Indicatori Dettaglio
1.1 Popolazione scolastica

Opportunità

L'offerta formativa promossa dall'I.T.E.S. Polo Commerciale " Pitagora" di Taranto, si rivolge al mondo del lavoro e dell'impresa, favorendo percorsi didattici, educativi e culturali strettamente connessi ai bisogni del contesto socio-economico del territorio. Una significativa opportunità della scuola riguarda il rilancio del settore turistico della città dei Due Mari quale via alternativa alla crisi del settore industriale generante un elevato tasso di disoccupazione. La progettualità dell’Istituto Pitagora è legata alla esigenza di una maggiore fruibilità dei beni storico-culturali, mediante il miglioramento delle attività produttive e la diversificazione del prodotto turistico. La scuola si caratterizza come Polo formativo tecnico-economico di riferimento per le imprese e le Istituzioni del territorio. Inoltre, rappresenta un collante fra il mondo delle imprese e l’istruzione universitaria. L’azione di orientamento che l’Istituto svolge in sinergia con gli Atenei pugliesi risulta rilevante. Gli studenti con cittadinanza non italiana e/o di prima immigrazione sono inseriti e integrati nel processo scolastico. L'Istituto, infatti, si presenta come scuola “inclusiva” nel territorio tarantino al fine di rispondere concretamente ai bisogni formativi dei giovani studenti e ponendo l'opportuna attenzione alle effettive prospettive del mercato del lavoro in costante evoluzione.

Vincoli

Gli studenti pendolari evidenziano le difficoltà relative a garantire la propria partecipazione ad attività didattiche extracurriculari a causa dei ridotti e non coincidenti orari dei mezzi di trasporto pubblico. Occorre, inoltre, un impegno straordinario perchè la banda larga raggiunga l'Istituto e tutti gli studenti dispongano di dispositivi digitali adeguati.

1.2 Territorio e capitale sociale

Opportunità

L'offerta formativa del Polo Commerciale "Pitagora" di Taranto offre un viaggio nel mondo dell'economia e un piano didattico di educazione imprenditoriale che consente agli studenti non solo di conoscersi al meglio delle personali capacità, ma anche le professioni e le attività produttive emergenti dai differenti settori lavorativi. Il nostro Istituto si colloca in una buona posizione per l'indirizzo tecnico-economico nella classifica Eduscopio 2018, contribuisce alla costruzione di un nuovo modello di sviluppo e partecipa attivamente al percorso di crescita del contesto socio-economico e culturale del territorio tarantino. Fra i molteplici progetti approvati nelle sedi collegiali, è da menzionare “Amo Taranto perché la conosco“: un lungimirante programma di conoscenza e di amore verso la città di Taranto, nato tra i banchi della nostra scuola e con il merito di accrescere nei giovani la consapevolezza delle potenzialità del contesto di appartenenza, promuovendo attività finalizzate a un sensibile cambiamento di storia, mare, natura. L’I.T.E.S. Polo Commerciale “Pitagora" stipula numerosi accordi di rete, convenzioni, partenariati con enti pubblici e privati; offre agli studenti valide opportunità volte alla valorizzazione delle bellezze naturali. Dall' a. s. 2020/2021 gli studenti delle terze classi avranno la possibilità di aderire al progetto P-Tech IBM promosso da IBM Corporation con il New York City Department of Education.

Vincoli

Gli accordi stipulati hanno validità triennale e/o annuale e possono essere soggetti a variazioni e restano in vigore sino alla naturale scadenza o al conseguimento delle finalità prefissate.

1.3 Risorse economiche e materiali

Opportunità

L’ I.T.E.S. Polo Commerciale “Pitagora" di Taranto, con la sua secolare esistenza di scuola autorevole, coniuga tradizione e innovazione mediante metodologie d'avanguardia, laboratori professionali e aule video attrezzati e di ultima generazione, aula 3.0, il teatro "Emanuele Basile" rinnovato con capienza di 220 posti e una biblioteca storica (n. 2500 volumi) frequentata da docenti e studenti. La succursale di via Mascherpa n. 6 attualmente dispone di ambienti didattico-operativi recentemente ristrutturati e messi in sicurezza, con moderni laboratori linguistici, scientifici e informatici e un'ampia aula per eventi e conferenze. L'Istituto può contare, oltre che sul finanziamento statale, anche su una modesta quota proveniente dalle erogazioni liberali delle famiglie. I finanziamenti europei e regionali (PON e POR) contribuiscono ad ampliare l'offerta formativa e a prevedere azioni per tutti gli studenti. Con il progetto SMART (FESRPON-PU-2020-520), la scuola ha inteso fornire supporti strumentali utili a portare la didattica nelle case degli studenti e delle studentesse nei periodi di sospensione delle attività in presenza a seguito delle misure restrittive adottate a causa della diffusione dell’epidemia da Covid 19. Oltre a prevedere il comodato d'uso per studenti e studentesse, il materiale acquistato potrà essere utilizzato nelle attività didattiche della fase post-emergenziale.

Vincoli

Le risorse economiche risultano essere non sufficienti in proporzione agli iscritti e alle attività formative approvate nelle sedi collegiali. La crisi occupazionale delle famiglie ha influito sul decremento delle erogazioni liberali. L' edificio della sede centrale abbisogna di ulteriori e più duraturi interventi strutturali e la dotazione di un ascensore, già richiesti all'Ente proprietario. Sono stati avviati i lavori per l'efficientamento energetico, con la sostituzione degli infissi e dell'impianto di riscaldamento: ancora non è possibile prevedere la loro ultimazione.

1.4 Risorse professionali

Opportunità

La stabilità dell'organico del personale docente e ATA garantisce una struttura organizzativa solida ed efficiente. Dal 1° settembre 2015, la Dott.ssa Nadia Bonucci è il Dirigente Scolastico con incarico triennale rinnovato nel 2018. La sua affermata leadership e la personale disponibilità al confronto favoriscono un clima positivo e dinamico, fondato sulla sinergia e collaborazione reciproca fra tutti gli attori coinvolti. L'organico dell'autonomia dell'I.T.E.S. "Pitagora" di Taranto è così definito: - docenti a tempo indeterminato (n. 98); - docenti a tempo determinato (n. 14). I docenti presentano una età distribuita come segue: n. 58 hanno da 55 anni in su, n. 26 dai 45 ai 54 anni, n. 4 hanno tra i 35 e 44 anni. Diversi docenti sono in possesso di competenze linguistiche e informatiche certificate e assicurano con elevata professionalità la continuità e la qualità nei processi di insegnamento. Il personale ATA é costituito da: - DSGA; - assistenti amministrativi (n. 8); - assistenti tecnici (n. 13); - collaboratori scolastici (n. 10). I docenti di sostegno titolari hanno laurea e titolo di specializzazione e tutti gli insegnanti sono sensibili ai bisogni formativi degli studenti con disabilità e/o con disturbi di apprendimento. Nel nostro Istituto sono predisposti piani educativi individualizzati, piani didattici personalizzati ed è promosso l'utilizzo di strumenti dispensativi e compensativi.

Vincoli

In prospettiva di una più ricca progettualità finalizzata al successo formativo degli studenti e alla diminuzione della popolazione scolastica, risulta essenziale una maggiore consistenza numerica dell'organico per il potenziamento dell'Offerta Formativa.

    Autovalutazione Indicatori Dettaglio
2.1 Risultati scolastici

Punti di forza

Il report sugli esiti degli scrutini finali dell' a. s. 2019/2020, evidenzia che: - tutti gli studenti sono stati ammessi alla classe successiva; - la percentuale di abbandoni o di trasferimenti ad altri Istituti è stata pari allo 0,7% degli iscritti. Tali risultati non sono stati ottenuti per una sorta di "sospensione del giudizio" in seguito alla particolare situazione venutasi a creare con l' interruzione della attività didattica in presenza, ma sono una certificazione dell' eccezionale lavoro e dello straordinario impegno nell' utilizzo dei nuovi ambienti di apprendimento. Per quanto concerne l'Esame di Stato dell'a.s. 2019/2020 è emerso che: - l'11,6 % ha conseguito la votazione di 60/100; - il 26,8 % un voto compreso tra 61 e 70/100; - il 26,8 % un voto compreso tra 81 e 90/100; - il 18,1 % un voto compreso tra 91 e 100/100; - lo 0,7 % ha conseguito la lode. In seguito a un processo di inclusione che la scuola come istituzione promuove da alcuni anni, gli studenti stranieri - iscritti e frequentanti il nostro Istituto - hanno raggiunto risultati positivi, sia sul piano delle conoscenze didattiche che della crescita personale. A loro è stata riservata un'attenzione costante poiché portatori di un bagaglio culturale ed esperienziale differente. Le azioni e le strategie attivate hanno favorito la percezione di "benessere a scuola" e facilitato il raggiungimento del successo formativo.

Punti di debolezza

Gli esiti della valutazione interna d'Istituto hanno evidenziato la necessità di innalzare il livello di apprendimento degli studenti nelle discipline di matematica, economia aziendale e inglese, rimodulando le azioni di insegnamento, nella visione di un continuo miglioramento delle competenze didattiche degli studenti e, pertanto, dell'Offerta Formativa.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola portano avanti regolarmente il loro percorso di studi, lo concludono e conseguono risultati soddisfacenti agli esami finali.

Rubrica di valutazione

5- Positiva

Motivazione

La priorità del Piano Triennale dell'Offerta Formativa dell'I.T.E.S. Polo Commerciale "Pitagora" di Taranto é di garantire un percorso di studi finalizzato al successo scolastico degli studenti. Le azioni attivate, al fine di rispondere ai bisogni degli utenti, e la condivisione delle problematiche nelle opportune sedi collegiali determinano la riduzione della percentuale di abbandoni e/o di trasferimenti verso altre istituzioni scolastiche del territorio.

2.2 Risultati nelle prove standardizzate nazionali

Punti di forza

L' I.T.E.S. Polo Commerciale "Pitagora" di Taranto da alcuni anni si adopera per potenziare le conoscenze e le competenze degli studenti del primo biennio e per migliorare i risultati ottenuti nelle prove Invalsi. I risultati raggiunti nelle prove standardizzate nazionali sono stati complessivamente in linea con la media di riferimento: nelle prove di italiano i valori sono pari alla media della regione Puglia; nelle prove di matematica un po' sopra la media del contesto scolastico regionale. A tal proposito, anche nell' a.s. 2019/2020, negli incontri effettuati dai dipartimenti interni di disciplina (Italiano e Matematica), è stato programmato un percorso didattico per rendere famigliare agli studenti la tipologia e la modalità di svolgimento delle prove somministrate a livello nazionale. A causa della sospensione delle attività didattiche in presenza, disposta dal DPCM del 04 marzo 2020 tese a fronteggiare l'emergenza sanitaria da COVID-19, e dalle successive decretazioni del Governo, però, le prove INVALSI non si sono svolte.

Punti di debolezza

Pur non essendosi svolte le prove INVALSI, gli esiti della valutazione interna di Istituto hanno confermato fra le priorità del Piano Triennale dell'Offerta Formativa: - il migliorare i livelli di apprendimento per ottenere esiti ancora più soddisfacenti; - il diminuire la variabilità fra le classi; - l' aumentare la percentuale di studenti nelle fasce medio-alte degli apprendimenti.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola raggiungono livelli di apprendimento soddisfacenti in italiano e matematica in relazione ai livelli di partenza e alle caratteristiche del contesto.

Rubrica di valutazione

5- Positiva

Motivazione

Le prove nazionali INVALSI non sono state svolte a causa della sospensione delle attività didattiche in presenza, disposta dal DPCM del 04 marzo 2020 tese a fronteggiare l'emergenza sanitaria da COVID-19, e dalle successive decretazioni del Governo. L'obiettivo, comunque, dell'azione didattica é di supportare gli studenti al fine di diminuire la variabilità fra le classi e garantire loro il raggiungimento di livelli di apprendimento più soddisfacenti.

2.3 Competenze chiave europee

Punti di forza

Con riferimento alla Raccomandazione del Consiglio Europeo del 22/5/2018 e alle Linee Guida per gli Istituti Tecnici (Direttive MIUR n. 57 del 15/7/2010 e n. 69 del 1/8/2012), le azioni di Istituto sono rivolte all'acquisizione delle seguenti competenze chiave: -imparare ad imparare; - sociale e civica in materia di cittadinanza; - digitale; - imprenditoriale. Durante il primo biennio l'apprendimento dei saperi-chiave, soprattutto con attività laboratoriali, rappresenta una funzione orientativa. Nel secondo biennio le discipline di indirizzo assumono connotazioni specifiche con l'obiettivo, al termine del quinto anno, di far acquisire agli studenti una competenza di settore idonea per la prosecuzione degli studi o per l’esercizio delle professioni tecniche. Molti studenti conseguono le certificazioni di lingua straniera presso Enti accreditati, in relazione ai livelli di competenza raggiunti. Nel corso del secondo biennio e del quinto anno, un congruo numero di studenti sostiene con successo gli esami per la certificazione ECDL FULL STANDARD sulla base delle indicazioni fornite dall’associazione AICA. Agli inizi dell' a.s. 2019/2020, il Collegio dei Docenti ha iniziato a elaborare un piano per l'Insegnamento trasversale dell'Educazione Civica perché già a settembre dell'anno successivo fosse pronta una UDA, per ogni consiglio di classe, per la nuova disciplina, con relativa rubrica di valutazione.

Punti di debolezza

Migliorare gli strumenti per la rilevazione oggettiva del grado di raggiungimento delle competenze chiave e di cittadinanza. I risultati del questionario di autovalutazione somministrato al personale docente e agli studenti ha mostrato che la scuola è in grado di sostenere i propri alunni nell'emergenza sanitaria anche attraverso la DaD. Le criticità rilevate sono in parte legate all'accesso alla strumentazione tecnologica in parte a problemi di connettività.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola acquisiscono livelli soddisfacenti nelle competenze sociali e civiche, nell'imparare a imparare, nelle competenze digitali e nello spirito di iniziativa e imprenditorialità.

Rubrica di valutazione

5- Positiva

Motivazione

L' I.T.E.S. Polo Commerciale "Pitagora" di Taranto propone interventi didattici finalizzati all'acquisizione delle competenze chiave europee. Gli studenti partecipano a progetti e intraprendono iniziative legate ai temi della convivenza civile, del volontariato e della cittadinanza attiva. Le competenze sociali come la collaborazione tra pari, la responsabilità e il rispetto delle regole risultano sviluppate. La maggior parte di loro evidenzia il raggiungimento della auspicata autonomia nell'organizzazione dello studio e nell'autoregolazione degli atteggiamenti individuali anche in relazione alla netiquette durante la DaD. Non risulta la presenza di condotte problematiche. In casi di criticità, il consolidamento delle strategie interlocutorie e rieducative consente di contenere situazioni potenzialmente a rischio. L' Istituto adotta criteri comuni per la valutazione del comportamento degli studenti.

2.4 Risultati a distanza

Punti di forza

 Il punto di forza dell’I.T.E.S Polo Commerciale "Pitagora” di Taranto é quello di connotarsi quale scuola di vita, di farsi portavoce delle istanze dei propri studenti fornendo loro validi strumenti per affrontare il proprio avvenire. La formazione disciplinare acquisita nel nostro Istituto consente l'iscrizione a corsi di laurea in materie giuridiche ed economiche, l'inserimento lavorativo nei correlati settori e la partecipazione a concorsi nelle Forze Armate o nella Pubblica Amministrazione. “Pietra miliare” dell’istruzione tecnica ionica, esempio di funzionalità territoriale e di interazione con il mondo dell’impresa, dal primo biennio al quinto anno, i percorsi didattici attivati dal Polo Commerciale tarantino si caratterizzano per gli spazi crescenti di flessibilità funzionale agli indirizzi specifici e in linea con l'innovazione tecnologica e le esigenze del territorio di riferimento. Dopo aver conseguito il Diploma, una buona percentuale di studenti trova occupazione nell'ambito bancario e creditizio, in aziende private di servizi, in enti pubblici con mansioni amministrative e contabili, in studi di consulenza giuridica, commerciale e fiscale. L'indirizzo turistico offre possibilità professionali nella gestione dei rapporti aziendali nazionali e internazionali riguardanti differenti realtà geopolitiche e con particolare attenzione alla valorizzazione del patrimonio culturale, artistico, artigianale, enogastronomico, paesaggistico e ambientale.

Punti di debolezza

Si riscontrano difficoltà nel monitoraggio degli studenti inseriti a tempo pieno nel mondo del lavoro a causa del tempo trascorso dal termine dei loro studi nel nostro Istituto e anche per la loro distanza geografica dalla città di origine.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti in uscita dalla scuola hanno successo nei successivi percorsi di studio e di lavoro.

Rubrica di valutazione

5- Positiva

Motivazione

Al termine del percorso scolastico, il numero di immatricolati a corsi di laurea universitari a carattere giuridico-economico è nella media nazionale; buona parte degli studenti si inserisce nel mondo del lavoro o partecipa a concorsi nelle Forze Armate e nella Pubblica Amministrazione. Talvolta le aspettative occupazionali sono disattese e alcuni giovani sono costretti ad allontanarsi dal contesto in cui vivono per iniziare a svolgere altrove un'attività lavorativa confacente al proprio percorso formativo.

    Autovalutazione Indicatori Dettaglio
3.1 Curricolo, progettazione e valutazione

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola propone un curricolo aderente alle esigenze del contesto, progetta attivita' didattiche coerenti con il curricolo, valuta gli studenti utilizzando criteri e strumenti condivisi.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

Le componenti della comunità educante del Polo Commerciale di Taranto I.T.E.S. "Pitagora" si impegnano con evidente sinergia per garantire ordine e sistematicità al percorso di insegnamento-apprendimento. In linea con le normative vigenti, i gruppi di lavoro riuniti nei dipartimenti interni stabiliscono: - le linee comuni per la stesura delle progettazioni; - l' adozione di rubriche valutative per la valutazione delle competenze disciplinari e trasversali; - gli interventi mirati al raggiungimento di abilità, conoscenze e competenze; - le scelte didattiche che realizzino un ambiente di apprendimento inclusivo con percorsi personalizzati; - le metodologie attive che favoriscano la competenza dell'argomentazione e il pensiero divergente. I diversi referenti di progetti e le funzioni strumentali di Istituto collaborano per assicurare i seguenti aspetti determinanti per il buon andamento della scuola: - il funzionamento regolare dell'organizzazione didattico-formativa; - l' organizzazione di interventi finalizzati all'ampliamento dell'offerta formativa; - la cura delle potenzialità e delle necessità educativo-formative degli studenti. Risultano confortanti i dati amministrativi rilevanti la diminuzione della dispersione scolastica e l'aumento degli alunni ammessi alle classi successive. L'Istituto attiva corsi di recupero e/o potenziamento per gli studenti con difficoltà in alcune discipline durante gli anni scolastici di riferimento.

3.2 Ambiente di apprendimento

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola cura gli aspetti organizzativi, metodologici e relazionali dell'ambiente di apprendimento.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

L'organizzazione degli spazi e dei tempi dell' I.T.E.S. Polo Commerciale " Pitagora" di Taranto risponde alle esigenze degli studenti iscritti e frequentanti. Risultano numerosi i momenti di confronto tra docenti sulle scelte didattico-metodologiche motivate dalla composizione eterogenea delle classi e per le conseguenze della grave situazione sanitaria per la quale l'Istituto si è adoperato per fornire il maggior numero di dispositivi digitali in comodato gratuito. Normalmente, l' uso della biblioteca e dei laboratori é una pratica ordinaria per tutte le classi, ma anche per lavori individuali o di gruppo. La positiva relazione tra alunni e docenti e la collaborazione tra pari consentono una reale condivisione dell' ambiente educativo. L' utilizzo delle tecnologie informatiche e digitali è stato sempre, anche durante le lezioni in presenza, di fondamentale ausilio nelle pratiche didattiche ed educative.

3.3 Inclusione e differenziazione

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola cura l'inclusione degli studenti con bisogni educativi speciali, valorizza le differenze culturali, adegua l'insegnamento ai bisogni formativi di ciascuno studente attraverso percorsi di recupero e potenziamento.

Situazione della scuola

6-

Motivazione

L'I.T.E.S. Polo Commerciale "Pitagora" di Taranto promuove il rispetto delle diversità, predispone percorsi didattici in funzione dei bisogni individuali e verifica i risultati del lavoro svolto in aula e nei laboratori. Il Piano Triennale dell'Offerta Formativa del nostro Istituto insiste sull'alleanza attiva tra scuola e famiglia, fondata sulla condivisione degli obiettivi da perseguire e nel rispetto dei ruoli e dei compiti degli attori coinvolti. Le famiglie partecipano alla stesura dei piani educativi individualizzati (P.E.I.) e dei piani didattici personalizzati (P.D.P.) e collaborano con la scuola per l'incisività dell'azione formativa. Le attività e i progetti didattico-educativi rivolti agli studenti con bisogni speciali trovano il coinvolgimento attivo di tutte le componenti scolastiche ed extrascolastiche (docenti curricolari e di sostegno, studenti e famiglie, personale ATA, enti e associazioni territoriali). Il monitoraggio dei risultati consente di confermare le iniziative programmate o rimodulare gli interventi effettuati. Anche durante la DaD è stato mantenuto un costante rapporto con gli studenti in difficoltà favorendo la loro partecipazione agli ambienti virtuali di apprendimento.

3.4 Continuita' e orientamento

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola garantisce la continuita' dei percorsi scolastici e cura l'orientamento personale, scolastico e professionale degli studenti.

Situazione della scuola

6-

Motivazione

La sinergia dell'I.T.E.S. "Pitagora" di Taranto con i docenti delle scuole secondarie di primo grado e delle università consente la progettazione di iniziative per rendere più agevole il passaggio degli studenti dal primo al secondo ciclo scolastico o alla dimensione accademica. L'Istituto, con il supporto dei docenti coordinatori e/o referenti di attività, fornisce chiare informazioni sul percorso di studi da intraprendere e monitora i risultati degli studenti nel passaggio da un ordine di scuola all'altro. Le attività di orientamento, organizzate e pubblicizzate, coinvolgono le classi interne, richiamano le famiglie, stimolano le inclinazioni e le attitudini individuali degli studenti frequentanti o in via di iscrizione. La scuola, considerandole determinanti, diffonde le indicazioni relative alle esigenze e ai profili richiesti dal contesto territoriale ed extraterritoriale.

3.5 Orientamento strategico e organizzazione della scuola

Punti di Forza:

La "mission” dell' I.T.E.S. Polo Commerciale "Pitagora" di Taranto si esplicita attraverso le seguenti azioni: - accoglienza e formazione degli studenti; - orientamento tra esperienza professionale e innovazione didattico-metodologica; - sviluppo e valorizzazione di talenti; - supporto agli studenti con difficoltà; - costruzione e garanzia dell’inclusione;  - promozione del successo formativo. La "vision” dell'Istituto è migliorare l'immagine della scuola mediante le seguenti pratiche organizzative: - promozione delle attività con efficacia; - condizione di benessere della comunità educante; - progettazione e condivisione di percorsi formativi coerenti. Le azioni e le pratiche suindicate - ai sensi dell'art. 1 comma 7 della L.107/2015 - risultano determinanti nella scelta degli obiettivi prioritari, coesi con gli obiettivi di processo del Piano di Miglioramento e adottati dalla comunità scolastica ed extrascolastica. Lo strumento della valutazione é così articolato: - diagnostica, per la rilevazione dei requisiti di partenza e l'individuazione delle strategie educative e didattiche; - formativa, effettuata a metà di ogni quadrimestre per monitorare i processi di insegnamento-apprendimento; - sommativa, al termine di ogni quadrimestre per verificare il possesso delle competenze definite nella programmazione disciplinare. Le attività di Istituto sono monitorate attraverso sistemi quali: - questionari online rivolti agli studenti sulle aspettative e sul grado di soddisfazione; - schede di autovalutazione, valutazione e rendicontazione delle attività formative rivolte ai docenti referenti; - relazione dettagliata dell'intervento ai fini dell'accountability, della valutazione della qualità dell'offerta formativa e della ricaduta sul successo formativo degli studenti; - questionario sull'inclusività rivolto ai docenti, alle famiglie e agli studenti. Le risorse economiche, allocate nel Programma Annuale, sono di fonte ministeriale e statale (fondo di funzionamento e fondo di Istituto), europea (P.O.N. .FS.E. e P.O.R. F.E.S.R.) e privata (famiglie e donatori). Il Fondo di Istituto, oggetto di contrattazione integrativa con le parti sindacali, è distribuito per il 70% ai docenti e per il 30% alla componente ATA. Le responsabilità e i compiti del personale sono stabiliti con incarichi specifici e definiti in modo analitico. Le assenze del personale sono gestite secondo la normativa vigente. La maggior parte delle spese risultano coerenti con le scelte indicate nel Piano Triennale dell'Offerta Formativa, per la realizzazione dei progetti prioritari volti alla formazione dei docenti, alla prevenzione del disagio, al conseguimento di certificazioni linguistiche ed informatiche, allo sviluppo delle attività artistiche e sportive e alla educazione alla convivenza civile.

Punti di Debolezza

La partecipazione e/o la collaborazione delle famiglie alla vita scolastica, in determinati casi, non trova la continuità richiesta dagli organi di Istituto. La sospensione delle attività didattiche in presenza, a causa dell'emergenza sanitaria da COVID-19, non ha permesso la completa realizzazione di alcuni progetti destinati all'ampliamento dell'offerta formativa.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola definisce la propria missione e la visione, monitora in modo sistematico le attività che svolge, individua ruoli di responsabilita' e compiti per il personale in modo funzionale e utilizza in modo adeguato le risorse economiche.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

L'I.T.E.S. Polo Commerciale di Taranto " Pitagora" ha definito la mission e la vision condividendole con la comunità educante di riferimento. Le risorse economiche e strumentali sono utilizzate coerentemente con le scelte indicate nel Piano Triennale dell'Offerta Formativa, destinate ai bisogni degli studenti e alla realizzazione dei progetti elaborati e deliberati nelle sedi collegiali. Il monitoraggio delle attività di Istituto é finalizzato alla promozione di strategie di miglioramento, all'inclusione e all'accrescimento della motivazione e dei livelli di apprendimento dei discenti. La scuola organizza diverse iniziative volte al recupero delle strumentalità di base, al potenziamento e/o consolidamento delle competenze e alla valorizzazione delle eccellenze. Tali azioni, curriculari ed extracurriculari, sono raggruppate in 10 macroaree: - accoglienza e inclusione; - educazione all’imprenditorialità; - certificazioni; - educazione alla legalità; - scuola e territorio; - futuro sostenibile; - teatro, cinema, giornalismo (spazi di crescita); - mettersi in gioco; - recupero e potenziamento; - orientamento. I progetti prioritari sono relativi all'orientamento in entrata e in uscita, al conseguimento delle certificazioni linguistiche e alle competenze economico-contabili-aziendali.

3.6 Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane

Punti di Forza:

Per l'I.T.E.S. Polo Commerciale “Pitagora” di Taranto la formazione assume priorità strategica per l'importanza dell'investimento da effettuare sulla professionalità dei docenti. Essa rappresenta un momento di garanzia per la valorizzazione e la crescita reale delle risorse interne, nonché di risposta ai bisogni del personale e degli studenti e alla necessità di buone pratiche. La formazione, infatti, promuove e sostiene iniziative funzionali alla costruzione della propria comunità scolastica e all' innalzamento della qualità del proprio progetto didattico-educativo. In coerenza con il Piano formativo Miur del 3/10/2016 e con gli obiettivi del Piano di Miglioramento, l'Istituto ha individuato i seguenti ambiti di formazione per i docenti e per il personale ATA: - aggiornamento disciplinare e innovazione metodologica; - didattica per competenze e le Prove Nazionali INVALSI (discipline coinvolte); - competenze digitali e nuovi ambienti per l'apprendimento; - inclusione e disabilità; - valutazione e miglioramento; - competenze trasversali e per l'orientamento; - sicurezza e salute negli ambienti di lavoro. Per le competenze digitali e i nuovi ambienti per l’apprendimento, si intende procedere per: - rafforzare le competenze digitali del personale scolastico; - correlare l’innovazione didattico-organizzativa con le tecnologie digitali; - promuovere l’utilizzo delle tecnologie in rinnovati ambienti di apprendimento fisici e digitali; - stimolare l’evoluzione dei contenuti, produrli in rete e disseminarli. Le finalità del Piano di formazione del personale interno sono: - favorire un sistema armonico di formazione; - assicurare opportunità formative; - incentivare l’innovazione didattica e metodologica; - incrementare la qualità del singolo e del gruppo docenti; - restare coerenti con gli obiettivi e le priorità individuati nel Rapporto di Autovalutazione (R.A.V.) di Istituto; - documentare le competenze acquisite; - ricorrere a docenti formatori esperti; - facilitare il sistema formativo territoriale con la costituzione di reti di scuole; - ricorrere alla formazione in presenza e a distanza. La scuola promuove la partecipazione a percorsi formativi mirati ad elevare gli standard di qualità dell’inclusione e a contribuire al benessere degli studenti. La condivisione delle "buone prassi" avviene attraverso la costituzione di gruppi di lavoro interni ed esterni quali: - dipartimenti per aree disciplinari; - Gruppo di Lavoro per l'Inclusione (G.L.I.); - Nucleo Interno di Valutazione (N.I.V.); - rete progetto Intercultura.

Punti di Debolezza

Si evidenzia - in rari casi - la resistenza del personale, abituato a una didattica frontale e di tipo meramente trasmissivo, a rinnovarsi e cimentarsi nelle nuove metodologie. Le risorse economiche da impegnare per la formazione non risultano sufficienti per i differenti bisogni manifestati dagli studenti e dal personale scolastico in servizio. Inoltre l' Istituto non è ancora raggiunto dalla banda larga che potrebbe garantire una migliore capacità di connessione.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola valorizza le risorse professionali, promuove percorsi formativi di qualita' e incentiva la collaborazione tra pari.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

L' I.T.E.S. Polo commerciale "Pitagora" di Taranto realizza iniziative formative rispondenti ai bisogni del personale scolastico al fine di valorizzare le competenze di ognuno. I materiali didattici vengono condivisi e utilizzati perché tutta la scuola sia un "ambiente" tutto finalizzato alla conoscenza che veramente realizza l'inclusione e la promozione umana di tutti gli studenti.

3.7 Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie

Punti di Forza:

L'I.T.E.S. Polo Commerciale "Pitagora" di Taranto - considerata la L. n. 107/2015 che favorisce la costituzione di reti di scuole come antecedentemente previsto dall’art. 7 del D.P.R. n. 275/1999 - ha progettato la propria offerta educativo-formativa per assolvere ai nuovi compiti cui è chiamata la scuola italiana. Lo strumento delle diverse forme di rete rappresenta un indicatore della qualità dell’autonomia, consente di realizzare accordi/convenzioni/intese/protocolli/partecipazioni/partenariati/scambi tra gli Istituti e le altre realtà interessate del territorio. Il Polo Commerciale "Pitagora", mediante atti documentali, collabora con le istituzioni, le organizzazioni di Taranto seguenti: - Comune; - Tribunale; - Casa Circondariale; - Ordine degli Avvocati; - Ordine dei Dottori Commercialisti; - Marina Militare; - Arsenale di Taranto; - Centro Servizi UIL; - Camera di Commercio; - Confindustria; - Codacons; - Sistema Impresa C.A.T. Confcommercio; - Università degli Studi “Aldo Moro” di Bari-Dipartimento Jonico in “Sistemi Giuridici ed Economici del Mediterraneo: Società, Ambiente, Culture”; - Associazione Next - Nuova Economia per tutti. L'I.T.E.S. "Pitagora" fa parte di diverse reti di scuole tarantine quali: - Polo Formativo Scuole Ambito 21 con I.I.S.S. “A. Pacinotti” (capofila); - Rete di scopo “Formazione del personale” con Liceo “Archita” (capofila); - Rete “Ecodidattica - Rete di scuole per la sostenibilità ambientale” con I.I.S.S. ”Righi" (capofila); - Rete "Educarsi al futuro, Campagna Sustain-Sacsa" con I.I.S.S. “Righi” (capofila); - Rete “Centro per l'istruzione degli adulti" con CPIA1 (capofila); - Rete sull'orientamento scolastico in ingresso con I.C. “V. Alfieri” (capofila); - Rete “Sport on the beach - attività sportiva su sabbia" con I.I.S.S. “A. Pacinotti" (capofila). Attraverso la distribuzione di questionari conoscitivi e di confronti in presenza, l'Istituto coinvolge le famiglie nella definizione delle proprie scelte inerenti l'offerta formativa triennale (P.T.O.F.), i Regolamenti interni, il Patto di Corresponsabilità e altri documenti rilevanti. La pubblicazione sul sito web e sul registro elettronico delle disposizioni e dei provvedimenti risulta essere fondamentale per la comunicazione scuola-famiglia. Durante l'emergenza sanitaria , l'uso delle piattaforme digitali ha reso possibile un maggiore coinvolgimento delle famiglie non solo nella partecipazione agli organi collegiali ma, anche, nel rapporto con i docenti.

Punti di Debolezza

L'Istituto cerca le modalità per attivarsi al fine di ottenere una maggiore ricaduta sui propri studenti delle opportunità presentate dai soggetti esterni. In alcuni casi la fattibilità degli interventi o la realizzazione dei progetti non trovano la disponibilità delle famiglie per motivazioni esterne alla scuola. Nel rapporto con il territorio occorre un maggior coinvolgimento delle piccole e medie imprese attraverso convenzioni che favoriscano agli studenti un rapporto reale con il mondo del lavoro e alle aziende la possibilità di formare in base alle proprie esigenze i giovani impegnati nei progetti PCTO.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola svolge un ruolo propositivo nella promozione di politiche formative territoriali e coinvolge le famiglie nella definizione dell'offerta formativa e nella vita scolastica.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

L'I.T.E.S. Polo Commerciale "Pitagora" di Taranto stipula accordi/convenzioni/intese/protocolli/partecipazioni/partenariati/scambi con soggetti esterni e tali azioni sono coerentemente integrate con il proprio Piano Triennale dell'Offerta Formativa. I momenti di confronto con le famiglie, le istituzioni, le organizzazioni e le imprese presenti nel territorio avvengono in forma costante e propositiva.

  Dettaglio
Le priorita' si riferiscono agli obiettivi generali che la scuola si prefigge di...

... realizzare nel lungo periodo attraverso l'azione di miglioramento. Le priorita' che la scuola si pone devono necessariamente riguardare gli esiti degli studenti. Si suggerisce di specificare quale delle quattro aree degli Esiti si intenda affrontare (Risultati scolastici, Risultati nelle prove standardizzate nazionali, Competenze chiave europee, Risultati a distanza) e di articolare all'interno quali priorita' si intenda perseguire (es. Diminuzione dell'abbandono scolastico nel primo anno di secondaria di II grado; Riduzione della variabilita' fra le classi; Sviluppo delle competenze sociali degli studenti di secondaria di I grado, ecc.). Si suggerisce di individuare un numero limitato di priorita' (1 o 2 per scuola) selezionandole all’interno di una stessa area o al massimo di due aree degli Esiti degli studenti. I traguardi sono di lungo periodo e riguardano i risultati attesi in relazione alle priorita'. Si tratta di risultati previsti a lungo termine (3 anni). Essi articolano in forma osservabile e/o misurabile i contenuti delle priorita' e rappresentano le mete verso cui la scuola tende nella sua azione di miglioramento. Per ogni priorita' individuata deve essere articolato il relativo traguardo di lungo periodo. Essi pertanto sono riferiti alle aree degli Esiti degli studenti (es. in relazione alla priorita' strategica "Diminuzione dell'abbandono scolastico nel primo anno di secondaria di II grado", il traguardo di lungo periodo puo' essere definito come "Rientrare nella media di abbandoni regionali pari al 4%, e precisamente portare gli abbandoni della scuola al di sotto del 4%"). E' opportuno evidenziare che per la definizione del traguardo che si intende raggiungere non e' sempre necessario indicare una percentuale, ma una tendenza costituita da traguardi di riferimento a cui la scuola mira per migliorare, ovvero alle scuole o alle situazioni con cui e' opportuno confrontarsi

Priorità e Traguardi

Risultati scolastici

PRIORITA'

Favorire il successo formativo degli studenti per diminuire gli insuccessi, gli abbandoni e i trasferimenti ad altri istituti scolastici.

TRAGUARDO

Diminuzione della percentuale degli studenti che abbandonano il percorso degli studi.

Obiettivi di processo collegati

- Migliorare l'immagine dell'Istituto promuovendo le attività della comunità scolastica con mezzi più efficaci.


PRIORITA'

Potenziare la cultura dell’inclusione attraverso un processo responsabile e attivo di crescita e collaborazione fra tutte le componenti della comunità educante. Garantire il diritto allo studio di alunni con bisogni educativi speciali mediante percorsi personalizzati. Prevenire ogni forma di discriminazione e di bullismo, anche informatico.

TRAGUARDO

Valorizzazione della scuola come contesto educante “per tutti e per ciascuno”. Creazione di un ambiente accogliente e di supporto al processo di apprendimento e al successo formativo di tutti gli studenti.

Obiettivi di processo collegati

- Rispondere in modo adeguato alle necessità formative di ogni studente attraverso percorsi individualizzati e personalizzati. Ridurre le barriere che limitano l’apprendimento, incrementando le buone prassi del sostegno inclusivo mediante l’utilizzo di strumenti compensativi e dispensativi.


Risultati nelle prove standardizzate nazionali

PRIORITA'

Migliorare gli esiti delle prove Invalsi riducendo la varianza fra le classi. Aumentare la percentuale di studenti che si colloca nelle fasce medio alte degli apprendimenti.

TRAGUARDO

Allineamento dei risultati delle prove Invalsi di Istituto a quelli nazionali riferiti a scuole con lo stesso background socio-culturale e aumento dei livelli di apprendimento.

Obiettivi di processo collegati

- Migliorare l'immagine dell'Istituto promuovendo le attività della comunità scolastica con mezzi più efficaci.


Competenze chiave europee

PRIORITA'

Promuovere l'educazione alla legalità nelle attività didattiche per favorire la riflessione degli studenti sui valori irrinunciabili di cittadinanza.

TRAGUARDO

Acquisizione di un habitus comportamentale coerente con il Regolamento di Istituto.

Obiettivi di processo collegati

- Entrare in relazione sinergica con il territorio circostante e recepirne i bisogni. Acquisire conoscenze, abilità e competenze spendibili sul mercato del lavoro in tempi rapidi.


Risultati a distanza

PRIORITA'

Migliorare i risultati a distanza attraverso un sistema di monitoraggio. Favorire la riduzione della percentuale degli studenti non ammessi alla classe successiva. Sviluppare competenze in ambito giuridico-economico.

TRAGUARDO

Aumento della percentuale degli studenti iscritti ai corsi universitari. Acquisizione di competenze professionali spendibili nel mondo del lavoro.

Obiettivi di processo collegati

- Pianificare, gestire e valorizzare le risorse umane in modo adeguato e finalizzato al miglior funzionamento della scuola.


MOTIVAZIONE SCELTA PRIORITA'

La scelta delle priorità è effettuata dando importanza ai risultati scolastici, al consolidamento delle competenze di cittadinanza attiva e dei princìpi di legalità, al potenziamento dell’inclusione e del diritto allo studio di tutti gli studenti, in particolare di quelli con bisogni educativi speciali. I traguardi, connessi alle specifiche priorità, sono: - favorire il successo formativo degli studenti per ridurre la percentuale di insuccessi, abbandoni e trasferimenti ad altri istituti scolastici; - acquisire un habitus comportamentale coerente con il Regolamento di Istituto; - valorizzare la scuola come contesto educante “per tutti e per ciascuno” - creare un ambiente accogliente e di supporto al processo di apprendimento e al successo formativo di tutti gli studenti. Gli obiettivi di processo collegati sono: - migliorare l’immagine dell’Istituto promuovendo gli interventi della comunità scolastica con mezzi più efficaci; - pianificare, gestire e valorizzare adeguatamente le risorse umane per il miglior funzionamento della scuola; - rispondere alle necessità formative di ogni studente attraverso percorsi individualizzati; - ridurre le barriere che limitano l’apprendimento incrementando le buone prassi del sostegno inclusivo mediante l’utilizzo di strumenti compensativi e dispensativi. Il Piano di Miglioramento individua interventi mirati al raggiungimento dei traguardi con attività progettuali finalizzate al successo formativo degli studenti.

Gli obiettivi di processo rappresentano una definizione operativa delle attività...
... su cui si intende agire concretamente per raggiungere le priorita' individuate. Essi costituiscono degli obiettivi operativi da raggiungere nel breve periodo (un anno scolastico) e riguardano una o piu' aree di processo. Si suggerisce di indicare l'area o le aree di processo su cui si intende intervenire e descrivere gli obiettivi che la scuola si prefigge di raggiungere a conclusione del prossimo anno scolastico (es. Promuovere una figura di docente tutor per supportare gli studenti in difficolta' del primo anno dell'indirizzo linguistico nella scuola secondaria di II grado; Individuare criteri di formazione delle classi che garantiscano equi-eterogeneita'; Utilizzare criteri di valutazione omogenei e condivisi per la matematica nella scuola primaria; Ridurre gli episodi di esclusione e i fenomeni di bullismo nella scuola secondaria di I grado; ecc.).

Obiettivi di processo

Inclusione e differenziazione

Rispondere in modo adeguato alle necessità formative di ogni studente attraverso percorsi individualizzati e personalizzati. Ridurre le barriere che limitano l’apprendimento, incrementando le buone prassi del sostegno inclusivo mediante l’utilizzo di strumenti compensativi e dispensativi.

Orientamento strategico e organizzazione della scuola

Migliorare l'immagine dell'Istituto promuovendo le attività della comunità scolastica con mezzi più efficaci.

Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane

Pianificare, gestire e valorizzare le risorse umane in modo adeguato e finalizzato al miglior funzionamento della scuola.

Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie

Entrare in relazione sinergica con il territorio circostante e recepirne i bisogni. Acquisire conoscenze, abilità e competenze spendibili sul mercato del lavoro in tempi rapidi.

Contributo degli obiettivi di processo nel raggiungimento delle priorità