Indicatori Dettaglio
1.1 Popolazione scolastica

Opportunità

La scuola accoglie ed integra l'insieme dei soggetti in un contesto educativo attento alle esigenze individuali. La popolazione scolastica è omogenea, provenendo da un bacino territoriale con caratteristiche simili dal punto di vista delle identità culturali e sociali. Gli studenti, grazie ad una didattica mirata, riescono a raggiungere risultati significativi per il prosieguo del loro percorso universitario. Gli studenti vengono formati dal punto di vista umano e spirituale in coerenza con i principi e gli obiettivi della stessa scuola.

Vincoli

Il contesto socio-economico di provenienza degli alunni è medio-basso. Lo svantaggio risulta limitato a pochi alunni. Non sono inseriti nella scuola alunni con cittadinanza straniera.

1.2 Territorio e capitale sociale

Opportunità

Il territorio circostante si caratterizza per una forte e diffusa componente economica basata sull'agricoltura e qualche piccola impresa. Nel territorio di riferimento sono presenti alcune realtà che svolgono un servizio sociale di rilevante importanza. Il territorio è altresì ricco di siti archeologici legati alla cultura greca e latina che arricchiscono le conoscenze dei discenti. Poiché la scuola appartiene alla Diocesi, gli studenti possono usufruire della ricca e fornita Biblioteca Diocesana nonché dei preziosi reperti del Museo della stessa Diocesi. I rapporti di collaborazione col Comune sono positivi in quanto permettono agli studenti di poter usufruire, per motivi didattici, dei mezzi di trasporto comunali.

Vincoli

Marginalità del territorio dal punto di vista logistico e delle infrastrutture. Problemi di viabilità legati al territorio. Difficoltà a raggiungere la sede scolastica.

1.3 Risorse economiche e materiali

Opportunità

La scuola è dotata delle strutture sufficienti per il normale svolgimento delle attività didattiche e anche di uno spazio esterno utilizzato per le attività motorie all'aperto e di pallavolo. La struttura è dotata di locali adeguati alla formazione scolastica; non vi è alcun tipo di pericolo. La sede è raggiungibile con i normali mezzi di trasporto. La strumentazione in possesso della scuola è stata arricchita di materiale didattico scientifico e linguistico (laboratorio di informatica, laboratorio di fisica e chimica, uso della LIM e di personal computer). L'impegno finanziario della Diocesi nei confronti della scuola è fondamentale ed essenziale perché è l'unico Ente che la sostiene.

Vincoli

L'impegno finanziario degli enti pubblici e privati territoriali nei confronti delle attività scolastiche è praticamente nullo. Le risorse economiche sono limitate, trattandosi di scuola paritaria che non gode di finanziamenti statali. La palestra è esterna alla scuola, di proprietà di altro Ente, quindi con difficoltà di utilizzo.

1.4 Risorse professionali

Opportunità

Le caratteristiche anagrafiche dei docenti riflettono un'età media di anni 40. Sono tutti dotati di diploma di laurea del vecchio e nuovo ordinamento e in gran parte in possesso di abilitazione all'insegnamento per la propria classe di concorso. La stabilità del corpo docente è una caratteristica della scuola perché la continuità didattica è garantita dalla graduatoria interna dell'Istituto, dalla quale si attinge. Il corpo docente, oltre alle proprie competenze disciplinari, deve possedere qualità morali e spirituali conformi agli obiettivi formativi della scuola. Quasi tutti i docenti sono in possesso di competenze informatiche.

Vincoli

La tipologia di contratto, a tempo determinato.

    Autovalutazione Indicatori Dettaglio
2.1 Risultati scolastici

Punti di forza

La nostra scuola non registra abbandoni scolastici. Nelle classi intermedie non ci sono stati studenti con giudizio sospeso oppure non ammessi alla classe successiva, in quanto il numero contenuto degli alunni permette ai docenti di effettuare un insegnamento ad personam, atto a superare le criticità di ciascun allievo. Tale punto di forza si riflette negli esiti degli Esami di Stato dove la distribuzione dei punteggi si colloca nella fascia medio-alta con un certo numero di eccellenze. I criteri di valutazione adottati risultano calibrati per il tipo di scuola.

Punti di debolezza

Non ci sono punti di debolezza

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola portano avanti regolarmente il loro percorso di studi, lo concludono e conseguono risultati soddisfacenti agli esami finali.

Rubrica di valutazione

6-

Motivazione

In base ai risultati conseguiti dagli studenti, all'utilizzo delle infrastrutture, alla metodica frequentazione dei laboratori, al lavoro quotidiano dei docenti che hanno lo scopo di sviluppare i talenti che possono trovarsi di fronte, è possibile affermare il giudizio espresso.

2.2 Risultati nelle prove standardizzate nazionali

Punti di forza

I risultati raggiunti dalla scuola nelle prove standardizzate nazionali sono superiori al punteggio medio regionale e del Sud Italia e, nel confronto, l'effetto della scuola sui risultati è leggermente positivo, sopra la media regionale. Le prova si svolgono in serietà e il comportamento degli studenti è sempre affidabile. I docenti lavorano per cercare di abbassare il più possibile la disparità di risultati tra i discenti della classe.

Punti di debolezza

Essendoci un'unica sezione mancano elementi di confronto.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola raggiungono livelli di apprendimento soddisfacenti in italiano e matematica in relazione ai livelli di partenza e alle caratteristiche del contesto.

Rubrica di valutazione

5- Positiva

Motivazione

La scuola ha ottenuto nelle prove INVALSI risultati superiori al livello medio regionale e l'effetto attribuibile alla scuola sugli apprendimenti è anch'esso superiore all'effetto medio regionale. In base ai risultati conseguiti dagli studenti, all' insegnamento dei singoli docenti, i quali puntano ad abbassare sempre di più le disparità dei risultati fra gli allievi, nonché a sviluppare i talenti che possono trovarsi di fronte, è possibile affermare il giudizio espresso.

2.3 Competenze chiave europee

Punti di forza

Le competenze chiave portate avanti dalla scuola e curate con particolare impegno sono quelle sociali e civiche nelle quali gli studenti, durante il loro percorso scolastico, raggiungono un buon livello di preparazione. Per la valutazione delle stesse vengono adoperati osservazioni del comportamento, indicatori e questionari. Il lavoro didattico punta anche all'acquisizione di idonee competenze digitali; gli alunni, al termine, sostengono gli esami per la certificazione ECDL. Gli studenti nella nostra scuola acquisiscono un adeguato metodo di studio che consente loro di proseguire nello studio universitario in piena autonomia. La maggior parte degli studenti possiede al termine della scuola l'abilità di progettare e cooperare insieme e di agire con senso di responsabilità. La scuola, per l'assegnazione del voto di comportamento, utilizza una griglia di valutazione che tiene conto del rispetto delle regole, del senso di legalità, della capacità di ciascun allievo di relazionarsi nel gruppo, collaborando alle attività della classe. Il numero contenuto degli alunni è punto di forza, in quanto permette ai docenti di intervenire e sanare eventuali situazioni di criticità.

Punti di debolezza

La capacità di pianificare e gestire progetti per raggiungere obiettivi, con un lavoro di squadra, deve essere acquisita dalla totalità degli alunni ed incrementata con attività ed esperienze scolastiche ed extrascolastiche.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola acquisiscono livelli soddisfacenti nelle competenze sociali e civiche, nell'imparare a imparare, nelle competenze digitali e nello spirito di iniziativa e imprenditorialità.

Rubrica di valutazione

6-

Motivazione

Il giudizio assegnato si fonda sul fatto che il clima scolastico è sempre sereno e i rapporti tra gli allievi sono di collaborazione, improntati ad un rigoroso senso civico e morale.

2.4 Risultati a distanza

Punti di forza

I risultati raggiunti dai nostri alunni nelle prove INVALSI al termine del secondo anno della scuola secondaria sono positivi; analogamente positivi i risultati dei nostri studenti all'Università.

Punti di debolezza

A causa delle croniche difficoltà economico-sociali del Sud, purtroppo sono scarse le attività occupazionali e lavorative presenti nel territorio.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti in uscita dalla scuola hanno successo nei successivi percorsi di studio e di lavoro.

Rubrica di valutazione

6-

Motivazione

La quasi totalità degli allievi dopo il conseguimento del diploma prosegue con successo gli studi universitari.

    Autovalutazione Indicatori Dettaglio
3.1 Curricolo, progettazione e valutazione

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola propone un curricolo aderente alle esigenze del contesto, progetta attivita' didattiche coerenti con il curricolo, valuta gli studenti utilizzando criteri e strumenti condivisi.

Situazione della scuola

6-

Motivazione

La scuola ha elaborato una propria progettazione a partire dai documenti ministeriali di riferimento. Sono stati definiti i profili di competenze per le varie discipline e anni di corso. Sono previste delle attività di ampliamento dell'offerta formativa. Nella scuola sono presenti referenti per la progettazione didattica. La scuola utilizza forme di certificazione per le competenze. I docenti utilizzano regolarmente strumenti comuni per la valutazione e hanno momenti di incontro per condividere i risultati della valutazione, progettando interventi specifici in seguito alla stessa.

3.2 Ambiente di apprendimento

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola cura gli aspetti organizzativi, metodologici e relazionali dell'ambiente di apprendimento.

Situazione della scuola

6-

Motivazione

Il giudizio assegnato nasce dall'assenza di episodi problematici tra gli alunni dato che prevale un alto senso civico. La didattica è organizzata per l' ottimizzazione dell'apprendimento, grazie agli innovativi spazi laboratoriali.

3.3 Inclusione e differenziazione

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola cura l'inclusione degli studenti con bisogni educativi speciali, valorizza le differenze culturali, adegua l'insegnamento ai bisogni formativi di ciascuno studente attraverso percorsi di recupero e potenziamento.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

La scuola promuove il rispetto di tutte le differenze sociali e personali nella logica della piena inclusione e valorizzazione delle potenzialità di ciascun soggetto educando. Organizza ed effettua, alla bisogna, percorsi didattici differenziati per rispondere ai bisogni educativi del singolo studente, riuscendo a raggiungere risultati positivi.

3.4 Continuita' e orientamento

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola garantisce la continuita' dei percorsi scolastici e cura l'orientamento personale, scolastico e professionale degli studenti.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

La scuola garantisce la continuita' dei percorsi scolastici e cura l'orientamento personale, scolastico e professionale degli studenti secondo le loro inclinazioni.

3.5 Orientamento strategico e organizzazione della scuola

Punti di Forza:

La missione e la visione di sviluppo dell'istituto sono definite chiaramente, condivise all'interno della comunità scolastica e rese note anche all'esterno, presso le famiglie e il territorio, attraverso incontri ed attività formative varie, aperte di volta in volta anche alla comunità civile. La scuola utilizza, per il monitoraggio e il controllo delle varie attività, strumenti quali griglie e questionari. Per assicurare un'adeguata organizzazione ai vari settori ed aspetti, la scuola ha individuato ruoli e compiti, selezionando le figure adatte a ricoprirli. Comunque, più che una netta divisione dei compiti (o delle aree di attività), tra i docenti con incarichi di responsabilità prevale la logica della condivisione dei compiti. La nostra scuola non dispone di Fondo di Istituto trattandosi di scuola paritaria; per la stessa ragione non ha potuto sin qui partecipare ai bandi europei. I progetti extrascolastici ed extracurricolari vengono realizzati con risorse professionali volontarie. Il personale ATA è costituito da due unità che si adoperano con grande impegno per far fronte alle numerose esigenze della scuola.

Punti di Debolezza

Mancanza di fondi adeguati per svolgere tutte le attività extrascolastiche ed extracurricolari programmate.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola definisce la propria missione e la visione, monitora in modo sistematico le attività che svolge, individua ruoli di responsabilita' e compiti per il personale in modo funzionale e utilizza in modo adeguato le risorse economiche.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

La scuola porta avanti la propria missione per raggiungere gli obiettivi programmati nel migliore dei modi, con grande impegno e forte senso di responsabilità anche se la scarsità delle risorse economiche non sempre rende possibile la piena e completa realizzazione di tutte le attività formative extra-scolastiche ed extra-curricolari.

3.6 Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane

Punti di Forza:

La formazione sin qui realizzata è adeguata perché affronta gli aspetti e i temi fondamentali per l'insegnamento. Da ultimo, nell'ambito di una rete tra scuole, si sta trattando il tema dell'educazione tecnologica e dei rischi connessi all'utilizzo dei social. Da registrare positivamente che ogni docente avverte il bisogno e la responsabilità di curare la propria preparazione e arricchire le proprie competenze in modo autonomo. Nella scuola si registra una positiva e costante collaborazione tra i docenti; mensilmente vengono svolti gli incontri dei docenti per Dipartimenti, che producono materiali o esiti utili alla scuola. Questa mette a disposizione dei docenti gli spazi laboratoriali per la condivisione di strumenti e materiali didattici.

Punti di Debolezza

Vista la scarsità di risorse economiche, la scuola non può promuovere proprie iniziative di formazione per i docenti e il personale ATA. Da incrementare e valorizzare la condivisione di strumenti e materiali didattici.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola valorizza le risorse professionali, promuove percorsi formativi di qualita' e incentiva la collaborazione tra pari.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

Pur in mancanza di fondi adeguati, la scuola aderisce alle opportunità che la rete tra scuole offre, assicurando così il bisogno di formazione e di aggiornamento del personale, in particolare docente. La scuola è aperta al confronto e alla collaborazione tra i docenti e valorizza il personale tenendo conto, per l'assegnazione di alcuni incarichi, delle competenze possedute. Nella scuola operano i Dipartimenti disciplinari composti dagli insegnanti delle materie affini, che producono materiali o esiti validi. Sono presenti spazi per il confronto professionale tra colleghi e i materiali didattici a disposizione sono vari e di buona qualità.

3.7 Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie

Punti di Forza:

Gli accordi di rete della nostra scuola sono finalizzati alla formazione dei docenti e ad alcuni servizi per gli alunni, questi ultimi in capo all'Ente Locale. Il rapporto con le famiglie è elemento fondamentale del processo educativo e può essere determinante per il successo scolastico e formativo degli allievi. L’Istituto promuove la collaborazione attiva delle famiglie mediante colloqui individuali con i docenti, colloqui con il Dirigente, incontri su richiesta dei genitori o dei docenti, Patto Educativo di Corresponsabilità, monitoraggio. A tale scopo, come strumento di mediazione, è molto importante la presenza della componente genitori nel Consiglio di Classe e di Istituto. I genitori vengono costantemente invitati a partecipare ai vari momenti della progettazione e della realizzazione di attività e progetti. Da registrare in modo positivo la presenza massiccia dei genitori agli incontri scuola-famiglia finalizzati alla valutazione degli alunni.

Punti di Debolezza

Limitata risulta invece la partecipazione dei genitori alle iniziative organizzate dalla scuola e durante lo svolgimento delle varie tornate elettorali.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola svolge un ruolo propositivo nella promozione di politiche formative territoriali e coinvolge le famiglie nella definizione dell'offerta formativa e nella vita scolastica.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

La scuola è aperta al confronto sia con le diverse istituzioni scolastiche che con quelle territoriali al fine di migliorare la propria offerta formativa. Importante, poi, la collaborazione con le famiglie che sono parte integrante e attiva della vita scolastica.

  Dettaglio
Le priorita' si riferiscono agli obiettivi generali che la scuola si prefigge di...

... realizzare nel lungo periodo attraverso l'azione di miglioramento. Le priorita' che la scuola si pone devono necessariamente riguardare gli esiti degli studenti. Si suggerisce di specificare quale delle quattro aree degli Esiti si intenda affrontare (Risultati scolastici, Risultati nelle prove standardizzate nazionali, Competenze chiave europee, Risultati a distanza) e di articolare all'interno quali priorita' si intenda perseguire (es. Diminuzione dell'abbandono scolastico nel primo anno di secondaria di II grado; Riduzione della variabilita' fra le classi; Sviluppo delle competenze sociali degli studenti di secondaria di I grado, ecc.). Si suggerisce di individuare un numero limitato di priorita' (1 o 2 per scuola) selezionandole all’interno di una stessa area o al massimo di due aree degli Esiti degli studenti. I traguardi sono di lungo periodo e riguardano i risultati attesi in relazione alle priorita'. Si tratta di risultati previsti a lungo termine (3 anni). Essi articolano in forma osservabile e/o misurabile i contenuti delle priorita' e rappresentano le mete verso cui la scuola tende nella sua azione di miglioramento. Per ogni priorita' individuata deve essere articolato il relativo traguardo di lungo periodo. Essi pertanto sono riferiti alle aree degli Esiti degli studenti (es. in relazione alla priorita' strategica "Diminuzione dell'abbandono scolastico nel primo anno di secondaria di II grado", il traguardo di lungo periodo puo' essere definito come "Rientrare nella media di abbandoni regionali pari al 4%, e precisamente portare gli abbandoni della scuola al di sotto del 4%"). E' opportuno evidenziare che per la definizione del traguardo che si intende raggiungere non e' sempre necessario indicare una percentuale, ma una tendenza costituita da traguardi di riferimento a cui la scuola mira per migliorare, ovvero alle scuole o alle situazioni con cui e' opportuno confrontarsi

Priorità e Traguardi

Risultati scolastici

PRIORITA'

Potenziare l'acquisizione delle competenze linguistiche (italiano ed inglese). Incrementare le competenze nel settore logico-matematico ed informatico. Migliorare lo svolgimento delle attività motorie e sportive.

TRAGUARDO

Migliorare i risultati degli alunni collocati in fascia bassa e media.

Obiettivi di processo collegati

- Elaborare una progettazione che miri ad implementare le capacità linguistiche di base, le competenze logico-matematiche e digitali.

- Sostegno alle problematiche sociali e alle differenziazioni culturali.

- Individuare con maggiore attenzione i bisogni iniziali degli alunni.

- Messa in atto, documentazione e condivisione tra i docenti di percorsi e di buone pratiche sulle strategie didattiche e di valutazione.

- Realizzazione di un corso di formazione su curricolo e valutazione.

- Incrementare la partecipazione dei genitori alla vita della scuola.


Risultati nelle prove standardizzate nazionali

PRIORITA'

Incrementare le competenze linguistiche (inglese ed italiano) e logico-matematiche.

TRAGUARDO

Migliorare i risultati nelle prove INVALSI per gli alunni che si sono collocati della fascia bassa e media.

Obiettivi di processo collegati

- Elaborare una progettazione che miri ad implementare le capacità linguistiche di base, le competenze logico-matematiche e digitali.

- Innovare le pratiche didattiche verso modelli di apprendimento attivi, laboratoriali, cooperativi che prevedano anche l’utilizzo della DDI e/o della DAD.

- Individuare con maggiore attenzione i bisogni iniziali degli alunni.


Competenze chiave europee

PRIORITA'

Migliorare le competenze sociali e civiche, le competenze digitali, lo spirito di iniziativa e di imprenditorialità, il metodo di studio autonomo e personale.

TRAGUARDO

Allineare verso l'alto i risultati di maturità e crescita degli alunni.

Obiettivi di processo collegati

- Elaborare una progettazione che miri ad implementare le capacità linguistiche di base, le competenze logico-matematiche e digitali.

- Innovare le pratiche didattiche verso modelli di apprendimento attivi, laboratoriali, cooperativi che prevedano anche l’utilizzo della DDI e/o della DAD.

- Sostegno alle problematiche sociali e alle differenziazioni culturali.

- Individuare con maggiore attenzione i bisogni iniziali degli alunni.

- Messa in atto, documentazione e condivisione tra i docenti di percorsi e di buone pratiche sulle strategie didattiche e di valutazione.

- Realizzazione di un corso di formazione su curricolo e valutazione.

- Incrementare la partecipazione dei genitori alla vita della scuola.

- Realizzazione di esperienze significative per preparare gli studenti a conoscere da vicino il mondo lavorativo.


Risultati a distanza

PRIORITA'

Arricchire l'offerta formativa e i risultati complessivi della nostra scuola verso livelli più alti.

TRAGUARDO

Implementazione del numero degli iscritti al nostro istituto.

Obiettivi di processo collegati

- Elaborare una progettazione che miri ad implementare le capacità linguistiche di base, le competenze logico-matematiche e digitali.

- Sostegno alle problematiche sociali e alle differenziazioni culturali.

- Individuare con maggiore attenzione i bisogni iniziali degli alunni.

- Messa in atto, documentazione e condivisione tra i docenti di percorsi e di buone pratiche sulle strategie didattiche e di valutazione.

- Incrementare la partecipazione dei genitori alla vita della scuola.

- Realizzazione di esperienze significative per preparare gli studenti a conoscere da vicino il mondo lavorativo.


MOTIVAZIONE SCELTA PRIORITA'

Il raggiungimento delle priorità suindicate è realizzabile attraverso: - il lavoro sinergico con le famiglie; - la programmazione di attività per arricchire e ampliare il Piano dell'Offerta Formativa; - la collaborazione con gli Enti Locali che, mettendo a disposizione i loro servizi, consentono un' articolata attività extrascolastica; - l'azione sinergica dei docenti i quali, autonomamente e collegialmente, si impegnano a stilare un curricolo atto a far emergere e potenziare le capacità di ciascun allievo. La strutturazione di un buon curricolo scolastico, di idonei ambienti di apprendimento, la formazione dei docenti, l'attenzione ai bisogni della persona, l'acquisizione di competenze culturali elevate, la partecipazione dei genitori al percorso di formazione e crescita dei figli, assicurano e garantiscono risultati positivi nello studio delle discipline e nelle prove standardizzate nazionali, costituiscono la misura del successo scolastico e personale, presente futuro dei nostri alunni.

Gli obiettivi di processo rappresentano una definizione operativa delle attività...
... su cui si intende agire concretamente per raggiungere le priorita' individuate. Essi costituiscono degli obiettivi operativi da raggiungere nel breve periodo (un anno scolastico) e riguardano una o piu' aree di processo. Si suggerisce di indicare l'area o le aree di processo su cui si intende intervenire e descrivere gli obiettivi che la scuola si prefigge di raggiungere a conclusione del prossimo anno scolastico (es. Promuovere una figura di docente tutor per supportare gli studenti in difficolta' del primo anno dell'indirizzo linguistico nella scuola secondaria di II grado; Individuare criteri di formazione delle classi che garantiscano equi-eterogeneita'; Utilizzare criteri di valutazione omogenei e condivisi per la matematica nella scuola primaria; Ridurre gli episodi di esclusione e i fenomeni di bullismo nella scuola secondaria di I grado; ecc.).

Obiettivi di processo

Curricolo, progettazione e valutazione

Elaborare una progettazione che miri ad implementare le capacità linguistiche di base, le competenze logico-matematiche e digitali.

Ambiente di apprendimento

Innovare le pratiche didattiche verso modelli di apprendimento attivi, laboratoriali, cooperativi che prevedano anche l’utilizzo della DDI e/o della DAD.

Inclusione e differenziazione

Sostegno alle problematiche sociali e alle differenziazioni culturali.

Continuita' e orientamento

Individuare con maggiore attenzione i bisogni iniziali degli alunni.

Realizzazione di esperienze significative per preparare gli studenti a conoscere da vicino il mondo lavorativo.

Orientamento strategico e organizzazione della scuola

Messa in atto, documentazione e condivisione tra i docenti di percorsi e di buone pratiche sulle strategie didattiche e di valutazione.

Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane

Realizzazione di un corso di formazione su curricolo e valutazione.

Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie

Incrementare la partecipazione dei genitori alla vita della scuola.

Contributo degli obiettivi di processo nel raggiungimento delle priorità