Indicatori Dettaglio
1.1 Popolazione scolastica

Opportunità

Il contesto socio-economico medio degli studenti e la sua suddivisione in fasce presentano uno scostamento importante nella rilevazione dello svantaggio socio-ambientale rispetto ai dati restituiti dall'INVALSI come rilevato nel corso dell'anno scolastico .La scuola pertanto continuerà ad affrontare, sulla base delle sue rilevazioni, tali problematiche con l'attivazione di progetti regionali e con i Fondi Sociali Europei.

Vincoli

La popolazione scolastica presenta un certo numero di studenti stranieri di prima e seconda generazione, le cui condizioni socio - economiche si presume siano maggiormente svantaggiate rispetto a quelle degli studenti di nazionalità italiana, dal momento che i dati INVALSI sembrano non corrispondere ai bisogni reali della popolazione scolastica rilevata , a vario titolo dai docenti. Inoltre il bacino di utenza della scuola è riferito ai territori dell'hinterland romano, con la conseguente affluenza di alunni con fasce di appartenenza socio - economico diverse tra loro.

1.2 Territorio e capitale sociale

Opportunità

Il territorio in cui è collocata la scuola si caratterizza per un tasso medio sia di disoccupazione che di immigrazione. Ciò permette l'attivazione di adeguate politiche scolastiche da parte degli EE.LL. conformi alle finalità della scuola. Tra le risorse si riscontrano numerosi enti culturali e sociali.

Vincoli

Nel territorio non avviene un'equa distribuzione degli immigrati nelle varie istituzioni scolastiche. Nella nostra scuola risulta la presenza di iscrizioni da parte di alunni immigrati o provenienti da famiglie disagiate.

1.3 Risorse economiche e materiali

Opportunità

Le fonti di finanziamento disponibili provengono solo da fonti statali. I finanziamenti ricevuti dalla partecipazione agli avvisi PON 2014/20 non sono stati impiegati e sono stati restituiti. La qualità della struttura degli edifici, sia quello principale che della sedi succursali, è adeguata all'ordinaria attività scolastica. Anche a livello di sicurezza la scuola possiede un adeguato servizio di prevenzione e protezione e di recente ha effettuato investimenti per le attrezzature antincendio ( porte antipanico ) La scuola ha investito nel campo delle nuove tecnologie per l'acquisto di pc e proiettori in ogni aula.

Vincoli

Da anni i lavori per la scala esterna, di competenza della Provincia, sono fermi. L'insieme delle strumentazioni informatiche e multimediali presenti, necessita già di revisione e rinnovamento.

1.4 Risorse professionali

Opportunità

Il corpo docente a tempo indeterminato ha una lunga esperienza e un costante vissuto in questa scuola. La stabilità dell'organico è quindi un'opportunità che la scuola sfrutta completamente. negli ultimi due anni si è avuto un afflusso di docenti anagraficamente più giovane che ha contribuito, anche con l'attività di potenziamento, a rinnovare l'offerta formativa e le modalità di erogazione della stessa. E' ormai strutturata la presenza di iniziative volte ad introdurre nuove prassi educative e metodologiche e innovative da parte. del personale in organico. Alcuni Docenti dispongono di certificazione linguistica B2/C1 e dell' attestazione del conseguimento della certificazione CLIL e Corsi di Perfezionamento. La stabilità nel ruolo e l'età dei Docenti di Sostegno è analoga a quella dei Docenti Curricolari. Tutti i Docenti di Sostegno sono in possesso del titolo di specializzazione per le diverse abilità degli studenti disabili.

Vincoli

Nonostante la stabilità e l'esperienza della maggioranza del corpo docente, si è rilevato, talvolta, una certa forma di conservazione della didattica tradizionale (lezione frontale) ,con scarso utilizzo di strumenti atti a favorire una didattica personalizzata, come le nuove tecnologie o nuove esperienze didattiche.

    Autovalutazione Indicatori Dettaglio
2.1 Risultati scolastici

Punti di forza

Rispetto alla media naz.le: aumentano le promozioni al professionale, linguistico e S.U. Sospensioni di giudizio: aumentano al professionale al 1 anno; al Linguistico al 1 e 4 anno; a S.U aumentano al 1 anno. Tutti i criteri di valutazione e le strategie didattiche sono volte al successo formativo degli studenti e ciò è denotato dall'assenza totale di abbandono scolastico, così come dalla collocazione della maturità. Tale ultimo dato conferma che la scuola si adopera per l'inclusione e il successo scolastico formativo degli studenti. Si conferma il dato positivo sulla mancanza di abbandoni e rilevante il dato delle entrate in corso d'anno, soprattutto al Linguistico e Scienze Umane

Punti di debolezza

Nella fascia 91/100 la scuola si colloca sotto la media nazionale, per quanto gli indicatori di livello siano comunque molto bassi e tenendo presente la mancanza di alcuni dati relativi all'a.s. 2017/18

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola portano avanti regolarmente il loro percorso di studi, lo concludono e conseguono risultati soddisfacenti agli esami finali.

Rubrica di valutazione

5- Positiva

Motivazione

Rispetto ai RAV degli anni precedenti, il successo scolastico è connotato da un numero adeguato di promozioni distribuite nei vari anni e nei vari corsi di studio, ad eccezione del corso di studi in Scienze Umane e linguistico, in cui la selezione è più serrata. Il numero di sospensioni in giudizio è generalmente sopra la media. I risultati sono frutto di un' adeguata e uniforme valutazione degli studenti da parte dei docenti. Anche nel caso di insuccessi scolastici, la situazione è ampiamente arginata e gli studenti vengono recuperati e inclusi, tanto da ridurre l'abbandono scolastico è vicino allo zero. La preparazione è mediamente adeguata e i risultati conseguiti alla maturità lo dimostrano. La capacità inclusiva della scuola è testimoniata dalla richiesta delle entrate in corso d'anno, specialmente al Linguistico.

2.2 Risultati nelle prove standardizzate nazionali

Punti di forza

E' ormai strutturata la realizzazione di prove di simulazione delle prove standardizzate nazionali in Italiano e Matematica. Irrilevante la variabilità tra le classi e all'interno delle stesse. L'effetto scuola è nella media per Italiano e sotto la media per Matematica, tranne per il Professionale, dove è nella media.

Punti di debolezza

Gli esiti, nonostante quanto adottato a scopo preventivo, sono sotto le indicazioni nazionali, sia per Italiano che per Matematica.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola raggiungono livelli di apprendimento soddisfacenti in italiano e matematica in relazione ai livelli di partenza e alle caratteristiche del contesto.

Rubrica di valutazione

3- Con qualche criticita'

Motivazione

Nonostante i risultati positivi degli scrutini e della maturità, le prove nazionali riportano un risultato appena inferiore alla media locale e italiana degli istituti con simile back-round limitatamente al liceo, mentre per l'istituto tecnico e quello professionale tali risultati appaiono soddisfacenti. La varianza dei risultati è imputabile alla mancata considerazione che il background di riferimento non è corrispondente a quello considerato nelle valutazioni dell'INVALSI, poiché il bacino di utenza è molto più ampio e accoglie situazioni che si differenziano dal punto di vista socio-economico da quello del quartiere in cui si colloca la scuola. Difatti, nonostante la collocazione dell'istituto in una zona centrale di Roma e in un quartiere medio-borghese, la popolazione scolastica è eterogenea, rispetto a quello considerato nelle rilevazioni, provenendo da realtà territoriali situate ben oltre il Municipio II, come giustificato dal numero di studenti pendolari di cui al file allegato nella Sezione – Indicatori aggiunti dalla scuola- N.B. alcuni degli allievi iscritti nel nostro Istituto residenti fuori Regione, frequentano il DAF -Dance Arts Faculty- Via di Pietralata 159 . Le considerazioni di cui sopra sono emerse dall'analisi del documento allegato, effettuata anche in seno al Collegio dei docenti, dal quale si evince quanto segue: gli esiti delle prove Invalsi delle classi seconde a maggio 2018, sono relative agli allievi che hanno svolto il test Invalsi in terza media nell'anno scolastico 2015 2016. Risulta che la maggior parte delle classi di terza media di quell'anno sono in grande maggioranza al di sotto del livello minimo delle macroaree di riferimento, sia in Italiano che Matematica. Conseguentemente, nonostante l'evidenziato positivo effetto scuola, le prestazioni delle prove Invalsi delle nostre classi seconde nel maggio del 2018, non sono ancora adeguate rispetto alle medie di riferimento.

2.3 Competenze chiave europee

Punti di forza

La scuola, in relazione alla propria utenza, adotta criteri comuni di valutazione della condotta, esprimendo in sede di C.d.C. un voto comune. Gli studenti vengono valutati nella loro autonomia organizzativa attraverso l'osservazione del comportamento all'interno della comunità scolastica. La quasi totale assenza di azioni indisciplinate denota l'attenzione dei docenti alle questioni che attengono alle dinamiche sociali e al rispetto delle regole. Attraverso la programmazione collegiale e l’adozione di criteri comuni di valutazione, l'adozione ormai strutturata delle certificazione delle competenze in uscita al primo biennio, l’attività di ampliamento dell’Offerta Formativa, la creazione di uno spazio di condivisione e relazione multimediale attraverso il Blog e la pagina Fb di Istituto, la piattaforma didattica multimediale e di condivisione di contenuti Moodle e la comunicazione tramite il reg. elettronico, si sono variamente e positivamente attivate le capacità individuali degli allievi volte allo sviluppo di tutte le competenze chiave di cittadinanza. La scuola organizza attività di educazione alla legalità, anche utilizzando risorse esterne che hanno avuto un riscontro estremamente positivo.

Punti di debolezza

Mancano strutturate iniziative per potenziare lo spirito di imprenditorialità. Per quanto utilizzate singolarmente dai docenti, manca una griglia di valutazione condivisa , a carattere collegiale, per la valutazione dei DSA .

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola acquisiscono livelli soddisfacenti nelle competenze sociali e civiche, nell'imparare a imparare, nelle competenze digitali e nello spirito di iniziativa e imprenditorialità.

Rubrica di valutazione

5- Positiva

Motivazione

Il successo scolastico è connotato da un numero adeguato di promozioni distribuite nei vari anni e nei vari corsi di studio, ad eccezione del corso di studi in Scienze umane e Linguistico, in cui la selezione è più serrata. Il numero di sospensioni di giudizio in alcuni indirizzi è sopra la media. I risultati sono frutto di un' adeguata e uniforme valutazione degli studenti da parte dei docenti.Attraverso la pagina Fb e apposite iniziative sulla legalità, gli studenti vengono invitati all'uso responsabile dei social media e social network. Tramite l'adozione di metodi alternativi (CLIL ) di didattica, gli studenti vengono stimolati altresì a potenziare l'autonoma ricerca di informazioni.

2.4 Risultati a distanza

Punti di forza

Rispetto alle priorità del PTOF è strutturata l'adozione di procedure per il monitoraggio degli esiti a distanza con la partecipazione al Sistema Alma Orienta e AlmaDiploma, nonchè con la costituzione di un apposito Gruppo di Lavoro per l'analisi e restituzione dei relativi dati .

Punti di debolezza

Per quanto riguarda i CFU,nel primo anno risultano soddisfacenti solo i dati relativi al settore sanitario mentre per le altre aree sono in linea o leggermente sotto la media; sostanzialmente analoghi gli esiti al secondo anno

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti in uscita dalla scuola hanno successo nei successivi percorsi di studio e di lavoro.

Rubrica di valutazione

4-

Motivazione

Leggermente inferiori alla media i risultai dei CFU nei primi due anni dell'università. Rilevante la percentuale di studenti diplomati con contratto a tempo indeterminato nei periodi di riferimento e prevalente l'impiego nel settore servizi.

    Autovalutazione Indicatori Dettaglio
3.1 Curricolo, progettazione e valutazione

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola propone un curricolo aderente alle esigenze del contesto, progetta attivita' didattiche coerenti con il curricolo, valuta gli studenti utilizzando criteri e strumenti condivisi.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

La scuola ha un buon grado di consapevolezza del proprio curricolo e si è impegnata nella rielaborazione dello stesso, attraverso anche numerosi progetti di ampliamento dell'offerta formativa, pertinenti con le finalità del curricolo stesso. Gli obiettivi del curricolo (conoscenze, competenze e abilità) sono ben chiari ai docenti, che li utilizzano come punto di riferimento per la loro progettazione didattica individuale e dipartimentale. Nonostante il profilo sopra esposto, risulta ancora la mancanza di utilizzo organico di strumenti, quali verifiche e prove comuni, per individuare il livello di raggiungimento degli obiettivi anche in un percorso scolastico interdisciplinare.

3.2 Ambiente di apprendimento

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola cura gli aspetti organizzativi, metodologici e relazionali dell'ambiente di apprendimento.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

La scuola presenta una gestione oraria ottimale e funzionale all'attività didattica curricolare ed extra-curricolare. L'attività laboratoriale e le innovazioni didattiche e metodologiche presentano ancora qualche criticità. E' comunque da rilevare che all'interno della comunità scolastica, gli atti indisciplinati sono molto inferiori alla media; gli atti violenti, di vandalismo sono invece nulli. Ciò denota rispetto delle regole e un sano senso civico, dettato anche dall'azione quotidiana dei docenti, che sanno gestire al meglio le situazioni difficoltose. Resta un dato importante il numero molto elevato degli ingressi in ritardo degli studenti, dovuti prevalentemente alle problematiche legate alla mobilità della città.

3.3 Inclusione e differenziazione

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola cura l'inclusione degli studenti con bisogni educativi speciali, valorizza le differenze culturali, adegua l'insegnamento ai bisogni formativi di ciascuno studente attraverso percorsi di recupero e potenziamento.

Situazione della scuola

6-

Motivazione

Nella scuola vengono messe in atto molte delle necessarie misure per favorire non solo l'appianamento delle differenze socioculturali, ma anche per favorire un'efficace inclusione degli studenti diversamente abili o stranieri come anche evidenziato dai dati INVALSI. I percorsi didattici sono quasi sempre differenziati e tengono conto sia delle disabilità psico-motorie, sia dei disturbi specifici di apprendimento sia delle difficoltà socio-economiche. Gli studenti che presentano maggiori difficoltà, ma anche gli studenti che presentano particolari abilità o qualità, vengono seguiti e spronati a potenziare o esprimere le loro capacità, anche se tale obiettivo non è sempre realizzato nonostante la presenza di strumenti comuni e metodologie sistematiche. I corsi di recupero e gli interventi di miglioramento sugli studenti con situazioni negative o difficoltose sono efficaci.

3.4 Continuita' e orientamento

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola garantisce la continuita' dei percorsi scolastici e cura l'orientamento personale, scolastico e professionale degli studenti.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

Le attività di orientamento e continuità sono ben consolidate e strutturate. Gli studenti e le famiglie, sia in entrata sia i frequentanti, sono coinvolti in maniera specifica in tutte le attività orientative, quali ad esempio gli Open-day. Sono, inoltre, stati attuati da tempo processi di monitoraggio delle scelte successive tramite AlmaOrienta.

3.5 Orientamento strategico e organizzazione della scuola

Punti di Forza:

La missione della scuola è chiaramente definita nel PTOF. La partecipazione degli allievi a tutte le iniziative proposte dalla scuola, dimostra la condivisione dei valori educativi e didattici espressi da esso. Le finalità del PTOF sono ampiamente comunicate a famiglie e territorio. La scuola pianifica le azioni e il raggiungimento dei propri obiettivi in fase di progettazione degli interventi educativi e di ampliamento della offerta formativa. Inoltre, vengono effettuate delle azioni di monitoraggio in sede di dipartimenti e/o C.d.C. e con questionari di rilevazione statistica. 4 F.S.: PTOF; Valutazione;Orientamento; Integrazione scolastica. Prevalente la ripartizione del FIS a carico dei Docenti. I Docenti che hanno usufruito del FIS. Sono tra il 25 e il 50% del personale. Risulta un'opportuna ripartizione e definizione dei carichi di lavoro sia tra i Docenti, sia tra gli ATA, sia negli organi collegiali. L'efficace organizzazione consente la copertura delle assenze dei docenti con risorse interne. La scuola utilizza le risorse per la realizzazione degli obiettivi del PTOF in termini di intervento di inclusione e sostegno didattico, dotazioni tecnologiche ed accoglienza. Sotto la media la retribuzione del personale a causa della realizzazione di progetti con finalità in linea con quelle dell'Istituto, gratuiti per la scuola in quanto finanziati/proposti da soggetti esterni, quali Miur, Enti locali, Università, Associazioni varie. La spesa media per progetto è di € 4990.

Punti di Debolezza

Si rileva l'opportunità di una maggiore sintesi nel proporre i documenti esplicativi. I questionari specifici di rilevazione statistica progettati non sono stati ancora sistematicamente somministrati. La scuola necessita di ulteriore potenziamento in tutte le sue strutture organiche, con criticità tali da rallentare la realizzazione di alcuni progetti. Da potenziare, in relazione agli esiti formativi , l'orientamento in uscita.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola definisce la propria missione e la visione, monitora in modo sistematico le attività che svolge, individua ruoli di responsabilita' e compiti per il personale in modo funzionale e utilizza in modo adeguato le risorse economiche.

Situazione della scuola

6-

Motivazione

La missione della scuola e le priorità educative e didattiche sono ben definite nel PTOF e condivise dalla comunità scolastica, famiglie e territorio. Il PTOF è sorretto da un'ampia offerta di progetti di ampliamento dell'Offerta Formativa per i quali è presente, in fase di progettazione, un adeguato sistema informativo per i contenuti e impegno economico ad essi relativo. Attuato, anche se non sistematicamente, un monitoraggio dell'azione formativa ed educativa dell'Istituto in uscita. Le diverse componenti dell'Istituto operano nei rispettivi ambiti secondo linee guida condivise e definite, risultando peraltro che i processi decisionali per la scelta dell'attività di ampliamento dell'Offerta Formativa coinvolgono in gran parte il Collegio dei Docenti e i singoli Docenti. Le funzioni strumentali e gli incarichi sono ripartiti uniformemente tra tutti i docenti: il coinvolgimento di più persone ha comportato una quota pro-capite del FIS che si attesta leggermente al di sotto delle medie di riferimento per una parte delle attività. D'altro canto ciò nasce dal fatto che vi è un'ampia partecipazione alle risorse del Fis, il che è senza dubbio un elemento positivo che attesta la condivisione delle priorità individuate dalla scuola ai fini della formazione degli alunni. Per la qualificazione dell'Offerta Formativa si ricorre anche a personale esterno qualificato. il che fornisce in buona parte collaborazione gratuita per la scuola, per iniziative idonee per il raggiungimento delle finalità educative e didattiche coerenti con la missione educativa, per di più finanziati da enti e istituzioni esterni (Miur, EE.LL., Università).

3.6 Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane

Punti di Forza:

La scuola raccoglie le esigenze formative dei Docenti e ATA in modo organico, anche tramite la realizzazione di Reti di Scuole per agevolare l'attività di Formazione.Il Collegio ha, elaborato un piano di formazione e/o aggiornamento sistematico, anche eventualmente comprendente corsi organizzati da soggetti diversi dalla scuola, e laddove la proposta di corsi sia stata elaborata e l'iniziativa organizzata, si è rilevata una partecipazione adeguata. La scuola ha investito sulla formazione relativamente a Nuove Metodologie, Inclusione e Sicurezza. Nella scuola, il conferimento di incarichi specifici individuali avviene mediante la condivisione dei ruoli e delle relative finalità e/o obiettivi, utilizzando le esperienze formative, i curricola dei docenti e le specifiche competenze professionali dei Docenti. I criteri del Comitato per la valutazione dei Docenti sono stati condivisi dai Docenti della scuola. Vengono regolarmente redatte e consegnate le lettere formali individuali di incarico. La scuola propone numerose attività di lavoro in gruppo. I dipartimenti e i gruppi di collaborazione alle funzioni strumentali e ai referenti delle attività lavorano in sinergia. I gruppi, la cui finalità è un miglioramento dell'offerta formativa, producono materiali utili a tutta la comunità scolastica. Presente lo scambio di idee e materiali tra i singoli docenti attraverso uno spazio multimediale di condivisione di strumenti e materiali didattici.

Punti di Debolezza

La qualità delle iniziative di formazione promosse dalla scuola non è stata ancora compiutamente rilevata, essendo in corso d'opera la sua rilevazione. I tempi di redazione e consegna delle lettere formali individuali sono sono posticipati rispetto all'inizio dell'anno scolastico, anche per la complessità di gestione dell'istituzione scolastica. Nonostante ci sia lo scambio di materiali e di idee tra insegnanti, esso non è sistematico tra tutti. La percezione del confronto professionale e scambio di informazioni tra colleghi non è elevata, imputabile verosimilmente all'età anagrafica dei Docenti.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola valorizza le risorse professionali, promuove percorsi formativi di qualita' e incentiva la collaborazione tra pari.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

Le iniziative di formazione risultano soddisfacenti; i docenti risultano attivi nella proposizione e nella partecipazione a progetti di formazione e/o aggiornamento. Esiste un' intensa attività di interscambio tra gruppi di lavoro e singoli docenti, per la gran parte delle attività, anche se non per la totalit . Adeguata è inoltre la valutazione dei curricola per l'attribuzione degli incarichi.

3.7 Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie

Punti di Forza:

Prime due domande collaborazione territorio -- risposto in base al PTOF 19/22---verificate L'attività di coinvolgimento nelle reti di scuole favorisce il passaggio di materiali, il confronto professionale, il miglioramento delle attività didattiche e un trasferimento di competenze specifiche. Elevata la percentuale e la varietà di soggetti esterni con cui la scuola stipula accordi ( 3.7.b.1./2. ) con conseguente miglioramento dell'offerta didattica e formativa della scuola. Articolata e numerosa la presenza di gruppi di lavoro per il raccordo con il territorio. Durante il corso dell'anno la scuola propone incontri scuola-famiglia, per favorire nei genitori una maggiore consapevolezza delle scelte didattiche. Anche l'organizzazione di eventi da parte della scuola per la condivisione dei valori espressi dal PTOF e per la solidarietà, ha come scopo il coinvolgimento maggiore delle famiglie nella vita scolastica. La scuola ha attuato interventi formativi con il coinvolgimento dei genitori, coinvolgendoli nell'adozione e condivisione dei documenti più importanti per la vita scolastica. La scuola ha la completa fruibilità del Reg. Elettronico da parte delle famiglie. La scuola ha anche realizzato interventi o progetti rivolti ai genitori, quali quelli su educazione alla legalità, lotta al bullismo e cyberbullismo.

Punti di Debolezza

La partecipazione agli organi di governo del territorio è limitata al solo Municipio II.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola svolge un ruolo propositivo nella promozione di politiche formative territoriali e coinvolge le famiglie nella definizione dell'offerta formativa e nella vita scolastica.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

La scuola manifesta un costante spirito di apertura al territorio e alle altre istituzioni scolastiche, che favorisce l'integrazione con attività aggiuntive del Piano dell'offerta formativa. La collaborazione con enti e organizzazioni territoriali produce una maggiore possibilità per i nostri studenti di poter svolgere brevi esperienze lavorative e di inserimento nel mondo del lavoro, ma anche di confronto con le realtà sociali e culturali che ci circondano. Le famiglie sono coinvolte per confronti istituzionali sulla didattica e per incontri culturali di vario genere, in quest'ultimo caso stante la mancanza di ampi spazi ricettivi.

  Dettaglio
Le priorita' si riferiscono agli obiettivi generali che la scuola si prefigge di...

... realizzare nel lungo periodo attraverso l'azione di miglioramento. Le priorita' che la scuola si pone devono necessariamente riguardare gli esiti degli studenti. Si suggerisce di specificare quale delle quattro aree degli Esiti si intenda affrontare (Risultati scolastici, Risultati nelle prove standardizzate nazionali, Competenze chiave europee, Risultati a distanza) e di articolare all'interno quali priorita' si intenda perseguire (es. Diminuzione dell'abbandono scolastico nel primo anno di secondaria di II grado; Riduzione della variabilita' fra le classi; Sviluppo delle competenze sociali degli studenti di secondaria di I grado, ecc.). Si suggerisce di individuare un numero limitato di priorita' (1 o 2 per scuola) selezionandole all’interno di una stessa area o al massimo di due aree degli Esiti degli studenti. I traguardi sono di lungo periodo e riguardano i risultati attesi in relazione alle priorita'. Si tratta di risultati previsti a lungo termine (3 anni). Essi articolano in forma osservabile e/o misurabile i contenuti delle priorita' e rappresentano le mete verso cui la scuola tende nella sua azione di miglioramento. Per ogni priorita' individuata deve essere articolato il relativo traguardo di lungo periodo. Essi pertanto sono riferiti alle aree degli Esiti degli studenti (es. in relazione alla priorita' strategica "Diminuzione dell'abbandono scolastico nel primo anno di secondaria di II grado", il traguardo di lungo periodo puo' essere definito come "Rientrare nella media di abbandoni regionali pari al 4%, e precisamente portare gli abbandoni della scuola al di sotto del 4%"). E' opportuno evidenziare che per la definizione del traguardo che si intende raggiungere non e' sempre necessario indicare una percentuale, ma una tendenza costituita da traguardi di riferimento a cui la scuola mira per migliorare, ovvero alle scuole o alle situazioni con cui e' opportuno confrontarsi

Priorità e Traguardi

Risultati nelle prove standardizzate nazionali

PRIORITA'

Verranno intensificati gli interventi di sensibilizzazione sul valore delle prove

TRAGUARDO

Continuare ad aumentare la consapevolezza del valore delle prove, incrementando via via il numero dei partecipanti agli incontri informativi.

Obiettivi di processo collegati

- Incontri informativi e distribuzione materiale alla comunità scolastica tutta, da incrementare.

- Incontri di formazione per valorizzare l'offerta del servizio scolastico e per consentire alla scuola il raggiungimento degli obiettivi prefissati.

- Raccolta sistematica dei curricola dei docenti da utilizzare in funzione del curricolo dell'Istituto.

- Incremento della partecipazione ad attività di rete di ambito territoriale e di scopo

- Incremento in percentuale dell'elaborazione di percorsi educativi - didattici personalizzati

- Incremento e aggiornamento dei sussidi didattici e della dotazione multimediale dell'istituto.

- Profilo annuale dei diplomati dell'Istituto e impiego del curriculum vita in chiave didattica ( per ciascun alunno ) in banca dati da consolidare

- Incremento dell'uso delle dotazioni multimediali dell'Istituto

- Attività di formazione per valorizzare il concetto di sicurezza e attivare le procedure per l'utilizzo del registro elettronico

- Svolgimento test d'ingresso e prove comuni primo e secondo anno (italiano,matematica, inglese: conoscenze e logica ), da continuare

- Utilizzo delle informazioni desunte dai curricola dei docenti per delineare e ottimizzare il percorso organizzativo scolastico.

- Attività di formazione come leva strategica per l'innovazione dei processi organizzativi e didattici

- Individuazione di una risorsa professionale che rappresenti un profilo di funzionamento che potenzi i processi scolastici (coord./tutor) da realizzare.

- Analisi dei risultati dei test d'ingresso nei C.d.C. da continuare e incrementare.

- Indagine e elaborazione di banca dati sullo stato dei diplomati nell'anno 2017/18 a distanza di un anno dal diploma da consolidare

- Incremento dell'uso dei materiali multimediali offerti dalle case editrici nell'attività didattica

- Miglioramento e/o integrazione della programmazione di Istituto che tenga conto dei dati raccolti da incrementare

- Programm.ne collegiale che tenga conto dei risultati delle prove in relazione alle esigenze di ciascun alunno e di tutta la classe, da implementare

- Ottimizzazione dell'uso dei laboratori e delle relative dotazioni, nonchè della rete LAN


PRIORITA'

Si conferma il monitoraggio delle simulazioni

TRAGUARDO

Aggiornamento e adeguamento della programmazione e delle prove ordinarie in base agli esiti delle simulazioni.

Obiettivi di processo collegati

- Incontri informativi e distribuzione materiale alla comunità scolastica tutta, da incrementare.

- Incontri di formazione per valorizzare l'offerta del servizio scolastico e per consentire alla scuola il raggiungimento degli obiettivi prefissati.

- Raccolta sistematica dei curricola dei docenti da utilizzare in funzione del curricolo dell'Istituto.

- Incremento della partecipazione ad attività di rete di ambito territoriale e di scopo

- Incremento in percentuale dell'elaborazione di percorsi educativi - didattici personalizzati

- Incremento e aggiornamento dei sussidi didattici e della dotazione multimediale dell'istituto.

- Profilo annuale dei diplomati dell'Istituto e impiego del curriculum vita in chiave didattica ( per ciascun alunno ) in banca dati da consolidare

- Incremento dell'uso delle dotazioni multimediali dell'Istituto

- Attività di formazione per valorizzare il concetto di sicurezza e attivare le procedure per l'utilizzo del registro elettronico

- Svolgimento test d'ingresso e prove comuni primo e secondo anno (italiano,matematica, inglese: conoscenze e logica ), da continuare

- Utilizzo delle informazioni desunte dai curricola dei docenti per delineare e ottimizzare il percorso organizzativo scolastico.

- Attività di formazione come leva strategica per l'innovazione dei processi organizzativi e didattici

- Individuazione di una risorsa professionale che rappresenti un profilo di funzionamento che potenzi i processi scolastici (coord./tutor) da realizzare.

- Analisi dei risultati dei test d'ingresso nei C.d.C. da continuare e incrementare.

- Indagine e elaborazione di banca dati sullo stato dei diplomati nell'anno 2017/18 a distanza di un anno dal diploma da consolidare

- Incremento dell'uso dei materiali multimediali offerti dalle case editrici nell'attività didattica

- Miglioramento e/o integrazione della programmazione di Istituto che tenga conto dei dati raccolti da incrementare

- Programm.ne collegiale che tenga conto dei risultati delle prove in relazione alle esigenze di ciascun alunno e di tutta la classe, da implementare

- Ottimizzazione dell'uso dei laboratori e delle relative dotazioni, nonchè della rete LAN


PRIORITA'

Nell'a.s. 2016/17 si continuera' l'attivita' di preparazione, potenziamento nelle classi seconde svolta nel corrente anno scolastico.

TRAGUARDO

Si conferma il traguardo dell'aumento in percentuale del livello della maggiore reale e corretta partecipazione

Obiettivi di processo collegati

- Incontri informativi e distribuzione materiale alla comunità scolastica tutta, da incrementare.

- Incontri di formazione per valorizzare l'offerta del servizio scolastico e per consentire alla scuola il raggiungimento degli obiettivi prefissati.

- Raccolta sistematica dei curricola dei docenti da utilizzare in funzione del curricolo dell'Istituto.

- Incremento della partecipazione ad attività di rete di ambito territoriale e di scopo

- Incremento in percentuale dell'elaborazione di percorsi educativi - didattici personalizzati

- Incremento e aggiornamento dei sussidi didattici e della dotazione multimediale dell'istituto.

- Profilo annuale dei diplomati dell'Istituto e impiego del curriculum vita in chiave didattica ( per ciascun alunno ) in banca dati da consolidare

- Incremento dell'uso delle dotazioni multimediali dell'Istituto

- Attività di formazione per valorizzare il concetto di sicurezza e attivare le procedure per l'utilizzo del registro elettronico

- Svolgimento test d'ingresso e prove comuni primo e secondo anno (italiano,matematica, inglese: conoscenze e logica ), da continuare

- Utilizzo delle informazioni desunte dai curricola dei docenti per delineare e ottimizzare il percorso organizzativo scolastico.

- Attività di formazione come leva strategica per l'innovazione dei processi organizzativi e didattici

- Individuazione di una risorsa professionale che rappresenti un profilo di funzionamento che potenzi i processi scolastici (coord./tutor) da realizzare.

- Analisi dei risultati dei test d'ingresso nei C.d.C. da continuare e incrementare.

- Indagine e elaborazione di banca dati sullo stato dei diplomati nell'anno 2017/18 a distanza di un anno dal diploma da consolidare

- Incremento dell'uso dei materiali multimediali offerti dalle case editrici nell'attività didattica

- Miglioramento e/o integrazione della programmazione di Istituto che tenga conto dei dati raccolti da incrementare

- Programm.ne collegiale che tenga conto dei risultati delle prove in relazione alle esigenze di ciascun alunno e di tutta la classe, da implementare

- Ottimizzazione dell'uso dei laboratori e delle relative dotazioni, nonchè della rete LAN


Risultati a distanza

PRIORITA'

Realizzazione di sistemi autonomi di monitoraggio ( Commissione apposita ) in chiave di orientamento post diploma e verifica degli esiti universitari.

TRAGUARDO

Rilevazione dati degli esiti a distanza per il V anno, loro raccolta ed elaborazione per la successiva formulazione di un adeguato sistema formativo

Obiettivi di processo collegati

- Incontri informativi e distribuzione materiale alla comunità scolastica tutta, da incrementare.

- Incontri di formazione per valorizzare l'offerta del servizio scolastico e per consentire alla scuola il raggiungimento degli obiettivi prefissati.

- Raccolta sistematica dei curricola dei docenti da utilizzare in funzione del curricolo dell'Istituto.

- Incremento della partecipazione ad attività di rete di ambito territoriale e di scopo

- Incremento in percentuale dell'elaborazione di percorsi educativi - didattici personalizzati

- Incremento e aggiornamento dei sussidi didattici e della dotazione multimediale dell'istituto.

- Profilo annuale dei diplomati dell'Istituto e impiego del curriculum vita in chiave didattica ( per ciascun alunno ) in banca dati da consolidare

- Incremento dell'uso delle dotazioni multimediali dell'Istituto

- Attività di formazione per valorizzare il concetto di sicurezza e attivare le procedure per l'utilizzo del registro elettronico

- Svolgimento test d'ingresso e prove comuni primo e secondo anno (italiano,matematica, inglese: conoscenze e logica ), da continuare

- Utilizzo delle informazioni desunte dai curricola dei docenti per delineare e ottimizzare il percorso organizzativo scolastico.

- Attività di formazione come leva strategica per l'innovazione dei processi organizzativi e didattici

- Individuazione di una risorsa professionale che rappresenti un profilo di funzionamento che potenzi i processi scolastici (coord./tutor) da realizzare.

- Analisi dei risultati dei test d'ingresso nei C.d.C. da continuare e incrementare.

- Indagine e elaborazione di banca dati sullo stato dei diplomati nell'anno 2017/18 a distanza di un anno dal diploma da consolidare

- Incremento dell'uso dei materiali multimediali offerti dalle case editrici nell'attività didattica

- Miglioramento e/o integrazione della programmazione di Istituto che tenga conto dei dati raccolti da incrementare

- Programm.ne collegiale che tenga conto dei risultati delle prove in relazione alle esigenze di ciascun alunno e di tutta la classe, da implementare

- Ottimizzazione dell'uso dei laboratori e delle relative dotazioni, nonchè della rete LAN


PRIORITA'

Si continuera' l'azione di monitoraggio post diploma con questionari autonomi

TRAGUARDO

Permane la partecipazione alle rilevazioni in banca dati Alma Orienta/Diploma per incrementare la conoscenza e l'analisi dei risultati a distanza.

Obiettivi di processo collegati

- Incontri informativi e distribuzione materiale alla comunità scolastica tutta, da incrementare.

- Incontri di formazione per valorizzare l'offerta del servizio scolastico e per consentire alla scuola il raggiungimento degli obiettivi prefissati.

- Raccolta sistematica dei curricola dei docenti da utilizzare in funzione del curricolo dell'Istituto.

- Incremento della partecipazione ad attività di rete di ambito territoriale e di scopo

- Incremento in percentuale dell'elaborazione di percorsi educativi - didattici personalizzati

- Incremento e aggiornamento dei sussidi didattici e della dotazione multimediale dell'istituto.

- Profilo annuale dei diplomati dell'Istituto e impiego del curriculum vita in chiave didattica ( per ciascun alunno ) in banca dati da consolidare

- Incremento dell'uso delle dotazioni multimediali dell'Istituto

- Attività di formazione per valorizzare il concetto di sicurezza e attivare le procedure per l'utilizzo del registro elettronico

- Svolgimento test d'ingresso e prove comuni primo e secondo anno (italiano,matematica, inglese: conoscenze e logica ), da continuare

- Utilizzo delle informazioni desunte dai curricola dei docenti per delineare e ottimizzare il percorso organizzativo scolastico.

- Attività di formazione come leva strategica per l'innovazione dei processi organizzativi e didattici

- Individuazione di una risorsa professionale che rappresenti un profilo di funzionamento che potenzi i processi scolastici (coord./tutor) da realizzare.

- Analisi dei risultati dei test d'ingresso nei C.d.C. da continuare e incrementare.

- Indagine e elaborazione di banca dati sullo stato dei diplomati nell'anno 2017/18 a distanza di un anno dal diploma da consolidare

- Incremento dell'uso dei materiali multimediali offerti dalle case editrici nell'attività didattica

- Miglioramento e/o integrazione della programmazione di Istituto che tenga conto dei dati raccolti da incrementare

- Programm.ne collegiale che tenga conto dei risultati delle prove in relazione alle esigenze di ciascun alunno e di tutta la classe, da implementare

- Ottimizzazione dell'uso dei laboratori e delle relative dotazioni, nonchè della rete LAN


MOTIVAZIONE SCELTA PRIORITA'

La priorità è stata definita in base ai risultati scolastici conseguiti dagli alunni nelle prove Invalsi che sono discordanti con gli esiti delle medie di riferimento delle prove nazionali. La priorità sui risultati a distanza è stata definita sulla base dei dati statistici esistenti e di un uso consolidato degli stessi. I dati raccolti saranno utili alla scuola per rimodulare la propria attività formativa e di orientamento. Nel corrente a.s. si sono mantenute le priorità relativa all'INVALSI,nonostante un leggero miglioramento, secondo le macroaree di riferimento, rispetto agli anni precedenti per le discipline di italiano e Matematica. Attivati sistemi di monitoraggio post diploma ed elaborazione dei risultati. La Commissione avrà il compito di monitorare gli indicatori di performance che il PTOF dovrà recare per il riscontro degli esiti e delle ricadute dell'attività didattica dell'Istituto.

Gli obiettivi di processo rappresentano una definizione operativa delle attività...
... su cui si intende agire concretamente per raggiungere le priorita' individuate. Essi costituiscono degli obiettivi operativi da raggiungere nel breve periodo (un anno scolastico) e riguardano una o piu' aree di processo. Si suggerisce di indicare l'area o le aree di processo su cui si intende intervenire e descrivere gli obiettivi che la scuola si prefigge di raggiungere a conclusione del prossimo anno scolastico (es. Promuovere una figura di docente tutor per supportare gli studenti in difficolta' del primo anno dell'indirizzo linguistico nella scuola secondaria di II grado; Individuare criteri di formazione delle classi che garantiscano equi-eterogeneita'; Utilizzare criteri di valutazione omogenei e condivisi per la matematica nella scuola primaria; Ridurre gli episodi di esclusione e i fenomeni di bullismo nella scuola secondaria di I grado; ecc.).

Obiettivi di processo

Curricolo, progettazione e valutazione

Incontri informativi e distribuzione materiale alla comunità scolastica tutta, da incrementare.

Svolgimento test d'ingresso e prove comuni primo e secondo anno (italiano,matematica, inglese: conoscenze e logica ), da continuare

Analisi dei risultati dei test d'ingresso nei C.d.C. da continuare e incrementare.

Programm.ne collegiale che tenga conto dei risultati delle prove in relazione alle esigenze di ciascun alunno e di tutta la classe, da implementare

Ambiente di apprendimento

Incremento e aggiornamento dei sussidi didattici e della dotazione multimediale dell'istituto.

Incremento dell'uso delle dotazioni multimediali dell'Istituto

Incremento dell'uso dei materiali multimediali offerti dalle case editrici nell'attività didattica

Ottimizzazione dell'uso dei laboratori e delle relative dotazioni, nonchè della rete LAN

Inclusione e differenziazione

Incremento in percentuale dell'elaborazione di percorsi educativi - didattici personalizzati

Continuita' e orientamento

Profilo orientativo di Istituto da definire in modo sistematico e organico

Profilo annuale dei diplomati dell'Istituto e impiego del curriculum vita in chiave didattica ( per ciascun alunno ) in banca dati da consolidare

Indagine e elaborazione di banca dati sullo stato dei diplomati nell'anno 2017/18 a distanza di un anno dal diploma da consolidare

Miglioramento e/o integrazione della programmazione di Istituto che tenga conto dei dati raccolti da incrementare

Orientamento strategico e organizzazione della scuola

Raccolta sistematica dei curricola dei docenti da utilizzare in funzione del curricolo dell'Istituto.

Utilizzo delle informazioni desunte dai curricola dei docenti per delineare e ottimizzare il percorso organizzativo scolastico.

Individuazione di una risorsa professionale che rappresenti un profilo di funzionamento che potenzi i processi scolastici (coord./tutor) da realizzare.

Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane

Incontri di formazione per valorizzare l'offerta del servizio scolastico e per consentire alla scuola il raggiungimento degli obiettivi prefissati.

Attività di formazione per valorizzare il concetto di sicurezza e attivare le procedure per l'utilizzo del registro elettronico

Attività di formazione come leva strategica per l'innovazione dei processi organizzativi e didattici

Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie

Incremento della partecipazione ad attività di rete di ambito territoriale e di scopo

Contributo degli obiettivi di processo nel raggiungimento delle priorità