Indicatori Dettaglio
1.1 Popolazione scolastica

Opportunità

Il contesto socio economico, culturale medio della maggior parte delle famiglie influisce positivamente sui risultati degli studenti. Le famiglie degli alunni stranieri sono integrate nel contesto nolese, la maggior parte di loro possiede un'occupazione. Il corpo docenti è qualificato, in grado di contrastare le problematiche educativo - didattiche adottando strategie quali: accoglienza, inclusione, lotta alla dispersione scolastica, piani di programmazione differenziata e flessibile, prestito d'uso di testi scolastici, consulenza e/o sostegno psicologico per alunni/famiglie/docenti. La scuola è provvista di dotazioni tecnologiche avanzate che permettono l'accessibilità a dati e informazioni aggiuntive. Gli enti locali sono attenti e presenti sia per la manutenzione degli edifici, sia per il supporto economico-culturale della scuola; poichè le ore di sostegno statali non sono sufficienti per la copertura dell'intero orario scolastico, forniscono ore aggiuntive di personale educativo per supplire al fabbisogno orario per la copertura del tempo scuola di alcuni alunni disabili .

Vincoli

In alcuni casi, si registra da parte di alcuni genitori una caduta del riconoscimento sociale e culturale alla scuola per il suo ruolo educativo o, viceversa, una delega eccessiva dell’intero processo formativo e di istruzione degli alunni. Nel territorio é presente una comunità di nomadi Sinti, la scolarizzazione dei Sinti è piuttosto travagliata, per fattori di deprivazione socioeconomica, culturale o per resistenze psicologiche verso la scuola percepita come una minaccia alla loro identità.

1.2 Territorio e capitale sociale

Opportunità

Nole è situato nel basso Canavese, ai piedi delle Valli di Lanzo, a nord-ovest di Torino, da cui dista circa 25 chilometri con Villanova Canavese,comune di 1.141 abitanti, definisce il territorio in cui è collocato l'I.C. di Nole. Peculiarità del territorio: -Foresta Fossile, nell’alveo di Stura, presso la frazione Grange di Nole, compreso in area naturalistica protetta, sono stati ritrovati resti di un’antica foresta di “Glyptostrobus” (simili a sequoie), risalente a circa 3 milioni di anni fa. -Le risorgive,uno degli ambienti piu interessanti della Stura, costituiscono ambienti di biodiversità. -Biblioteca Civica con progetto"Nati per leggere"rivolto ai bambini, prevede letture dedicate sia nelle sedi scolastiche sia presso la Biblioteca stessa. -Associazioni sportive offrono cicli di lezioni. -Associazioni di volontariato (protezione civile,vigili del fuoco,gruppi teatrali, reduci e combattenti). Gli EE.LL. provvedono con personale non specializzato all'affiancamento dei ragazzi disabili nelle ore di lezione in cui non sono presenti i docenti di sostegno statali. Il solo comune di Nole organizza pre/post-scuola per scuola dell'Infanzia e Primaria.

Vincoli

Comune di Nole:contributi relativi a progetti per l'ampliamento offerta formativa € 7.000 ed € 10.000,00 per spese inerenti al funzionamento amministrativo ( spese di telefonia e pulizia). Comune di Villanova: pagamento bollette telefoniche. Contributo per funzionamento € 500. A Villanova manca la palestra, il comune predispone l'accompagnamento degli alunni alla palestra di Nole con un servizio di trasporto a proprio carico.

1.3 Risorse economiche e materiali

Opportunità

Gli edifici sono in buono stato, le sedi ragggiungibili,dotate di accessi per disabili all'esterno e all'interno. Risorse Strutturali Scuole dell'Infanzia (Nole e Villanova) locali attrezzati: giocomotricità lettura attività di pittura/manipolazione informatica multimediale attività motorie attività espressive musicali/teatrali mensa cortile/giardino con giochi Scuole Primarie locali attrezzati: 5 aule dotate di LIM biblioteca informatica palestra mensa cortile con cesti da basket /giardino Scuola Secondaria di I grado locali attrezzati: 6 aule dotate di LIM laboratorio di arte laboratorio di scienze con attrezzature per esperimenti di fisica e chimica laboratorio di informatica con 20 PC. laboratorio di musica insonorizzato con tre pianoforti. palestra omologata CONI sala riunioni con videoproiettore biblioteca con PC e TV 3 tennis da tavolo mensa cortile pista in tartan per atletica leggera (lunghezza m.70 4 corsie) pedana per getto del peso pedana per salto in lungo

Vincoli

Alcuni interventi straordinari di rilevante importanza, richiesti durante gli ultimi anni, sono in stato di attesa: 1) pavimentazione esterna, accesso posteriore e zona di sfollamento per la scuola secondaria I grado. 2) Dormitorio per scuola Infanzia Nole. La scuola primaria di Villanova manca di palestra, gli alunni sono costretti a utilizzare la palestra del plesso di Nole.

1.4 Risorse professionali

Opportunità

Più dell'80% del corpo docente è di ruolo e stabile nella scuola. Nei 3 ordini di scuola prevalgono complessivamente i docenti laureati. La quasi totalità ha competenze tali da rendere attuabile l'insegnamento con l'utilizzo di strumenti informatici.

Vincoli

Nell'ultimo triennio vi è stato un ricambio generazionale, circa il 30% dei docenti. Nel complesso la scuola ha acquisito giovani docenti professionalmente qualificati e motivati.

    Autovalutazione Indicatori Dettaglio
2.1 Risultati scolastici

Punti di forza

I criteri di valutazione sono adeguati a garantire il successo formativo degli studenti, coloro i quali sono stati respinti non hanno raggiunto gli obiettivi minimi previsti e calibrati per le loro individuali potenzialità. La scuola ha impegnato gran parte del fondo di istituto per attivare laboratori pomeridiani per consentire ai ragazzi la frequenza di laboratori sportivi, musicali di inglese, latino, recupero di matematica e italiano.

Punti di debolezza

I ragazzi respinti avrebbero avuto la necessità di essere seguiti individualmente, spesso le famiglie non erano in grado di occuparsene nè dal punto di vista educativo, nè tanto meno formativo. Queste famiglie non hanno gli strumenti per affrontare le criticità poichè gravemente deprivate dal punto di vista culturale.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola portano avanti regolarmente il loro percorso di studi, lo concludono e conseguono risultati soddisfacenti agli esami finali.

Rubrica di valutazione

6-

Motivazione

2.2 Risultati nelle prove standardizzate nazionali

Punti di forza

Complessivamente i risultati nelle prove standardizzate sono buone. I risultati sono apprezzabili sia nelle classi seconde della Scuola Primaria, sia nelle terze della Scuola Secondaria di I grado. L'I.C. di Nole, nel corso degli anni ha incrementato la propria utenza grazie alla serietà e all'impegno del proprio corpo docente.

Punti di debolezza

In alcune classi della scuola primaria (quinte a.s.17-18) il numero di ore di compresenza era limitato poichè le classi funzionavano a 40 ore per esigenze dell'utenza, ma l'organico è stato assegnato per sole 27 ore. Ciò ha comportato serie penalizzazioni per la didattica.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola raggiungono livelli di apprendimento soddisfacenti in italiano e matematica in relazione ai livelli di partenza e alle caratteristiche del contesto.

Rubrica di valutazione

6-

Motivazione

2.3 Competenze chiave europee

Punti di forza

La scuola ha elaborato un proprio curricolo, comprensivo di competenze trasversali, disciplinari e profilo dello studente in chiave UE al termine del I ciclo d'istruzione.Gli insegnanti lo utilizzano come strumento di lavoro per la programmazione delle attività didattiche. Il curricolo si sviluppa a partire dalle caratteristiche del contesto e dei bisogni formativi della specifica utenza. Le attivita' di ampliamento dell'offerta formativa sono progettate in raccordo con il curricolo di istituto e secondo le richieste dell'utenza a cui, a inizio anno è distribuito un modulo con opportunità di attività aboratoriali. La riflessione interna sul curricolo appare molto approfondita e coinvolge l'intera comunità professionale.

Punti di debolezza

Nel quadro delle attività scolastiche, supportare gli studenti nell'acquisizione di traguardi di competenze attraverso compiti di realtà e tenere maggiormente conto delle competenze fondamentali nei programmi, nella valutazione, con riferimento alle competenze trasversali, tra cui, imparare ad imparare nella prospettiva di lifelong learning.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola acquisiscono livelli soddisfacenti nelle competenze sociali e civiche, nell'imparare a imparare, nelle competenze digitali e nello spirito di iniziativa e imprenditorialità.

Rubrica di valutazione

7- Eccellente

Motivazione

2.4 Risultati a distanza

Punti di forza

Esiti al termine del primo anno di scuola secondaria di I grado: 7 alunni respinti su 114 di cui 4 alunni nomadi per i quali era stato predisposto un piano educativo con orari di lezione ridotti e adeguati alle loro esigenze educativo-formative, la cui frequenza è stata molto irregolare. I risultati conseguiti in prima superiore dagli alunni licenziati a giugno 2018 sono stati, nel complesso, buoni. Il consiglio orientativo dei docenti è stato seguito dalla quasi totalità degli studenti.

Punti di debolezza

Nel corso dell'anno per gli studenti con difficoltà sono state previste ore di recupero in orario scolastico e adottato il PDP, le valutazioni espresse sugli obiettivi minimi raggiunti. Alcuni sono stati promossi con insufficienze, secondo la griglia di valutazione prevista dal Collegio dei Docenti. Non sempre la Scuola riesce a contrastare le carenze e il disinteresse familiariare. Spesso è capitato che i corsi di rinforzo pomeridiani venissero disattesi poichè non considerati come un obbligo.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti in uscita dalla scuola hanno successo nei successivi percorsi di studio e di lavoro.

Rubrica di valutazione

6-

Motivazione

    Autovalutazione Indicatori Dettaglio
3.1 Curricolo, progettazione e valutazione

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola propone un curricolo aderente alle esigenze del contesto, progetta attivita' didattiche coerenti con il curricolo, valuta gli studenti utilizzando criteri e strumenti condivisi.

Situazione della scuola

7- Eccellente

Motivazione

3.2 Ambiente di apprendimento

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola cura gli aspetti organizzativi, metodologici e relazionali dell'ambiente di apprendimento.

Situazione della scuola

7- Eccellente

Motivazione

3.3 Inclusione e differenziazione

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola cura l'inclusione degli studenti con bisogni educativi speciali, valorizza le differenze culturali, adegua l'insegnamento ai bisogni formativi di ciascuno studente attraverso percorsi di recupero e potenziamento.

Situazione della scuola

7- Eccellente

Motivazione

3.4 Continuita' e orientamento

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola garantisce la continuita' dei percorsi scolastici e cura l'orientamento personale, scolastico e professionale degli studenti.

Situazione della scuola

7- Eccellente

Motivazione

3.5 Orientamento strategico e organizzazione della scuola

Punti di Forza:

La missione dell'I.C. e le priorità sono esplicitate nei documenti, nelle discussioni, nelle verifiche durante le riunioni degli organi collegiali e sono condivise. Sono definite nel P.T.O.F., nel Regolamento di Istituto, nel Patto di Corresponsabilità educativa con le famiglie, nel Piano per la Sicurezza. Questi documenti sono pubblicati e consultabili sul sito della scuola e sono altresì riportati in una specifica sezione, sul diario in dotazione degli alunni. A inizio anno, in sede di assemblea sono illustrati alle famiglie. La condivisione di scelte educative, formative, culturali e la collaborazione fra Dirigente, docenti, operatori e genitori sono essenziali per garantire a tutti gli alunni il diritto all’apprendimento, lo sviluppo delle potenzialità, la maturazione personale, la valorizzazione e l'inclusione delle diversità, l'apprendimento delle competenze indispensabili per continuare ad imparare a scuola e lungo l'intero corso della vita, l'acquisizione della consapevolezza di sé e della capacità di interagire nelle varie realtà, lo sviluppo del pensiero critico ed analitico, attraverso il confronto, condizione essenziale per l'esercizio della cittadinanza attiva e l'elaborazione di un proprio progetto di vita Una buona parte delle risorse economiche e' impiegata per il raggiungimento di questi obiettivi per noi prioritari. Il monitoraggio è attuato per mezzo di questionari sulla soddisfazione dell'utenza. L’insieme dei soggetti che operano nel nostro sistema scolastico contribuisce a condurre la complessa attività della scuola, ha ruoli e compiti differenti sebbene debba cooperare in modo organico per giungere all’obiettivo: educazione e formazione. Il personale è di fondamentale importanza per il buon funzionamento dell’istituzione scolastica. La condizione che ci si pone affinché l’organizzazione funzioni e raggiunga i suoi obiettivi, è quella di chiarire la definizione dei ruoli e distinguere i compiti specifici che i soggetti coinvolti nell’attività formativa devono svolgere. I docenti svolgono attività e ricoprono incarichi di responsabilità secondo le proprie inclinazioni e competenze. I collaboratori scolastici sono responsabilizzati e coinvolti nella “mission della scuola”, sanno quanto il loro apporto è utile al funzionamento dell’istituzione scolastica. La valorizzazione delle risorse umane soddisfa il bisogno di autorealizzazione e induce alla realizzazione comune degli scopi dell’organizzazione, raggiungibili mediante la progettualità e il senso di appartenenza. Le risorse economiche ci inducono a un'attenta analisi delle priorità su cui imperniare le scelte educative, lo stretto rapporto tra offerta formativa e programma annuale rende possibile l'ottimizzazione delle risorse, un'attenta analisi dei fabbisogni a livello educativo-formativo e la condivisione di tutti gli operanti nella realtà scolastica ha determinato il successo delle scelte compiute.

Punti di Debolezza

Approfondimento delle tematiche relative all'importanza che determinati processi all'interno della scuola devono essere attivati per qualificarne gli interventi educativo-formativi.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola definisce la propria missione e la visione, monitora in modo sistematico le attività che svolge, individua ruoli di responsabilita' e compiti per il personale in modo funzionale e utilizza in modo adeguato le risorse economiche.

Situazione della scuola

7- Eccellente

Motivazione

3.6 Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane

Punti di Forza:

Le tematiche approfondite sono di vario interesse e offrono una formazione di qualità per la realizzazione di un ambiente di apprendimento che promuove iniziative culturalmente e professionalmente arricchenti. La Scuola è molto attenta alla valorizzazione delle competenze, alle esperienze lavorative, alle inclinazioni del personale docente e ATA, assegna incarichi sulla base delle capacità ed esperienze possedute. L'autorealizzazione, l'autostima e una buona motivazione all'interno del sistema educativo accresce la partecipazione attiva ed efficace e sviluppa il senso di appartenenza.

Punti di Debolezza

Spesso la formazione di ambito non aderisce alle esigenze formative delle scuole afferenti. Conseguentemente, si ha l'impressione chei fondi assegnati siano sprecati, poichè la scuola non riesce a realizzare ciò che sarebbe più indicato per le proprie necessità e realtà .

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola valorizza le risorse professionali, promuove percorsi formativi di qualita' e incentiva la collaborazione tra pari.

Situazione della scuola

6-

Motivazione

3.7 Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie

Punti di Forza:

La Scuola aderisce e formalizza accordi di Rete per la formazione, per i Curricoli, per i casi di disabilità, per i BES. Collabora con le associazioni di volontariato, Arma dei Carabinieri, Finanza, Polizia Postale e Ferroviaria, VV.FF...., presenti sul territorio, collabora e interagisce con gli EE.LL. La ricaduta nell'ampliamento dell'offerta formativa è costruttivo e proficuo. La scuola ha stipulato un contratto di consulenza psicologica con un gruppo di professionisti accreditato e iscritto all'Albo. L'alleanza educativa non è sempre facile da realizzare, alcune volte il pericolo di ingerenza educativa diventa concreto; comunque sia, quando i genitori esprimono soddisfazione nei rapporti con la scuola hanno la percezione di compiere insieme agli operatori scolastici un percorso il cui senso è condiviso, se si riesce ad esplicitare le attese e le paure reciproche, se si riesce a collaborare, sfruttando le proprie competenze, per arrivare a un obiettivo comune e le incomprensioni sul piano educativo sono chiarite e appianate, si riuscirà ad avere un rapporto costruttivo e produttivo. La scuola realizza interventi, progetti e conferenze rivolte ai genitori secondo i bisogni esplicitati attraverso questionari predisposti dai docenti e dall'equipe psicopedagogica che opera all'interno dell'Istituto.

Punti di Debolezza

Ottimizzazione di tempi e modi riguardo alcuni contatti.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola svolge un ruolo propositivo nella promozione di politiche formative territoriali e coinvolge le famiglie nella definizione dell'offerta formativa e nella vita scolastica.

Situazione della scuola

6-

Motivazione

  Dettaglio
Le priorita' si riferiscono agli obiettivi generali che la scuola si prefigge di...

... realizzare nel lungo periodo attraverso l'azione di miglioramento. Le priorita' che la scuola si pone devono necessariamente riguardare gli esiti degli studenti. Si suggerisce di specificare quale delle quattro aree degli Esiti si intenda affrontare (Risultati scolastici, Risultati nelle prove standardizzate nazionali, Competenze chiave europee, Risultati a distanza) e di articolare all'interno quali priorita' si intenda perseguire (es. Diminuzione dell'abbandono scolastico nel primo anno di secondaria di II grado; Riduzione della variabilita' fra le classi; Sviluppo delle competenze sociali degli studenti di secondaria di I grado, ecc.). Si suggerisce di individuare un numero limitato di priorita' (1 o 2 per scuola) selezionandole all’interno di una stessa area o al massimo di due aree degli Esiti degli studenti. I traguardi sono di lungo periodo e riguardano i risultati attesi in relazione alle priorita'. Si tratta di risultati previsti a lungo termine (3 anni). Essi articolano in forma osservabile e/o misurabile i contenuti delle priorita' e rappresentano le mete verso cui la scuola tende nella sua azione di miglioramento. Per ogni priorita' individuata deve essere articolato il relativo traguardo di lungo periodo. Essi pertanto sono riferiti alle aree degli Esiti degli studenti (es. in relazione alla priorita' strategica "Diminuzione dell'abbandono scolastico nel primo anno di secondaria di II grado", il traguardo di lungo periodo puo' essere definito come "Rientrare nella media di abbandoni regionali pari al 4%, e precisamente portare gli abbandoni della scuola al di sotto del 4%"). E' opportuno evidenziare che per la definizione del traguardo che si intende raggiungere non e' sempre necessario indicare una percentuale, ma una tendenza costituita da traguardi di riferimento a cui la scuola mira per migliorare, ovvero alle scuole o alle situazioni con cui e' opportuno confrontarsi

Priorità e Traguardi

Risultati scolastici

PRIORITA'

Favorire una didattica che offra all’allievo occasioni di risolvere problemi e assumere compiti e iniziative autonome, per apprendere attraverso l’esperienza e per rappresentarla attraverso la riflessione.

TRAGUARDO

Acquisire i saperi e le competenze di base per l’assolvimento dell’obbligo di istruzione riferiti ai quattro assi culturali, utili a costruire il fondamento per la competenze chiave europee, necessarie per preparare i giovani alla vita adulta e ai fini della futura vita lavorativa.

Obiettivi di processo collegati

- Potenziare i laboratori per una didattica che favorisca l'apprendimento attraverso esperienze

- Laboratori e utilizzo di strumenti per l'acquisizione di metodologie

- Offrire a ognuno la possibilità di conoscere le proprie potenzialità, essere consapevole dei propri talenti e sviluppare l'autostima.

- promuovere il successo formativo attraverso scelte consapevoli e rendere i giovani parte attiva nel loro processo formativo.

- Definizione della missione e priorità condivise esplicitate nell'PTOF

- Promuovere iniziative di formazione e aggiornamento continuo sulla didattica e la valutazione per competenze.

- Una scuola aperta alle famiglie ed al territorio e quanto più inclusiva possibile deve curare attentamente il fragile rapporto tra genitori e familiari, alunni, operatori scolastici ed extrascolastici, in un’ottica di costruzione di alleanze concrete e significative.


Risultati nelle prove standardizzate nazionali

PRIORITA'

Migliorare le prestazioni di italiano per le classi della scuola Primaria.

TRAGUARDO

Raggiungere i livelli di competenza nazionali

Obiettivi di processo collegati

- Potenziare i laboratori per una didattica che favorisca l'apprendimento attraverso esperienze

- Laboratori e utilizzo di strumenti per l'acquisizione di metodologie

- Offrire a ognuno la possibilità di conoscere le proprie potenzialità, essere consapevole dei propri talenti e sviluppare l'autostima.

- promuovere il successo formativo attraverso scelte consapevoli e rendere i giovani parte attiva nel loro processo formativo.

- Definizione della missione e priorità condivise esplicitate nell'PTOF

- Promuovere iniziative di formazione e aggiornamento continuo sulla didattica e la valutazione per competenze.


Competenze chiave europee

PRIORITA'

Favorire abilità quali la capacità di risoluzione di problemi, il pensiero critico, la capacità di cooperare, la creatività, il pensiero computazionale, l'autoregolamentazione

TRAGUARDO

Acquisire gli strumenti che nella nostra società in rapida evoluzione consentono di sfruttare in tempo reale ciò che si è appreso, al fine di sviluppare nuove idee, nuove teorie, nuovi prodotti e nuove conoscenze.

Obiettivi di processo collegati

- Potenziare i laboratori per una didattica che favorisca l'apprendimento attraverso esperienze

- Laboratori e utilizzo di strumenti per l'acquisizione di metodologie

- Offrire a ognuno la possibilità di conoscere le proprie potenzialità, essere consapevole dei propri talenti e sviluppare l'autostima.

- promuovere il successo formativo attraverso scelte consapevoli e rendere i giovani parte attiva nel loro processo formativo.

- Definizione della missione e priorità condivise esplicitate nell'PTOF

- Promuovere iniziative di formazione e aggiornamento continuo sulla didattica e la valutazione per competenze.

- Una scuola aperta alle famiglie ed al territorio e quanto più inclusiva possibile deve curare attentamente il fragile rapporto tra genitori e familiari, alunni, operatori scolastici ed extrascolastici, in un’ottica di costruzione di alleanze concrete e significative.


Risultati a distanza

PRIORITA'

Sviluppo delle competenze di cui tutti hanno bisogno per la realizzazione e lo sviluppo personali, l'occupabilità, l'inclusione sociale, uno stile di vita sostenibile.

TRAGUARDO

Acquisire la capacità apprendimento permanente, dalla prima infanzia a tutta la vita adulta, mediante l'apprendimento formale, non formale e informale in tutti i contesti, compresi la famiglia, la scuola, il luogo di lavoro, il vicinato e altre comunità.

Obiettivi di processo collegati

- Potenziare i laboratori per una didattica che favorisca l'apprendimento attraverso esperienze

- Laboratori e utilizzo di strumenti per l'acquisizione di metodologie

- Offrire a ognuno la possibilità di conoscere le proprie potenzialità, essere consapevole dei propri talenti e sviluppare l'autostima.

- promuovere il successo formativo attraverso scelte consapevoli e rendere i giovani parte attiva nel loro processo formativo.

- Definizione della missione e priorità condivise esplicitate nell'PTOF

- Promuovere iniziative di formazione e aggiornamento continuo sulla didattica e la valutazione per competenze.

- Una scuola aperta alle famiglie ed al territorio e quanto più inclusiva possibile deve curare attentamente il fragile rapporto tra genitori e familiari, alunni, operatori scolastici ed extrascolastici, in un’ottica di costruzione di alleanze concrete e significative.


MOTIVAZIONE SCELTA PRIORITA'

Gli obiettivi di processo rappresentano una definizione operativa delle attività...
... su cui si intende agire concretamente per raggiungere le priorita' individuate. Essi costituiscono degli obiettivi operativi da raggiungere nel breve periodo (un anno scolastico) e riguardano una o piu' aree di processo. Si suggerisce di indicare l'area o le aree di processo su cui si intende intervenire e descrivere gli obiettivi che la scuola si prefigge di raggiungere a conclusione del prossimo anno scolastico (es. Promuovere una figura di docente tutor per supportare gli studenti in difficolta' del primo anno dell'indirizzo linguistico nella scuola secondaria di II grado; Individuare criteri di formazione delle classi che garantiscano equi-eterogeneita'; Utilizzare criteri di valutazione omogenei e condivisi per la matematica nella scuola primaria; Ridurre gli episodi di esclusione e i fenomeni di bullismo nella scuola secondaria di I grado; ecc.).

Obiettivi di processo

Curricolo, progettazione e valutazione

Potenziare i laboratori per una didattica che favorisca l'apprendimento attraverso esperienze

Ambiente di apprendimento

Laboratori e utilizzo di strumenti per l'acquisizione di metodologie

Inclusione e differenziazione

Offrire a ognuno la possibilità di conoscere le proprie potenzialità, essere consapevole dei propri talenti e sviluppare l'autostima.

Continuita' e orientamento

promuovere il successo formativo attraverso scelte consapevoli e rendere i giovani parte attiva nel loro processo formativo.

Orientamento strategico e organizzazione della scuola

Definizione della missione e priorità condivise esplicitate nell'PTOF

Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane

Promuovere iniziative di formazione e aggiornamento continuo sulla didattica e la valutazione per competenze.

Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie

Una scuola aperta alle famiglie ed al territorio e quanto più inclusiva possibile deve curare attentamente il fragile rapporto tra genitori e familiari, alunni, operatori scolastici ed extrascolastici, in un’ottica di costruzione di alleanze concrete e significative.

Contributo degli obiettivi di processo nel raggiungimento delle priorità