Indicatori Dettaglio
1.1 Popolazione scolastica

Opportunità

I dati di contesto raccolti, a cinque anni dall'istituzione del nostro comprensivo riguardano ormai tutti gli alunni dall'infanzia alla secondaria, ovvero complessivamente 1050 ragazzi. In questi 5 anni il contesto socio culturale è rimasto sostanzialmente invariato. Le occupazioni dichiarate dalle famiglie confermano sostanzialmente il quadro delineato i precedenti anni scolastici e per quanto riguarda il livello culturale è confermato il fatto che i titoli di studio più bassi si concentrano maggiormente nelle zone periferiche, ma aumenta sia per gli uomini che per le donne la percentuale dei laureati, ma anche di coloro che non dichiarano il titolo di studio. La percentuale di alunni stranieri, quasi tutti nati in Italia, continua ad essere molto contenuta(10%) e generalmente sono famiglie ben integrate nel territorio. Il rapporto insegnante alunni si attesta nella media anche perché viene rigidamente rispettata la normativa che detta i criteri per il numero di alunni in base all'ampiezza delle aule.

Vincoli

L'ampiezza del territorio in cui insistono le nostre scuole resta il vincolo principale anche se i collegamenti virtuali sicuramente possono annullare le distanze in alcune situazioni.

1.2 Territorio e capitale sociale

Opportunità

Il territorio in cui insistono le scuole del nostro Istituto non ha subitoostanziali trasformazioni in questi 5 anni : le scuole in pieno centro storico vedono preponderante la presenza di esercizi commerciali e uffici, mentre nelle zone più periferiche abbiamo fabbriche, soprattutto tessili e mobilifici, di piccole dimensioni, attività artigiane e aziende agricole o strutture turistiche tipo agriturismi. In tutte le zone sono presenti tutte le principali agenzie formative ed luoghi di aggregazione: parrocchia, oratori, centro di documentazione ambientale, spazi verdi, Comune, centri di aggregazione socio - culturali, associazioni sportive. Le scuole, dei diversi ordini, realizzano Progetti banditi dalle diverse associazioni e promuovono un costante scambio tra scuola e territorio. Il Comune provvede al servizio mensa e al trasporto scolastico degli alunni con il contributo economico diretto delle famiglie. Offre invece gratuitamente il trasporto degli alunni per le attività motorie presso Palazzetti sportivi o la nostra palestra di Montegrillo, per sopperire alla mancanza di palestre all'interno di molte nostre scuole. Discreto, ma non sufficiente è il monte ore assegnato alla scuola in risorse umane per l'assistenza agli alunni diversamente abili.

Vincoli

Il nostro Istituto è dislocato in un territorio vasto che si estende dal centro del Comune di Perugia fino alla zona periferica di Colle Umberto: comprende 12 plessi di cui 4 della Scuola dell’Infanzia, 5 della Scuola Primaria e 3 della Scuola Secondaria di I Grado. Il contributo economico per la realizzazione di Progetti da parte del Comune è molto modesto, mentre le associazioni ricreative e culturali, soprattutto nei centri periferici che tengono alla loro identità, riconoscono l'importanza della scuola alla quale rivolgono numerose iniziative e fanno a volte anche delle donazioni in sussidi e materiali.

1.3 Risorse economiche e materiali

Opportunità

Le risorse economiche disponibili si distinguono in 4 fonti principali : lo Stato per il funzionamento e anche per l'elargizione dei fondi per partecipazione a bandi e progetti sia ministeriali che europei; i Privati, principalmente le famiglie, ma anche associazioni, fondazioni ,ecc che a volte fanno alla scuola anche donazioni di carattere materiale; gli Enti Locali (provincia, comune); le università per i tirocini. A volte abbiamo il contributo economico di alcuni sponsor. L'Istituto gestisce 8 edifici generalmente costruiti negli anni50/60,ad eccezione della scuola secondaria di Montegrillocostruita negli anni 80 e della scuola secondaria di ColleUmberto inaugurata nel 2008. Tutti gli edifici sono dotati di connessione internet. In generale le condizione degli edifici sono buone, in quasi tuttisono previsti spazi esterni adeguati; ampiezza aule adeguata (ad eccezione infanzia Ponte d'Oddi e Cenerente). La maggioranza sono facilmente raggiungibili con i mezzi pubblici

Vincoli

Non tutti gli edifici però sono dotati di una palestra e nella sede centrale manca un ampio salone per eventi o per accogliere il collegio docenti unitario. L'edificio presenta dei setti in cemento armato così che si possono al massimo unire due aule. L'ambiente più spazioso è quello che fino allo scorso anno è stato usato come palestra e da questo anno come aula per l'orchestra dell'Istituto. Le risorse finanziarie rispetto allo scorso anno hanno registrato un incremento di 10,35 punti percentuali per quanto riguarda le entrate per il funzionamento dello Stato (nel 2017 abbiamo partecipato a tre PON a differenza dell'unico del 2016), per quanto riguarda il funzionamento, il finanziamento risulta inferiore all'anno precedente a causa di un calo di alcune classi. Per quanto concerne i contributi dei privati si registra nella ridistribuzione complessiva dei fondi un incremento di 11 punti percentuali. I contributi degli EE.LL. sono aumentati di 2 punti percentuali.Complessivamente le entrate di questo anno sono state superiori di circa 28.000,00 euro rispetto all'anno precedente.

1.4 Risorse professionali

Opportunità

Il corpo docente è caratterizzato da un’alta percentuale di docenti in ruolo pertanto risulta stabile a garanzia della continuità sia didattica che progettuale. L’età è medio-bassa con un’alta percentuale di insegnanti in possesso del diploma di laurea. L’Istituto attua corsi per la formazione dei docenti in ambito tecnologico e didattico (corso di storytelling e sulle rubriche di valutazione delle competenze) e per l'inclusione (metodo Feuerstein) che come si vede hanno contribuito in questi 5 anni ad incrementare notevolmente il numero di docenti formati in questi ambiti. Emerge l’esigenza di continuare ad investire energie favorendo la partecipazione e la condivisione di tutti i docenti dei diversi ordini di scuola. Per quanto riguarda i docenti di sostegno sono presenti: 1 docente con abilitazione nello screeninig per la dislessia; 1 docente con master in Psicologia clinica; 1 docente con formazione sistema co.cli.te.; 10 docenti hanno seguito il corso U.S.R. umbria sui disturbi specifici di apprendimento; 5 docenti specializzazione polivalenti per sostegno; 3 docenti hanno attestato di frequenza del Corso Regionale ADHD-DEFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITA

Vincoli

In questi cinque anni le commissioni in verticale tra i tre ordini di scuola, i progetti in continuità, le prove comuni, la ricerca di un lessico condiviso, la formazione comune (metodo Feureistein, ed. musicale, competenze, storytelling, ecc...), stanno contribuendo alla costruzione del senso di un' appartenenza ad una stessa comunità educante. Ovviamente questo processo è in fieri e costante evoluzione

    Autovalutazione Indicatori Dettaglio
2.1 Risultati scolastici

Punti di forza

Nella scuola dell'infanzia la larga maggioranza dei bambini (dallo 75,12% dei discorsi e le parole al 86,5% della conoscenza del mondo) ha pienamente raggiunto gli obiettivi programmati e solo una residua percentuale non li ha affatto raggiunti ( 4%-1%) Nella Scuola Primaria si evidenzia una maggiore regolarità del percorso formativo rispetto alla Secondaria di primo grado e in generale valutazioni più alte (66,52% degli alunni ha una valutazione finale media tra il 9 e il 10 e il 33,45% tra il 7 e l'8) e la percentuale degli studenti delle classi seconde,terze,quarte e quinte ammessi alla classe successiva è pari al 100 %, superiore alla media regionale e nazionale. Nella Scuola Secondaria di primo grado la percentuale di studenti delle classi prime ammessi alla classe successiva è leggermente inferiore all'anno precedente ( 97,60 % di ammissioni alle seconde) mentre leggermente superiore alle classi terze (99,20%). Le valutazioni sono però inferiori alla primaria (il 54,56% si attesta tra il 7 e l'8 e il l'43,27% tra il 9 e il 10, mentre il 2,17% ha una valutazione sufficiente). Grazie al finanziamento del PON inclusione sono stati attivati 16 laboratori pomeridiani, di cui 7 destinati alla secondaria , 5 alla primaria e 4 alla scuola dell'infanzia. Inoltre grazie alle competenze del docente di potenziamento su lingua inglese si è riusciti a realizzare un'attività di supporto e e mediazione linguistica nei confronti di alunni cinesi e americani

Punti di debolezza

Nella scuola secondaria di I° numero di ripetenti è molto contenuta, il numero di qualche nuovo ingresso supera quello di qualche trasferimento. I laboratori sulle competenze di base effettuati grazie ai fondi europei hanno permesso di attivare efficaci corsi di recupero disciplinare per alunni che evidenziano lacune nella scuola secondaria. Grazie ad una convenzione con l'Università per stranieri la scuola ha anche avuto il supporto delle studentesse per un aiuto ai ragazzi stranieri, poiché le ragazze erano specializzate per l'insegnamento dell'italiano come L2. Nella scuola primaria in tutti i plessi è stato realizzato un recupero sistematico per la gran parte dell'anno con l'organico potenziato.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola portano avanti regolarmente il loro percorso di studi, lo concludono e conseguono risultati soddisfacenti agli esami finali.

Rubrica di valutazione

4-

Motivazione

La quota di studenti ammessa all'anno successivo e' leggermente superiore ai riferimenti nazionali. Gli abbandoni e i trasferimenti in uscita sono inferiori ai riferimenti nazionali. Nella secondaria di I grado la quota di studenti collocata nelle fasce di punteggio medio alte all'Esame di Stato (8-10 e lode nel I ciclo; 81-100 e lode nel II ciclo) e' inferiore ai riferimenti nazionali.

2.2 Risultati nelle prove standardizzate nazionali

Punti di forza

La Scuola Secondaria di I grado nelle prove standardizzate nazionali ha conseguito risultati positivi in quanto i punteggi ottenuti dalla maggioranza delle classi nella prova di italiano, matematica e inglese sono superiori alle medie della regione Umbria, della macro-area geografica di appartenenza e dell'Italia. La nostra scuola ha un background familiare mediano degli studenti alto e la maggior parte delle classi ha raggiunto percentuali che superano il confronto rispetto a scuola con contesto socio-culturale simile. Relativamente alla distribuzione degli studenti in base ai risultati raggiunti nelle prove, il numero degli alunni aumenta nei livelli più alti dell'apprendimento e per quanto riguarda le prove di inglese in cinque/sei classi su sette nessun alunno è nel livello dei principianti (pre A 1). Risulta un basso livello di variabilità tra le classi per italiano e inglese. L'effetto della scuola ha un'efficacia leggermente maggiore sui risultati degli apprendimenti in quanto nei confronti dei dati regionali e del centro il punteggio è sopra la media e l'effetto scuola è leggermente positivo e simile in tutte le prove.

Punti di debolezza

Dai risultati Invalsi di matematica si evidenzia che due classi terze secondarie hanno ottenuto un punteggio che si discosta in modo negativo rispetto alle medie regionali ed una classe nella prova di inglese listening non supera le percentuali dei modelli. Il livello di variabilità tra le classi in matematica è più alto rispetto al campione nazionale e regionale. Le prove parallele di matematica somministrate nel corso dell'anno nella Scuola Secondaria hanno fatto registrare un livello di competenze lacunoso per una percentuale considerevole di allievi.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola raggiungono livelli di apprendimento soddisfacenti in italiano e matematica in relazione ai livelli di partenza e alle caratteristiche del contesto.

Rubrica di valutazione

5- Positiva

Motivazione

2.3 Competenze chiave europee

Punti di forza

L'Istituto Comprensivo per la scuola dell'infanzia valuta le competenze di cittadinanza all'interno del campo di esperienza il sé e l'altro (il 77,3% dei bambini ha pienamente raggiunto gli obiettivi e solo 1,5% li deve ancora raggiungere, mentre il 21,2% li ha parzialmente raggiunti) Per la scuola primaria e secondaria, valuta le competenze chiave anche in riferimento al comportamento degli alunni ed assegna un giudizio adottando criteri condivisi stabiliti dal collegio docenti ed esposti nel Piano dell'Offerta formativa. Ogni docente esprime la propria valutazione in merito all'acquisizione di coscienza civile ( comportamento, rispetto dell'ambiente) e partecipazione alla vita didattica. Le valutazioni nella griglia sono state modificate da valutazioni numeriche a giudizi sintetici. I giudizi sul voto di comportamento risultano positivi senza particolari differenze tra classi o scuole dell'Istituto. La maggioranza dei ragazzi della secondaria e della primaria si colloca nei due giudizi più alti ( 65,2%), le ragazze che si collocano in queste fasce sono più numerose dei maschi. Dall'analisi delle certificazioni delle competenze risulta che quelle maggiormente raggiunte sono in ambito linguistico e sociale mentre quelle più carenti risultano in ambito scientifico, tecnologico e digitale.

Punti di debolezza

Implementare unità di apprendimento interdisciplinari incentrate sulle competenze chiave. Potenziare l'insegnamento di Cittadinanza e Costituzione. Nonostante i progetti su bullismo e cyberbullismo, legalità, cittadinanza due alunni sono stati sospesi nel corso dell'anno.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola acquisiscono livelli soddisfacenti nelle competenze sociali e civiche, nell'imparare a imparare, nelle competenze digitali e nello spirito di iniziativa e imprenditorialità.

Rubrica di valutazione

5- Positiva

Motivazione

2.4 Risultati a distanza

Punti di forza

Dai punteggi conseguiti nelle prove degli alunni delle classi terze secondarie del 2018 dalle classi V primarie come erano formate nel 2015, si nota che il punteggio più alto per quanto riguarda le abilità in italiano e matematica è stato conseguito dagli ex alunni della V primaria Valentini, mentre per quanto riguarda le abilità in inglese reading e listening è la V primaria Rodari che ha raggiunto il punteggio più alto. Per quanto riguarda la Scuola Secondaria si sono analizzati i nel triennio precedente i risultati che gli ex alunni della III secondaria hanno raggiunto nel I e nel II anno nella scuola secondaria di II grado e dalle analisi statistiche effettuate risulta che la maggior parte degli alunni hanno raggiunto una valutazione positiva corrispondente o generalmente corrisponde alle valutazioni della scuola secondaria di I grado pertanto nel prossimo triennio non saranno analizzati i risultati a distanza con le scuole secondarie di II grado.

Punti di debolezza

Si auspica una maggiore comunicazione tra i vari ordini di scuola.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti in uscita dalla scuola hanno successo nei successivi percorsi di studio e di lavoro.

Rubrica di valutazione

5- Positiva

Motivazione

Per le scuole del I ciclo - I risultati degli studenti nel percorso successivo di studio sono molto positivi: in rari casi gli studenti incontrano difficoltà di apprendimento (non sono ammessi alla classe successiva, hanno debiti formativi o cambiano l’indirizzo di studio) rari sono gli episodi di abbandono degli studi nel percorso successivo. Gli studenti usciti dalla primaria e dalla secondaria dopo due o tre anni ottengono risultati medi nelle prove INVALSI decisamente superiori a quelli medi nazionali, ad eccezione di un paio di classi.

    Autovalutazione Indicatori Dettaglio
3.1 Curricolo, progettazione e valutazione

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola propone un curricolo aderente alle esigenze del contesto, progetta attivita' didattiche coerenti con il curricolo, valuta gli studenti utilizzando criteri e strumenti condivisi.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

3.2 Ambiente di apprendimento

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola cura gli aspetti organizzativi, metodologici e relazionali dell'ambiente di apprendimento.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

3.3 Inclusione e differenziazione

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola cura l'inclusione degli studenti con bisogni educativi speciali, valorizza le differenze culturali, adegua l'insegnamento ai bisogni formativi di ciascuno studente attraverso percorsi di recupero e potenziamento.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

3.4 Continuita' e orientamento

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola garantisce la continuita' dei percorsi scolastici e cura l'orientamento personale, scolastico e professionale degli studenti.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

3.5 Orientamento strategico e organizzazione della scuola

Punti di Forza:

La missione e la visione dell'istituto sono definite sia nelle linee d'indirizzo del Dirigente Scolastico che nel Piano Triennale dell'offerta formativa e sono condivise sia all'interno della scuola che con le famiglie. Sono rese pubbliche attraverso il sito e il portale scuola in chiaro. Il Piano di miglioramento prevede una serie di monitoraggi svolti dalle varie figure preposte, attraverso sondaggi, questionari, raccolta e analisi di dati restituita tramite tabelle e grafici. Anche il rapporto di autovalutazione e il bilancio sociale vengono pubblicati sul sito della scuola e portali dedicati. Le funzioni strumentali individuate sono state 7 attribuite a 9 docenti e precisamente: 1. Funzione strumentale C.A.P. per la Autovalutazione e Piano di miglioramento( 2 docenti: 1 di scuola primaria e 1 di scuola secondaria) 2. Funzione strumentale C.I.A.O. Funzione strumentale inerente ai temi della Continuità, Intercultura, Accoglienza e Orientamento (1 docente di scuola primaria) 3. Funzione strumentale A.D. per Sito, animazione all’ utilizzo delle tecnologie informatiche e documentazione (1 docente di scuola secondaria) 4. Funzione strumentale B.E.S. per i disturbi specifici di apprendimento e per le attività di integrazione per gli alunni diversamente abili (2 docenti: 1 di scuola primaria e 1 di scuola secondaria) 5. Funzione strumentale I.D.A. per l’inserimento degli alunni diversamente abili (1 docente di scuola primaria) 6. Funzione strumentale C.S.I. per il coordinamento Scuola dell’Infanzia (1 docente di scuola dell'infanzia ) 7. Funzione strumentale C.B.C per il contrasto al bullismo e cyberbullismo (1 docente di scuola secondaria). Fondamentale è stato anche il contributo dei due collaboratori del Dirigente Scolastico Il Dirigente si avvale di una rete di coordinatori di commissioni, sottesi a specifiche funzioni strumentali con il compito di garantire e assicurare in modo efficace la gestione del servizio scolastico. Al termine dell’anno scolastico ogni coordinatore dovrà documentare il lavoro svolto. La gestione dei processi organizzativi e amministrativi avviene in un’ottica di trasparenza comunicativa e di responsabilità contabile. Nelle commissioni e gruppi di lavoro è garantita la rappresentatività di tutti i docenti dei vari ordini di scuola e plessi scolastici. Il sito è stato modificato nella sua veste grafica ed arricchito di contenuti. Rispetto al potenziamento degli strumenti per il controllo dei processi e la pianificazione strategica, sono stati elaborati strumenti per la misurazione delle performance: le griglie elaborate dal comitato di valutazione per la valorizzazione del merito dei docenti. Anche tabelle di sintesi, sia degli obiettivi e delle priorità che della distribuzione delle premialità. Sono stati realizzati 2 questionari nel 2016, 7 questionari nel 2017 e 9 questionari questo anno che permettono di basare su dati oggettivi le analisi svolte nell'autovalutazione(VEDI ALLEGATI)

Punti di Debolezza

La esiguità del fondo per la valorizzazione del merito svuota lo stesso del significato e dello scopo per il quale è stato introdotto. Pur facendo notevoli sforzi per reperire fondi per l'ampliamento dell'offerta formativa, sono ancora troppi i progetti che restano ad esclusivo carico delle famiglie degli alunni. Devono ancora essere incrementati gli strumenti di monitoraggio

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola definisce la propria missione e la visione, monitora in modo sistematico le attività che svolge, individua ruoli di responsabilita' e compiti per il personale in modo funzionale e utilizza in modo adeguato le risorse economiche.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

3.6 Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane

Punti di Forza:

Anche questo anno il bonus destinato ai docenti è stato utilizzato da molti, almeno per una parte della quota, per finanziare la propria formazione. Questo ha permesso di attivare all'interno del nostro istituto un corso tenuto da un docente universitario dell'Ateneo di Perugia sulla classificazione ICF ed è stato iniziato il corso PAS per applicatori di 2° livello del metodo Feurestain come prosecuzione di quello realizzato lo scorso anno. Ai corsi interni si sono aggiunti quelli realizzati dall' ITIS VOLTA di Perugia, scuola polo per la formazione, sulle seguenti tematiche: Vi hanno partecipato n° 5 docenti I questionari di gradimento hanno rilevato la soddisfazione dei corsisti per la qualità dei formatori.l'utilizzo di supplenti per la sostituzione dei docenti è molto elevato all'infanzia e leggermente inferiore alla primaria, mentre nella scuola secondaria avviene solo nel caso di supplenze di lungo periodo, per il breve vengono date le disponibilità dai docenti interni ad effettuare ore eccedenti. Con l'introduzione dell'organico di potenziamento è stata completamente abbattuta alla secondaria la quota delle ore non coperte con conseguente suddivisione degli alunni nelle altre classi, fenomeno già evitato all'infanzia e alla primaria con l'utilizzo delle ore di compresenza dei docenti e la flessibilità oraria. Nell'Istituto sono attivi diversi gruppi di lavoro: -Funzione StrumentaleCoordinamento Scuola dell' Infanzia (C.S.I.) che coordina il gruppo di docenti della scuola dell'Infanzia -Funzione Strumentale Coordinamento delle Azioni previste dal Piano di miglioramento (PTOF INVALSI e RAV) (C.A.P.) che coordina la commissione formata da docenti di ogni ordine di scuola su tale tematica (incontri durante l'anno scolastico) -Funzione Strumentale Continuità-Integrazione-AccoglienzaOrientamento (C.I.A.O.)che coordina la commissione formata da docenti di ogni ordine di scuola su tale tematica (incontri durante l'anno scolastico) -Funzione Strumentale Animatore Digitale (A.D.) che coordina la commissione formata da docenti di ogni ordine di scuola su tale tematica (incontri durante l'anno scolastico) -Funzione Strumentale BES che coordina la commissione formata da docenti di ogni ordine di scuola su tale tematica (incontri durante l'anno scolastico) -Funzione strumentale per l'Integrazione degli alunni Diversamente Abili (I.D.A.) che ha coordinato la commissione dei docenti di sostegno e si è occupata dell'integrazione degli alunni disabili. Anche il Referente per il Cyberbullismo, che ha lavorato in stretto contatto con l'Animatore Digitale, e il Valutatore PON incusione, insieme ai due collaboratori del dirigente scolastico hanno dato il loro contributo prezioso. I vari gruppi hanno prodotto documenti di vario genere (vedi allegato )

Punti di Debolezza

Nella scuola viene fortemente curata la suddivisione e condivisione dei compiti rispetto alla sua realizzazione da parte sia del personale docente che di quello amministrativo. Deve essere incrementata la rendicontazione delle attività della scuola all'esterno nei confronti dei vari attori del territorio. Le criticità emerse dalle indagini svolte lo scorso anno sono le seguenti: - è leggermente incrementata la percentuale dei partecipanti ai questionari, ma resta poco elevata e quindi di modesta significatività . L’uso del Registro Elettronico, in tutti i suoi aspetti didattici, di condivisione, di fruizione e autoproduzione di contenuti didattici digitali, ovvero di altre piattaforme per il digital learning, non è stato ancora ben recepito dalla maggioranza del corpo docente. Si sta incrementando l'abitudine di utilizzare mezzi informatici (es. fogli di calcolo) per elaborare e condividere tabelle e statistiche che aiutino a leggere l'andamento degli esiti e che possano fornire una base oggettiva su cui lavorare per il miglioramento dei risultati scolatici.La didattica digitale ancora è di tipo frontale, con solo un aumento dei linguaggi utilizzati, attraverso l'utilizzo di immagini, video e audio; non sono frequenti attività più interattive o esempi di didattica digitale uno a uno, ovvero dove ciascuno studente può operare autonomamente sul proprio dispositivo.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola valorizza le risorse professionali, promuove percorsi formativi di qualita' e incentiva la collaborazione tra pari.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

3.7 Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie

Punti di Forza:

La presenza sul territorio di altre istituzioni scolastiche, di agenzie formative, di associazioni culturali, sportive e ricreative, di enti territoriali può fornire proficue relazioni di collaborazione e di scambio. In funzione di tali attività l'istituto adotta i seguenti obiettivi, criteri e modalità: Obiettivi: -assumere il territorio e la comunità locale come fonte di competenze e di esperienze che arricchiscono la scuola; -sviluppare senso di appartenenza al territorio di riferimento e consolidarlo attraverso collaborazioni e scambi; -cogliere le potenzialità offerte dalla collaborazione con soggetti non locali a progetti specifici di arricchimento e diversificazione dell’offerta formativa; Criteri: -riconosce e valorizza i possibili apporti dei vari soggetti pubblici e privati presenti nell'area di riferimento; -si apre al confronto e collabora con altri soggetti pubblici e privati del territorio per aggiornare i contenuti e gli indirizzi del Progetto d’istituto; -partecipa a progetti di integrazione, collaborazione e scambio con altri soggetti in ambito locale e nazionale; Modalità: -aderisce alla costituzione di reti tra istituzioni scolastiche attiva forme di collaborazione con le comunità e i Comuni nei cui territori opera; -aderisce a protocolli d’intesa, convenzioni, accordi di programma per la realizzazione di progetti e attività coerenti con il Progetto d’istituto. Al fine di favorire una fattiva interazione tra le famiglie e la scuola i genitori collaborano con i docenti del team fornendo, dove richiesto, anche informazioni sulle competenze maturate in ambito scolastico ed extra-scolastico. Altresì si realizzano incontri formali ed informali, specifici ed occasionali: -Open Day -assemblee di classe -riunioni con i rappresentanti di sezione/classe -colloqui quadrimestrali individuali con gli insegnanti -colloqui individuali con gli insegnanti previo appuntamento -colloqui generali quadrimestrali e orario di ricevimento per la scuola secondaria di I grado. Gli insegnanti hanno cura di informare in modo chiaro, utilizzando anche strumenti informatici on-line, sulle scelte didattiche ed in merito ai contenuti, di esplicare le metodologie adottate, di affrontare i problemi attuando strategie concordate e coinvolgenti. Inoltre c'è il "Patto di corresponsabilità", strumento educativo che nasce dall'intento di offrire agli alunni, alle famiglie e agli insegnanti, un'occasione di confronto responsabile, di accordo partecipato, di condivisione di metodologie e obiettivi fondanti la vita comunitaria in ambiente scolastico. I genitori degli alunni della secondaria e da questo anno anche quelli di scuola primaria sono forniti di password per l'accesso al registro elettronico e possono prenotare ricevimenti con i professori on-line, questa modalità è stata molto apprezzata ed utilizzata dalla maggior parte di loro.

Punti di Debolezza

Qualche difficoltà dei docenti nel tenere aggiornato il registro elettronico

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola svolge un ruolo propositivo nella promozione di politiche formative territoriali e coinvolge le famiglie nella definizione dell'offerta formativa e nella vita scolastica.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

  Dettaglio
Le priorita' si riferiscono agli obiettivi generali che la scuola si prefigge di...

... realizzare nel lungo periodo attraverso l'azione di miglioramento. Le priorita' che la scuola si pone devono necessariamente riguardare gli esiti degli studenti. Si suggerisce di specificare quale delle quattro aree degli Esiti si intenda affrontare (Risultati scolastici, Risultati nelle prove standardizzate nazionali, Competenze chiave europee, Risultati a distanza) e di articolare all'interno quali priorita' si intenda perseguire (es. Diminuzione dell'abbandono scolastico nel primo anno di secondaria di II grado; Riduzione della variabilita' fra le classi; Sviluppo delle competenze sociali degli studenti di secondaria di I grado, ecc.). Si suggerisce di individuare un numero limitato di priorita' (1 o 2 per scuola) selezionandole all’interno di una stessa area o al massimo di due aree degli Esiti degli studenti. I traguardi sono di lungo periodo e riguardano i risultati attesi in relazione alle priorita'. Si tratta di risultati previsti a lungo termine (3 anni). Essi articolano in forma osservabile e/o misurabile i contenuti delle priorita' e rappresentano le mete verso cui la scuola tende nella sua azione di miglioramento. Per ogni priorita' individuata deve essere articolato il relativo traguardo di lungo periodo. Essi pertanto sono riferiti alle aree degli Esiti degli studenti (es. in relazione alla priorita' strategica "Diminuzione dell'abbandono scolastico nel primo anno di secondaria di II grado", il traguardo di lungo periodo puo' essere definito come "Rientrare nella media di abbandoni regionali pari al 4%, e precisamente portare gli abbandoni della scuola al di sotto del 4%"). E' opportuno evidenziare che per la definizione del traguardo che si intende raggiungere non e' sempre necessario indicare una percentuale, ma una tendenza costituita da traguardi di riferimento a cui la scuola mira per migliorare, ovvero alle scuole o alle situazioni con cui e' opportuno confrontarsi

Priorità e Traguardi

Risultati scolastici

PRIORITA'

Successo scolastico :diminuzione non ammissioni nella scuola secondaria

TRAGUARDO

Arrivare alla fine del triennio ad un contenimento entro il 4% delle non ammissioni alla classe successiva nella scuola secondaria di I^ grado

Obiettivi di processo collegati

- Costituire un archivio informatizzato delle prove comuni e dei loro esiti annuali

- Progettazione e organizzazione di percorsi formativi sulle nuove metodologie didattiche e sulle pratiche inclusive

- Continuare a reperire fondi attraverso la partecipazione ai bandi PON e POR, o Fondazioni ed EE.LL

- Realizzare progetti di orientamento nelle classi terze della Scuola Secondaria per aiutare gli alunni ad una scelta consapevole del proprio futuro

- Organizzare seminari di informazione per i genitori rispetto alle principali tematiche educative

- Organizzare azioni di recupero e potenziamento sia in orario curricolare che extracurricolare e realizzare laboratori extracurricolari

- Completare l'introduzione di postazioni tecnologiche in tutte le aule della primaria e 1 in ogni scuola dell'infanzia

- Elaborare tutti i PEI secondo la classificazione ICF e degli strumenti per un monitoraggio sistematico dell’efficacia del PEI e del PDP

- Creare un sistema digitalizzato per la gestione delle biblioteche nelle nostre scuole

- Promuovere strumenti di condivisione e produttività collaborativa (piattaforme e-Learning Google Suite)

- Costruire rubriche di valutazione per tutte le discipline entro la fine del triennio.


Risultati nelle prove standardizzate nazionali

PRIORITA'

Incremento delle competenze logico - scientifiche : diminuzione della varianza tra le classi dell’Istituto sia di primaria che secondaria rispetto agli esiti delle prove di matematica

TRAGUARDO

Portare tutte le classi almeno alla media standard sia regionale che nazionale

Obiettivi di processo collegati

- Costituire un archivio informatizzato delle prove comuni e dei loro esiti annuali

- Progettazione e organizzazione di percorsi formativi sulle nuove metodologie didattiche e sulle pratiche inclusive

- Continuare a reperire fondi attraverso la partecipazione ai bandi PON e POR, o Fondazioni ed EE.LL

- Organizzare azioni di recupero e potenziamento sia in orario curricolare che extracurricolare e realizzare laboratori extracurricolari

- Completare l'introduzione di postazioni tecnologiche in tutte le aule della primaria e 1 in ogni scuola dell'infanzia

- Promuovere strumenti di condivisione e produttività collaborativa (piattaforme e-Learning Google Suite)

- Costruire rubriche di valutazione per tutte le discipline entro la fine del triennio.


Competenze chiave europee

PRIORITA'

Incrementare le competenze di cittadinanza relative alla legalità

TRAGUARDO

Ridurre episodi problematici (bullismo, atti provocatori, non rispetto delle regole, atti vandalici...)

Obiettivi di processo collegati

- Progettazione e organizzazione di percorsi formativi sulle nuove metodologie didattiche e sulle pratiche inclusive

- Continuare a reperire fondi attraverso la partecipazione ai bandi PON e POR, o Fondazioni ed EE.LL

- Organizzare seminari di informazione per i genitori rispetto alle principali tematiche educative

- Completare l'introduzione di postazioni tecnologiche in tutte le aule della primaria e 1 in ogni scuola dell'infanzia

- Progettazione realizzazione del progetto continuità condiviso tra i diversi ordini di scuola: LE REGOLE (primo anno) L'AMBIENTE (secondo anno) ? (terzo anno)

- Promuovere strumenti di condivisione e produttività collaborativa (piattaforme e-Learning Google Suite)

- Progetti di prevenzione per il contrasto al bullismo/cyberbullismo

- Quantificazione degli episodi di bullismo, cyberbullismo e uso scorretto dei social e della rete attraverso apposito modulo di segnalazione


MOTIVAZIONE SCELTA PRIORITA'

Dai dati emersi nel RAV relativi alle non ammissioni alle classi successive, queste sono presenti solo nella scuola secondaria di I°, per cui ci si propone di contenerle entro il 4% degli iscritti (P1). Dai dati relativi agli esiti dei nostri alunni nelle prove INVALSI, risulta che, nonostante in generale sia le classi di scuola primaria che quelle di scuola secondaria si collocano sopra la media regionale e nazionale, si registra però una varianza nelle prove di matematica in cui alcune classi si collocano invece sotto la media (P2). Inoltre ogni anno si registrano diverse segnalazione relative ad episodi di bullismo e cyberbullismo, per cui un’altra priorità è cercare di contenere il fenomeno (P3). Nei primi tre anni del RAV abbiamo analizzato i risultati scolastici dei nostri alunni nei primi due anni di scuola superiore: si è registrata una sostanziale coerenza con le valutazioni espresse nella scuola secondaria di I°, pertanto si è deciso di sospendere per il prossimo triennio la suddetta rilevazione.

Gli obiettivi di processo rappresentano una definizione operativa delle attività...
... su cui si intende agire concretamente per raggiungere le priorita' individuate. Essi costituiscono degli obiettivi operativi da raggiungere nel breve periodo (un anno scolastico) e riguardano una o piu' aree di processo. Si suggerisce di indicare l'area o le aree di processo su cui si intende intervenire e descrivere gli obiettivi che la scuola si prefigge di raggiungere a conclusione del prossimo anno scolastico (es. Promuovere una figura di docente tutor per supportare gli studenti in difficolta' del primo anno dell'indirizzo linguistico nella scuola secondaria di II grado; Individuare criteri di formazione delle classi che garantiscano equi-eterogeneita'; Utilizzare criteri di valutazione omogenei e condivisi per la matematica nella scuola primaria; Ridurre gli episodi di esclusione e i fenomeni di bullismo nella scuola secondaria di I grado; ecc.).

Obiettivi di processo

Curricolo, progettazione e valutazione

Costituire un archivio informatizzato delle prove comuni e dei loro esiti annuali

Costruire rubriche di valutazione per tutte le discipline entro la fine del triennio.

Progetti di prevenzione per il contrasto al bullismo/cyberbullismo

Ambiente di apprendimento

Completare l'introduzione di postazioni tecnologiche in tutte le aule della primaria e 1 in ogni scuola dell'infanzia

Creare un sistema digitalizzato per la gestione delle biblioteche nelle nostre scuole

Inclusione e differenziazione

Organizzare azioni di recupero e potenziamento sia in orario curricolare che extracurricolare e realizzare laboratori extracurricolari

Elaborare tutti i PEI secondo la classificazione ICF e degli strumenti per un monitoraggio sistematico dell’efficacia del PEI e del PDP

Quantificazione degli episodi di bullismo, cyberbullismo e uso scorretto dei social e della rete attraverso apposito modulo di segnalazione

Continuita' e orientamento

Realizzare progetti di orientamento nelle classi terze della Scuola Secondaria per aiutare gli alunni ad una scelta consapevole del proprio futuro

Progettazione realizzazione del progetto continuità condiviso tra i diversi ordini di scuola: LE REGOLE (primo anno) L'AMBIENTE (secondo anno) ? (terzo anno)

Orientamento strategico e organizzazione della scuola

Continuare a reperire fondi attraverso la partecipazione ai bandi PON e POR, o Fondazioni ed EE.LL

Promuovere strumenti di condivisione e produttività collaborativa (piattaforme e-Learning Google Suite)

Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane

Progettazione e organizzazione di percorsi formativi sulle nuove metodologie didattiche e sulle pratiche inclusive

Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie

Organizzare seminari di informazione per i genitori rispetto alle principali tematiche educative

Contributo degli obiettivi di processo nel raggiungimento delle priorità