Indicatori Dettaglio
1.1 Popolazione scolastica

Opportunità

- La popolazione scolastica proviene da diversi Paesi, questo permette la realizzazione e la partecipazione a progetti di scambi interculturali (è stato realizzato un Protocollo di scambio interculturale con l'Albania; la nostra scuola ha attivato corsi di "Lingua e cultura rumena" con un'insegnante madrelingua assegnata dal Ministero della Romania a seguito di accordi bilaterali Italia-Romania) - L'eterogeneità della popolazione permette di favorire il confronto tra culture diverse e il processo di integrazione interculturale. - La scuola rappresenta in questo territorio il principale spazio di formazione e approfondimento culturale e il principale veicolo di diffusione dei concetti di cittadinanza, legalità e rispetto delle diversità e dell'ambiente per questa fascia d'età.

Vincoli

-La disoccupazione sta trasformando famiglie con un tenore di vita medio in famiglie economicamente svantaggiate, tale trend è in crescita (soprattutto per coloro che sono impegnati nelle piccole attività imprenditoriali, artigianali e impiegatizio del terzo settore) - Soprattutto gli alunni che non hanno cittadinanza italiana provengono da famiglie economicamente svantaggiate (famiglie che hanno lavori saltuari, non in regola, con retribuzioni basse) -La mancanza di punti di aggregazione e strutture diverse dalla scuola rendono poco integrato il tessuto sociale del territorio e offre pochi spazi di approfondimento culturale -La notevole mobilità sia in entrata che in uscita soprattutto degli alunni stranieri rende non stabile la popolazione scolastica e la composizione di talune classi -Vi è la presenza di una comunità sinti residente difficilmente integrabile nella scuola -Il rapporto alunni- insegnanti non è adeguato per le esigenze formative, poichè i gruppi classe risultano molto numerosi, problematici ed eterogenei.

1.2 Territorio e capitale sociale

Opportunità

- La presenza di attività artigianali, turistiche e agricole permette l'interazione con la scuola attraverso progetti. In particolare nel territorio sono presenti molte fattorie didattiche che propongono percorsi di sostenibilità alimentare e di produzione a Km zero. - Il Comune di Fiumicino ha proposto vari progetti sia per l'integrazione (progetto sul bullismo, progetto sulla violenza sulle donne, progetto sulla Shoah, progetto sulle dipendenze) sia per la conoscenza approfondita del patrimonio storicoarcheologico del territorio (progetto art. 9, visite guidate tematiche ai siti del territorio gratuite). - L'Ente locale promuove e finanzia da anni il progetto "Ecoschools" che incoraggia l'acquisizione di comportamenti di rispetto e sostenibilità ambientale, ma anche la conoscenza e la tutela della riserva del litorale romano e delle zone della bonifica dell'area di Maccarese (entrambi patrimonio dell'ambiente presente nel nostro territorio comunale). - E' stato possibile utilizzare fondi della Regione, attraverso la partecipazione ad un bando, per l'istituzione di una Biblioteca scolastica che è aperta al territorio. - La presenza di Istituzioni scolastiche che condividono la realtà sociale e territoriale della nostra scuola, ha permesso per diversi progetti di lavorare in rete (Progetto Forti Flussi migratori, Protocollo di scambio culturale con l'Albania, Progetto e formazione sulle Misure di accompagno alle Nuove Indicazioni).

Vincoli

- I finanziamenti erogati dall'Ente locale di riferimento(Comune)per la progettazione e l'interazione con il territorio risultano insufficienti (es. fornitura di bus gratuiti per visite sul territorio, apertura gratuita di siti e luoghi del territorio, ecc). - Solo il progetto Ecoschools ha coinvolto tutti e tre gli ordini di scuola , per la scuola primaria e dell'infanzia solo alcune classi son state coinvolte in progetti del Comune. - L'Istituzione scolastica non è coinvolta sulle modalità di utilizzo di taluni fondi erogati dall'Ente locale (per es. fondi diritto allo studio) e sulla definizione della progettazione, ma è soggetto passivo rispetto a tali finanziamenti (utilizzati per progetti definiti dal Comune).

1.3 Risorse economiche e materiali

Opportunità

- La nostra scuola, sviluppandosi lungo l'Aurelia, è ben collegata con i mezzi pubblici (bus e treno) nel rapporto di 4 plessi (plesso di Direzione compreso) su 5. - Nella scuola il 98% delle classi sono attrezzate con kit lim completi, presso il plesso di Direzione vi sono 2 laboratori informatici con collegamento ad internet, tutti i plessi posseggono altre attrezzature tecnologiche aggiuntive quali proiettori e schermi. - Si sta fornendo i docenti che si occupano di più classi della scuola secondaria di primo grado di tablet per gestire il registro elettronico - Si sta ampliando la rete internet in tutti i plessi dell'Istituzione - Gli spazi scolastici relativi alla secondaria di primo grado sono adeguati e arricchiti di palestra, laboratori, ampi spazi comuni - La risorsa economica di maggior rilievo di cui fruisce l'Istituzione scolastica è il contributo volontario da parte delle famiglie, come risulta dal Bilancio consuntivo

Vincoli

- I finanziamenti erogati dall'Ente locale di riferimento(Comune) risultano fortemente insufficienti; quelli della Provincia assenti; quelli della Regione presenti solo in forza del Bando per l'istituzione della Biblioteca - Il fondo attribuito dall'Ente locale per la piccola manutenzione è esiguo rispetto alle necessità - Gli spazi scolastici, in particolare per la Primaria e l'Infanzia, risultano insufficienti rispetto alla popolazione scolastica, privi di luoghi alternativi alla classe (assenza di aule laboratorio); il plesso di Palidoro Primaria e Infanzia non ha una palestra - Gli edifici, seppure di recente costruzione o ristrutturazione, necessitano di manutenzione che non sempre è fatta in modo continuo (sistemazione di infissi, necessità di interventi idraulici, interventi a seguito di infiltrazioni, ecc...) - Gli interventi di manutenzione effettuati dall'Ente locale non sempre sono risolutivi dei problemi, si rileva inoltre la mancanza di controllo successivo agli interventi

1.4 Risorse professionali

Opportunità

- La presenza di docenti con competenze specialistiche particolari in taluni settori (es. campo artistico, musicale e psicologico) permette l'attivazione di progetti e laboratori specifici di potenziamento delle educazioni - L'elevato numero di docenti presenti nella scuola a tempo indeterminato permette di rendere più stabile l'organico e programmare a lungo termine. - Nella nostra Istituzione abbiamo docenti specificatamente preparati (con Master universitari e corsi MIUR o di altre Istituzioni scolastiche) su DSA,BES e normativa relativa che ci permettono di realizzare un progetto integrato di prevenzione e supporto degli alunni DSA e BES per tutto il percorso scolastico: Infanzia (segnalazione precoce delle difficoltà di letto-scrittura con le prove PRCR2), Primaria (difficoltà di letto-scrittura/invio a diagnosi con le prove SPILLO), Medie (difficoltà di letto-scrittura/invio a diagnosi con le prove MT).

Vincoli

-Il turn-over di docenti, anche a tempo indeterminato, rendono l'organico dell'Istituzione poco stabile e con scarsa continuità, in particolare ogni anno la scuola ha difficoltà a coprire la lingua inglese nella scuola Primaria.

    Autovalutazione Indicatori Dettaglio
2.1 Risultati scolastici

Punti di forza

- Il tasso di dispersione scolastica entro la terza media è pressoché nulla, le ripetenze sono nella media di Roma, Lazio e Italia per la classe 1°media. -Il tasso di promozione in tutte le altre classi è vicino al 96% questo indica che quasi tutta la popolazione scolastica porta a termine il percorso formativo presso la nostra Istituzione. - La nostra Istituzione è fortemente impegnata con progetti di prima alfabetizzazione e di potenziamento linguistico per gli alunni stranieri attraverso l'utilizzo di fondi MIUR per i forti flussi migratori che permettono una migliore inclusione ed esiti formativi positivi per gli alunni stranieri. - L'Istituzione realizza progetti di recupero e potenziamento nella lingua italiana e in matematica al fine di cercare di garantire il raggiungimento di obiettivi formativi minimi. - l'Istituzione realizza progetti specifici per gli alunni con sostegno, DSA, BES e svantaggio personalizzando e curando il percorso formativo e sostenendolo con una didattica inclusiva e utilizzando strumenti compensativi e dispensativi.

Punti di debolezza

- Non è stata approntata una progettualità orientata al potenziamento delle eccellenze e al miglioramento delle performance. - La maggioranza degli alunni promossi all'esame di stato si attesta su una fascia di voto medio-bassa (6 e 7). - I criteri di valutazione adottati dalla scuola sono in sperimentazione, pertanto se ne deve ancora verificare l'efficacia. -Il territorio è caratterizzato da una forte mobilità di alunni in entrata e uscita.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola portano avanti regolarmente il loro percorso di studi, lo concludono e conseguono risultati soddisfacenti agli esami finali.

Rubrica di valutazione

4-

Motivazione

2.2 Risultati nelle prove standardizzate nazionali

Punti di forza

- La scuola nelle prove standardizzate di matematica INVALSI raggiunge risultati di poco superiori alla media nazionale, viceversa le prove di italiano si attestano ad una media di poco al di sotto. Pertanto in generale gli esiti delle prove sono comunque vicini alla media nazionale. - La scuola riesce ad assicurare esiti sufficientemente uniformi tra le classi.

Punti di debolezza

- Le disparità negli apprendimenti e nell'interiorizzazione del percorso formativo, sono spesso concentrate in quelle classi in cui la precarietà del personale docente comporta la mancanza di continuità nella metodologia didattica. - L'impossibilità di utilizzare le ore di compresenza, nella scuola primaria, interamente dedicate alle supplenze su altre classi, non permette azioni di recupero e rinforzo in piccoli gruppi di cui si gioverebbero gli alunni con maggiore difficoltà. -Si rileva che le prove Invalsi sono fortemente collegate ad un curricolo per competenze, mentre il nostro curricolo d'Istituto è articolato per conoscenze e abilità.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola raggiungono livelli di apprendimento soddisfacenti in italiano e matematica in relazione ai livelli di partenza e alle caratteristiche del contesto.

Rubrica di valutazione

4-

Motivazione

2.3 Competenze chiave europee

Punti di forza

- L'I.C. Torrimpietra valuta le competenze di cittadinanza degli studenti come il rispetto delle regole, lo sviluppo del senso di legalita' e di responsabilita', lo spirito di collaborazione. - L'I.C.adotta criteri di valutazione per l'assegnazione del voto di comportamento comuni e condivisi sia per la primaria che per la media. - L'Istituto valuta le competenze di chiave degli studenti, come l'autonomia e l'impegno, attraverso l'osservazione del comportamento e l'individuazione di indicatori; per la primaria, tali competenze sono valutate collegialmente in sede di scrutinio e riportate con giudizio sintetico nel documento di valutazione quadrimestrale. - Il livello delle competenze chiave e di cittadinanza raggiunto dagli studenti nel loro percorso scolastico è valutato nell'ambito della disciplina storica. Non ci sono differenze tra classi, sezioni, plessi ma solo per ordine di scuola. - Gli alunni dimostrano di aver acquisito le competenze di chiave e di cittadinanza attraverso la partecipazione a progetti e di aver acquisito ottimi risultati con la produzione di materiale.

Punti di debolezza

- La scuola ha adottato criteri di valutazione comuni per la scuola primaria e secondaria di I grado per l'assegnazione del voto di comportamento che sono in fase di sperimentazione.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola acquisiscono livelli soddisfacenti nelle competenze sociali e civiche, nell'imparare a imparare, nelle competenze digitali e nello spirito di iniziativa e imprenditorialità.

Rubrica di valutazione

5- Positiva

Motivazione

2.4 Risultati a distanza

Punti di forza

- La nostra Istituzione scolastica sostiene e promuove l'orientamento individuando una Funzione strumentale che coordini i progetti e gli incontri di orientamento - Si è attuato uno specifico progetto di Orientamento - I nostri alunni (provenienti in maggioranza dalla Primaria di riferimento dal punto di vista territoriale, che coincide attualmente con l'Istituto comprensivo) hanno in buona percentuale seguito i consigli orientativi, cosa che ha garantito un'elevata percentuale di promossi al I anno di scuola secondaria

Punti di debolezza

- Non esistono approfondite modalità di monitoraggio al termine della scuola secondaria per ciò che concerne la frequenza e i risultati presso l'Università - Anche se con dati non definitivi, si rileva (attraverso gli organi di stampa e le associazioni territoriali) che la maggior parte degli ex alunni successivamente al conseguimento del diploma, non ha un'occupazione o lavora solo in modo saltuario

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti in uscita dalla scuola hanno successo nei successivi percorsi di studio e di lavoro.

Rubrica di valutazione

4-

Motivazione

    Autovalutazione Indicatori Dettaglio
3.1 Curricolo, progettazione e valutazione

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola propone un curricolo aderente alle esigenze del contesto, progetta attivita' didattiche coerenti con il curricolo, valuta gli studenti utilizzando criteri e strumenti condivisi.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

3.2 Ambiente di apprendimento

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola cura gli aspetti organizzativi, metodologici e relazionali dell'ambiente di apprendimento.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

3.3 Inclusione e differenziazione

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola cura l'inclusione degli studenti con bisogni educativi speciali, valorizza le differenze culturali, adegua l'insegnamento ai bisogni formativi di ciascuno studente attraverso percorsi di recupero e potenziamento.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

3.4 Continuita' e orientamento

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola garantisce la continuita' dei percorsi scolastici e cura l'orientamento personale, scolastico e professionale degli studenti.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

3.5 Orientamento strategico e organizzazione della scuola

Punti di Forza:

La missione e le priorità della scuola nella propria azione sono definite nel PTOF in modo chiaro ed accurato. Esse si esplicitano e si realizzano attraverso: -l'accoglienza, l'integrazione, l'inclusione -l'imparzialità, la regolarità e la trasparenza dell'azione educativa -la garanzia alla frequenza e del diritto allo studio -la garanzia della libertà d'insegnamento e dell'aggiornamento -la continuità dell'azione formativa Tutto questo si fonde in modo sinergico al fine ultimo di garantire ai nostri alunni un percorso formativo positivo. -Il PTOF e la "mission" della scuola vengono illustrati alle famiglie al momento dell'iscrizione e durante gli Open day -Il documento integrale è pubblicizzato ed è scaricabile dal sito della scuola, è stato inoltre elaborato un documento sintetico (brochure) cartaceo da consegnare all'atto dell'iscrizione. La nostra scuola persegue l'obiettivo principale di far si che gli alunni abbiano un percorso formativo positivo attraverso le seguenti azioni e monitoraggio delle stesse: - La nostra scuola realizza specifiche iniziative riguardanti l'accoglienza nei 3 gradi scolastici per un inserimento graduale - La scuola monitora il raggiungimento degli obiettivi curriculari e formativi mediante la verifica (strutturata e non), la valutazione (mediante prove interne alla classe, all'Istituto e prove Invalsi), momenti d'incontri di programmazione di team e dei consigli di classe e di incontro con le famiglie -La scuola realizza specifici progetti di integrazione, inclusione che garantiscono il diritto allo studio per gli alunni in difficoltà (DSA, BES, sostegno,ecc). Il monitoraggio sulla loro efficacia viene effettuato tramite specifici incontri di team o di commissione. - La frequenza è costantemente monitorata tramite la presenza. Un numero di assenze elevate è oggetto di segnalazione alla famiglia e al Dirigente scolastico nei casi più gravi. - Nella nostra Istituzione c'è una chiara definizione dei compiti e delle aree d'intervento sia per ciò che concerne il personale docente che il personale ATA. -Nel nostro Istituto sono state individuate 6 aree strategiche, coordinate da FF.SS.: valutazione-orientamento, alunni H, tecnologie, Ptof, curricolo, alunni DSA-BES; in totale i docenti impegnati sulla funzione strumentale sono stati 13 - Il PTOF del nostro Istituto è coerente con gli impegni di spesa presenti nel Programma annuale, infatti le spese prioritarie sono per progetti riguardanti la didattica innovativa realizzabile attraverso le tecnologie, la didattica inclusiva e la didattica dell'integrazione sociale, culturale, linguistica e l'educazione ambientale.

Punti di Debolezza

- Nelle famiglie non è ancora ben radicata la pratica del consultare il sito per leggere e/o scaricare i documenti importanti della scuola. -In generale si rileva una lettura superficiale dei documenti della scuola e una non adeguata osservanza, in particolare dei regolamenti, da parte delle famiglie. - Si sta lavorando per creare un sistema di valutazione interno maggiormente condiviso dall'intero Collegio. - Le risorse per incentivare i docenti alla partecipazione attiva per ciò che concerne gli incarichi e le funzioni di responsabilità sono limitate e non sufficienti a stimolare i docenti a rendersi disponibili e partecipi. - La maggioranza dei fondi presenti nel programma annuale provengono da contributi volontari e pertanto hanno carattere di variabilità nella loro consistenza.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola definisce la propria missione e la visione, monitora in modo sistematico le attività che svolge, individua ruoli di responsabilita' e compiti per il personale in modo funzionale e utilizza in modo adeguato le risorse economiche.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

3.6 Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane

Punti di Forza:

La formazione del personale docente negli ultimi 3 anni è stata collegata alle principali aree d'interesse del proprio POF: - Area curriculare: formazione legata al progetto di rete sulle Misure di accompagno sulle nuove indicazioni (curricolo, competenze e ambiente di apprendimento) - Area progettuale: formazione legata al progetto di rete sui "Forti flussi migratori" (potenziamento linguistico, inclusione per gli alunni stranieri) Nella scuola si sono inoltre svolti incontri singoli (1 giornata) sulle seguenti tematiche: - Tecnologico: uso interattivo della lim, riservato in particolare agli animatori digitali; - Inclusione e integrazione relativa alla prevenzione delle disgrafie e alla sensibilizzazione sulle problematiche legate all'autismo ; Il personale ATA amministrativo è stato formato su argomenti tecnici-amministrativi riguardanti le novità tecnologiche e procedurali. - La scuola ha iniziato a raccogliere le esigenze formative del personale docente e ATA, per progettare un piano di formazione. - I docenti che hanno acquisito particolari competenze anche in campo formativo sono incentivati ad essere Funzioni strumentali o Referenti di progetto, affinché possano occuparsi di aree specifiche del PTOF. - La presenza di particolari competenze viene valorizzata attraverso l'approvazione di progetti che vengono realizzati in orario curriculare (es. progetti di musica, progetti di potenziamento, ecc.) o in orario extracurriculare (es. laboratori teatrali, recupero,ecc). La scuola incentiva la partecipazione di tutti i docenti ai gruppi di lavoro individuando delle Articolazioni del Collegio (ampi gruppi di lavoro) coordinati da figure sensibili (Funzioni strumentali e Referenti di progetto) che si occupano delle seguenti aree tematiche: -PTOF -Curricolo -Tecnologie -Valutazione e Orientamento -DSA e BES -Sostegno -Ambiente (come area progettuale) I coordinatori, in base alle esigenze, incontrano l'intero Dipartimento o parte di esso. Tutti i gruppi producono materiali di vario tipo (cartaceo, digitale, fotografico), la maggior parte è messo a disposizione di tutti attraverso la pubblicazione on line sul sito della scuola.

Punti di Debolezza

- La formazione ha riguardato progetti di rete su argomenti importanti dell'offerta formativa (curricolo e integrazione degli alunni stranieri), ma la partecipazione alle iniziative di formazione è stata bassa e questo ha fatto sì che l'alta qualità delle iniziative, hanno avuto una bassa ricaduta sugli alunni. -Difficoltosa la partecipazione ai corsi di formazione di rete poichè spesso la sede di corso è risultata distante dalla propria scuola. - Non è stato finora raccolto in modo organico il quadro delle competenze e delle esperienze formative. Pertanto non sempre si è riusciti ad utilizzare al meglio tutte le competenze e soprattutto le esperienze formative. -Non sempre ci sono momenti formalizzati per condividere materiali e ed esperienze formative. - Gli incontri non sono molti tra i gruppi di lavoro, pertanto tende a svolgere la maggior parte del lavoro la figura sensibile. - Pochissimi gli incontri tra figure sensibili. - I materiali prodotti dovrebbero trovare maggiore spazio per essere condivisi da tutti. - Non ci sono sufficienti risorse per retribuire questo lavoro aggiuntivo dei docenti

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola valorizza le risorse professionali, promuove percorsi formativi di qualita' e incentiva la collaborazione tra pari.

Situazione della scuola

3- Con qualche criticita'

Motivazione

3.7 Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie

Punti di Forza:

- La scuola privilegia le reti di scuole, questo è facilitato dal fatto che la realtà territoriale dell'area nord di Fiumicino presenta opportunità e problematiche similari (aree a prevalenza agricola, vicinanza alla zona litoranea con forte presenza di alunni con nazionalità non italiana, ecc). - La scelta di progettare in rete permette di accedere più facilmente a fondi e di creare momenti di scambio e confronto tra scuole, oltre che condivisione di materiali e buone pratiche - Il progetto d'Istituto più importante "Ecoschools" è trasversale a tutte le discipline e permette di interagire con le diverse realtà del territorio per ciò che concerne l'ambito scientifico, ambientale ed economico-produttivo. - La scuola ha scelto inoltre di partecipare a molti progetti e iniziative proposti dall'Ente locale cosa che le permette di interagire con le diverse realtà culturali, sociali e amministrative che connotano l'identità del territori - Le famiglie sono coinvolte nelle scelte riguardanti il percorso e l'offerta formativa attraverso riunioni del Consiglio d'Istituto,gli incontri d'intersezione/interclasse/consigli di classe attraverso i genitori rappresentanti; la partecipazione da parte dei genitori rappresentanti è molto alta. Quest'ultimi sono, in genere, un elemento importante per la diffusione delle informazioni presso le famiglie e contribuiscono attivamente in talune situazioni (reperimento di materiali,offerte, ingressi a luoghi particolari, ecc) - Le famiglie sono coinvolte in questi percorsi attraverso l'informazione e la realizzazione di momenti d'incontro formali ed informali (mostre, incontri a tema, saggi e spettacoli, premiazioni, etc) - la componente genitore del C.I è fortemente coinvolta nella definizione del Regolamento d'Istituto, Patto di corresponsabilità e progetti scelti dalla scuola. - La scuola propone interventi e progetti rivolti ai genitori sia di carattere formativo che informativo. - La scuola informa le famiglie sul percorso formativo attraverso.riunioni, avvisi scritti e comunicazioni on-line sulla mail personale e sul sito istituzionale della scuola (questionario sulla autovalutazione)

Punti di Debolezza

-La scuola, al momento, riesce ad entrare in reti di carattere locale e scolastico. - La partecipazione dei genitori a seminari o incontri è piuttosto bassa. - Si riscontra che una buona parte delle famiglie non utilizza le e-mail e tanto meno consulta il sito della scuola.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola svolge un ruolo propositivo nella promozione di politiche formative territoriali e coinvolge le famiglie nella definizione dell'offerta formativa e nella vita scolastica.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

  Dettaglio
Le priorita' si riferiscono agli obiettivi generali che la scuola si prefigge di...

... realizzare nel lungo periodo attraverso l'azione di miglioramento. Le priorita' che la scuola si pone devono necessariamente riguardare gli esiti degli studenti. Si suggerisce di specificare quale delle quattro aree degli Esiti si intenda affrontare (Risultati scolastici, Risultati nelle prove standardizzate nazionali, Competenze chiave europee, Risultati a distanza) e di articolare all'interno quali priorita' si intenda perseguire (es. Diminuzione dell'abbandono scolastico nel primo anno di secondaria di II grado; Riduzione della variabilita' fra le classi; Sviluppo delle competenze sociali degli studenti di secondaria di I grado, ecc.). Si suggerisce di individuare un numero limitato di priorita' (1 o 2 per scuola) selezionandole all’interno di una stessa area o al massimo di due aree degli Esiti degli studenti. I traguardi sono di lungo periodo e riguardano i risultati attesi in relazione alle priorita'. Si tratta di risultati previsti a lungo termine (3 anni). Essi articolano in forma osservabile e/o misurabile i contenuti delle priorita' e rappresentano le mete verso cui la scuola tende nella sua azione di miglioramento. Per ogni priorita' individuata deve essere articolato il relativo traguardo di lungo periodo. Essi pertanto sono riferiti alle aree degli Esiti degli studenti (es. in relazione alla priorita' strategica "Diminuzione dell'abbandono scolastico nel primo anno di secondaria di II grado", il traguardo di lungo periodo puo' essere definito come "Rientrare nella media di abbandoni regionali pari al 4%, e precisamente portare gli abbandoni della scuola al di sotto del 4%"). E' opportuno evidenziare che per la definizione del traguardo che si intende raggiungere non e' sempre necessario indicare una percentuale, ma una tendenza costituita da traguardi di riferimento a cui la scuola mira per migliorare, ovvero alle scuole o alle situazioni con cui e' opportuno confrontarsi

Priorità e Traguardi

Risultati scolastici

PRIORITA'

Migliorare la performance scolastica al termine del percorso formativo e potenziare le eccellenze.

TRAGUARDO

Aumentare le votazioni d'uscita dalla secondaria di primo grado in una fascia di valutazione alta, anche attraverso il potenziamento delle eccellenze.

Obiettivi di processo collegati

- Si intende continuare a sviluppare, anche da un punto di vista operativo e progettuale, una più solida continuità verticale.

- Si intende migliorare la comunicazione attraverso i mezzi tecnologici (mail, uso del sito, ecc)

- Si intende monitorare e recepire i bisogni formativi dei docenti, quindi realizzare percorsi formativi maggiormente condivisi e con ampia ricaduta.

- Si intende -aumentare i corsi di formazione per i docenti sulle tematiche DSA-BES per migliorare la sensibilità degli stessi sul disagio scolastico.

- Strutturare nuovi ambienti di apprendimento per finalità specifiche (aula verde, aula tablet, ecc.)

- Facilitare l'individuazione di strategie didattiche innovative finalizzate all'inclusione e al miglioramento del percorso formativo

- Si intende rilevare e valorizzare tutte le professionalità, attraverso monitoraggio dei curriculum.

- Si intende sviluppare un curricolo verticale per competenze che permetta lo sviluppo di una didattica innovativa orientata all'utilizzo delle TIC.

- Si cercherà di individuare strategie per coinvolgere maggiormente le famiglie nella vita scolastica.

- Per agevolare la partecipazione dei docenti e per il coinvolgimento di un maggior numero degli stessi, si ritiene necessario diversificare le proposte

- Si intende realizzare corsi interni all'Istituto.


MOTIVAZIONE SCELTA PRIORITA'

Gli obiettivi di processo rappresentano una definizione operativa delle attività...
... su cui si intende agire concretamente per raggiungere le priorita' individuate. Essi costituiscono degli obiettivi operativi da raggiungere nel breve periodo (un anno scolastico) e riguardano una o piu' aree di processo. Si suggerisce di indicare l'area o le aree di processo su cui si intende intervenire e descrivere gli obiettivi che la scuola si prefigge di raggiungere a conclusione del prossimo anno scolastico (es. Promuovere una figura di docente tutor per supportare gli studenti in difficolta' del primo anno dell'indirizzo linguistico nella scuola secondaria di II grado; Individuare criteri di formazione delle classi che garantiscano equi-eterogeneita'; Utilizzare criteri di valutazione omogenei e condivisi per la matematica nella scuola primaria; Ridurre gli episodi di esclusione e i fenomeni di bullismo nella scuola secondaria di I grado; ecc.).

Obiettivi di processo

Curricolo, progettazione e valutazione

Si intende continuare a sviluppare, anche da un punto di vista operativo e progettuale, una più solida continuità verticale.

Si intende sviluppare un curricolo verticale per competenze che permetta lo sviluppo di una didattica innovativa orientata all'utilizzo delle TIC.

Ambiente di apprendimento

Strutturare nuovi ambienti di apprendimento per finalità specifiche (aula verde, aula tablet, ecc.)

Inclusione e differenziazione

Si intende -aumentare i corsi di formazione per i docenti sulle tematiche DSA-BES per migliorare la sensibilità degli stessi sul disagio scolastico.

Facilitare l'individuazione di strategie didattiche innovative finalizzate all'inclusione e al miglioramento del percorso formativo

Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane

Si intende monitorare e recepire i bisogni formativi dei docenti, quindi realizzare percorsi formativi maggiormente condivisi e con ampia ricaduta.

Si intende rilevare e valorizzare tutte le professionalità, attraverso monitoraggio dei curriculum.

Per agevolare la partecipazione dei docenti e per il coinvolgimento di un maggior numero degli stessi, si ritiene necessario diversificare le proposte

Si intende realizzare corsi interni all'Istituto.

Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie

Si intende migliorare la comunicazione attraverso i mezzi tecnologici (mail, uso del sito, ecc)

Si cercherà di individuare strategie per coinvolgere maggiormente le famiglie nella vita scolastica.

Contributo degli obiettivi di processo nel raggiungimento delle priorità