Indicatori Dettaglio
1.1 Popolazione scolastica

Opportunità

Il numero non elevato di studenti permette un maggior controllo e una maggiore collaborazione con le famiglie . Con l'apertura 4 anni fa del corso professionale abbiamo avuto un boom rispetto alle iscrizione di ragazzi portatori di handicap che hanno sicuramente portato molta ricchezza alla crescita dei ragazzi della loro classe . La riorganizzazione del personale ATA e docente consente alla scuola di seguirli anche nello studio pomeridiano con un doposcuola molto freqeuntato .

Vincoli

La popolazione scolastica consta di 525 studenti di cui il 31,69 % (166 ) sono stranieri provenienti principalmente dal Marocco e dall’Albania e vari paesi dell’Est . Il 16,12 % è iscritto alle scuole tecniche e il 13,57% al professionale alberghiero . Gli studenti con situazione di svantaggio economico risultano l’1,1% (59 famiglie ) contro uno 0,3% del Centro Italia e 0,4 % della Toscana e dell’Italia intera. In questo contesto le problematiche sono soprattutto economiche per la scuola che nei bienni non riceve tasse di iscrizione volontarie, fornisce una parte dei libri agli studenti attraverso un progetto finanziato. I fondi provinciali e regionali per il recupero delle abilità linguistiche per gli stranieri sono irrisori e dovendo dividerli nelle due sedi distanti 25 Km si riduce a meno di 20 ore per plesso. Questo comporta quindi che la maggior parte degli stranieri, alla conclusione dell’obbligo scolastico, lasci la scuola in cerca di lavoro che trova il più delle volte al nero. Il territorio è inoltre molto vasto e ci sono studenti italiani e non isolati dal resto della comunità che frequentano molto poco la scuola (a causa della mancanza dei trasporti e del loro costo, alcune famiglie non riescono a pagare gli abbonamenti) e abbandonano gli studi anche loro in quanto i Comuni non ritengono di loro competenza il trasporto a scuola degli studenti della secondaria di secondo grado.

1.2 Territorio e capitale sociale

Opportunità

Il territorio di riferimento della scuola è costituito prevalentemente dai Comuni della Val di Cecina (Volterra, Pomarance, Montecatini V.C., Castelnuovo V.C.) in minor misura, da alcuni Comuni della Val d’Era (Lajatico, Terricciola, Peccioli, Capannoli, Ponsacco , Pontedera ) Dal punto di vista culturale vi sono importanti strutture quali il Museo Guarnacci, la Pinacoteca, il Museo di Arte Sacra, la Biblioteca Comunale, The Volterra-Detroit Foundation (Architettura) tutte in Volterra, che collaborano attivamente con la scuola; il Museo della Geotermia e il Centro di Eccellenza della Geotermia a Larderello. L’Istituto ritiene importante e qualificante mantenere rapporti con aziende ed enti del territorio e porsi come punto di riferimento sul piano formativo e tecnico-scientifico. Perciò ha potenziato la collaborazione con queste iniziative: a) apertura dei propri lab per fornire supporto alle aziende locali e ai cittadini b) partecipaz. qualificata a iniziative e manifestazioni; c) apertura delle palestre a gruppi sportivi locali, in orario extrascolastico;d) collaboraz con il Centro Territ. per l’Educaz. degli Adulti e con gruppi di volontariato operanti nei settori della salute, dell’ambiente, della cultura in genere, della musica, dello sport e del tempo libero.Siamo Agenzia Formativa. Con Dec. n.15209_del_28-09-2018, la Regione Toscana ha confermato l'accreditamento attribuendo il nuovo codice ISO004. Siamo test center per gli esami ECDL e per le lingue straniere

Vincoli

Dal punto di vista del tessuto produttivo presenta una fisionomia abbastanza omogenea, caratterizzata dall’assenza, ad eccezione dell’Enel, di grandi strutture industriali e da un tessuto di piccole attività artigianali, commerciali e, da alcuni anni, turistiche. La situazione e lo stato delle infrastrutture è insoddisfacente per qualità e rapidità di collegamenti con i centri della Toscana. Il territorio di riferimento della scuola è collinare, a bassa densità demografica, con un forte processo emigratorio, con servizi pubblici limitati a poche corse autobus, strade tortuose e malandate, difficilmente percorribili. La linea ferroviara raggiunge solo la frazione di Saline di Volterra. Il tasso di disoccupazione è ediamente più alto, le occasioni di lavoro sono limitate e, soprattutto per i giovani, sono precarie e prevalentemente stagionali, legate soprattutto all’attività turistica. La necessità di trovare un lavoro più stabile determina situazioni di pendolarismo verso i centri vicini ed è causa della definitiva emigrazione di gran parte della manodopera giovanile più preparata. Pochi ragazzi , vista la lontananza dalle città universitarie ( a causa dei trasporti ) interrompono gli studi universitari al primo anno . Solo il 33% si iscrive all'università a causa della spesa che comporta vivere fuori casa. Solitamente se non riescono a restare in pari con gli esami i ragazzi preferiscono andare piuttosto che pesare sulle famiglie se non ingranano subito al 1 anno.

1.3 Risorse economiche e materiali

Opportunità

La sede dell'ITCG è situata in un edificio storico di grande valore architettonico e come tale vincolato dalle Belle Arti. La sua connessione ADSL è stata potenziata con la partecipazione agli avvisi 9035 del 13/07/2015 - FESR - realizzazione/ampliamento rete LanWLan (10.8.1.A1-FESRPON-TO-2015-84) e - 12810 del 15/10/2015 -FESR – Realizzazione AMBIENTI DIGITALI (10.8.1.A3-FESRPON-TO-2015-112) così che ci siamo dotati immediatamente di registro elettronico e protocollo elettronico . Abbiamo rinnovato i computer presenti nelle aule e in biblioeca . All’ITIS sono stati effettuati i lavori di manutenzione e attualmente il Comune di Pomarance ha preso i ngestione la palestra e sta facendo dei lavori di ristrutturazione per 100 000 euro ;nella sede principale ci sono lavori per l'adeguamento sismico . Siamo riusciti con i fondi PON FESR 37944 del 12/12/2017 - FESR - Laboratori Innovativi (10.8.1.B1-FESRPON-TO-2018-29) e con lo School bonus ( legge 107/2015) a realizzare per settembre 2019 due cucine nella sede dell'alberghiero e un laboratorio linguistico .Nell'anno 2017 abbiamo inaugurato un Laboratorio BAR che supplirà alla mancanza di fondi regionali pe l'alberghiero . Riusciamo a realizzare i progetti numerosi e caratterizzanti della nostra scuola grazie al finanziamento del Comune di Pomarance che eroga 50 000 euro l'anno per l'alternanza e grazie alla partecipazione a numerosi bandi .

Vincoli

Il finanziamento del ministero , basandosi sul numero di iscritti (525) e sul numero dei docenti di ruolo (32) è molto esiguo non arriva a 40 000 euro l'anno . I contributi delle famiglie sono molto carenti non si arriva a 20 000 euro per i motivi già espressi in precedenza . Il finanziemento provinciale annuale non è sufficiente a coprire le spese del telefono e della carta igienica. La sede carceraria non dà alcun contributo alla didattica e dunque spendaimo per i libri e i materiale dei detenuti ( onsiderando che c'è un corso alberghiero di 5 classi ) più di 10 000 euro l'anno . Il contributo regionale per gli IEFP ci è stato praticamente tagliato con la riforma regionale dei corsi di istruzione professionale impedendoci nella pratica a poter partecipare al fnanziamento regionale .

1.4 Risorse professionali

Opportunità

LA maggior pare degli insegnanti a tempo indeterminato hanno lunga esperienza didattica e sono molto attivi per attuare il piano dell’offerta formativa, sono molto motivati e si impegnano fortemente nelle attività aggiuntive. Molti di essi hanno un'attività professionale, oltre all'insegnamento, e questo dà alla scuola la possibilità di allargare i contatti con Enti, Associazioni, Istituzioni, Aziende operanti nel territorio. Il turnover del72 % dei docenti ci permette di confrontarci con altre realtà della provincia e raffinare alcune procedure obsolete della nostra scuola.

Vincoli

Gli insegnanti a tempo indeterminato sono circa il 28 % del personale, dunque ogni anno il 72% degli insegnanti cambia. Di questo 33 %,supera i 55 anni di età , solo il 3% ha meno di 35 anni. . Non tutti i Docenti sono disponibili ad assumere incarichi aggiuntivi e a restare a scuola per gestire i numerosi progetti in corso, dunque il carico maggiore ricade sempre sugli stessi. La scuola poi, avendo anche un budget FIS ridotto a causa della scarsa presenza di docenti titolari di cattedra, è costretta anche a pagare gli incarichi aggiuntivi in modo forfettario e questo ha creato nel tempo un defilarsi di allcuni docenti di ruolo dagli inarichi fondamentali per la scuola come l'orientamento , e l'alternanza scuola lavoro , il coordinamento delle classi e dei dipartimenti per esempio . In merito alle competenze dei Docenti, abbiao creao un data-base delle loro competenze extrascolastiche da utilizzare in sinergia con progetti esistenti o nuovi per ampliare la ns. offerta formativa.

    Autovalutazione Indicatori Dettaglio
2.1 Risultati scolastici

Punti di forza

Abbiamo somministrato un questionario a fine anno:. hanno risposto positivamente : 78,24% (le attività della scuola rispondono ai bisogni degli studenti), 66,53% (i docenti della scuola insegnano bene la loro materia), 66% (gli insegnanti aiutano gli studenti a superare le difficoltà), 79% (sono soddisfatto della preparazione fornita dalla scuola), 78% (le attività di recupero sono efficaci) ,87 % (quello che si impara a scuola è utile per le scelte future ). I criteri di valutazione della scuola sono equi e condivisi. Il 68% degli studenti hanno risposto positivamente al quesito : le valutazioni degli insegnanti sono coerenti con i criteri di valutazione. L’abbandono scolastico si è ridotto al di sotto della media provinciale , reg. e naz. grazie all’apertura 4 anni fa del professionale sul nostro territorio ,che era totalmente mancante, e causa rilevata per il fenomeno.Risultati all’Esame di Stato, i voti riportati nelle fasce da 60 a 80 sono inferiori alla Prov. alla Reg. e al dato naz., mentre da 81 a 100 sono superiori 40% contro il 23%-25% della prov, reg. e naz. nel corso professionale , mente nei corsi tecnici abbiamo il 56.5 % di studenti nella fascia 60-80 contro il 59-60% di provincia , regione, nazione mentre abbiamo il 43,5% di diplomati nella fascia 81-100 contro il 40 % di provincia , regione , nazione. Le valutazioni di 100 sono superiori di 4 punti percentuali rispetto alla provincia ,di 5 punti rispetto alla regione e di 7 punti rispetto alla naz.

Punti di debolezza

La maggiore selezione, ovvero la non ammissione alla classe successiva, (17%-18% valore diminuito del 7% nell'ultimo anno ) avviene nel biennio ugualmente distribuita nei vari indirizzi, dove si sconta una minore scolarizzazione, mentre nel triennio il fenomeno si attenua ignificativamente (media 8%). I casi di abbandono sono diminuiti ,ma ancora presenti . Il dato di abbandono si accentua nel biennio ITIS ed è determinato da una forte presenza di extracomunitari che , concluso l'obbligo scolastico , smettono di studiare per andare a lavorare e talvolta da errori di orientamento.La scuola pratica il recupero per la maggior parte in itinere, sospendendo temporaneamente lo svolgimento dei programmi durante la mattina, in quanto la distribuzione della nostra popolazione scolastica su un ampio territorio poco servito dai mezzi pubblici non permette agli studenti di rimanere a scuola nel pomeriggio. Pertanto lo sportello didattico pomeridiano, il doposcuola insieme alle attività extrascolastiche vengono frequentate solo dai residenti. Si osserva una generale debolezza nelle discipline tecnico-scientifiche nella lettura e compresione dei testi e nella lingua inglese. Un’altra difficoltà del territorio è la mancanza di professionisti delle materie tecniche che non siano docenti della Scuola. Pertanto le famiglie non trovano docenti che possano fornire lezioni private vicino alle loro abitazioni

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola portano avanti regolarmente il loro percorso di studi, lo concludono e conseguono risultati soddisfacenti agli esami finali.

Rubrica di valutazione

6-

Motivazione

C'è una certa differenza fra l'andamento del corso Professionale Servizi per l'Enogastronomia e l'ospitalità alberghiera e la scuola tecnica del nostro istituto .Dai dati statistici risulta che la maggiore selezione avviene al treinnio del corso professionale anche se molto al disotto della percentuale provinciale , regionale e nazionale . Nel biennio gli ammessi alla classe successiva sono in perentuale molto più alta della percentuale provinciale , regionale e nazionale: infatti nelle prove invalsi 2018 siamo risultati i migliori in Italia . Nei corsi tecnici rientriamo nella media della percentuale provinciale , regionale e nazionale.Nella fasce 81-100 siamo superiori sia nel professionale che nei corsi tecnici delle percentuali provinciale , regionale e nazionale. Nel corso professionale invece sono maggiori le sospensioni del giudizio rispetto alle perentuali suddette e nei corsi tecnici rientriamo nella media .

2.2 Risultati nelle prove standardizzate nazionali

Punti di forza

Dalla variabilità dei punteggi tra le classi risulta che la scuola sta lavorando bene al livello dipartimentale e a livello di valutazioni condivise . E’ ovvio invece che la disparità dei risultati all’interno delle classi mostra che non facciamo classi di livello , ma cerchiamo di fare classi abbastanza eterogenee in modo che i più deboli vengano stimolati dai più capaci. Punti di forza nelle prove nazionali le abbiamo avute invece nella classi quinte. Su un totale di 39 studenti di classe quinta abbiamo avuto 13 insufficienti a italiano ma anche 13 studenti su livelli eccellenti . In matematica 9 insufficienti ma 20 su livelli buoni-eccellenti . In inglese risultati buoni in quanto solo 3 studenti non hanno ragginto il livello B1 nel listening e reading , ma ben 4 studenti hanno raggiunto il livello B2 nelle due prove , e 9 un livello B2 nel reading e B1 nel listening . non abbiamo confronti con gli altri istituti .

Punti di debolezza

Il corso professionale generalmente risulta in linea con i risultati in italiano con quelli della Toscana , Nazionali e al Centro Italia. In matematica invece siamo generalmente più bassi dai 2 ai 3 punti percentuali .Per i tecnici siamo al di sotto in matematica e italiano . Molti sono gli studenti non italofoni . Gli studenti portatori di handicap sono aumentati con l'apertura del corso professionale . Sono 40 studenti di cui 8 con gravità. Molti studenti presentano disturbi del comportamento e si sono accentuati i fenomeni di bullismo e furti all'interno delle classi e questo non giova al clima della scuola. Questi studenti disturbano sistematicamente le lezioni, provocando disagio e rallentamento delle attività didattiche. Peraltro i fondi regionali e provinciali per il recupero della dispersione scolastica sono andati sempre più calando per le scuole ,andando a finanziare invece sovrastrutture come il CRED che dispone e costringe le scuole di diversi territori e esigenze a uniformarsi a un quod deciso dall'alto che non soddisfa nessuno. Si nota una demotivazione all'impegno generale sia nel professionale che , anche se in minor evidenza , negli studi tecnici . Il turn over dei docenti altissimo nel nostro istituto non favorisce una didattica pensata e condivisa. L'ingresso di molti docenti provenienti da fallimentari esperienze private ,non formati preclude molte strade ad una didattica personalizzata.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola raggiungono livelli di apprendimento soddisfacenti in italiano e matematica in relazione ai livelli di partenza e alle caratteristiche del contesto.

Rubrica di valutazione

2-

Motivazione

Il punteggio degli studenti della scuola nelle prove INVALSI è inferiore rispetto alle scuole con background socio-economico e culturale simile. Nel corso professionale la prova di italinao è risultato generalmente migliore .La variabilità tra le classi è smolto inferiore a quella media. La quota di studenti collocata nel livello più basso è in generale pari a quella media regionale per i corsi tecnicni , inferiore nel corso professionale . L'effetto attribuibile alla scuola sugli apprendimenti in italinao è intorno all'effetto medio regionale, mentre i n matematica è al di sotto della media regionale .Abbiamo buoni risultati in Inglese nelle classi quinte.

2.3 Competenze chiave europee

Punti di forza

La scuola offre una valutazione della condotta con una scheda comune a tutti i plessi e a tutte le classi, che comprende voci come partecipazione, frequenza, metodo di studio, impegno, collaborazione e rispetto delle regole. Pertanto il voto di condotta dà una valutazione delle competenze chiave di cittadinanza . Molteplici sono le attività svolte dalla scuola che hanno dato un ottimo risultato nel corso del quinquennio in termini di competenze attravesro il learning by doing . Non ci sono differenze sostanziali fra i plessi. Molti sono i progetti relativi alle competenze sociali e civiche : Progetto Libera (lavoro nei campi sottratti alla Mafia), Teatro di Nascosto di Annet Henneman (profughi dell'Iraq, Iran e Palestina), Giornata della Memoria (attività teatrale compagnia della scuola PicNic), Erasmus+, Parlamento europeo giovani, Impresa in azione, Bioarchitettura,e Progettare per tutti, Conoscere la Borsa, Certificazioni linguistiche ed informatiche, Settimana studio a Londra, Raccolta differenziata, Progetto Martina – Avis donatori organi, Progetto safari sicuro , Educazione alla salute, progetti di alternanza scuola lavoro all'estero .

Punti di debolezza

Il territorio è molto frammentato . Le due scuole primarie e secondarie di primo grado sono distribuite su 28 plessi con diversificati modi di lavorare e valutare. Questo comporta nelle classi prime una prima fase di omogeneizzazione dei contenuti di base e di comportamento . Ci vuole sempre più tempo per rendere omogenee le classi del biennio e i problemi disciplinari sono notevoli . Manca a tutt'oggi la griglia di valutazione per le seguenti competenze : - spirito di iniziativa e imprenditorialità - competenza digitale per quanto la scuola offra tutte le certificazioni ECDL e da anni si classifichi fra i primi posti in regione per concorso "A Scuola d'Impresa". Nelle competenze sociali e civiche dobbiamo ancora trovare il modo di valutare la ricaduta dei molteplici progetti relativi alle competenze sociali e civiche.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola acquisiscono livelli soddisfacenti nelle competenze sociali e civiche, nell'imparare a imparare, nelle competenze digitali e nello spirito di iniziativa e imprenditorialità.

Rubrica di valutazione

5- Positiva

Motivazione

La maggior parte degli studenti della scuola raggiunge livelli buoni in relazione ad almeno due competenze chiave tra quelle considerate (competenze sociali e civiche, imparare a imparare, competenze digitali, spirito di iniziativa e imprenditorialita'). Questo grazie alle numerose attività svolte soprattuto nel triennio in merito anche alla partecipazione a bandi nazionali come il parlamento europeo giovani . siamo vincitori per due anni consecutivi del concorso Fiaba : " I geometri progettano l'accessibilità " . Ache su progetti riguardanti l'ambito della sicurezza patrocinati da Enel Green power risultiamo orami da anni vincitori o classificati comunque nei primi tre posti .

2.4 Risultati a distanza

Punti di forza

Da un indagine della Fondazione Agnelli del 2017 , risulta che la nostra scuola è al secondo posto in regione Toscana per il numero di diplomati che ha trovato un lavoro a tempo indeterminato dopo il diploma.

Punti di debolezza

L’insuccesso all’Università, a cui accedono solo il 22% dei nostri studenti, trova in parte giustificazione dal fatto che non siamo collegati alle città universitarie e quindi gli studenti devono per forza abitare nelle città universitarie per evitare un pendolarismo sfinente a casua dei cattivi e scarsi collegamenti al nostro territorio. Il fattore economico non è indifferente . dopo i primi insuccessi, molti studenti lasciano gli studi per aiutare economicamente le familgie piuttosto che esergle di peso inutilmente. Infatti il ritardo negli studi comporta comunque un notevole sforzo economico per la famiglia, dell’ordine di 1000 €/mese, non sostenibile a lungo. Quindi o sono molto bravi e motivati oppure, in caso di difficoltà, abbandonano già al secondo anno. Per chi trova un lavoro spesso questo non è coerente con il titolo di studio conseguito.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti in uscita dalla scuola hanno successo nei successivi percorsi di studio e di lavoro.

Rubrica di valutazione

3- Con qualche criticita'

Motivazione

I risultati raggiunti dagli studenti immatricolati all'università sono scarsi; la percentuale di diplomati che non ha acquisito CFU dopo un anno di università è decisamente superiore ai riferimenti nazionali. Nel complesso la quota di diplomati che o ha un contratto di lavoro o prosegue negli studi è superiore o pari a quella regionale

    Autovalutazione Indicatori Dettaglio
3.1 Curricolo, progettazione e valutazione

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola propone un curricolo aderente alle esigenze del contesto, progetta attivita' didattiche coerenti con il curricolo, valuta gli studenti utilizzando criteri e strumenti condivisi.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

La Scuola ha elaborato un proprio curricolo a partire dai documento Ministeriale di riferimento. Sono stati definiti i profili di competenze per le varie discipline e anni di corso, specificando gli obbiettivi e le competenze minime da accertare per la promozione alla classe successiva. L’accertamento viene effettuato con prove mirate e condivise al termine di ogni anno ,ma soprattuto dell’obbligo scolastico per una certificazione adeguata delel competenze raggiunte . Le attività di ampliamento dell'offerta formativa sono inserite nel POF di Scuola. Gli obiettivi e le abilità/competenze da raggiungere con queste attività sono definiti in modo chiaro. Nella Scuola sono presenti tre Commissioni Didattiche (una per i tecnici, una per il professionale ed una per la sede carceraria) ed un Comitato tecnico-scientifico che si occupano della progettazione didattica,dell'alternanza scuola -lavoro , della valutazione degli studenti e della comunicazione con le famiglie e con l’esterno (ufficio stampa). Il Collegio inoltre è organizzato in Dipartimenti disciplinari a cui partecipa un buon numero di insegnanti. La progettazione didattica periodica viene effettuata in modo condiviso per ambiti disciplinari e coinvolge un buon numero di docenti di varie discipline e di più indirizzi e ordini di scuola. La scuola utilizza forme di certificazione delle competenze. I docenti utilizzano regolarmente strumenti comuni per la valutazione e hanno momenti di incontro per condividere i risultati della valutazione. La progettazione di interventi specifici a seguito della valutazione degli studenti è una pratica frequente ma andrebbe migliorato il monitoraggio e la documentazione di tale attività.

3.2 Ambiente di apprendimento

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola cura gli aspetti organizzativi, metodologici e relazionali dell'ambiente di apprendimento.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

L'organizzazione di spazi e tempi risponde alle esigenze di apprendimento degli studenti. Con la ralizzazione dei due laboratori di cucina all'interno della sede si è approtato all'orario un notevole risparmio di tempo ( prima gli studenti dovevano recarsi a piedi a una struttura distante un km . Gli spazi laboratoriali, le dotazioni tecnologichee la biblioteca sono usati dalla maggior parte delle classi. A scuola ci sono momenti di confronto tra insegnanti sulle metodologie didattiche ( dipartimenti e corsi di formazione ) e si utilizzano metodologie diversificate nelle classi. Gli studenti lavorano in gruppi, utilizzano le nuove tecnologie, realizzano ricerche o progetti.Le regole di comportamento sono definite e condivise nelle classi. Le relazioni tra studenti e tra studenti e insegnanti sono nella maggior parte dei casi positive. I conflitti con gli studenti sono gestiti con modalita' adeguate e quest'anno abbiamo organizzato un crso di 25 ore sulla gestione dei conflitti tra adolescenti e fra adolescenti e adulti .

3.3 Inclusione e differenziazione

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola cura l'inclusione degli studenti con bisogni educativi speciali, valorizza le differenze culturali, adegua l'insegnamento ai bisogni formativi di ciascuno studente attraverso percorsi di recupero e potenziamento.

Situazione della scuola

6-

Motivazione

Le attività realizzate dalla scuola per gli studenti che necessitano di inclusione sono efficaci. In generale le attività didattiche sono di buona qualità, anche se ci sono aspetti che possono essere migliorati. Il raggiungimento degli obiettivi previsti per gli studenti che necessitano di inclusione sono costantemente monitorati. La scuola promuove il rispetto delle differenze e della diversità culturale. La differenziazione dei percorsi didattici in funzione dei bisogni educativi degli studenti è strutturata a livello di scuola. Gli obiettivi educativi sono definiti e sono presenti modalità di verifica degli esiti. Gli interventi realizzati sono efficaci per un buon numero di studenti destinatari delle azioni di differenziazione. Gli interventi individualizzati nel lavoro d'aula sono diffusi a livello di scuola.

3.4 Continuita' e orientamento

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola garantisce la continuita' dei percorsi scolastici e cura l'orientamento personale, scolastico e professionale degli studenti.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

Le attività di continuità sono ben strutturate. La collaborazione tra i docenti di ordini di scuola diversi è consolidata e organizzata ormai da anni . La scuola realizza diverse attività finalizzate ad accompagnare gli studenti nel passaggio da un ordine di scuola all’altro. Le attività di orientamento sono ben strutturate e coinvolgono anche le famiglie. La scuola realizza percorsi finalizzati alla conoscenza di sé e delle proprie attitudini. Gli studenti dell’ultimo anno e le famiglie, oltre a partecipare alle presentazioni delle diverse scuole/indirizzi di studio universitario, sono coinvolti in attività organizzate all'esterno (scuole, centri di formazione, università). La scuola realizza attività di orientamento alle realtà produttive e professionali del territorio anche attraverso l'alternanza scuola lavoro che viene effettuata tutto l'anno scolastico per tutto il triennio La scuola infatti ha stipulato convenzioni con un variegato partenariato di imprese ed associazioni del territorio. La scuola ha integrato nella propria offerta formativa i percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento. I percorsi rispondono ai fabbisogni professionali del territorio. Le attività dei percorsi vengono monitorate. La scuola valuta e certifica le competenze degli studenti al termine dei percorsi.

3.5 Orientamento strategico e organizzazione della scuola

Punti di Forza:

Nel PTOF, insieme alla definizione della mission e della vision, si identificano anche gli obiettivi operativi e le azioni strategiche da realizzare e sono condivisi con il Consiglio di Istituto che a in seno tutte le componenti della Scuola. La missione dell'Istituto e le priorità sono condivise all'interno della comunità scolastica e territoriale Il PTOF è reso pubblico sul sito della scuola . La scuola ha perfezionato una modulistica comune per la progettazione, il monitoraggio e la rendicontazione. Esiste uno staff del dirigente che è costituito da 20 persone che coordinano le varie attività: i collaboratori del Dirigente (3), il Responsabile amministrativo, i coordinatori di dipartimento (5) le Funzioni strumentali (11) che occupano una posizione di guida nei vari ambiti strategici e il personale ATA. Tutte queste persone si impegnano a garantire il successo formativo degli studenti . Il Dirigente si avvale anche della collaborazione di gruppi di lavoro , singoli insegnanti, collegio dei docenti, consigli di classe, d’istituto. Il Ds mediante un modello di leadership diffusa, promuove il cambiamento e l’innovazione, rafforza e sostiene i valori dell’organizzazione. La scuola alla fin di ogni anno presenta alla comunità le esperienze più significative svolte all’interno della scuola in due matinee a Volterra e a Pomarance . La scuola partecipa a diversi progetti europei ed è Agenzia Formativa per la Regione Toscana (cod. accredito ISO2004).E' stato modificato il corso AFM con RIM in mdo da studiare 3 lingue straniere .quattro anni fa è stato aperto il corso Servizi per l'eno. e osp. alberghiera con le tre articolazioni ormai da due anni..Il Consiglio di classe si riunisce ogni due mesi e monitora lo stato dei progetti e della programmazione curricolare . Ogni progetto ha un budget definito e un registro su cui vengono segnate le ore, le presenze degli studenti e le attività svolte. Alla fine di ogni progetto viene somministrato un questionario di gradimento agli studenti.. La gestione finanziaria è finalizzata al raggiungimento degli obiettivi strategici contenuti nei diversi progetti del POF. LA segreteria e l'ufficio tecnico garantiscono la gestione ordinaria attraverso l’acquisto di materiale di consumo per gli uffici e le classi, permettono la realizzazione di corsi di formazione per il personale, permettono di mettere a norma i laboratori e di introdurre in alcune classi le nuove tecnologie (LIM). Il Programma annuale e la gestione finanziaria sono resi noti agli stakeholders anche attraverso il sito web. Il controllo è eseguito dai revisori dei conti. Il FIS è suddiviso in pratica sul 90% dei docenti .

Punti di Debolezza

Il FIS è molto esiguo e il dirigente non può mai chiaramente valutare quali progetti può ogni anno riattivare finché non ha ricevuto da finanziatori esterni il budget. Pertanto alcuni progetti partono anche senza la sicurezza della copertura economica, che poi arriva , perché comunque alcuni finanziatori esterni tutti gli anni danno il medesimo contributo, ma il tutto è comunque un po' incerto. I docenti sono consapevoli e accettano la possibilità di essere pagati a forfait o anche non essere compensati adeguatamente.Le persone coinvolte sono sempre le solite col rischio di un processo di esaurimento dell’entusiasmo e anche delle risorse personali. Il turn over annuale del 71% dei docenti non favorisce la possibilità di avere una pausa negli impegni . Inoltre alcuni docenti di ruolo, con orario part-time, non contribuiscono in modo significativo. Tipicamente il numero di docenti che si rende disponibile per ricoprire incarichi aggiuntivi è molto esiguo, inferiore al numero di incarichi da assegnare.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola definisce la propria missione e la visione, monitora in modo sistematico le attività che svolge, individua ruoli di responsabilita' e compiti per il personale in modo funzionale e utilizza in modo adeguato le risorse economiche.

Situazione della scuola

6-

Motivazione

La scuola ha definito la missione e la visione e queste sono condivise nella comunità scolastica, con le famiglie e il territorio. La scuola utilizza in modo sistematico forme strutturate di monitoraggio delle azioni, che permettono di orientare le strategie e riprogettare le azioni. esponsabilita' e compiti delle diverse componenti scolastiche sono individuati chiaramente.Tutte le spese definite nel Programma annuale sono coerenti con le scelte indicate nel Piano triennale dell'offerta formativa. Tutte le risorse economiche destinate ai progetti sono investite in modo adeguato.La Scuola è impegnata a raccogliere finanziamenti aggiuntivi, oltre quelli provenienti dal MIUR (37.000 euro circa), attraverso la progettazione dei PON e con finanziamenti esterni , con cui negli ltimi anni ha raccolto più di 500 000 euro .

3.6 Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane

Punti di Forza:

La scuola è capace di orientare le competenze del personale e di valorizzarle. Si è investito nella formazione per promuovere un ambiente organizzativo e professionale, nonché ottemperare agli obblighi di legge (formazione sicurezza). Alcuni docenti sono altamente specializzati in vari campi e sono disponibili a condividere le loro conoscenze con gli altri. Si attivano corsi di aggiornamento inerni sulle TIC Tutte le certificazioni informatiche e le linguistiche presenti nella nostra scuola, sono aperte anche ai docenti. Le funzioni strumentali partecipano ai corsi di formazione relativi alla loro funzione.I docenti di ruolo stabili hanno competenze nell'ambito della didattica che condividono con i colleghi. La Scuola, nella scelta delle funzioni strumentali e nell’assegnazione degli incarichi, utilizza il curriculum e le esperienze formative fatte dai docenti. Le funzioni strumentali costituiscono il fulcro su cui poi poggiano i vari gruppi di lavoro come, per esempio, quelli per le tematiche dell'inclusione e dell'orientamento in entrata e in uscita. Sono attivi i gruppi di lavoro dei dipartimenti, la commissione didattica, la commissione BES, la commissione Erasmus+. Il lavoro dei vari gruppi è documentato da verbali e relazioni, pubblicati nel sito della Scuola o nella intranet.

Punti di Debolezza

La Scuola non è in grado di rimborsare ai docenti le iscrizioni ai corsi di aggiornamento a cui partecipano. Inoltre la maggior parte di questi avviene lontano dalla sede della Scuola e perciò spesso i docenti rinunciano.Il turnover dei docenti (circa 71% ogni anno) comporta di anno in anno il cambiamento delle competenze disponibili. Difficiel fare grandi progrrammazioni.La Scuola non ha la possibilità economica di incentivare i gruppi di lavoro dei docenti.Seppure la disponibilità di materiali (verbali, relazioni ecc.) è consuetudine consolidata, purtroppo una buona parte di essi viene utilizzata poco da gran parte dei docenti che spesso ne prendono visione all’ultimo momento e non possono produrre contributi significativi.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola valorizza le risorse professionali, promuove percorsi formativi di qualita' e incentiva la collaborazione tra pari.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

La scuola realizza iniziative formative di buona qualita' e che rispondono ai bisogni formativi del personale. Le modalita' adottate dalla scuola per valorizzare il personale sono chiare e la maggior parte degli incarichi sono assegnati sulla base delle competenze possedute. Nella scuola sono presenti gruppi di lavoro composti da insegnanti, che producono materiali o esiti di buona qualita'. La maggior parte degli insegnanti condivide materiali didattici di vario tipo.La scuola promuove poche iniziative formative per gli ATA . Le proposte formative sono di qualità sufficiente, anche se incontrano solo in parte i bisogni formativi dei docenti. Nella scuola sono presenti gruppi di lavoro coordinati dalle funzioni strumentali per l'espletamento degli obblighi di legge. Non si riesce a incentivare altri tipi di gruppi. Sono presenti spazi per la condivisione di materiali didattici, anche se la varietà e qualità dei materiali è da incrementare e migliorare. Lo scambio e il confronto professionale tra docenti è presente ma non diffuso e riguarda principalmente il biennio ma non il triennio per la mancanza di classi parallele (una sezione per tipologia di istituto tecnico).

3.7 Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie

Punti di Forza:

La Scuola è stata individuata capofila della rete di scopo per progetto PROFORMA IV sull'alternanza e per un progetto Erasmus + , inoltre la Scuola ha accordi con soggetti privati (banche, fondazioni, aziende, studi professionali) per attività connesse con le materie di indirizzo (stage di perfezionamento, progetto Scuola e Impresa); con l’Università degli Studi di Firenze (convenzione per il tirocinio dei docenti dei corsi TFA); con il comitato gemellaggio per scambi culturali con la Francia con associazioni o cooperative (culturali, di volontariato, di genitori) per progetti didattici gratuiti con interventi in classe di esperti; con le autonomie locali (Comune, Provincia, Regione) per convenzione acquisto materiale ufficio e pulizia dei locali; con l’Asl n° 5 per interventi gratuiti su disabilità/salute; con la Polizia di Stato per un progetto didattico sul mobbing (fisico e web). Ha anche partecipato in rete al progetto Fixo S&U.La comunicazione tra Scuola e Famiglia comprende 4 momenti istituzionali con le valutazioni (2 pagelle e 2 pagellini interperiodali), incontri settimanali con i docenti (in orario mattutino) e due ricevimenti pomeridiani all'anno. Per la comunicazione delle valutazioni, le presenze, i compiti a casa, utilizziamo il registro elettronico. Ad ogni inizio di anno scolastico il dirigente si incontra coi genitori delle classi prime e terze per le comunicazioni più importanti. La Scuola firma il patto di corresponsabilità coi genitori. Ogni coordinatore di classe è in comunicazione continua con le famiglie per la gestione dei casi che lo richiedano. La costruzione di rapporti stabili con gli operatori economici del ns. territorio, al fine di individuare sbocchi occupazionali ai ns. studenti, richiede una azione paziente, attenta e puntuale per costruire quelle relazioni, anche personali, che possono essere stabilite solo con il tempo. Questo è il tema centrale delle nostre attività .

Punti di Debolezza

Le iniziative intraprese con il “Progetto Scuola e Impresa” sono consolidate e numerose e abbiamo potuto vederne gli effetti positivi . Carente ancora il sistema di monitoraggio degli esiti.,ma soprattuto la corrispondente valutazione disciplinare che può essere correlata a tali esperienze non è stata messa a punto . La scuola haorganizzato varie conferenze per i genitori, e in generale per il territorio ,ma apartecipazione dei genitori è praticamente quasi nulla. I genitori in generale sono poco presenti alle riunioni in cui vengono invitati per la progettazione scolastica, partecipano anche poco ai sondaggi di fine anno , per dare un contributo al piano di miglioramento .

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola svolge un ruolo propositivo nella promozione di politiche formative territoriali e coinvolge le famiglie nella definizione dell'offerta formativa e nella vita scolastica.

Situazione della scuola

4-

Motivazione

La scuola partecipa a reti e ha collaborazioni con soggetti esterni. Le collaborazioni attivate sono integrate in modo adeguato con l'offerta formativa. La scuola è coinvolta in momenti di confronto con i soggetti presenti nel territorio per la promozione delle politiche formative. Si realizzano iniziative rivolte ai genitori e momenti di confronto con i genitori sull'offerta formativa. i realizzano iniziative rivolte ai genitori, anche se le modalita' di coinvolgimento non sempre sono adeguate.

  Dettaglio
Le priorita' si riferiscono agli obiettivi generali che la scuola si prefigge di...

... realizzare nel lungo periodo attraverso l'azione di miglioramento. Le priorita' che la scuola si pone devono necessariamente riguardare gli esiti degli studenti. Si suggerisce di specificare quale delle quattro aree degli Esiti si intenda affrontare (Risultati scolastici, Risultati nelle prove standardizzate nazionali, Competenze chiave europee, Risultati a distanza) e di articolare all'interno quali priorita' si intenda perseguire (es. Diminuzione dell'abbandono scolastico nel primo anno di secondaria di II grado; Riduzione della variabilita' fra le classi; Sviluppo delle competenze sociali degli studenti di secondaria di I grado, ecc.). Si suggerisce di individuare un numero limitato di priorita' (1 o 2 per scuola) selezionandole all’interno di una stessa area o al massimo di due aree degli Esiti degli studenti. I traguardi sono di lungo periodo e riguardano i risultati attesi in relazione alle priorita'. Si tratta di risultati previsti a lungo termine (3 anni). Essi articolano in forma osservabile e/o misurabile i contenuti delle priorita' e rappresentano le mete verso cui la scuola tende nella sua azione di miglioramento. Per ogni priorita' individuata deve essere articolato il relativo traguardo di lungo periodo. Essi pertanto sono riferiti alle aree degli Esiti degli studenti (es. in relazione alla priorita' strategica "Diminuzione dell'abbandono scolastico nel primo anno di secondaria di II grado", il traguardo di lungo periodo puo' essere definito come "Rientrare nella media di abbandoni regionali pari al 4%, e precisamente portare gli abbandoni della scuola al di sotto del 4%"). E' opportuno evidenziare che per la definizione del traguardo che si intende raggiungere non e' sempre necessario indicare una percentuale, ma una tendenza costituita da traguardi di riferimento a cui la scuola mira per migliorare, ovvero alle scuole o alle situazioni con cui e' opportuno confrontarsi

Priorità e Traguardi

Risultati scolastici

PRIORITA'

Nel primo biennio del corso professionale i risultati scolastici sono principalmente di livello appena sufficente . La priorità è trovare metodologie didattiche e anche utilizzare un orario flessibile per essere più efficaci nell'azione didattica e ootenere migliori risultati nell'apprendimento

TRAGUARDO

Alla fine del prossimo biennio 19/20 - 20/21 , in classe seconda gli studenti promossi abbiano la media fra il 6-7 di 5 punti percentuali inferiore ad oggi e che invece siano aumentati del 5% gli studenti con la media superiore o uguale al 7 .

Obiettivi di processo collegati

- Potenziare la presenza a scuola degli studenti alle attività di recupero almeno del 10 % nel prossimo biennio


Risultati nelle prove standardizzate nazionali

PRIORITA'

Migliorare i risultati prove nazionali di matematica e italiano per le classi seconde in quanto decisamente inferiori a tutte le percentuali provinciali regionali e nazionali soprattuto in matematica e anche in italiano per i corsi tecnici .

TRAGUARDO

Nel prossimo biennio riportarsi almeno sulle percentuali provinciali .

Obiettivi di processo collegati

- abbiamo stabilito il curriculum generale dei vari corsi . Adesso dobbiamo personalizzare il percorso degli studenti attraverso un modello condiviso per stabilire un progetto formativo individuale già presente nei corsi professionali ,ma estendibile ai corsi tecnici


MOTIVAZIONE SCELTA PRIORITA'

Gli indicatori in fase di elaborazione del RAV piu deboli sono quelli relativi alle prove invalsi del biennio . E' opportuno quindi impegnarsi in un miglioramento di tali esiti perchè negli anni precedenti la scuola era fra le migliori in Italia.

Gli obiettivi di processo rappresentano una definizione operativa delle attività...
... su cui si intende agire concretamente per raggiungere le priorita' individuate. Essi costituiscono degli obiettivi operativi da raggiungere nel breve periodo (un anno scolastico) e riguardano una o piu' aree di processo. Si suggerisce di indicare l'area o le aree di processo su cui si intende intervenire e descrivere gli obiettivi che la scuola si prefigge di raggiungere a conclusione del prossimo anno scolastico (es. Promuovere una figura di docente tutor per supportare gli studenti in difficolta' del primo anno dell'indirizzo linguistico nella scuola secondaria di II grado; Individuare criteri di formazione delle classi che garantiscano equi-eterogeneita'; Utilizzare criteri di valutazione omogenei e condivisi per la matematica nella scuola primaria; Ridurre gli episodi di esclusione e i fenomeni di bullismo nella scuola secondaria di I grado; ecc.).

Obiettivi di processo

Curricolo, progettazione e valutazione

abbiamo stabilito il curriculum generale dei vari corsi . Adesso dobbiamo personalizzare il percorso degli studenti attraverso un modello condiviso per stabilire un progetto formativo individuale già presente nei corsi professionali ,ma estendibile ai corsi tecnici

Inclusione e differenziazione

Potenziare la presenza a scuola degli studenti alle attività di recupero almeno del 10 % nel prossimo biennio

Contributo degli obiettivi di processo nel raggiungimento delle priorità