Indicatori Dettaglio
1.1 Popolazione scolastica

Opportunità

Nel tempo si è assistito all’aumento e alla diversificazione della popolazione scolastica, cresciuta in numero di classi e di bacino di provenienza (70% degli studenti proviene da fuori città). Confrontato con la media provinciale, lo status socioeconomico di provenienza degli studenti risulta medio-alto. In generale la formazione scolastica dei genitori raggiunge un livello superiore e universitario . Gli studenti di cittadinanza non italiana o provenienti da aree svantaggiate sono presenti in numero marginale e costituiscono una risorsa culturale, essendo perfettamente inseriti nel contesto scolastico. La motivazione degli studenti all’apprendimento delle discipline d’indirizzo curricolare è nel complesso solida e, in generale, sostenuta dalle famiglie che esprimono un’alta aspettativa nei confronti delle possibilità formative offerte dall’Istituto e favoriscono la realizzazione di progetti di potenziamento. Una buona parte di studenti affianca al percorso scolastico impegni di studio e di applicazione in ambiti formativi differenti e vari.

Vincoli

Negli ultimi anni si sono registrate in numero crescente situazioni di disagio economico, in gran parte non manifeste, che impongono particolare attenzione nell’offerta di occasioni formative a carico della famiglie. Per altro si mantiene alta, e in linea con gli obiettivi dell’Istituto,l’aspettativa dell’utenza ad una formazione potenziata e che consenta l’accesso e il prosieguo negli studi universitari in Italia e all’estero e in corsi di eccellenza.

1.2 Territorio e capitale sociale

Opportunità

Il territorio vicentino si caratterizza per capacità di innovazione, dinamismo sociale e sensibilità verso il patrimonio artistico e culturale. Associazioni ed Enti Territoriali manifestano attenzione per le iniziative della scuola e ampia disponibilità a collaborare con il Liceo Pigafetta su progetti che vedono la partecipazione attiva degli studenti in ambiti culturali differenti.

Vincoli

Il Liceo conserva la finalità che costituisce la sua identità storica, di corrispondere agli elementi sostanziali e fondamentali del suo territorio nonché di promuovere iniziative culturali aperte alla cittadinanza. La proposta educativa è consapevole del ruolo che il Liceo ha avuto nella storia della città e ne rilancia il valore attraverso i percorsi curricolari, fortemente caratterizzanti, dei Licei Classico, Linguistico e Musicale. L’offerta formativa è orientata alla comprensione dei cambiamenti sociali attraverso l’apertura alla dimensione internazionale della cultura e le competenze offerte dall’apprendimento della cultura classica, delle lingue straniere e della musica.

1.3 Risorse economiche e materiali

Opportunità

La qualità complessiva della struttura scolastica è buona. L’edificio storico, nel pieno centro cittadino, è stato recentemente ristrutturato e messo a norma dall’Ente proprietario. La manutenzione ordinaria e straordinaria è eseguita con tempestività. Ogni aula dispone di LIM. Tutto l'istituto è coperto da rete Wi- Fi LAN. Il sito WEB del Liceo (.edu) è funzionale e accessibile. La dotazione libraria è di qualità e i materiali didattici sono disponibili in misura significativa. La Biblioteca è presente nel sistema interbibliotecario provinciale per il prestito. La scuola è dotata di un archivio storico che eroga un servizio funzionale anche ad esterni. L’Aula Magna, attrezzata a sala concerti e teatro, dispone di apparecchiature informatiche ed è sede di iniziative culturali e musicali aperte anche alla cittadinanza. Con i recenti finanziamenti PON la Scuola ha arricchito di dotazioni i Laboratori di Fisica e Scienze e i Laboratori del Liceo Musicale (numerosi nuovi strumenti acustici ed elettronici - potenziata la sala di registrazione e le aule di Tecnologie Musicali) La scuola è inoltre sede di un’”Aula Confucio” per la diffusione della Lingua e Cultura Cinese e del Museo storico dell’Aula di Fisica. Oltre ai contributi di fonte pubblica, per la realizzazione delle molte attività extracurricolari la scuola può contare sulla partecipazione delle famiglie e altri sponsor privati, oltre che del Comitato Genitori.

Vincoli

Aule, Palestre e altri spazi per l’attività didattica risultano limitati e difficilmente ampliabili, anche in considerazione alle esigenze legate alla numerosità degli studenti, complessiva e per classe.

1.4 Risorse professionali

Opportunità

Oltre l'85% dei docenti dell’istituto è in servizio a tempo indeterminato - percentuale ben superiore agli standard regionali. La maggioranza dei docenti si colloca nella fascia di età oltre i 55 anni e ha nell’istituto la propria sede di titolarità. La stabilità della maggior parte del corpo docente, il livello culturale attestato dai titoli di studio e la motivazione all’aggiornamento professionale favoriscono l’attivazione di progetti e percorsi didattici innovativi nonché la possibilità effettiva del monitoraggio e della revisione di quanto intrapreso. Un buon numero di docenti esercita nella scuola competenze sociali di buon livello, partecipa attivamente ad iniziative culturali cittadine, favorisce la collaborazione con associazioni, Enti Locali e culturali con l’istituto e tiene contatti anche attivi col mondo accademico. Esprime capacità di collegamento con altre istituzioni scolastiche e con enti nazionali ed internazionali per la realizzazione di progetti.

Vincoli

L'età media del corpo docente superiore agli standard regionali e nazionali produce un turnover per quiescenza più accentuato. Si segnala l'insufficiente dotazione organica di personale ATA, che non riflette la reale complessità organizzativa del Liceo Musicale dove il servizio di istruzione è erogato tutti i giorni, continuativamente, dalle ore 7,55 alle ore 19,00.

    Autovalutazione Indicatori Dettaglio
2.1 Risultati scolastici

Punti di forza

Molto buoni i risultati acquisiti dagli studenti nei differenti anni di corso. La media generale dei voti è alta rispetto al territorio , con risultati di eccellenza. La media degli ammessi alle classi successive è significativamente superiore alle medie provinciali e regionali. Analoga la differenza rispetto agli studenti con sospensione di giudizio che presentano diversi punti percentuali in meno rispetto alla situazione regionale. I debiti formativi si presentano distribuiti nelle differenti aree disciplinari con una leggera tendenza riferita alle discipline logiche e linguistiche. La stessa differenza si evidenza nei punteggi ottenuti all’Esame di Stato, in cui la fascia bassa di voto (60/70) è quasi residuale, la percentuale maggiore si colloca nella fascia medio-alta e punteggi più elevati sono stati conseguiti mediamente dal 20% degli studenti. Numerosi i 100 e i 100 e lode all'Esame di Stato. Elevatissimo il numero numero di certificazioni in campo linguistico e musicale conseguite dagli studenti. Numerose le occasioni di partecipazione ad iniziative rivolte alla cittadinanza in cui gli studenti mettono alla prova le competenze acquisite nei diversi ambiti. Numericamente significativi i risultati di successo in gare richiedenti competenze disciplinari e trasversali (sport, traduzione, dibattito, ambiti artistici e performativi)

Punti di debolezza

Moderata varianza interna degli esiti tra indirizzi.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola portano avanti regolarmente il loro percorso di studi, lo concludono e conseguono risultati soddisfacenti agli esami finali.

Rubrica di valutazione

7- Eccellente

Motivazione

Il tasso di successo formativo è prossimo al 100%, La media dei voti degli scrutini finali e degli esami di stato è stabilmente superiore alla media regionale. Il numero degli abbandoni scolastici è trascurabile e nettamente al di sotto della media provinciale e nazionale. La percentuale maggiore di movimenti in uscita dal classico rispetto agli altri due licei è contenuta rispetto alla media dei licei stessa tipologia e, riportata all’esiguo numero, riferisce passaggi di riorientamento in alcuni casi interno all’offerta curricolare dell’Istituto. I risultati del Liceo Musicale nelle discipline non di indirizzo sono leggermente inferiori agli altri due licei, pur mantenendosi su un livello solidamente positivo. Il dato trova ragione alla luce del carattere marcatamente performativo del curricolo, rispondente alle attitudini di apprendimento degli studenti.

2.2 Risultati nelle prove standardizzate nazionali

Punti di forza

MATEMATICA: il Liceo si colloca nella fascia alta ottenendo risultati sensibilmente superiori alle altre scuole del Veneto, del Nord-Est e d'Italia. ITALIANO: i dati restituiti dall'INVALSI collocano il Liceo Pigafetta al di sopra delle medie locali e nazionali per pari tipologia di scuola.

Punti di debolezza

Leggera varianza tra le sezioni.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola raggiungono livelli di apprendimento soddisfacenti in italiano e matematica in relazione ai livelli di partenza e alle caratteristiche del contesto.

Rubrica di valutazione

7- Eccellente

Motivazione

Il punteggio di Italiano e Matematica della scuola alle prove INVALSI e' superiore a quello di scuole con background socioeconomico e culturale simile ed e' superiore alla media nazionale. Tale autovalutazione è basata sui dati restituiti, nel corso degli anni, per MATEMATICA e sui dati per ITALIANO dall'INVALSI

2.3 Competenze chiave europee

Punti di forza

Relativamente alle competenze sociali e civiche risultano acquisite sia pure a livelli differenti e secondo modalità caratterizzanti i tre curricoli liceali: Condivisione della responsabilità e capacità di relazioni finalizzate ad un risultato comune (in particolare nella partecipazione ad attività integrative anche di tipo performativo). Comprensione e relazione con di punti di vista e prospettive culturali differenti e capacità di acquisire elementi culturali nuovi (in particolare nelle attività di scambi all’estero). Interiorizzazione del senso della legalità e di modelli di comportamento coerenti con i valori di cittadinanza (in particolare nelle attività di educazione alla legalità, alla partecipazione democratica della scuola e al valore dell’ambiente storico-artistico) Relativamente alle competenze chiave, i risultati di livello maggiore, e collocabili in una fascia molto alta, sono riferibili alle competenze comunicative nella lingua madre e nelle lingue straniere, per il liceo musicale al linguaggio della musica, in particolare per i licei classico e linguistico alla competenza di apprendimento in contesti differenziati.

Punti di debolezza

I livelli di acquisizione di competerenze trasversali che meritano una maggior cura riguardano le competenze digitali, quelle di accesso e validazione delle fonti informative e l’autonomia di lavoro e di ricerca.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti della scuola acquisiscono livelli soddisfacenti nelle competenze sociali e civiche, nell'imparare a imparare, nelle competenze digitali e nello spirito di iniziativa e imprenditorialità.

Rubrica di valutazione

7- Eccellente

Motivazione

La media molto alta dei voto di comportamento riferisce la buona acquisizione delle regole e la partecipazione nel complesso buona degli studenti alla vita scolastica. La scuola fornisce agli studenti occasioni strutturate per l’applicazione delle capacità e delle conoscenze acquisite; adotta uno strumento comune per l’assegnazione del voto in comportamento e in fase di valutazione segnala gli studenti che hanno collaborato con i docenti in iniziative di particolare efficacia formativa e che hanno partecipato ad attività integrative promosse dall’Istituto. Le attività legate ai temi della cittadinanza costituiscono parte integrante del P.O.F. e sono strutturate per anno di corso in orario scolastico e pomeridiano. La valutazione di efficacia si avvale di modalità differenziate a seconda dell’attività. Un buon numero di studenti collabora con i docenti in iniziative di approfondimento disciplinare e culturale o in attività non finalizzate al voto.

2.4 Risultati a distanza

Punti di forza

La quasi totalità degli studenti dell’Istituto prosegue gli studi all’università o in scuole di formazione superiore. Un numero rilevante di loro compie per intero o in parte i propri studi all’estero. In tutte le macroaree, comprese quindi le aree sanitarie e scientifiche, gli studenti conseguono al primo e al secondo anno più della metà dei crediti dei crediti universitari, con mediamente circa 25 punti percentuale in più rispetto alla media nazionale. I Dati EDUSCOPIO 2019 collocano il Liceo Linguistico in prima posizione per risultati a distanza di un biennio, relativamente all'area territoriale nella fascia dei 30 km, riservando anche al Liceo Classico un'ottima collocazione a livello territoriale.

Punti di debolezza

Il monitoraggio degli esiti a distanza andrà implementato in modo più sistematico. Per quanto riguarda l’inserimento lavorativo, il dato presente nel sistema informativo non è parametrato sulla tipologia di scuola e risulta quindi di scarsa utilità per la valutazione.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

Gli studenti in uscita dalla scuola hanno successo nei successivi percorsi di studio e di lavoro.

Rubrica di valutazione

7- Eccellente

Motivazione

Le scelte universitarie sono molto ampie e coprono tutte le macroaree di studi. La quasi totalità degli studenti supera i test di ammissione all'università. Il numero di immatricolati all'universita' e' superiore alla media provinciale e regionale. I risultati raggiunti dagli studenti immatricolati all'universita' sono molto positivi (la mediana dei crediti conseguiti dai diplomati dopo 1 e 2 anni di universita' e' superiore a 40 su 60). I Dati EDUSCOPIO 2019 collocano il Liceo Linguistico in prima posizione per risultati a distanza di un biennio, relativamente all'area territoriale nella fascia dei 30km, riservando anche al Liceo Classico un'ottima collocazione a livello territoriale.

    Autovalutazione Indicatori Dettaglio
3.1 Curricolo, progettazione e valutazione

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola propone un curricolo aderente alle esigenze del contesto, progetta attivita' didattiche coerenti con il curricolo, valuta gli studenti utilizzando criteri e strumenti condivisi.

Situazione della scuola

6-

Motivazione

La scuola ha elaborato un proprio curricolo a partire dai documenti ministeriali di riferimento, declinando le competenze disciplinari e trasversali per i diversi anni di corso, che gli insegnanti utilizzano come strumento di lavoro per la programmazione delle attivita' didattiche. Il curricolo si sviluppa a partire dalle caratteristiche del contesto e dei bisogni formativi della specifica utenza. Le attivita' di ampliamento dell'offerta formativa sono bene integrate nel progetto educativo di istituto. Tutte le attivita' presentano una definizione molto chiara degli obiettivi e delle abilita'/competenze da raggiungere. Nella scuola sono presenti dipartimenti disciplinari. Gli insegnanti condividono obiettivi di apprendimento specifici ed effettuano sistematicamente una progettazione didattica condivisa. La scuola utilizza forme di certificazione delle competenze. I docenti utilizzano criteri di valutazione comuni e usano strumenti diversificati per la valutazione degli studenti (prove strutturate, rubriche di valutazione, ecc.). C'e' una forte relazione tra le attivita' di programmazione e quelle di valutazione degli studenti. I risultati della valutazione degli studenti sono usati in modo sistematico per riorientare la programmazione e progettare interventi didattici mirati. La scuola realizza i percorsi PCTO: malgrado le difficoltà strutturali di organizzazione dell'attività, in particolare trattandosi di un Liceo, sono state stipulate convenzioni con diverse centinaia di soggetti e avviata ad attività di stage la totalità degli studenti del triennio, con ricadute significative sulle competenze trasversali.

3.2 Ambiente di apprendimento

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola cura gli aspetti organizzativi, metodologici e relazionali dell'ambiente di apprendimento.

Situazione della scuola

7- Eccellente

Motivazione

L'organizzazione di spazi e tempi risponde alle esigenze di apprendimento degli studenti. Gli spazi laboratoriali sono usati con frequenza elevata da un buon numero di classi. La scuola ospita attività curricolari ed extracurricolari durante tutto il suo periodo di apertura (dalle 7,50 alle 19,00). La biblioteca osserva un orario di apertura pomeridiana per permettere agli studenti di avere uno spazio sempre aperto per lo studio collettivo e individuale. I recenti consistenti finanziamenti PON, in particolare quelli finalizzati al Liceo Musicale, hanno significativamente potenziato le dotazioni didattiche e laboratoriali, migliorando sensibilmente l'ambiente di apprendimento. La scuola promuove l'utilizzo di modalità didattiche innovative, anche attraverso l'utilizzo di nuove tecnologie. Gli studenti realizzano progetti soprattutto in percorsi extra-curricolari. La scuola promuove le competenze trasversali attraverso la realizzazione di attivita' relazionali e sociali che vedono la partecipazione attiva degli studenti. Le regole di comportamento sono definite e condivise in tutte le classi. I conflitti con gli studenti sono gestiti in modo efficace, ricorrendo anche a modalita' che coinvolgono gli studenti nell'assunzione di responsabilita'.

3.3 Inclusione e differenziazione

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola cura l'inclusione degli studenti con bisogni educativi speciali, valorizza le differenze culturali, adegua l'insegnamento ai bisogni formativi di ciascuno studente attraverso percorsi di recupero e potenziamento.

Situazione della scuola

7- Eccellente

Motivazione

Le attivita' didattiche per gli studenti che necessitano di inclusione sono di buona qualita'. Il raggiungimento degli obiettivi previsti per gli studenti che necessitano di inclusione sono costantemente monitorati e a seguito di cio', se necessario, gli interventi vengono rimodulati. La scuola promuove efficacemente il rispetto delle diversita'. Gli obiettivi educativi sono ben definiti e sono adottate modalita' di verifica degli esiti. Gli interventi realizzati sono efficaci per la maggioranza degli studenti. L'attenzione al potenziamento delle competenze si traduce in attività efficaci e favorisce l'alto livello degli esiti. Il Gruppo GLI promuove annualmente attività di formazione e aggiornamento rivolte al personale docente.

3.4 Continuita' e orientamento

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola garantisce la continuita' dei percorsi scolastici e cura l'orientamento personale, scolastico e professionale degli studenti.

Situazione della scuola

6-

Motivazione

La scuola realizza diverse attivita' finalizzate ad accompagnare gli studenti nel passaggio da un ordine di scuola all'altro ricorrendo a materiali strutturati e ad iniziativi di accoglienza. Le attivita' di orientamento sono strutturate e costantemente riviste. La scuola favorisce la partecipazione individuale ad iniziative finalizzate alla conoscenza di se' e delle proprie attitudini. Gli studenti dell'ultimo anno partecipano alle presentazioni delle diverse scuole/indirizzi di studio universitario. Con i PCTO, significativo progresso è stato registrato nella diffusione della conoscenza delle realtà produttive e professionali del territorio.

3.5 Orientamento strategico e organizzazione della scuola

Punti di Forza:

La "mission" generale dell'istituto è definita dalle norme che istituiscono l'ordinamento liceale. La declinazione del mandato istituzionale nel contesto di appartenenza del Liceo Pigafetta è fortemente caratterizzato dalla dialettica tra la consolidata identità storica del Liceo, con la sfida di coniugare i diversi Licei con caratteristiche disciplinari e formative peculiari e fortemente caratterizzate nel loro assetto disciplinare. Gli Organi Collegiali e il Dirigente sono i principali protagonisti della pianficazione e del controllo del perseguimento degli obiettivi. Il Consiglio d'Istituto ha approvato il Piano Triennale dell'Offerta formativa, con gli obiettivi di contenuto e strategici in ottica pluriennale. Il Collegio Docenti, in stretto raccordo con i Dipartimenti (per l'O.F. curricolare), con le Funzioni Strumentali (per l'O.F. extracurricolare) e con i Consigli di Classe, ad inizio anno scolastico declina le azioni didattiche volte al raggiungimento degli obiettivi istituzionali e specifici. Il Dirigente Scolastico, e, per le proprie funzioni, il Collegio Docenti operano il controllo e la valutazione sul raggiungimento dei risultati attraverso l'analisi: 1. degli esiti scolastici e dell'Esame di Stato; 2. degli esiti delle prove standardizzate di apprendimento; 3. della rendicontazione finale delle Funzioni Strumentali; 4. della rendicontazione finale e della valutazione dei progetti da parte dei singoli responsabili. I compiti e le funzioni dei docenti e del personale ATA risultano chiaramente definiti e ben distribuiti. Tale assetto organizzativo è dettagliatamente fotografato dall'organigramma-funzionigramma aggiornato all'inizio di ogni anno scolastico e pubblicato sul sito web, a cui corrisponde un complesso di incarichi e deleghe che il dirigente emana con cadenza annuale. Tutti gli incarichi, sia del personale docente sia del personale ATA, sono finalizzati alla realizzazione delle molteplici e complesse attività curricolari ed extracurricolari e sono retribuite con FIS. Relativamente al dato relativo alle assenze degli insegnanti e alla loro sostituzione, spicca il dato che al Liceo Pigafetta non vi sono ore di lezione "scoperte". L'analisi dei dati relativi alla struttura della progettualità del Liceo Pigafetta evidenzia una grande ricchezza progettuale che spaziano su una pluralità di ambiti disciplinari e trasversali, dall'educazione alla salute e alla sicurezza, alle esperienze linguistiche, all'educazione alla legalità e alla cittadinanza, ai progetti di innovazione didattica curricolare, al teatro e alle attività performative musicali e sportive. Tra i vari progetti assumono particolare rilevanza, anche per l'onerosità a carico delle famiglie, i viaggi e gli scambi internazionali, per i quali il Liceo Pigafetta propone ogni anno un vasto ventaglio di esperienze anche extracontinentali.

Punti di Debolezza

Il processo per costruire una "vision" unitaria e condivisa è in divenire, vista anche la relativamente recente attivazione del Liceo Musicale. Esso richiede un lento ma costante lavoro di dialogo e di confronto tra i vari Licei e di equilibratura tra le diverse istanze formative che provengo dai rispettivi, differenti, bacini di utenza, ciascuno con proprie caratteristiche e peculiarità. E' necessario, di un'ottica di miglioramento continuo, che la scuola si doti di sempre più efficaci e condivisi strumenti di valutazione e criteri di priorità per l'adozione dei progetti. Tali strumenti vanno pensati e condivisi in stretta correlazione con la valutazione di ricaduta, efficacia ed efficienza delle analoghe esperienze passate, oltre che di criteri di priorità che siano in stretta correlazione con le Linee di Indirizzo. I dati statistici a disposizione evidenziano che il Liceo Pigafetta,nel confronto con i dati omologhi provinciali e ragionali dellealtre scuole, si caratterizza per una distribuzione del FIS più favorevole al personale ATA, che risultamediamente meglio retribuito rispetto a quello di altre scuole. A tale dato si contrappone però una minor retribuzione accessoria a favore dei docenti, sempre nel paragone con altre scuole sia a livello locale, sia nazionale. La vastità dell'area progettuale extracurricolare si riflette necessariamente in un'elevata frammentazione delle (limitate) risorse. E' auspicabile una riduzione della numerosità dei progetti e una riconduzione a nuclei tematici ben individuati da una ricognizione di priorità.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola definisce la propria missione e la visione, monitora in modo sistematico le attività che svolge, individua ruoli di responsabilita' e compiti per il personale in modo funzionale e utilizza in modo adeguato le risorse economiche.

Situazione della scuola

6-

Motivazione

La scuola ha definito la missione e gli obiettivi condivisi nella comunita' scolastica, con le famiglie e il territorio, attraverso il PTOF. La scuola utilizza forme di controllo e monitoraggio dell'azione, azione che si declina, oltre che nel curricolare in numerosi progetti extracurricolari ad ampio spettro. Responsabilità e compiti delle diverse componenti scolastiche sono individuati chiaramente, funzionali al perseguimento degli obiettivi e adeguatamente pubblicizzate. Particolare attenzione è dedicata al processo di comunicazione interna ed esterna, attraverso un sito web riccamente strutturato, e al processo di dematerializzazione. Una buona parte delle risorse economiche e' impiegata per il raggiungimento degli obiettivi prioritari della scuola. La scuola e' impegnata a raccogliere finanziamenti aggiuntivi oltre quelli provenienti dal MIUR.

3.6 Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane

Punti di Forza:

La formazione promossa dalla scuola al personale docente si è concentrata in particolar modo sul versante linguistico e sugli aspetti normativi e della sicurezza. Più ampio è stato lo spettro della formazione in servizio per il personale ATA. La partecipazione alle attività formative è stata diffusa. Le ricadute del'attività formativa, sia per il personale docente sia ATA sono state positive. Non va sottovalutata in questo contesto la forte e diffusa attitudine dei docenti del Pigafetta a seguire aggiornamento e formazione (di carattere più marcatamente disciplinare) in servizio in modo autonomo e autogestito, anche con formazione di gruppi di lavoro spontanei. Attraverso apposite convenzioni con gli Atenei, il Liceo Pigafetta offre accoglienza a numerosi studenti tirocinanti. La scuola incentiva la collaborazione tra i docenti soprattutto nei Dipartimenti disciplinari, ma anche attraverso gruppi di lavoro finalizzati all’individuazione di interventi di innovazione didattica o legati a progetti particolari. Alcuni di tali gruppi hanno elaborato materiali sottoposti al vaglio degli OO.CC. e in seguito tradotti in proposte di potenziamento del curricolo.

Punti di Debolezza

La scarsità di risorse nel FIS limita fortemente la possibilità di offrire al personale un piano di formazione più ampio e strutturato. Difficoltà nel consolidare prassi efficaci per la condivisione di strumenti e materiali didattici.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola valorizza le risorse professionali, promuove percorsi formativi di qualita' e incentiva la collaborazione tra pari.

Situazione della scuola

5- Positiva

Motivazione

La scuola realizza annualmente iniziative formative di buona qualita' che rispondono ai bisogni formativi dei docenti. Durante l'ultimo anno, particolare impulso è stato dato alle attività di formazione, autoformazione e aggiornamento del personale docente e ATA. La scuola valorizza il personale tenendo conto, per l'assegnazione degli incarichi e agli insegnamenti nelle varie tipologie di Liceo, delle competenze possedute. Nella scuola sono presenti gruppi di lavoro composti da insegnanti (in particolare i Dipartimenti Disciplinari), che producono materiali o esiti condivisi e di buona qualita'. La scuola promuove lo scambio e il confronto tra docenti, anche in gruppi di lavoro spontaneo

3.7 Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie

Punti di Forza:

La scuola ha sottoscritto accordi di rete con altri Enti-Istituti in diversi ambiti Le reti a cui il Pigafetta aderisce sono: 1. Rete Nazionale dei Licei Musicali 2. Rete Nazionale dei Licei Classici 3. Rete dei Licei Musicali del Veneto (capofila Liceo Pigafetta) 4. Rete RTS (Capofila IIS Canova); 5. Rete per la sicurezza SicuRete (capofila ITIS ROSSI) 6. Rete ORIENTAINSIEME (capofila Istituto professionale S. Gaetano); 7. Rete Scuole in Concerto SIC (capofila I.C: Creazzo); 8. Rete di scopo per la Formazione Ambito 8 (capofila I.I.S. Masotto) 9. Rete delle biblioteche delle scuole del vicentino RBS; 10. Rete CLIL Licei linguistici (capofila Liceo Brocchi). 11. Rete CLIL Fogazzaro " @teamCLIL" (capofila Liceo Fogazzaro) 12. Rete "Progetto '900" (capofila Liceo Fogazzaro) 13. Rete interistituti per la promozione dell'attività motoria “A scuola di corsa” coordinata da UST 14. Rete Regionale di scopo per la gestione delle attività previste dal Memorandum Italia-Cina (capofila Educandato agli Angeli – VR) La scuola partecipa inoltre all'Orchestra Regionale dei Licei Musicali del Veneto e all'Orchestra Nazionale dei Licei Musicali. La scuola collabora inoltre con numerose istituzioni locali per progetti di potenziamento dell’offerta formativa e/o attività indirizzate a sviluppare abilità e competenze degli alunni. La scuola inoltre aderisce a numerose reti di scopo presenti nel territorio per la realizzazione di progetti e attività di formazione del personale. Le famiglie sono coinvolte nella definizione dell’offerta formativa attraverso i rappresentanti dei genitori in Consiglio d’Istituto, soprattutto per la definizione delle linee di indirizzo e la condivisione dei Regolamenti, e attraverso la proficua e frequente collaborazione con il Comitato Genitori. La comunicazione avviene attraverso il sito web, le circolari e il colloquio con il Dirigente Scolastico e i suoi collaboratori, oltre che con i docenti. Con l'adozione del PTTI, la scuola apre un nuovo orizzonte di comunicazione trasparente con l'utenza e potenzia l'accesso civico all'attività istituzionale.

Punti di Debolezza

Nessuno.

Rubrica di valutazione

Criterio di qualità:

La scuola svolge un ruolo propositivo nella promozione di politiche formative territoriali e coinvolge le famiglie nella definizione dell'offerta formativa e nella vita scolastica.

Situazione della scuola

7- Eccellente

Motivazione

La scuola partecipa a molte reti (ben 14) e ha diffuse collaborazioni con soggetti esterni. La scuola partecipa inoltre all'Orchestra Regionale dei Licei Musicali del Veneto e all'Orchestra Nazionale dei Licei Musicali. Le collaborazioni attivate contribuiscono in modo significativo a migliorare la qualità dell'offerta formativa. La scuola e' un punto di riferimento nel territorio per la promozione delle politiche formative. La scuola dialoga in modo attivo e proficuo con i genitori e utilizza le loro idee e suggerimenti per migliorare l'offerta formativa. Le famiglie partecipano in modo attivo alla vita della scuola e contribuiscono alla realizzazione di iniziative di vario tipo, in particolare attraverso il Comitato Genitori, con il quale negli anni si è consolidata una fertile sinergia. La comunicazione della scuola con l'utenza è funzionale e trasparente, in particolare attraverso il sito web, informato alle linee di indirizzo strategico del PTTI. La messa a regimedelle attività ASL, con le diverse centinaia di convenzioni stipulate con un ampio ventaglio di soggetti del terrirorio, ha consolidato il dialogo tra il Liceo e le attività produttive, professionali e culturali del vicentino.

  Dettaglio
Le priorita' si riferiscono agli obiettivi generali che la scuola si prefigge di...

... realizzare nel lungo periodo attraverso l'azione di miglioramento. Le priorita' che la scuola si pone devono necessariamente riguardare gli esiti degli studenti. Si suggerisce di specificare quale delle quattro aree degli Esiti si intenda affrontare (Risultati scolastici, Risultati nelle prove standardizzate nazionali, Competenze chiave europee, Risultati a distanza) e di articolare all'interno quali priorita' si intenda perseguire (es. Diminuzione dell'abbandono scolastico nel primo anno di secondaria di II grado; Riduzione della variabilita' fra le classi; Sviluppo delle competenze sociali degli studenti di secondaria di I grado, ecc.). Si suggerisce di individuare un numero limitato di priorita' (1 o 2 per scuola) selezionandole all’interno di una stessa area o al massimo di due aree degli Esiti degli studenti. I traguardi sono di lungo periodo e riguardano i risultati attesi in relazione alle priorita'. Si tratta di risultati previsti a lungo termine (3 anni). Essi articolano in forma osservabile e/o misurabile i contenuti delle priorita' e rappresentano le mete verso cui la scuola tende nella sua azione di miglioramento. Per ogni priorita' individuata deve essere articolato il relativo traguardo di lungo periodo. Essi pertanto sono riferiti alle aree degli Esiti degli studenti (es. in relazione alla priorita' strategica "Diminuzione dell'abbandono scolastico nel primo anno di secondaria di II grado", il traguardo di lungo periodo puo' essere definito come "Rientrare nella media di abbandoni regionali pari al 4%, e precisamente portare gli abbandoni della scuola al di sotto del 4%"). E' opportuno evidenziare che per la definizione del traguardo che si intende raggiungere non e' sempre necessario indicare una percentuale, ma una tendenza costituita da traguardi di riferimento a cui la scuola mira per migliorare, ovvero alle scuole o alle situazioni con cui e' opportuno confrontarsi

Priorità e Traguardi

Risultati scolastici

PRIORITA'

riduzione della variabilità interna alle classi e tra le classi in particolare nel primo biennio

TRAGUARDO

riduzione dello spread interno nelle prove INVALSI e delle valutazione di scrutinio finale tra i tre indirizzi e internamente agli indirizzi

Obiettivi di processo collegati

- Migliorare le prassi di (auto)valutazione conclusiva della progettazione didattica curricolare ed extracurricolare

- incremento dell'innovazione metodologica, insegnamento modulare e non convenzionale

- sviluppare e formalizzare un curricolo d'istituto per competenze nel biennio, almeno per Italiano, Matematica e Inglese


Competenze chiave europee

PRIORITA'

innalzamento delle competenze chiave di autonomia di progettazione e di ricerca e di accesso alle fonti (digitali in particolare)

TRAGUARDO

miglioramento degli esiti a distanza (studi universitari)

Obiettivi di processo collegati

- incremento dell'innovazione metodologica, insegnamento modulare e non convenzionale

- Sviluppare in modo più sistematico il confronto e lo scambio di informazioni con la scuola secondaria di I grado e con l’università

- potenziare il monitoraggio degli esiti a distanza , incremento dei rapporti e dello scambio di informazioni con le università


Risultati a distanza

PRIORITA'

potenziamento delle attività didattiche finalizzate a supportare gli studenti nelle scelte universitarie e professionali post diploma

TRAGUARDO

incremento della percentuale di alunni ammessi ai corsi universitari a numero chiuso

Obiettivi di processo collegati

- incremento dell'innovazione metodologica, insegnamento modulare e non convenzionale

- Incrementare il lavoro cooperativo tra i docenti, anche allo scopo di creare occasione di autoformazione in itinere

- potenziare il monitoraggio degli esiti a distanza , incremento dei rapporti e dello scambio di informazioni con le università


MOTIVAZIONE SCELTA PRIORITA'

Gli esiti generali già ottimi, in particolar modo quelli finali, permettono di concentrare l'attenzione sulla riduzione della varianza tra le classi nell'ottica di un ulteriore rafforzamento delle competenze disciplinari che consenta agli studenti di incrementare la sicurezza nella propria preparazione, di accedere con facilità agli studi universitari in aree differenti e di prospettare su livelli alti il proprio futuro percorso di studi. Il rafforzamento delle competenze chiave va nella direzione di un incremento dello spirito d'iniziativa e della capacità di progettazione e di utilizzo delle risorse per la realizzazione. La scelta di quest'area di competenza si motiva alla luce della possibilità che essa offre di attivare apprendimenti interdisciplinari attraverso strategie didattiche non tradizionali e rispondenti anche ai bisogni di crescita affettivo-relazionale degli adolescenti

Gli obiettivi di processo rappresentano una definizione operativa delle attività...
... su cui si intende agire concretamente per raggiungere le priorita' individuate. Essi costituiscono degli obiettivi operativi da raggiungere nel breve periodo (un anno scolastico) e riguardano una o piu' aree di processo. Si suggerisce di indicare l'area o le aree di processo su cui si intende intervenire e descrivere gli obiettivi che la scuola si prefigge di raggiungere a conclusione del prossimo anno scolastico (es. Promuovere una figura di docente tutor per supportare gli studenti in difficolta' del primo anno dell'indirizzo linguistico nella scuola secondaria di II grado; Individuare criteri di formazione delle classi che garantiscano equi-eterogeneita'; Utilizzare criteri di valutazione omogenei e condivisi per la matematica nella scuola primaria; Ridurre gli episodi di esclusione e i fenomeni di bullismo nella scuola secondaria di I grado; ecc.).

Obiettivi di processo

Curricolo, progettazione e valutazione

Migliorare le prassi di (auto)valutazione conclusiva della progettazione didattica curricolare ed extracurricolare

sviluppare e formalizzare un curricolo d'istituto per competenze nel biennio, almeno per Italiano, Matematica e Inglese

migliorare le prassi di auto ed eterovalutazione delle attività extracurricolari

Ambiente di apprendimento

incremento dell'innovazione metodologica, insegnamento modulare e non convenzionale

Continuita' e orientamento

Sviluppare in modo più sistematico il confronto e lo scambio di informazioni con la scuola secondaria di I grado e con l’università

potenziare il monitoraggio degli esiti a distanza , incremento dei rapporti e dello scambio di informazioni con le università

Sviluppo e valorizzazione delle risorse umane

Incrementare il lavoro cooperativo tra i docenti, anche allo scopo di creare occasione di autoformazione in itinere

Contributo degli obiettivi di processo nel raggiungimento delle priorità