Indicatori Dettaglio
1.1 Popolazione scolastica

Opportunità

L'I.I.S."P.Leto" favorisce la crescita umana e culturale dei fruitori, consentendo agli studenti di inserirsi consapevolmente nel mondo del lavoro e/o nella prosecuzione degli studi universitari. Contesto di provenienza socioeconomico medio basso. 30 % studenti provenienti da famiglie disagiate. Gruppo BES sviluppato e aggiornato. Scuola che favorisce l'Accoglienza ai Migranti Minori non Accompagnati. Scuola che favorisce l'integrazione e l'arricchimento culturale attraverso il confronto delle diversita'. Il rapporto studenti - docenti e' in linea con la media nazionale e regionale.

Vincoli

Inefficienza della rete dei trasporti; difficili collegamenti con il capoluogo di provincia. Basso reddito delle famiglie di provenienza. 30 % studenti con ridotto accesso agli eventi culturali esterni promossi dalla Scuola. 20 % studenti che necessita di interventi BES. 10 % studenti stranieri comunitari o extracomunitari stanziali. 5 % studenti Minori non Accompagnati dell'emergenza migrazioni nel Mediterraneo. 10 % di studenti provenienti da etnie con background socio-economico basso. I docenti sono in numero proporzionato al numero degli studenti.

1.2 Territorio e capitale sociale

Opportunità

Il territorio in cui è collocata la scuola è prevalentemente montano, con vocazione agricolo/pastorizia, le attivita' produttive presenti si occupano prevalentemente della trasformazione dei prodotti lattiero-caseari. Gli Enti che abitualmente sostengono la scuola sono: Il Comune di Teggiano, La Comunita' Montana del Vallo di Diano, alcune attivita' produttive del Territorio e la Banca di Credito Cooperativo di Roscigno e Laurino.

Vincoli

Inefficienza dei Trasporti, in particolare nella fascia pomeridiana e serale.

1.3 Risorse economiche e materiali

Opportunità

L'edificio scolastico sede del "P.Leto" risale agli anni Ottanta del Novecento, la scuola è dotata di idonee attrezzature e di laboratori per le attivita' didattiche; le risorse economiche di cui dispone la scuola sono quelle erogate dal MIUR.

Vincoli

La scuola è ubicata in un posto difficilmente raggiungibile dai mezzi di trasporto pubblici, pertanto gli alunni sono costretti a percorrere quotidianamente circa un Km a/r per raggiungere la sede scolastica.

1.4 Risorse professionali

Opportunità

Il corpo docente presenta una buona percentuale di stabilità del servizio nell'Istituto. Fino a 1 anno 12 16,4 Da più di 1 a 3 anni 25 34,2 Da più di 3 a 5 anni 4 5,5 Più di 5 anni 32 43,8 La percentuale dei docenti con contratti a tempo indeterminato è del 76%, requisito anche questo che garantisce una potenziale continuità nella Scuola.

Vincoli

Docenti a tempo indeterminato per fasce di età : <35 35-44 45-54 55+ 5,5% 12,3% 20,5 % 61,6%

    Autovalutazione Indicatori Dettaglio
2.1 Risultati scolastici

Punti di forza

La percentuale dei non ammessi è molto bassa. I risultati degli Esami di Stato a.s. 2018/2019 sono più che soddisfacenti in tutti gli indirizzi liceali, con eccellenze nel Liceo Linguistico, Liceo delle Scienze applicate e Liceo Artistico. Non si registrano abbandoni, tranne che per trasferimento in altre sedi per motivi familiari.

Punti di debolezza

I debiti formativi registrati nell'a.s. 2018/2019 risultano assegnati nelle seguenti discipline: Matematica, Inglese e in alcune materie di indirizzo.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola portano avanti regolarmente il loro percorso di studi, lo concludono e conseguono risultati soddisfacenti agli esami finali.

Rubrica di valutazione

6-

Motivazione

2.2 Risultati nelle prove standardizzate nazionali

Punti di forza

L'Istituto ha attivato corsi finanziati dal Piano Operativo Nazionale per il recupero delle competenze di base in Matematica, Italiano e Inglese.

Punti di debolezza

Risultano ancora carenti i risultati ottenuti nelle prove di Matematica, Italiano e Inglese.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola raggiungono livelli di apprendimento soddisfacenti in italiano e matematica in relazione ai livelli di partenza e alle caratteristiche del contesto.

Rubrica di valutazione

3- Con qualche criticita'

Motivazione

2.3 Competenze chiave europee

Punti di forza

Il nostro Istituto ha attivato molti progetti, nell'ambito del PCTO, dell'ampliamento dell'offerta formativa, che hanno promosso l'acquisizione e il potenziamento di alcune competenze chiave europee: autonomia nell'organizzazione degli apprendimenti, nella comunicazione, anche digitale, nel senso di iniziativa ed imprenditorialità e di educazione alla cittadinanza.

Punti di debolezza

E' necessario rafforzare la capacità di pianificare e gestire progetti per raggiungere obiettivi, l'assunzione di responsabilità, il lavoro di squadra. E' inoltre importante potenziare e promuovere l'acquisizione di un buon metodo di studio e di gestione dei compiti scolastici.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola acquisiscono livelli soddisfacenti nelle competenze sociali e civiche, nell'imparare a imparare, nelle competenze digitali e nello spirito di iniziativa e imprenditorialità.

Rubrica di valutazione

5- Positiva

Motivazione

2.4 Risultati a distanza

Punti di forza

In occasione delle attività di Orientamento in uscita,si è organizzato un incontro con studenti diplomati presso il nostro Istituto, iscritti al 1^, al 2^ e al 3^ anno di vari corsi universitari, i quali hanno esposto il loro percorso, i risultati conseguiti, i CFU, le difficoltà riscontrate.

Punti di debolezza

L'Istituto non raccoglie sistematicamente dati sulla quota di studenti occupati entro tre anni dal diploma, su quanti mesi attendono per il primo contratto, su quali sono le tipologie di contratto prevalenti.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti in uscita dalla scuola hanno successo nei successivi percorsi di studio e di lavoro.

Rubrica di valutazione

5- Positiva

Motivazione

    Autovalutazione Indicatori Dettaglio
3.1 Curricolo, progettazione e valutazione

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola propone un curricolo aderente alle esigenze del contesto, progetta attivita' didattiche coerenti con il curricolo, valuta gli studenti utilizzando criteri e strumenti condivisi.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

3.2 Ambiente di apprendimento

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola cura gli aspetti organizzativi, metodologici e relazionali dell'ambiente di apprendimento.

Situazione della scuola

6-

Motivazione

3.3 Inclusione e differenziazione

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola cura l'inclusione degli studenti con bisogni educativi speciali, valorizza le differenze culturali, adegua l'insegnamento ai bisogni formativi di ciascuno studente attraverso percorsi di recupero e potenziamento.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

3.4 Continuita' e orientamento

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola garantisce la continuita' dei percorsi scolastici e cura l'orientamento personale, scolastico e professionale degli studenti.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

3.5 Orientamento strategico e organizzazione della scuola

Punti di Forza:

La scuola è una comunità attiva, aperta al territorio e in grado di sviluppare e aumentare l'interazione con le famiglie e con la comunità locale, comprese le organizzazioni del terzo settore e le imprese. La scuola ha utilizzato spesso forme di rendicontazione esterna della propria attività grazie ai canali della comunicazione formale e digitale.

Punti di Debolezza

Le risorse economiche non sono sempre sufficienti a garantire la realizzazione di tutti i progetti che la scuola si prefigge di attuare.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola definisce la propria missione e la visione, monitora in modo sistematico le attività che svolge, individua ruoli di responsabilita' e compiti per il personale in modo funzionale e utilizza in modo adeguato le risorse economiche.

Situazione della scuola

6-

Motivazione

3.6 Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane

Punti di Forza:

La scuola realizza iniziative formative che rispondono ai bisogni formativi del personale: competenze digitali, didattica per competenze, inclusione, competenze linguistiche, metodi di didattica innovativa. Le modalita' adottate dalla scuola per valorizzare il personale sono chiare e trasparenti e la maggior parte degli incarichi sono assegnati sulla base delle competenze professionali possedute, dichiarate mediante il curriculum vitae e per la partecipazione ai bandi o alle domande per la selezione di figure specifiche. Nella scuola sono presenti gruppi di lavoro a livello dipartimentale, ma anche per settori come i PCTO, i progetti PON e POR, l'Orientamento e la Continuità, l'Inclusione. Possono formarsi anche gruppi spontanei di lavoro, in base alle esigenze di organizzazione e coordinamento delle attività. Si registra un buon clima relazionale tra i docenti, con un livello minimo di conflittualità che garantisce la collaborazione.

Punti di Debolezza

I gruppi di lavoro sono spesso composti dallo stesso gruppo di docenti, residenti nei Comuni limitrofi all'Istituto, rispetto ad altri che per difficoltà logistiche ,legate soprattutto al trasporto e alla distanza dal luogo di domicilio, non possono garantire sempre una continuità nella partecipazione alle attività. Si registra anche una carenza nella nell'ampliamento di uno spazio per la raccolta di strumenti e materiali (es. archivio digitale, piattaforma on line) che pure vengono prodotti ma poi non depositati in un repository ben definito. Essi però vengono condivisi tra i docenti.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola valorizza le risorse professionali, promuove percorsi formativi di qualita' e incentiva la collaborazione tra pari.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

3.7 Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie

Punti di Forza:

RETI E CONVENZIONI ATTIVATE VALLO DI DIANO Azioni realizzate Formazione del personale• Risorse condivise Risorse professionali • Soggetti Coinvolti Enti di formazione accreditati• Soggetti privati (banche, fonadazioni, aziende private, ecc.) • Associazioni sportive• Altre associazioni o cooperative ( culturali, di volontariato, di genitori, di categoria, religiose, ecc.) • Autonomie locali (Regione, Provincia, Comune, ecc.)• Associazioni delle imprese, di categoria professionale, organizzazioni sindacali • ASL• Ruolo assunto dalla scuola nella rete: Capofila rete di scopo La scuola utilizza strumenti on-line per la comunicazione con i genitori: registro elettronico, sito istituzionale, canali di comunicazione sociale on-line. La collaborazione con soggetti esterni sull'offerta formativa è rilevante, significativi sono i rapporti con molti enti del territorio. L'Istituto è un punto di riferimento nella nostra realtà territoriale, si sono sviluppati negli ultimi anni convenzioni, protocolli finalizzati non solo alla realizzazione di attività di PCTO ma anche collaborazioni per ampliare e migliorare l'offerta formativa.

Punti di Debolezza

Non si sono riscontrati punti di debolezza. Naturalmente, ci si prefigge un sempre maggior coinvolgimento delle famiglie, implementando dov'è possibile la comunicazione istituzionale e sollecitando tutte le famiglie ad utilizzare gli strumenti di comunicazione online.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola svolge un ruolo propositivo nella promozione di politiche formative territoriali e coinvolge le famiglie nella definizione dell'offerta formativa e nella vita scolastica.

Situazione della scuola

6-

Motivazione

  Dettaglio
Le priorita' si riferiscono agli obiettivi generali che la scuola si prefigge di...

... realizzare nel lungo periodo attraverso l'azione di miglioramento. Le priorita' che la scuola si pone devono necessariamente riguardare gli esiti degli studenti. Si suggerisce di specificare quale delle quattro aree degli Esiti si intenda affrontare (Risultati scolastici, Risultati nelle prove standardizzate nazionali, Competenze chiave europee, Risultati a distanza) e di articolare all'interno quali priorita' si intenda perseguire (es. Diminuzione dell'abbandono scolastico nel primo anno di secondaria di II grado; Riduzione della variabilita' fra le classi; Sviluppo delle competenze sociali degli studenti di secondaria di I grado, ecc.). Si suggerisce di individuare un numero limitato di priorita' (1 o 2 per scuola) selezionandole all’interno di una stessa area o al massimo di due aree degli Esiti degli studenti. I traguardi sono di lungo periodo e riguardano i risultati attesi in relazione alle priorita'. Si tratta di risultati previsti a lungo termine (3 anni). Essi articolano in forma osservabile e/o misurabile i contenuti delle priorita' e rappresentano le mete verso cui la scuola tende nella sua azione di miglioramento. Per ogni priorita' individuata deve essere articolato il relativo traguardo di lungo periodo. Essi pertanto sono riferiti alle aree degli Esiti degli studenti (es. in relazione alla priorita' strategica "Diminuzione dell'abbandono scolastico nel primo anno di secondaria di II grado", il traguardo di lungo periodo puo' essere definito come "Rientrare nella media di abbandoni regionali pari al 4%, e precisamente portare gli abbandoni della scuola al di sotto del 4%"). E' opportuno evidenziare che per la definizione del traguardo che si intende raggiungere non e' sempre necessario indicare una percentuale, ma una tendenza costituita da traguardi di riferimento a cui la scuola mira per migliorare, ovvero alle scuole o alle situazioni con cui e' opportuno confrontarsi

Priorità e Traguardi

Risultati scolastici

PRIORITA'

Implementare le attivita' di sostegno per gli studenti del primo biennio durante l'a. s.

TRAGUARDO

Diminuire l'attribuzione dei debiti formativi.

Obiettivi di processo collegati

- Promuovere corsi di sostegno e di recupero, valorizzando le competenze professionali dei docenti

- Implementare strategie didattiche efficaci che stimolino gli allievi in difficoltà.

- PROGETTARE AMBIENTI DI APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO

- Definire ed applicare strategie di insegnamento stabilite e condivise dai Dipartimenti disciplinari.

- Predisporre azioni strategiche rivolte agli studenti DSA e BES, mediante il gruppo GLI.

- Identificazione degli studenti con BES ed elaborazione di interventi mirati alla riduzione/eliminazione del disagio e/o delle sue conseguenze.

- Promuovere una didattica d'aula e laboratoriale.

- Promuovere figure di docenti tutor per supportare gli studenti del I biennio in difficoltà nelle discipline linguistiche e logico-matematiche

- Valutazione delle competenze mediante scale condivise, approvate dai Dipartimenti didattico-disciplinari e ratificate dal Collegio dei docenti.


PRIORITA'

Miglioramento delle competenze in tutte le materie di studio per singolo indirizzo con passerelle facilitate di trasferimento fra indirizzi di studio.

TRAGUARDO

Primo quadrimestre di valutazione dell'adeguatezza profitto studente-indirizzo di studio prescelto.

Obiettivi di processo collegati

- Promuovere corsi di sostegno e di recupero, valorizzando le competenze professionali dei docenti

- Implementare strategie didattiche efficaci che stimolino gli allievi in difficoltà.

- PROGETTARE AMBIENTI DI APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO

- Definire ed applicare strategie di insegnamento stabilite e condivise dai Dipartimenti disciplinari.

- Valorizzare e potenziare le competenze linguistiche, con particolare riferimento all'italiano nonché alla lingua inglese e ad altre lingue dell'Unione europea, anche mediante l'utilizzo della metodologia Content language integrated learning

- Incentivare contatti continui e collaborativi con le famiglie degli studenti, mediante incontri individualizzati e collegiali a scadenza periodica ravvicinata.

- Potenziare le competenze matematico-logiche e scientifiche

- Pianificare azioni di orientamento continuo per supporare gli studenti nelle scelte di studio, promuovendo anche passerelle tra indirizzi diversi.

- Promuovere una didattica d'aula e laboratoriale.

- Valutazione delle competenze mediante scale condivise, approvate dai Dipartimenti didattico-disciplinari e ratificate dal Collegio dei docenti.


PRIORITA'

Customer satisfaction di studenti e docenti per migliorare l'offerta didattica personalizzata alle esigenze delle classi.

TRAGUARDO

Indicazioni ministeriali coniugate con le peculiarita' delle esigenze del Territorio e degli Studenti.

Obiettivi di processo collegati

-  Agli studenti del primo anno, prima della conclusione dell’anno scolastico, verrà somministrato un questionario conoscitivo atto ad accertare il grado di soddisfazione dell’offerta formativa ricevuta, sia per confermare la esattezza della scelta operata sia per ipotizzare un eventuale ripensamento (attivazione delle  passerelle)

- Valorizzare la scuola intesa come comunità attiva, aperta al territorio e in grado di sviluppare e aumentare l'interazione con le famiglie e con la comunità locale, comprese le organizzazioni del terzo settore e le imprese

- Incentivare contatti continui e collaborativi con le famiglie degli studenti, mediante incontri individualizzati e collegiali a scadenza periodica ravvicinata.

- Pianificare azioni di orientamento continuo per supporare gli studenti nelle scelte di studio, promuovendo anche passerelle tra indirizzi diversi.

- Elaborare piani di studio d'indirizzo aggiornati annualmente, in linea con le esigenze del territorio. Promuovere rapporti costanti con gli Enti e le Associazioni culturali, sociali, politiche, religiose, economiche, sanitarie presenti sul territorio.


PRIORITA'

Abbattimento delle insufficienze mediante piani individualizzati di recupero.

TRAGUARDO

Recupero effettuato mediante interventi mirati su ciascuna tipologia di carenza individuata.

Obiettivi di processo collegati

- Promuovere corsi di sostegno e di recupero, valorizzando le competenze professionali dei docenti

- Implementare strategie didattiche efficaci che stimolino gli allievi in difficoltà.

- PROGETTARE AMBIENTI DI APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO

- Definire ed applicare strategie di insegnamento stabilite e condivise dai Dipartimenti disciplinari.

- Attivare iniziative di aggiornamento e di formazione continue, orientando il personale docente a nuovi approcci didattico-metodologici.

- Predisporre azioni strategiche rivolte agli studenti DSA e BES, mediante il gruppo GLI.

- Identificazione degli studenti con BES ed elaborazione di interventi mirati alla riduzione/eliminazione del disagio e/o delle sue conseguenze.

- Promuovere una didattica d'aula e laboratoriale.

- Promuovere figure di docenti tutor per supportare gli studenti del I biennio in difficoltà nelle discipline linguistiche e logico-matematiche

- Valutazione delle competenze mediante scale condivise, approvate dai Dipartimenti didattico-disciplinari e ratificate dal Collegio dei docenti.


Risultati nelle prove standardizzate nazionali

PRIORITA'

Insufficienza in alcune prove di Italiano e di Matematica.

TRAGUARDO

Attivare strategie didattiche volte a migliorare le competenze di Italiano e di Matematica degli studenti del primo biennio.

Obiettivi di processo collegati

- Promuovere corsi di sostegno e di recupero, valorizzando le competenze professionali dei docenti

- Implementare strategie didattiche efficaci che stimolino gli allievi in difficoltà.

- PROGETTARE AMBIENTI DI APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO

- Definire ed applicare strategie di insegnamento stabilite e condivise dai Dipartimenti disciplinari.

- Predisporre azioni strategiche rivolte agli studenti DSA e BES, mediante il gruppo GLI.

- Potenziare le competenze matematico-logiche e scientifiche

- Promuovere una didattica d'aula e laboratoriale.

- Promuovere figure di docenti tutor per supportare gli studenti del I biennio in difficoltà nelle discipline linguistiche e logico-matematiche

- Valutazione delle competenze mediante scale condivise, approvate dai Dipartimenti didattico-disciplinari e ratificate dal Collegio dei docenti.


PRIORITA'

Miglioramento complessivo dei trend d'Istituto non ancora in linea con la media nazionale.

TRAGUARDO

Implementazione di strategie per raggiungere la media nazionale degli esiti delle prove INVALSI sia in Italiano che in Matematica.

Obiettivi di processo collegati

- Promuovere corsi di sostegno e di recupero, valorizzando le competenze professionali dei docenti

- Implementare strategie didattiche efficaci che stimolino gli allievi in difficoltà.

- PROGETTARE AMBIENTI DI APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO

- Predisporre azioni strategiche rivolte agli studenti DSA e BES, mediante il gruppo GLI.

- Valorizzare e potenziare le competenze linguistiche, con particolare riferimento all'italiano nonché alla lingua inglese e ad altre lingue dell'Unione europea, anche mediante l'utilizzo della metodologia Content language integrated learning

- Potenziare le competenze matematico-logiche e scientifiche

- Promuovere una didattica d'aula e laboratoriale.

- Promuovere figure di docenti tutor per supportare gli studenti del I biennio in difficoltà nelle discipline linguistiche e logico-matematiche


PRIORITA'

Esercitazioni mirate per tutte le classi e non solo per le classi coinvolte nelle prove INVALSI.

TRAGUARDO

Miglioramento delle competenze stabilmente in crescita in tutte le classi dell'Istituto.

Obiettivi di processo collegati

- PROGETTARE AMBIENTI DI APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO

- Implementare strategie didattiche efficaci che stimolino gli allievi in difficoltà.

- Promuovere corsi di sostegno e di recupero, valorizzando le competenze professionali dei docenti

- Valorizzare e potenziare le competenze linguistiche, con particolare riferimento all'italiano nonché alla lingua inglese e ad altre lingue dell'Unione europea, anche mediante l'utilizzo della metodologia Content language integrated learning

- Potenziare le competenze matematico-logiche e scientifiche

- Promuovere una didattica d'aula e laboratoriale.

- Promuovere attività di alfabetizzazione e perfezionamento dell'italiano come lingua seconda attraverso corsi e laboratori per studenti di cittadinanza o di lingua non italiana, da organizzare anche in collaborazione con gli enti locali e il terzo settore, con l'apporto delle comunità di origine, delle famiglie e dei mediatori culturali


Competenze chiave europee

PRIORITA'

Imparare ad imparare, imparare a progettare, imparare a risolvere problemi.

TRAGUARDO

Acquisire autonomia nell'organizzazione degli apprendimenti, acquisire attitudine al lavoro di gruppo e alla risoluzione di problemi.

Obiettivi di processo collegati

- PROGETTARE AMBIENTI DI APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO

- Implementare strategie didattiche efficaci che stimolino gli allievi in difficoltà.

- Sviluppare le competenze digitali degli studenti, con particolare riguardo al pensiero computazionale, all'utilizzo critico e consapevole dei social network e dei media nonché alla produzione e ai legami con il mondo del lavoro.

- Attivare iniziative di aggiornamento e di formazione continue, orientando il personale docente a nuovi approcci didattico-metodologici.

- Promuovere una Scuola "sempre aperta", una "Scuola europea", aperta alle iniziative di sensibilizzazione nazionale ed internazionale

- Sviluppare competenze in materia di cittadinanza attiva e democratica attraverso la valorizzazione dell'educazione interculturale e alla pace, il rispetto delle differenze e il dialogo tra le culture, il sostegno dell'assunzione di responsabilità nonché della solidarietà

- Promuovere una didattica d'aula e laboratoriale.


PRIORITA'

Comunicazione nella lingua madre e almeno in Inglese. Competenze di base in matematica, scienze, tecnologiche e digitali. Capacita' di apprendimento.

TRAGUARDO

Comunicazione nella lingua madre e almeno in Inglese. Competenze di base in matematica, scienze, tecnologiche e digitali. Capacita' di apprendimento.

Obiettivi di processo collegati

- Implementare strategie didattiche efficaci che stimolino gli allievi in difficoltà.

- Definire ed applicare strategie di insegnamento stabilite e condivise dai Dipartimenti disciplinari.

- Attivare iniziative di aggiornamento e di formazione continue, orientando il personale docente a nuovi approcci didattico-metodologici.

- Valorizzare ed incentivare le competenze professionali e la loro diversità.

- Valorizzare e potenziare le competenze linguistiche, con particolare riferimento all'italiano nonché alla lingua inglese e ad altre lingue dell'Unione europea, anche mediante l'utilizzo della metodologia Content language integrated learning

- Potenziare le competenze matematico-logiche e scientifiche

- Identificazione degli studenti con BES ed elaborazione di interventi mirati alla riduzione/eliminazione del disagio e/o delle sue conseguenze.

- Promuovere una didattica d'aula e laboratoriale.

- Promuovere attività di alfabetizzazione e perfezionamento dell'italiano come lingua seconda attraverso corsi e laboratori per studenti di cittadinanza o di lingua non italiana, da organizzare anche in collaborazione con gli enti locali e il terzo settore, con l'apporto delle comunità di origine, delle famiglie e dei mediatori culturali


PRIORITA'

Competenze in termini di educazione alla cittadinanza. Senso di iniziativa ed imprenditorialita'.

TRAGUARDO

Competenze in termini di educazione alla cittadinanza. Senso di iniziativa ed imprenditorialita'.

Obiettivi di processo collegati

- Sviluppare le competenze digitali degli studenti, con particolare riguardo al pensiero computazionale, all'utilizzo critico e consapevole dei social network e dei media nonché alla produzione e ai legami con il mondo del lavoro.

- Prevenire e contrastare la dispersione scolastica, ogni forma di discriminazione e di bullismo, anche informatico; potenziare l'inclusione scolastica e il diritto allo studio degli alunni con bisogni educativi speciali attraverso percorsi individualizzati e personalizzati anche con il supporto e la collaborazione dei servizi socio-sanitari

- Promuovere una Scuola "sempre aperta", una "Scuola europea", aperta alle iniziative di sensibilizzazione nazionale ed internazionale

- Valorizzare la scuola intesa come comunità attiva, aperta al territorio e in grado di sviluppare e aumentare l'interazione con le famiglie e con la comunità locale, comprese le organizzazioni del terzo settore e le imprese

- Sviluppare competenze in materia di cittadinanza attiva e democratica attraverso la valorizzazione dell'educazione interculturale e alla pace, il rispetto delle differenze e il dialogo tra le culture, il sostegno dell'assunzione di responsabilità nonché della solidarietà

- Elaborare piani di studio d'indirizzo aggiornati annualmente, in linea con le esigenze del territorio. Promuovere rapporti costanti con gli Enti e le Associazioni culturali, sociali, politiche, religiose, economiche, sanitarie presenti sul territorio.


PRIORITA'

Consapevolezza ed espressione culturale.

TRAGUARDO

Consapevolezza ed espressione culturale.

Obiettivi di processo collegati

- Sviluppare le competenze digitali degli studenti, con particolare riguardo al pensiero computazionale, all'utilizzo critico e consapevole dei social network e dei media nonché alla produzione e ai legami con il mondo del lavoro.

- Promuovere una Scuola "sempre aperta", una "Scuola europea", aperta alle iniziative di sensibilizzazione nazionale ed internazionale

- Valorizzare la scuola intesa come comunità attiva, aperta al territorio e in grado di sviluppare e aumentare l'interazione con le famiglie e con la comunità locale, comprese le organizzazioni del terzo settore e le imprese

- Sviluppare competenze in materia di cittadinanza attiva e democratica attraverso la valorizzazione dell'educazione interculturale e alla pace, il rispetto delle differenze e il dialogo tra le culture, il sostegno dell'assunzione di responsabilità nonché della solidarietà


Risultati a distanza

PRIORITA'

Approfondimento della preparazione individuale e ricerca.

TRAGUARDO

Garantire il successo degli studi universitari e/o l'inserimento nel mondo del lavoro.

Obiettivi di processo collegati

- Sviluppare le competenze digitali degli studenti, con particolare riguardo al pensiero computazionale, all'utilizzo critico e consapevole dei social network e dei media nonché alla produzione e ai legami con il mondo del lavoro.

- ORIENTAMENTO in USCITA Somministrare test di orientamento o di interesse per  individuare  le materie o il campo di occupazione   per   i     quali     si    manifesta    predisposizione.

- Valorizzare la scuola intesa come comunità attiva, aperta al territorio e in grado di sviluppare e aumentare l'interazione con le famiglie e con la comunità locale, comprese le organizzazioni del terzo settore e le imprese

- Allestire per gli studenti in uscita eventi di orientamento per la corretta scelta del percorso universitario o lavorativo post diploma

- Elaborare piani di studio d'indirizzo aggiornati annualmente, in linea con le esigenze del territorio. Promuovere rapporti costanti con gli Enti e le Associazioni culturali, sociali, politiche, religiose, economiche, sanitarie presenti sul territorio.


PRIORITA'

Ampliamento delle competenze linguistiche in tutti gli indirizzi di studio con particolare attenzione alle 4 capacita' di base della lingua Inglese.

TRAGUARDO

Verifica delle competenze linguistiche mediante certificazioni spendibili su piano europeo (British Council IELTS - Academic-Cambridge Assessmnt English).

Obiettivi di processo collegati

- Implementare strategie didattiche efficaci che stimolino gli allievi in difficoltà.

- Promuovere corsi di sostegno e di recupero, valorizzando le competenze professionali dei docenti

- Attivare iniziative di aggiornamento e di formazione continue, orientando il personale docente a nuovi approcci didattico-metodologici.

- Valorizzare e potenziare le competenze linguistiche, con particolare riferimento all'italiano nonché alla lingua inglese e ad altre lingue dell'Unione europea, anche mediante l'utilizzo della metodologia Content language integrated learning

- Promuovere una Scuola "sempre aperta", una "Scuola europea", aperta alle iniziative di sensibilizzazione nazionale ed internazionale


PRIORITA'

Verifica delle competenze acquisite attraverso un follow up delle attivita' svolte in ambito europeo dal quoziente Alunni coinvolti/tot. Alunni iscritti.

TRAGUARDO

Incentivare il numero di cooperazioni internazionali aperte con scuole secondarie superiori dell'UE ed extracomunitarie.

Obiettivi di processo collegati

- Promuovere una Scuola "sempre aperta", una "Scuola europea", aperta alle iniziative di sensibilizzazione nazionale ed internazionale

- Sviluppare competenze in materia di cittadinanza attiva e democratica attraverso la valorizzazione dell'educazione interculturale e alla pace, il rispetto delle differenze e il dialogo tra le culture, il sostegno dell'assunzione di responsabilità nonché della solidarietà


PRIORITA'

Coinvolgimento ed inserimento nel percorso di studio di minorenni non accompagnati dal background traumatico(guerra, violenza, emigrazione coatta).

TRAGUARDO

Capacita' di integrazione di alunni provenienti da nazioni extra UE nell'ambito dell'emergenza internazionale Emigrazione nel Mediterraneo.

Obiettivi di processo collegati

- Promuovere corsi di sostegno e di recupero, valorizzando le competenze professionali dei docenti

- Implementare strategie didattiche efficaci che stimolino gli allievi in difficoltà.

- PROGETTARE AMBIENTI DI APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO

- Definire ed applicare strategie di insegnamento stabilite e condivise dai Dipartimenti disciplinari.

- Attivare iniziative di aggiornamento e di formazione continue, orientando il personale docente a nuovi approcci didattico-metodologici.

- Prevenire e contrastare la dispersione scolastica, ogni forma di discriminazione e di bullismo, anche informatico; potenziare l'inclusione scolastica e il diritto allo studio degli alunni con bisogni educativi speciali attraverso percorsi individualizzati e personalizzati anche con il supporto e la collaborazione dei servizi socio-sanitari

- Valorizzare la scuola intesa come comunità attiva, aperta al territorio e in grado di sviluppare e aumentare l'interazione con le famiglie e con la comunità locale, comprese le organizzazioni del terzo settore e le imprese

- Individuare personale preposto al mantenimento degli standard in materia di salute e benessere psico-fisico degli utenti della scuola.

- Identificazione degli studenti con BES ed elaborazione di interventi mirati alla riduzione/eliminazione del disagio e/o delle sue conseguenze.

- Promuovere una didattica d'aula e laboratoriale.

- Elaborare piani di studio d'indirizzo aggiornati annualmente, in linea con le esigenze del territorio. Promuovere rapporti costanti con gli Enti e le Associazioni culturali, sociali, politiche, religiose, economiche, sanitarie presenti sul territorio.

- Promuovere attività di alfabetizzazione e perfezionamento dell'italiano come lingua seconda attraverso corsi e laboratori per studenti di cittadinanza o di lingua non italiana, da organizzare anche in collaborazione con gli enti locali e il terzo settore, con l'apporto delle comunità di origine, delle famiglie e dei mediatori culturali


MOTIVAZIONE SCELTA PRIORITA'

Gli obiettivi di processo rappresentano una definizione operativa delle attività...
... su cui si intende agire concretamente per raggiungere le priorita' individuate. Essi costituiscono degli obiettivi operativi da raggiungere nel breve periodo (un anno scolastico) e riguardano una o piu' aree di processo. Si suggerisce di indicare l'area o le aree di processo su cui si intende intervenire e descrivere gli obiettivi che la scuola si prefigge di raggiungere a conclusione del prossimo anno scolastico (es. Promuovere una figura di docente tutor per supportare gli studenti in difficolta' del primo anno dell'indirizzo linguistico nella scuola secondaria di II grado; Individuare criteri di formazione delle classi che garantiscano equi-eterogeneita'; Utilizzare criteri di valutazione omogenei e condivisi per la matematica nella scuola primaria; Ridurre gli episodi di esclusione e i fenomeni di bullismo nella scuola secondaria di I grado; ecc.).

Obiettivi di processo

Curricolo, progettazione e valutazione

Sviluppare competenze in materia di cittadinanza attiva e democratica attraverso la valorizzazione dell'educazione interculturale e alla pace, il rispetto delle differenze e il dialogo tra le culture, il sostegno dell'assunzione di responsabilità nonché della solidarietà

Promuovere attività di alfabetizzazione e perfezionamento dell'italiano come lingua seconda attraverso corsi e laboratori per studenti di cittadinanza o di lingua non italiana, da organizzare anche in collaborazione con gli enti locali e il terzo settore, con l'apporto delle comunità di origine, delle famiglie e dei mediatori culturali

Promuovere figure di docenti tutor per supportare gli studenti del I biennio in difficoltà nelle discipline linguistiche e logico-matematiche

Valutazione delle competenze mediante scale condivise, approvate dai Dipartimenti didattico-disciplinari e ratificate dal Collegio dei docenti.

Ambiente di apprendimento

PROGETTARE AMBIENTI DI APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO

Valorizzare e potenziare le competenze linguistiche, con particolare riferimento all'italiano nonché alla lingua inglese e ad altre lingue dell'Unione europea, anche mediante l'utilizzo della metodologia Content language integrated learning

Potenziare le competenze matematico-logiche e scientifiche

Promuovere una didattica d'aula e laboratoriale.

Inclusione e differenziazione

Implementare strategie didattiche efficaci che stimolino gli allievi in difficoltà.

Prevenire e contrastare la dispersione scolastica, ogni forma di discriminazione e di bullismo, anche informatico; potenziare l'inclusione scolastica e il diritto allo studio degli alunni con bisogni educativi speciali attraverso percorsi individualizzati e personalizzati anche con il supporto e la collaborazione dei servizi socio-sanitari

Predisporre azioni strategiche rivolte agli studenti DSA e BES, mediante il gruppo GLI.

Identificazione degli studenti con BES ed elaborazione di interventi mirati alla riduzione/eliminazione del disagio e/o delle sue conseguenze.

Continuita' e orientamento

ORIENTAMENTO in USCITA Somministrare test di orientamento o di interesse per  individuare  le materie o il campo di occupazione   per   i     quali     si    manifesta    predisposizione.

Organizzare per gli studenti in ingresso Open day ed eventi informativi pre-iscrizione con passerelle facilitate di passaggio fra indirizzi.

Allestire per gli studenti in uscita eventi di orientamento per la corretta scelta del percorso universitario o lavorativo post diploma

Pianificare azioni di orientamento continuo per supporare gli studenti nelle scelte di studio, promuovendo anche passerelle tra indirizzi diversi.

Orientamento strategico e organizzazione della scuola

Sviluppare le competenze digitali degli studenti, con particolare riguardo al pensiero computazionale, all'utilizzo critico e consapevole dei social network e dei media nonché alla produzione e ai legami con il mondo del lavoro.

Definire ed applicare strategie di insegnamento stabilite e condivise dai Dipartimenti disciplinari.

Promuovere una Scuola "sempre aperta", una "Scuola europea", aperta alle iniziative di sensibilizzazione nazionale ed internazionale

Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane

Promuovere corsi di sostegno e di recupero, valorizzando le competenze professionali dei docenti

Attivare iniziative di aggiornamento e di formazione continue, orientando il personale docente a nuovi approcci didattico-metodologici.

Valorizzare ed incentivare le competenze professionali e la loro diversità.

Individuare personale preposto al mantenimento degli standard in materia di salute e benessere psico-fisico degli utenti della scuola.

Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie

 Agli studenti del primo anno, prima della conclusione dell’anno scolastico, verrà somministrato un questionario conoscitivo atto ad accertare il grado di soddisfazione dell’offerta formativa ricevuta, sia per confermare la esattezza della scelta operata sia per ipotizzare un eventuale ripensamento (attivazione delle  passerelle)

Valorizzare la scuola intesa come comunità attiva, aperta al territorio e in grado di sviluppare e aumentare l'interazione con le famiglie e con la comunità locale, comprese le organizzazioni del terzo settore e le imprese

Incentivare contatti continui e collaborativi con le famiglie degli studenti, mediante incontri individualizzati e collegiali a scadenza periodica ravvicinata.

Elaborare piani di studio d'indirizzo aggiornati annualmente, in linea con le esigenze del territorio. Promuovere rapporti costanti con gli Enti e le Associazioni culturali, sociali, politiche, religiose, economiche, sanitarie presenti sul territorio.

Contributo degli obiettivi di processo nel raggiungimento delle priorità