare sullo sviluppo dello spirito di iniziativa e di imprenditorialità.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola acquisiscono livelli soddisfacenti nelle competenze sociali e civiche, nell'imparare a imparare, nelle competenze digitali e nello spirito di iniziativa e imprenditorialità.

Rubrica di valutazione

3- Con qualche criticita'

Motivazione

Gli studenti partecipano ad attività e percorsi curricolari ed extracurricolari sui temi della legalità e sui temi di cittadinanza in particolare su quelli dell'Agenda 2020 e non si verificano gravi episodi di trasgressioni quanto piuttosto una scarsa consapevolezza ed una accettazione forzata delle regole .Le competenze sociali e civiche (rispetto di sé e degli altri, rispetto di regole condivise, ecc) non sono innate,devono essere identificate ed insegnate ,è necessario quindi motivare gli studenti e dare loro le opportunità di usarle in contesti diversi.Per quanto concerne le competenze digitali (capacità di valutare le informazioni disponibili in rete, capacità di gestire i propri profili on line, capacità di comunicare efficacemente con gli altri a distanza, ecc.)e lo spirito di iniziativa e di imprenditorialità (capacità di schematizzare e sintetizzare, ricerca autonoma di informazioni, ecc.) si ritiene necessario incrementare percorsi mirati al miglioramento delle suddette competenze in quanto si riscontrano diffuse debolezze.

2.4 Risultati a distanza

Punti di forza

I risultati delle prove INVALSI degli alunni della scuola Primaria, nel passaggio dalla classe seconda alla classe quinta, mostrano un sensibile miglioramento.Gli studenti usciti dalla scuola secondaria di primo grado ottengono risultati positivi nella scuola secondaria di primo grado.

Punti di debolezza

Gli studenti usciti dalla scuola primaria ottengono dei risultati in calo nella scuola secondaria per italiano, matematica ed inglese.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti in uscita dalla scuola hanno successo nei successivi percorsi di studio e di lavoro.

Rubrica di valutazione

4-

Motivazione

I risultati delle prove INVALSI degli alunni della scuola Primaria, nel passaggio dalla classe seconda alla classe quinta, mostrano un sensibile miglioramento. Mentre gli studenti usciti dalla scuola primaria ottengono dei risultati in lieve calo nella scuola secondaria.

    Autovalutazione Indicatori Dettaglio
3.1 Curricolo, progettazione e valutazione

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola propone un curricolo aderente alle esigenze del contesto, progetta attivita' didattiche coerenti con il curricolo, valuta gli studenti utilizzando criteri e strumenti condivisi.

Situazione della scuola

4-

Motivazione

La scuola ha elaborato un proprio curricolo a partire dai documenti ministeriali di riferimento adeguandolo al contesto di riferimento ed alle esigenze formative degli studenti ed ha un'organizzazione e gruppi di lavoro per la progettazione didattica, tuttavia con difficoltà si procede ad un revisione critica delle scelte fatte. Sono stati elaborati strumenti per la rilevazione e la valutazione delle competenze ma il loro utilizzo rimane limitato ad alcune circostanze .Per ciò che concerne le competenze chiave vengono valutate con difficoltà soprattutto quando non sono direttamente collegate alle discipline. Sono invece realizzati con sistematicità prove comuni per classi parallele con analisi comparativa dei risultati. La scuola adotta criteri comuni per la valutazione del comportamento.

3.2 Ambiente di apprendimento

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola cura gli aspetti organizzativi, metodologici e relazionali dell'ambiente di apprendimento.

Situazione della scuola

4-

Motivazione

L'organizzazione di spazi e tempi risponde alle esigenze di apprendimento degli studenti. A scuola ci sono momenti di confronto tra numerosi insegnanti sulle metodologie didattiche e si utilizzano metodologie diversificate in molte classi, tuttavia non c'è un utilizzo omogeneo delle nuove tecnologie per mancanza di formazione o per indisponibilità di ambienti di apprendimento idonei per tutte le classi. Le regole di comportamento sono definite e condivise nelle classi. Le relazioni tra studenti e tra studenti e insegnanti sono positive. I conflitti con gli studenti sono gestiti con modalità adeguate.

3.3 Inclusione e differenziazione

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola cura l'inclusione degli studenti con bisogni educativi speciali, valorizza le differenze culturali, adegua l'insegnamento ai bisogni formativi di ciascuno studente attraverso percorsi di recupero e potenziamento.

Situazione della scuola

4-

Motivazione

Le attività realizzate dalla scuola per gli studenti che necessitano di inclusione sono efficaci. In generale le attività didattiche sono di buona qualità e coinvolgono tutti gli operatori della struttura scolastica. Il raggiungimento degli obiettivi previsti per gli studenti che necessitano di inclusione sono costantemente monitorati. La scuola promuove il rispetto delle differenze e della diversità culturale. La differenziazione dei percorsi didattici in funzione dei bisogni educativi degli studenti e' strutturata a livello di scuola. Gli obiettivi educativi sono definiti e sono presenti modalità di verifica degli esiti. Gli interventi realizzati sono efficaci per un buon numero di studenti destinatari delle azioni di differenziazione. Gli interventi individualizzati nel lavoro d'aula sono diffusi a livello di scuola. La presenza di numerosi alunni BES e l'arrivo nel corso di tutto l'anno scolastico di nuovi alunni stranieri comporterebbe la necessità di formazione continua per i docenti, figure specifiche per il supporto e l'attivazione di percorsi formativi mirati che coinvolgano anche le famiglie e che non sempre è possibile avviare per carenza di fondi.

3.4 Continuita' e orientamento

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola garantisce la continuita' dei percorsi scolastici e cura l'orientamento personale, scolastico e professionale degli studenti.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

La scuola realizza attività laboratoriali, incontri conoscitivi dedicati e open-day, per garantire la continuità educativa degli studenti nel passaggio da un ordine di scuola all'altro. I docenti di ordini di scuola diversi si incontrano per confrontarsi sulla continuità educativa, durante le riunioni di dipartimento e gli incontri di formazione delle classi. La scuola realizza attività di orientamento coinvolgendo le famiglie e le realtà formative del territorio, al fine di agevolare la scelta del percorso scolastico successivo. La scuola secondaria di I grado monitora quanti studenti seguono il consiglio orientativo e gli esiti al primo anno di scuola superiore.

3.5 Orientamento strategico e organizzazione della scuola

Punti di Forza:

La missione e la visione dell'istituto sono definite chiaramente all'interno del PTOF ampiamente condiviso con l'intera comunità scolastica mediante pubblicazione sul sito web. Le responsabilità e i compiti delle diverse componenti scolastiche sono definiti in modo chiaro sul funzionigramma della scuola. L'allocazione delle risorse economiche nel Programma annuale è coerente con il Piano Triennale dell'Offerta Formativa.

Punti di Debolezza

Sono presenti procedure per il monitoraggio dei progetti ma non sempre si procede ad una revisione della progettazione se necessario. La scuola non utilizza molte forme efficaci di rendicontazione esterna della propria attività.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola definisce la propria missione e la visione, monitora in modo sistematico le attività che svolge, individua ruoli di responsabilita' e compiti per il personale in modo funzionale e utilizza in modo adeguato le risorse economiche.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

La mission e la vision dell'istituto sono definite chiaramente all'interno del PTOF ampiamente condiviso con l'intera comunità scolastica mediante pubblicazione sul sito web. Le responsabilità e i compiti delle diverse componenti scolastiche sono definiti in modo chiaro sul funzionigramma della scuola.

3.6 Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane

Punti di Forza:

Le attività di formazione sono state progettate tenendo conto dei bisogni formativi espressi dai docenti attraverso il PISP (Piano Individuale Sviluppo Professionale) relativamente ai temi del curricolo, delle competenze didattiche, dell'inclusione. L'Istituto valorizza le competenze dei docenti attribuendo incarichi e compiti in base al curriculum e all'esperienza maturata. La scuola incentiva la partecipazione dei docenti ai gruppi di lavoro su un'ampia gamma di tematiche attraverso modalità di organizzazione per interclassi nella scuola primaria e per dipartimenti in quella secondaria. I materiali prodotti dai gruppi di lavoro sono messi a disposizione di tutti in forma cartacea e digitale in modo da favorire lo scambio di buone pratiche.

Punti di Debolezza

Mancanza di un database per la raccolta dei curricula dei docenti. Scarsa ricaduta delle attività di formazione.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola valorizza le risorse professionali, promuove percorsi formativi di qualita' e incentiva la collaborazione tra pari.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

La scuola realizza iniziative formative che rispondono ai bisogni formativi del personale. Le modalità adottate dalla scuola per valorizzare il personale sono chiare e condivise e gli incarichi sono assegnati sulla base delle competenze possedute. Sono presenti spazi per il confronto professionale tra colleghi e i materiali didattici a disposizione sono vari e di buona qualità. La scuola promuove lo scambio e il confronto tra docenti.

3.7 Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie

Punti di Forza:

La scuola realizza accordi di rete e collaborazioni con soggetti pubblici e privati per migliorare le pratiche educative e didattiche. La scuola realizza iniziative rivolte ai genitori e momenti di confronto sull'offerta formativa.

Punti di Debolezza

Scarsa fruizione del registro elettronico da parte dei genitori.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola svolge un ruolo propositivo nella promozione di politiche formative territoriali e coinvolge le famiglie nella definizione dell'offerta formativa e nella vita scolastica.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

La scuola realizza accordi di rete e collaborazioni con soggetti pubblici e privati per migliorare le pratiche educative e didattiche. Vengono realizzate iniziative rivolte ai genitori e momenti di confronto sull'offerta formativa.

  Dettaglio
Le priorita' si riferiscono agli obiettivi generali che la scuola si prefigge di...

... realizzare nel lungo periodo attraverso l'azione di miglioramento. Le priorita' che la scuola si pone devono necessariamente riguardare gli esiti degli studenti. Si suggerisce di specificare quale delle quattro aree degli Esiti si intenda affrontare (Risultati scolastici, Risultati nelle prove standardizzate nazionali, Competenze chiave europee, Risultati a distanza) e di articolare all'interno quali priorita' si intenda perseguire (es. Diminuzione dell'abbandono scolastico nel primo anno di secondaria di II grado; Riduzione della variabilita' fra le classi; Sviluppo delle competenze sociali degli studenti di secondaria di I grado, ecc.). Si suggerisce di individuare un numero limitato di priorita' (1 o 2 per scuola) selezionandole all’interno di una stessa area o al massimo di due aree degli Esiti degli studenti. I traguardi sono di lungo periodo e riguardano i risultati attesi in relazione alle priorita'. Si tratta di risultati previsti a lungo termine (3 anni). Essi articolano in forma osservabile e/o misurabile i contenuti delle priorita' e rappresentano le mete verso cui la scuola tende nella sua azione di miglioramento. Per ogni priorita' individuata deve essere articolato il relativo traguardo di lungo periodo. Essi pertanto sono riferiti alle aree degli Esiti degli studenti (es. in relazione alla priorita' strategica "Diminuzione dell'abbandono scolastico nel primo anno di secondaria di II grado", il traguardo di lungo periodo puo' essere definito come "Rientrare nella media di abbandoni regionali pari al 4%, e precisamente portare gli abbandoni della scuola al di sotto del 4%"). E' opportuno evidenziare che per la definizione del traguardo che si intende raggiungere non e' sempre necessario indicare una percentuale, ma una tendenza costituita da traguardi di riferimento a cui la scuola mira per migliorare, ovvero alle scuole o alle situazioni con cui e' opportuno confrontarsi

Priorità e Traguardi

Risultati scolastici

PRIORITA'

Favorire l'alfabetizzazione e l'integrazione degli alunni stranieri.

TRAGUARDO

Migliorare i risultati scolastici degli alunni stranieri.

Obiettivi di processo collegati

- Predisporre percorsi per l'alfabetizzazione e il perfezionamento dell' Italiano come lingua seconda per studenti stranieri.

- Incrementare le attività laboratoriali per l' integrazione e l'inclusione.

- Potenziare le modalità per il recupero durante l’anno scolastico


Risultati nelle prove standardizzate nazionali

PRIORITA'

Migliorare i risultati delle prove standardizzate.

TRAGUARDO

Aumentare complessivamente il numero di studenti che si collocano nelle fasce 3, 4 e 5.

Obiettivi di processo collegati

- Adottare e applicare criteri condivisi per la valutazione delle competenze.

- Promuovere corsi di formazione su metodologie didattiche innovative e sui nuovi ambienti di apprendimento.

- Progettare un adeguato database di prove per competenze.


Competenze chiave europee

PRIORITA'

Promuovere lo sviluppo della competenza digitale negli alunni.

TRAGUARDO

Incrementare le attività che favoriscano l'acquisizione della competenza digitale negli alunni

Obiettivi di processo collegati

- Implementare la dotazione informatica e tecnologica dell'istituto per lo sviluppo delle competenze digitali

- Incrementare la formazione del personale docente in materia di nuove tecnologie e di utilizzo di ambienti di apprendimento innovativi.


PRIORITA'

Sviluppare competenze in materia di cittadinanza.

TRAGUARDO

Incrementare le attività curricolari ed extracurricolari mirate all'acquisizione di competenze sociali e civiche.

Obiettivi di processo collegati

- Implementare percorsi di educazione alla legalità e alla salvaguardia del patrimonio ambientale.


MOTIVAZIONE SCELTA PRIORITA'

Si ritiene necessario, al fine di migliorare i risultati delle prove standardizzate, progettare un adeguato database di prove per competenze per le classi della secondaria di I grado; adottare e applicare criteri condivisi per la valutazione delle competenze; promuovere corsi di formazione su strategie didattiche innovative e sui nuovi ambienti di apprendimento. Per quanto concerne il miglioramento dei risultati scolastici degli alunni stranieri, si reputa opportuno predisporre percorsi per l'alfabetizzazione e il perfezionamento dell' Italiano come lingua seconda e favorire azioni specifiche per l' integrazione e l'inclusione degli studenti, individuando e valorizzando i talenti posseduti. Per migliorare le competenze digitali, si considera fondamentale l'implementazione della dotazione informatica e tecnologica dell'istituto e della formazione del personale docente.

Gli obiettivi di processo rappresentano una definizione operativa delle attività...
... su cui si intende agire concretamente per raggiungere le priorita' individuate. Essi costituiscono degli obiettivi operativi da raggiungere nel breve periodo (un anno scolastico) e riguardano una o piu' aree di processo. Si suggerisce di indicare l'area o le aree di processo su cui si intende intervenire e descrivere gli obiettivi che la scuola si prefigge di raggiungere a conclusione del prossimo anno scolastico (es. Promuovere una figura di docente tutor per supportare gli studenti in difficolta' del primo anno dell'indirizzo linguistico nella scuola secondaria di II grado; Individuare criteri di formazione delle classi che garantiscano equi-eterogeneita'; Utilizzare criteri di valutazione omogenei e condivisi per la matematica nella scuola primaria; Ridurre gli episodi di esclusione e i fenomeni di bullismo nella scuola secondaria di I grado; ecc.).

Obiettivi di processo

Curricolo, progettazione e valutazione

Adottare e applicare criteri condivisi per la valutazione delle competenze.

Implementare percorsi di educazione alla legalità e alla salvaguardia del patrimonio ambientale.

Progettare un adeguato database di prove per competenze.

Ambiente di apprendimento

Implementare la dotazione informatica e tecnologica dell'istituto per lo sviluppo delle competenze digitali

Inclusione e differenziazione

Predisporre percorsi per l'alfabetizzazione e il perfezionamento dell' Italiano come lingua seconda per studenti stranieri.

Incrementare le attività laboratoriali per l' integrazione e l'inclusione.

Potenziare le modalità per il recupero durante l’anno scolastico

Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane

Promuovere corsi di formazione su metodologie didattiche innovative e sui nuovi ambienti di apprendimento.

Incrementare la formazione del personale docente in materia di nuove tecnologie e di utilizzo di ambienti di apprendimento innovativi.

Contributo degli obiettivi di processo nel raggiungimento delle priorità